Narrativa

Un amore più forte di me

Dueñas María

Descrizione: Blanca Perea è una donna all¿apparenza invulnerabile, stimata docente universitaria e pilastro di una famiglia felice. Improvvisamente, vede crollare tutte le sue certezze quando scopre che il marito sta per avere un figlio da un'altra donna. Fuggire da Madrid sembra essere l'unico modo per salvarsi e, senza pensarci, accetta una borsa di studio di tre mesi in California, all'Università di Santa Cecilia. Deve catalogare e archiviare tutte le carte di Andrés Fontana, importante letterato spagnolo trasferitosi negli Stati Uniti e morto già da trent'anni, un lavoro apparentemente noioso ma che si rivela invece decisamente intrigante. Ad aiutarla c'è l'ex allievo prediletto di Fontana, Daniel Carter, che si precipita a Santa Cecilia appena viene a sapere che qualcuno sta finalmente mettendo mano al lascito del suo maestro. Insieme esplorano una parte di documenti fino ad allora sconosciuta, gli studi che il professore aveva dedicato al Camino Real, la catena di missioni che i frati francescani fondarono in tutta la California. Ma l'interesse di Daniel per l'impresa e le ricerche sul nuovo materiale non fanno che scatenare in Blanca una serie di interrogativi via via più urgenti. Perché nessuno - soprattutto Daniel - ha finora recuperato l'eredità di Fontana? E perché farlo proprio ora? Per ottenere le risposte che sta cercando, Blanca dovrà scavare nel passato, indagare il legame che univa Daniel e Fontana, affrontare retroscena impensati e svelare interessi politici nascosti. Ma dovrà soprattutto tornare a credere in se stessa e riscoprire la voglia di aprirsi all'amore, per trovare finalmente la chiave per cambiare il suo futuro. Dopo il grande successo di La notte ha cambiato rumore, María Dueñas torna a parlare ai suoi lettori attraverso la voce di una donna capace di affrontare le sconfitte con il coraggio di mettersi in discussione. Un amore più forte di me è una storia luminosa che si sviluppa tra la Spagna e la California, tra gli anni Cinquanta e oggi, dove si intrecciano le vicende di personaggi carichi di passione e umanità, convinti che l'avventura più emozionante della propria vita è sempre quella che si sta per vivere.

Categoria: Narrativa

Editore: Mondadori

Collana: Scrittori Italiani e Stranieri

Anno: 2013

ISBN: 9788804629801

Recensito da Angela Del Prete

Le Vostre recensioni

Un amore più forte di me – Blanca Perea è una docente universitaria madrilena che viene improvvisamente lasciata dal marito e si rende conto che i figli sono ormai grandi e indipendenti. Per sfuggire alla disperazione decide di accettare una borsa di studio dell’Università di Santa Cecilia, in California, per risistemare e catalogare tutte le carte di Andrés Fontana, un professore spagnolo che ha vissuto negli Stati Uniti, morto da trent’anni.

Ad accoglierla dall’altra parte del mondo ci sono Rebecca, la segretaria del dipartimento per il quale lavorerà, che si dimostra presto anche un’amica fidata e una roccia cui aggrapparsi, Daniel Carter, un professore americano, allievo di Fontana, molto interessato al lavoro di Blanca, e Luis Zárate, direttore del dipartimento.

Quello che sembrava un lavoro tranquillo, alienante, dall’altra parte del mondo, un rifugio da tutti quelli che Blanca crede siano i suoi fallimenti, si rivela invece una vera e propria opportunità per prendere le distanze dai suoi sentimenti e avvicinarsi a nuovi mondi e nuove persone.

Attraverso le carte di Fontana, scopriamo degli stralci di storia delle missioni dei frati spagnoli in California. Con le vicende che si sviluppano intorno a Blanca nella nuova cittadina, sospettiamo degli interessi politici che ci sarebbero nel non analizzare le carte del professore. Leggeremo la storia dello stesso Fontana, che partito alla volta degli Stati Uniti per completare gli studi, non è potuto più tornare in Spagna a causa della presa di potere di Franco. Conosceremo meglio Daniel Carter, uomo che ‘ha vissuto un inferno personale’, ne è venuto fuori e che ora cerca di ridare dignità e onore ad alcuni aspetti che aveva trascurato.

Bianca, per non pensare alla sua vita, si abbandona in quella di Fontana, nelle sue ricerche, nel suo lavoro, fino ad andare oltre il suo dolore e a sperare in un futuro diverso. Si parla della sua apparente forza di donna che è riuscita ad arrivare dove è arrivata senza l’aiuto di nessuno, crescendo anche due figli piccoli. Del suo riprendersi, ricadere nel momento in cui si sente di nuovo tradita, ma anche delle sua capacità di tornare indietro, guardare il passato, avere la forza di concludere le cose lasciate aperte e poi andare avanti, perché il futuro di sorprese ne riserva ancora veramente tante.

Tutto il libro è un inno alla ‘conclusione’. A un certo punto Carter dice: “Ti ho detto che bisogna sempre dare alle cose un finale, anche se è desolante, perché guariscano senza lasciare cicatrici”. Guardare indietro, mettere a posto e poi andare avanti senza rimpianti. Perché tutto passa.

La scrittura della Dueñas è diretta, chiara e il libro risulta fluido nonostante gli intrecci e i flashback. Chi ha amato La notte ha cambiato rumore, libro d’esordio dell’autrice uscito nel 2010, non potrà non apprezzare anche questo lavoro. Un libro non leggero, ma avvincente, per le donne che si credono forti, per quelle che lo sono davvero e per chi, almeno una volta, è scappato per dimenticare.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( 1 commento )

Libri da leggere mentre il resto del mondo guarda le partite dell'Italia | IDEE DA LEGGERE

[…] Scopri di più  […]

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

María

Dueñas

Libri dallo stesso autore

Intervista a Dueñas María


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

L’amore dietro ogni cosa a teatro

Susan Sontag è stata una delle intellettuali americane più celebri, influenti e controverse della seconda metà del ventesimo secolo. Quest'opera svela la sua lucida visione del mondo e rivela l'ampiezza della sua intelligenza critica. Risoluta, intensa, testarda e provocatoria, con parole sofferte e prive di ogni retorica, Sontag riflette sugli argomenti più disparati: la malattia, l'amore e la morte, il sesso, la fotografia e la musica - Bill Haley & The Comets, Chuck Berry, Bob Dylan e Patti Smith -, l'approccio alla scrittura, la società americana, la filosofia, da Proust a Nietszche.

Odio sentirmi una vittima

Sontag Susan

Napoli, così, non l'avevamo vista mai. Una città borghese, inospitale e caotica, cupa e distratta, dove ognuno sembra preso dai propri affari e pronto a defilarsi. È esattamente questo che permette a un killer freddo e metodico di agire indisturbato, di mischiarsi alla folla come fosse invisibile. "Il Coccodrillo" lo chiamano i giornali: perché, come il coccodrillo quando divora i propri figli, piange. E del resto, come il coccodrillo, è una perfetta macchina di morte: si apposta, osserva, aspetta. E quando la preda è a tiro, colpisce. Tre giovani, di età e provenienza sociale diverse, vengono trovati morti in tre differenti quartieri, freddati dal colpo di un'unica pistola. L'ispettore Giuseppe Lojacono è l'unico che non si ferma alle apparenze, sorretto dal suo fiuto e dalla sua stessa storia triste. È appena stato trasferito a Napoli dalla Sicilia. Un collaboratore di giustizia lo ha accusato di passare informazioni alla mafia e lui, stimato segugio della squadra mobile di Agrigento, ha perso tutto, a cominciare dall'affetto della moglie e della figlia. Un paria, ecco cos'è diventato, un uomo inutile e inutilizzato, seduto a una scrivania vuota e impegnato in sanguinose sfide a scopa con il computer. È il giovane sostituto procuratore incaricato delle indagini, la bella e scontrosa Laura Piras, a decidere di dargli un'occasione, colpita dal suo spirito di osservazione. E così Lojacono, a dispetto di gerarchie e punizioni, l'aiuterà a trovare il collegamento, apparentemente inesistente, tra i delitti. A scorgere il filo rosso che conduce a un dolore bruciante, a una colpa non redimibile, a un amore assoluto e struggente: perché con il suo volto luminoso o con la sua maschera più terribile, è l'amore a racchiudere il senso dei nostri giorni. In una Napoli sempre più nera e indecifrabile, si fronteggiano due figure solitarie, mosse da una determinazione incrollabile. Come in uno specchio, l'investigatore e il killer. Un nuovo capitolo dell'eterna lotta tra il bene e il male. Maurizio de Giovanni, noto al grande pubblico per le indagini del commissario Ricciardi, dà vita a un nuovo personaggio, tenebroso e umanissimo, destinato a far breccia nel cuore dei lettori, e a una storia che si inoltra con passo spedito nei meandri di una città splendida e dannata. Una storia che sembrava attendere la sua scrittura tesa, il suo sguardo coraggioso, la sua abilità di narratore per essere raccontata.

Il metodo del coccodrillo

De Giovanni Maurizio

Attore cinematografico e teatrale, regista, doppiatore, Giancarlo Giannini è un grande protagonista del cinema italiano, tra i più dotati e apprezzati dal pubblico e dalla critica, pluripremiato (nel suo palmarès vanta anche una nomination all'Oscar come miglior attore protagonista per "Pasqualino Settebellezze"). Grazie alla sua lunga e fulgida carriera, tutti conoscono le grandi interpretazioni di Giannini in film famosissimi in cui è stato diretto da registi del calibro di Lina Wertmüller, Luchino Visconti, Ettore Scola, Francis Ford Coppola, Ridley Scott, Mario Monicelli, Dino Risi e Rainer Fassbinder. Quello che scopriamo in queste pagine è sì il Giannini attore e personaggio pubblico, ma anche e soprattutto il Giannini privato, che da grande affabulatore qual è si racconta a ruota libera, intrecciando la sua storia personale a quella del nostro paese e del cinema internazionale. In questa autobiografia, generosa e travolgente come lui, troviamo dunque il racconto della sua adolescenza tra Napoli e Roma, gli studi di perito elettronico, la grande passione per la cucina e per le invenzioni (è suo il giubbotto pieno di gadget che Robin Williams indossa nel film "Toys"), i suoi incontri con le stelle del cinema internazionale, il lungo sodalizio con Mariangela Melato, le telefonate (e le abbuffate) notturne con Fellini...

Sono ancora un bambino (ma nessuno può sgridarmi)

Giannini Giancarlo