Narrativa

Un amore più forte di me

Dueñas María

Descrizione: Blanca Perea è una donna all¿apparenza invulnerabile, stimata docente universitaria e pilastro di una famiglia felice. Improvvisamente, vede crollare tutte le sue certezze quando scopre che il marito sta per avere un figlio da un'altra donna. Fuggire da Madrid sembra essere l'unico modo per salvarsi e, senza pensarci, accetta una borsa di studio di tre mesi in California, all'Università di Santa Cecilia. Deve catalogare e archiviare tutte le carte di Andrés Fontana, importante letterato spagnolo trasferitosi negli Stati Uniti e morto già da trent'anni, un lavoro apparentemente noioso ma che si rivela invece decisamente intrigante. Ad aiutarla c'è l'ex allievo prediletto di Fontana, Daniel Carter, che si precipita a Santa Cecilia appena viene a sapere che qualcuno sta finalmente mettendo mano al lascito del suo maestro. Insieme esplorano una parte di documenti fino ad allora sconosciuta, gli studi che il professore aveva dedicato al Camino Real, la catena di missioni che i frati francescani fondarono in tutta la California. Ma l'interesse di Daniel per l'impresa e le ricerche sul nuovo materiale non fanno che scatenare in Blanca una serie di interrogativi via via più urgenti. Perché nessuno - soprattutto Daniel - ha finora recuperato l'eredità di Fontana? E perché farlo proprio ora? Per ottenere le risposte che sta cercando, Blanca dovrà scavare nel passato, indagare il legame che univa Daniel e Fontana, affrontare retroscena impensati e svelare interessi politici nascosti. Ma dovrà soprattutto tornare a credere in se stessa e riscoprire la voglia di aprirsi all'amore, per trovare finalmente la chiave per cambiare il suo futuro. Dopo il grande successo di La notte ha cambiato rumore, María Dueñas torna a parlare ai suoi lettori attraverso la voce di una donna capace di affrontare le sconfitte con il coraggio di mettersi in discussione. Un amore più forte di me è una storia luminosa che si sviluppa tra la Spagna e la California, tra gli anni Cinquanta e oggi, dove si intrecciano le vicende di personaggi carichi di passione e umanità, convinti che l'avventura più emozionante della propria vita è sempre quella che si sta per vivere.

Categoria: Narrativa

Editore: Mondadori

Collana: Scrittori Italiani e Stranieri

Anno: 2013

ISBN: 9788804629801

Recensito da Angela Del Prete

Le Vostre recensioni

Un amore più forte di me – Blanca Perea è una docente universitaria madrilena che viene improvvisamente lasciata dal marito e si rende conto che i figli sono ormai grandi e indipendenti. Per sfuggire alla disperazione decide di accettare una borsa di studio dell’Università di Santa Cecilia, in California, per risistemare e catalogare tutte le carte di Andrés Fontana, un professore spagnolo che ha vissuto negli Stati Uniti, morto da trent’anni.

Ad accoglierla dall’altra parte del mondo ci sono Rebecca, la segretaria del dipartimento per il quale lavorerà, che si dimostra presto anche un’amica fidata e una roccia cui aggrapparsi, Daniel Carter, un professore americano, allievo di Fontana, molto interessato al lavoro di Blanca, e Luis Zárate, direttore del dipartimento.

Quello che sembrava un lavoro tranquillo, alienante, dall’altra parte del mondo, un rifugio da tutti quelli che Blanca crede siano i suoi fallimenti, si rivela invece una vera e propria opportunità per prendere le distanze dai suoi sentimenti e avvicinarsi a nuovi mondi e nuove persone.

Attraverso le carte di Fontana, scopriamo degli stralci di storia delle missioni dei frati spagnoli in California. Con le vicende che si sviluppano intorno a Blanca nella nuova cittadina, sospettiamo degli interessi politici che ci sarebbero nel non analizzare le carte del professore. Leggeremo la storia dello stesso Fontana, che partito alla volta degli Stati Uniti per completare gli studi, non è potuto più tornare in Spagna a causa della presa di potere di Franco. Conosceremo meglio Daniel Carter, uomo che ‘ha vissuto un inferno personale’, ne è venuto fuori e che ora cerca di ridare dignità e onore ad alcuni aspetti che aveva trascurato.

Bianca, per non pensare alla sua vita, si abbandona in quella di Fontana, nelle sue ricerche, nel suo lavoro, fino ad andare oltre il suo dolore e a sperare in un futuro diverso. Si parla della sua apparente forza di donna che è riuscita ad arrivare dove è arrivata senza l’aiuto di nessuno, crescendo anche due figli piccoli. Del suo riprendersi, ricadere nel momento in cui si sente di nuovo tradita, ma anche delle sua capacità di tornare indietro, guardare il passato, avere la forza di concludere le cose lasciate aperte e poi andare avanti, perché il futuro di sorprese ne riserva ancora veramente tante.

Tutto il libro è un inno alla ‘conclusione’. A un certo punto Carter dice: “Ti ho detto che bisogna sempre dare alle cose un finale, anche se è desolante, perché guariscano senza lasciare cicatrici”. Guardare indietro, mettere a posto e poi andare avanti senza rimpianti. Perché tutto passa.

La scrittura della Dueñas è diretta, chiara e il libro risulta fluido nonostante gli intrecci e i flashback. Chi ha amato La notte ha cambiato rumore, libro d’esordio dell’autrice uscito nel 2010, non potrà non apprezzare anche questo lavoro. Un libro non leggero, ma avvincente, per le donne che si credono forti, per quelle che lo sono davvero e per chi, almeno una volta, è scappato per dimenticare.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( 1 commento )

Libri da leggere mentre il resto del mondo guarda le partite dell'Italia | IDEE DA LEGGERE

[…] Scopri di più  […]

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

María

Dueñas

Libri dallo stesso autore

Intervista a Dueñas María


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Don Piero è un giovane sacerdote nato e cresciuto al Portello, un quartiere popolare di Padova, sul finire dell''800...

La guerra di don Piero

Costa Renato

Roma, primi anni Novanta. Mentre i sogni del Novecento volgono a una fine inesorabile e Berlusconi si avvia a prendere il potere, uno scrittore trentenne cinico e ingenuo, sbadato e profondo assieme trova lavoro in un archivio, il Fondo Pier Paolo Pasolini. Su quel dedalo di carte racchiuso in un palazzone del quartiere Prati, regna una bisbetica Laura Betti sul viale del tramonto: ma l'incontro con la folle eroina di questo libro, sedicente eppure autentica erede spirituale del poeta friulano, equivale per il giovane a un incontro con Pasolini stesso, come se l'attrice di "Teorema" fosse plasmata, posseduta dalla sua presenza viva, dal suo itinerario privato di indefesso sperimentatore sessuale e dalla sua vicenda pubblica d'arte, eresia e provocazione. "Qualcosa di scritto" racconta la linea d'ombra di questo contagio e l'inevitabile congedo da esso - un congedo dall'adolescenza e da un'intera epoca; ma racconta anche un'altra vicenda, quella di un'iniziazione ai misteri, di un accesso ai più riposti ed eterni segreti della vita. Una storia nascosta in "Petrolio", il romanzo incompiuto di Pasolini che vide la luce nel 1992 e che rivive qui in un'interpretazione radicale e illuminante. Una storia che condurrà il lettore per due volte in Grecia, alla sacra Eleusi: come guida, prima il libro postumo di Pier Paolo Pasolini, poi il disincanto della nostra epoca - in cui può tuttavia brillare ancora il paradossale lampo del mistero.

Qualcosa di scritto

Trevi Emanuele

Laura Monteleone presenta Nidi di periferia. Milano, 11 marzo 2017

Il romanzo, pubblicato nel 1904, narra la storia di un timido provinciale, Mattia Pascal, che si allontana di casa dopo una delle solite liti con la moglie Romilda e la suocera, e, arrivato a Montecarlo, vince, giocando a caso, diverse decine di migliaia di lire. Il possesso di una grossa somma e la lettura di una notizia di cronaca che annuncia la sua morte (si tratta di un'erronea identificazione del cadavere di un disperato che si è ucciso gettandosi nel pozzo di casa Pascal), lo inducono a simulare davvero la morte e a tentare di cominciare una nuova vita. Mattia Pascal diventa così il signor Adriano Meis, e va a stabilirsi a Roma.

Il fu Mattia Pascal

Pirandello Luigi