Narrativa

Un amore più forte di me

Dueñas María

Descrizione: Blanca Perea è una donna all¿apparenza invulnerabile, stimata docente universitaria e pilastro di una famiglia felice. Improvvisamente, vede crollare tutte le sue certezze quando scopre che il marito sta per avere un figlio da un'altra donna. Fuggire da Madrid sembra essere l'unico modo per salvarsi e, senza pensarci, accetta una borsa di studio di tre mesi in California, all'Università di Santa Cecilia. Deve catalogare e archiviare tutte le carte di Andrés Fontana, importante letterato spagnolo trasferitosi negli Stati Uniti e morto già da trent'anni, un lavoro apparentemente noioso ma che si rivela invece decisamente intrigante. Ad aiutarla c'è l'ex allievo prediletto di Fontana, Daniel Carter, che si precipita a Santa Cecilia appena viene a sapere che qualcuno sta finalmente mettendo mano al lascito del suo maestro. Insieme esplorano una parte di documenti fino ad allora sconosciuta, gli studi che il professore aveva dedicato al Camino Real, la catena di missioni che i frati francescani fondarono in tutta la California. Ma l'interesse di Daniel per l'impresa e le ricerche sul nuovo materiale non fanno che scatenare in Blanca una serie di interrogativi via via più urgenti. Perché nessuno - soprattutto Daniel - ha finora recuperato l'eredità di Fontana? E perché farlo proprio ora? Per ottenere le risposte che sta cercando, Blanca dovrà scavare nel passato, indagare il legame che univa Daniel e Fontana, affrontare retroscena impensati e svelare interessi politici nascosti. Ma dovrà soprattutto tornare a credere in se stessa e riscoprire la voglia di aprirsi all'amore, per trovare finalmente la chiave per cambiare il suo futuro. Dopo il grande successo di La notte ha cambiato rumore, María Dueñas torna a parlare ai suoi lettori attraverso la voce di una donna capace di affrontare le sconfitte con il coraggio di mettersi in discussione. Un amore più forte di me è una storia luminosa che si sviluppa tra la Spagna e la California, tra gli anni Cinquanta e oggi, dove si intrecciano le vicende di personaggi carichi di passione e umanità, convinti che l'avventura più emozionante della propria vita è sempre quella che si sta per vivere.

Categoria: Narrativa

Editore: Mondadori

Collana: Scrittori Italiani e Stranieri

Anno: 2013

ISBN: 9788804629801

Recensito da Angela Del Prete

Le Vostre recensioni

Un amore più forte di me – Blanca Perea è una docente universitaria madrilena che viene improvvisamente lasciata dal marito e si rende conto che i figli sono ormai grandi e indipendenti. Per sfuggire alla disperazione decide di accettare una borsa di studio dell’Università di Santa Cecilia, in California, per risistemare e catalogare tutte le carte di Andrés Fontana, un professore spagnolo che ha vissuto negli Stati Uniti, morto da trent’anni.

Ad accoglierla dall’altra parte del mondo ci sono Rebecca, la segretaria del dipartimento per il quale lavorerà, che si dimostra presto anche un’amica fidata e una roccia cui aggrapparsi, Daniel Carter, un professore americano, allievo di Fontana, molto interessato al lavoro di Blanca, e Luis Zárate, direttore del dipartimento.

Quello che sembrava un lavoro tranquillo, alienante, dall’altra parte del mondo, un rifugio da tutti quelli che Blanca crede siano i suoi fallimenti, si rivela invece una vera e propria opportunità per prendere le distanze dai suoi sentimenti e avvicinarsi a nuovi mondi e nuove persone.

Attraverso le carte di Fontana, scopriamo degli stralci di storia delle missioni dei frati spagnoli in California. Con le vicende che si sviluppano intorno a Blanca nella nuova cittadina, sospettiamo degli interessi politici che ci sarebbero nel non analizzare le carte del professore. Leggeremo la storia dello stesso Fontana, che partito alla volta degli Stati Uniti per completare gli studi, non è potuto più tornare in Spagna a causa della presa di potere di Franco. Conosceremo meglio Daniel Carter, uomo che ‘ha vissuto un inferno personale’, ne è venuto fuori e che ora cerca di ridare dignità e onore ad alcuni aspetti che aveva trascurato.

Bianca, per non pensare alla sua vita, si abbandona in quella di Fontana, nelle sue ricerche, nel suo lavoro, fino ad andare oltre il suo dolore e a sperare in un futuro diverso. Si parla della sua apparente forza di donna che è riuscita ad arrivare dove è arrivata senza l’aiuto di nessuno, crescendo anche due figli piccoli. Del suo riprendersi, ricadere nel momento in cui si sente di nuovo tradita, ma anche delle sua capacità di tornare indietro, guardare il passato, avere la forza di concludere le cose lasciate aperte e poi andare avanti, perché il futuro di sorprese ne riserva ancora veramente tante.

Tutto il libro è un inno alla ‘conclusione’. A un certo punto Carter dice: “Ti ho detto che bisogna sempre dare alle cose un finale, anche se è desolante, perché guariscano senza lasciare cicatrici”. Guardare indietro, mettere a posto e poi andare avanti senza rimpianti. Perché tutto passa.

La scrittura della Dueñas è diretta, chiara e il libro risulta fluido nonostante gli intrecci e i flashback. Chi ha amato La notte ha cambiato rumore, libro d’esordio dell’autrice uscito nel 2010, non potrà non apprezzare anche questo lavoro. Un libro non leggero, ma avvincente, per le donne che si credono forti, per quelle che lo sono davvero e per chi, almeno una volta, è scappato per dimenticare.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( 1 commento )

Libri da leggere mentre il resto del mondo guarda le partite dell'Italia | IDEE DA LEGGERE

[…] Scopri di più  […]

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

María

Dueñas

Libri dallo stesso autore

Intervista a Dueñas María

Siamo nel VI secolo d.C.: Artú è morto da qualche tempo ormai e la terra della futura Inghilterra, dilaniata per decenni dalla guerra intestina fra britanni, romanizzati e cristianizzati, e sassoni, indigeni e pagani, gode ora di relativa pace. Ma uno strano fenomeno interessa entrambe le popolazioni: una nebbia diffusa sovrasta le genti e causa una labilità della memoria di breve e anche di lungo periodo, che impedisce loro di capire le ragioni del presente. Beatrice e Axl, ormai in tarda età, partono alla ricerca del figlio che ricordano vagamente di aver avuto. Per la strada si uniscono a loro un ragazzino morso da un demone, Edwin, un guerriero senza paura, Wistan, e un cavaliere della tavola rotonda, Gawain, ormai vecchissimo e male in arnese, a suo dire incaricato da Artú di uccidere la draghessa Querig, responsabile della nebbia che porta via la memoria. Sotto la veste del romanzo d’avventura, pur ricco d’inventiva e avvincente com’è, Il gigante sepolto nasconde un tema di piú lungo e profondo respiro: il contrasto fra ricordo e perdono, fra il dovere e la peculiarità umana della memoria, da un lato, e l’ostacolo che essa rappresenta all’appianamento dei conflitti, dall’altro. È la memoria il gigante sepolto e semimorto del libro, e la risposta individuale del lettore alle domande che esso pone non può essere né univoca né prevedibile.

Il gigante sepolto

Ishiguro Kazuo

II re dei camosci è un animale ormai stanco. Solitario e orgoglioso, da anni ha imposto al branco la sua supremazia. Forse è giunto il tempo che le sue corna si arrendano a quelle di un figlio più deciso. E novembre, tempo di duelli: è il tempo delle femmine. Dalla valle sale l'odore dell'uomo, dell'assassino di sua madre. Anche l'uomo, quell'uomo, era in là negli anni, e gran parte della sua vita era passata a cacciare di frodo le bestie in montagna. E anche quell'uomo porta, impropriamente, il nome di "re dei camosci" - per quanti ne aveva uccisi. Ha una Trecento magnum e una pallottola da undici grammi: non lasciava mai la bestia ferita, l'abbatteva con un solo colpo. Erri De Luca spia l'imminenza dello scontro, di un duello che sembra contenere tutti i duelli. Lo fa entrando in due solitudini diverse: quella del grande camoscio fermo sotto l'immensa e protettiva volta del cielo e quella del cacciatore, del ladro di bestiame, che non ha mai avuto una vera storia da raccontare per rapire l'attenzione delle donne, per vincere la sua battaglia con gli altri uomini. "In ogni specie sono i solitari a tentare esperienze nuove," dice De Luca. E qui si racconta, per l'appunto, di questi due animali che si fronteggiano da una distanza sempre meno sensibile, fino alla pietà di un abbraccio mortale.

Il peso della farfalla

De Luca Erri

Dracula ed io

Morozzi Gianluca

Il libro di esordio di Aimee Bender, autrice del bestseller L’inconfondibile tristezza della torta al limone, è una raccolta che usa la dimensione surreale e fantastica, a volte fiabesca, per raccontare in maniera originale l’amore, il tradimento, il desiderio sessuale, le dinamiche familiari, l’amicizia. Dietro un uomo che torna dalla guerra senza labbra, una donna che partorisce misteriosamente la propria madre, un folletto che si innamora di una sirena nei corridoi di un liceo americano – dietro l’ereditiera o la bibliotecaria che cercano di esorcizzare il dolore con il sesso, dietro il delinquente ossessionato dalla propria bruttezza – c’è in fondo ognuno di noi, con la sua solitudine, le sue paure e le sue infinite possibilità di redenzione. Figlia del postmoderno di Calvino e del minimalismo di Carver, la scrittura leggera ma mai banale della Bender è una forma di «realismo magico» dallo straordinario impatto emotivo.

La ragazza con la gonna in fiamme

Bender Aimee