Narrativa

Un amore più forte di me

Dueñas María

Descrizione: Blanca Perea è una donna all¿apparenza invulnerabile, stimata docente universitaria e pilastro di una famiglia felice. Improvvisamente, vede crollare tutte le sue certezze quando scopre che il marito sta per avere un figlio da un'altra donna. Fuggire da Madrid sembra essere l'unico modo per salvarsi e, senza pensarci, accetta una borsa di studio di tre mesi in California, all'Università di Santa Cecilia. Deve catalogare e archiviare tutte le carte di Andrés Fontana, importante letterato spagnolo trasferitosi negli Stati Uniti e morto già da trent'anni, un lavoro apparentemente noioso ma che si rivela invece decisamente intrigante. Ad aiutarla c'è l'ex allievo prediletto di Fontana, Daniel Carter, che si precipita a Santa Cecilia appena viene a sapere che qualcuno sta finalmente mettendo mano al lascito del suo maestro. Insieme esplorano una parte di documenti fino ad allora sconosciuta, gli studi che il professore aveva dedicato al Camino Real, la catena di missioni che i frati francescani fondarono in tutta la California. Ma l'interesse di Daniel per l'impresa e le ricerche sul nuovo materiale non fanno che scatenare in Blanca una serie di interrogativi via via più urgenti. Perché nessuno - soprattutto Daniel - ha finora recuperato l'eredità di Fontana? E perché farlo proprio ora? Per ottenere le risposte che sta cercando, Blanca dovrà scavare nel passato, indagare il legame che univa Daniel e Fontana, affrontare retroscena impensati e svelare interessi politici nascosti. Ma dovrà soprattutto tornare a credere in se stessa e riscoprire la voglia di aprirsi all'amore, per trovare finalmente la chiave per cambiare il suo futuro. Dopo il grande successo di La notte ha cambiato rumore, María Dueñas torna a parlare ai suoi lettori attraverso la voce di una donna capace di affrontare le sconfitte con il coraggio di mettersi in discussione. Un amore più forte di me è una storia luminosa che si sviluppa tra la Spagna e la California, tra gli anni Cinquanta e oggi, dove si intrecciano le vicende di personaggi carichi di passione e umanità, convinti che l'avventura più emozionante della propria vita è sempre quella che si sta per vivere.

Categoria: Narrativa

Editore: Mondadori

Collana: Scrittori Italiani e Stranieri

Anno: 2013

ISBN: 9788804629801

Recensito da Angela Del Prete

Le Vostre recensioni

Un amore più forte di me – Blanca Perea è una docente universitaria madrilena che viene improvvisamente lasciata dal marito e si rende conto che i figli sono ormai grandi e indipendenti. Per sfuggire alla disperazione decide di accettare una borsa di studio dell’Università di Santa Cecilia, in California, per risistemare e catalogare tutte le carte di Andrés Fontana, un professore spagnolo che ha vissuto negli Stati Uniti, morto da trent’anni.

Ad accoglierla dall’altra parte del mondo ci sono Rebecca, la segretaria del dipartimento per il quale lavorerà, che si dimostra presto anche un’amica fidata e una roccia cui aggrapparsi, Daniel Carter, un professore americano, allievo di Fontana, molto interessato al lavoro di Blanca, e Luis Zárate, direttore del dipartimento.

Quello che sembrava un lavoro tranquillo, alienante, dall’altra parte del mondo, un rifugio da tutti quelli che Blanca crede siano i suoi fallimenti, si rivela invece una vera e propria opportunità per prendere le distanze dai suoi sentimenti e avvicinarsi a nuovi mondi e nuove persone.

Attraverso le carte di Fontana, scopriamo degli stralci di storia delle missioni dei frati spagnoli in California. Con le vicende che si sviluppano intorno a Blanca nella nuova cittadina, sospettiamo degli interessi politici che ci sarebbero nel non analizzare le carte del professore. Leggeremo la storia dello stesso Fontana, che partito alla volta degli Stati Uniti per completare gli studi, non è potuto più tornare in Spagna a causa della presa di potere di Franco. Conosceremo meglio Daniel Carter, uomo che ‘ha vissuto un inferno personale’, ne è venuto fuori e che ora cerca di ridare dignità e onore ad alcuni aspetti che aveva trascurato.

Bianca, per non pensare alla sua vita, si abbandona in quella di Fontana, nelle sue ricerche, nel suo lavoro, fino ad andare oltre il suo dolore e a sperare in un futuro diverso. Si parla della sua apparente forza di donna che è riuscita ad arrivare dove è arrivata senza l’aiuto di nessuno, crescendo anche due figli piccoli. Del suo riprendersi, ricadere nel momento in cui si sente di nuovo tradita, ma anche delle sua capacità di tornare indietro, guardare il passato, avere la forza di concludere le cose lasciate aperte e poi andare avanti, perché il futuro di sorprese ne riserva ancora veramente tante.

Tutto il libro è un inno alla ‘conclusione’. A un certo punto Carter dice: “Ti ho detto che bisogna sempre dare alle cose un finale, anche se è desolante, perché guariscano senza lasciare cicatrici”. Guardare indietro, mettere a posto e poi andare avanti senza rimpianti. Perché tutto passa.

La scrittura della Dueñas è diretta, chiara e il libro risulta fluido nonostante gli intrecci e i flashback. Chi ha amato La notte ha cambiato rumore, libro d’esordio dell’autrice uscito nel 2010, non potrà non apprezzare anche questo lavoro. Un libro non leggero, ma avvincente, per le donne che si credono forti, per quelle che lo sono davvero e per chi, almeno una volta, è scappato per dimenticare.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( 1 commento )

Libri da leggere mentre il resto del mondo guarda le partite dell'Italia | IDEE DA LEGGERE

[…] Scopri di più  […]

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

María

Dueñas

Libri dallo stesso autore

Intervista a Dueñas María


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Romanzo epocale, "Il tamburo di latta" compie cinquant'anni e conserva tutta la sua carica provocatoria. In modo umoristico e grottesco, narra la vicenda del protagonista Oskar Matzerath, il tamburino inseparabile dal suo tamburo e con una voce potentissima che manda in frantumi i vetri. Dal manicomio dove è rinchiuso Oskar rievoca la propria storia, indissolubilmente intrecciata alla storia tedesca della prima metà del Novecento. Scorrono così nel fiume del suo racconto immagini memorabili, a partire da fatti leggendari come il concepimento e la nascita della madre sotto le quattro gonne della nonna, passando per la sua venuta al mondo ricca di presagi, fino all'ascesa irresistibile del nazismo e al crollo della Germania. È stato nel giorno del suo terzo compleanno che Oskar, in odio alla famiglia, al padre, alla società ipocrita, ha deciso di non crescere più. Da quell'osservatorio particolare che è la città polacco-tedesca di Danzica e poi da Düsseldorf, grazie alla sua prospettiva anomala di nano, può guardare al mondo degli uomini dal basso e scorgerne così meglio le miserie e gli orrori, mentre la sua deformità si staglia contro la ripugnanza della normalità piccolo-borghese. Con occhi disincantati e spalancati sulla ferocia e violenza del mondo grida una rabbia che non risparmia la viltà e la corruzione di nessuno, neppure le proprie. Di questa pietra miliare della letteratura contemporanea viene ora proposta una nuova traduzione.

Il tamburo di latta

Grass Günter

In quel fine ottobre del 1929 sferzato dal vento e da una pioggerella fastidiosa e insistente, a Bellano non succede nulla di che. Ma se potessero, tra le contrade volerebbero sberle, eccome. Le stamperebbe volentieri il maresciallo dei carabinieri Ernesto Maccadò sul muso di tutti quelli che si credono indovini e vaticinano sul sesso del suo primogenito in arrivo, aumentando il tormento invece di sciogliere l'enigma, perché uno predice una cosa e l'altro l'esatto contrario. Se le sventolerebbero a vicenda, e di santa ragione, il brigadiere Efìsio Mannu, sardo, e l'appuntato Misfatti, siciliano, che non si possono sopportare e studiano notte e giorno il modo di rovinarsi la vita l'un l'altro. E forse c'è chi, pur col dovuto rispetto, ne mollerebbe almeno una al giovane don Sisto Secchia, coadiutore del parroco arrivato in paese l'anno prima. Mutacico, spento, sfuggente, con un naso ben più che aquilino, don Sisto sembra un pesce di mare aperto costretto a boccheggiare nell'acqua ristretta e insipida del lago. Malmostoso, è inviso all'intero paese, perfino al mite presidente dei Fabbriceri, Mistico Lepore, che tormenta il prevosto in continuazione perché, contro ogni buon senso, vorrebbe che lo mandasse via. E poi ci sono sberle più metaforiche, ma non meno sonore, che arrivano in caserma nero su bianco. Sono quelle che qualcuno ha deciso di mettere in rima e spedire in forma anonima ai carabinieri, forse per spingerli a indagare sul fatto...

Quattro sberle benedette

Vitali Andrea

Tra la laguna di Venezia e Bolzano si susseguono strani accadimenti: un uomo muore in un incidente in mare, un altro precipita da una scarpata, una donna viene aggredita e minacciata di morte. C'è un filo a collegare i fatti o questi sono solo frutto di coincidenze? No, le coincidenze non esistono. Almeno così la pensa Rollo Weber, scanzonato commissario che da quando è stato trasferito alla questura di Bolzano ancora non ha avviato un'indagine seria. Forse ora avrà l'opportunità di dimostrare tutta la sua capacità investigativa. L'incontro con la psicologa Helena Ziegler, ex poliziotta dal passato pieno di ombre, gli farà scoprire dettagli importanti per far luce su oscuri scenari. Le intricate vicende arriveranno a increspare le acque della laguna e scolorire la variopinta isola di Burano, dove una verità terribile affiorerà a sconvolgerne l'afosa quiete. Tra misteriosi intrighi, sensi di colpa e giochi di potere, Massimo Rossi ci immerge in una storia in cui thriller, noir e spy story si fondono.

La luce nera della paura

Rossi Massimo

Rebecca è una donna dai molti segreti. Mentre si sposta lungo l'America tenendo stretto per mano il figlio Niley, lascia dietro di sé pezzi enormi del suo passato. Una famiglia giunta dall'Europa carica degli orrori della Seconda guerra Mondiale, un marito che trova sfogo alla durezza della vita quotidiana nella violenza sulla propria moglie, una lettera da un lontano cugino, sopravvissuto all'Olocausto, che le rivela dei suoi genitori più di quanto essi avrebbero mai voluto confessare. L'unica soluzione, per Rebecca e Niley, sembra dunque quella di partire. Partire e reinventarsi. In fondo l'America, è anche questo. Ma riuscirà quel giovane, immenso e violento paese a proteggere una madre e un figlio?

La figlia dello straniero

Oates Joyce Carol