Narrativa

È giusto obbedire alla notte

Nucci Matteo

Descrizione: Ai margini della Roma che tutti conosciamo, dove il Tevere crea un'ampia ansa prima di correre verso il mare, vivono uomini e donne che sembrano essersi incontrati solo grazie alle rispettive necessità. Fra baracche e chiatte, uniti dalla gestione di una trattoria improvvisata, mentre si alternano in piccoli lavori nei campi e nella guida dei turisti cittadini attratti dai loro lavori arcaici, essi hanno formato una specie di strana comunità fuori dal tempo e dal mondo in cui siamo abituati oggi a vivere. Cesare, uno degli ultimi anguillari romani, suo fratello Guido, un bizzarro lettore di testi sacri, Victoria, una cuoca sudamericana e due ragazze dell'est dal mestiere equivoco, hanno accolto già da qualche anno un uomo in fuga. Lo chiamano tutti "il dottore" perché, se il suo nome non ama rivelarlo, sembra venuto a offire le sue cure a chi vive lì e nei dintorni. Zingari, reietti, osti, piccoli criminali, pastori clandestini, tutti chiedono al dottore di essere curati. Tutti del resto hanno intuito che questo cinquantenne vissuto sempre in città è venuto in realtà a curare se stesso. Ma qual è il suo passato? Quale l'immenso dolore che lo ha strappato alla sua casa?

Categoria: Narrativa

Editore: Ponte alle Grazie

Collana: Scrittori

Anno: 2017

ISBN: 9788868336660

Recensito da Daniela Frascati

Le Vostre recensioni

È giusto obbedire alla notte di Matteo Nucci è un grande romanzo, fatto di molte stratificazioni, attraversato dalla dimensione del dolore, della compassione, della miseria umana. Sentimenti universali e quotidiani che riconosciamo in ogni personaggio di questa storia.

La misura del dolore in Nucci, studioso e profondo conoscitore della filosofia e dell’antichità classica, assume la grandezza epica della tragedia anche quando muove i suoi personaggi nella contemporaneità di uomini e donne bruciati dalla miseria e dall’emarginazione. La Roma che racconta in È giusto obbedire alla notte è una Roma che si ferma in un’ansa del Tevere dove non sono arrivati i bastioni e gli argini del rifacimento umbertino della città, una periferia povera, pasoliniana, nella quale vive un brulicame di umanità a suo modo memorabile: Cesare e Giulio, pescatori di anguille, Luis uomo senza radici, Helena la ragazza dell’est europeo, Victoria, la cuoca brasiliana, e tanti altri. Lì in quell’ansa le giornate sono lente, dilatate dallo scorrere del Tevere nella dimensione di un tempo quasi mitologico.

Il filo conduttore della storia e di queste vite è il Dottore, personaggio senza nome e senza identità per gran parte del romanzo, approdato chissà da dove e perché, in questo territorio di periferie estreme, fatte di catapecchie nascoste da una vegetazione antica e caotica, eppure tanto prossime alla Roma che conosciamo.

Su quella riva del Tevere, sul crinale che separa il benessere di una società opulenta dalla tribolazione di chi sopravvive degli avanzi di questo benessere, vivono quelli che scansiamo e consideriamo poco più che scorie. Personaggi sporchi, forse brutti ma mai cattivi poiché l’arrivo del Dottore ha liberato in questa miseria il sentimento della solidarietà e della compassione. Un’umanità sul bordo del precipizio che non spinge giù l’altro per salvarsi ma lo trattiene e lo stringe per condividerne lo spazio angusto della salvezza. Sono loro, le loro vite e il loro patire, i protagonisti di un romanzo bellissimo e carico di pathos, assieme a una Roma attraversata dalle memorie del Dottore, una città contigua eppure lontana in tutta la sua bellezza levantina e opulenta tra monnezza e degrado.

“Camminò tra cartacce, cestini traboccanti immondizia, vetture parcheggiate, ambulanze dismesse e camioncini di servizi vari, dal plasma al rifornimento di vivande”.

Osservò gli steli bruciati di erba diradata che si moltiplicavano nelle aiuole terrose… Un refolo d’aria sembrava infilarsi giù dal Pincetto. Corvi neri ballonzolanti e guardinghi piluccavano molliche, insetti e vermiciattoli tra i viali. Si sentivano soltanto ronzii e fruscii, oltre ai gorgoglii dei rubinetti aperti di continuo nelle fontane segnate da cartelli di acqua non potabile…

Il Dottore lega le storie dei molti protagonisti e allo stesso tempo si lega a loro con pietà e umiltà. È qualcuno di cui quella comunità di perdenti avverte la diversità, ma anche la statura morale. Ed è uno di loro perché lui stesso è un perdente, ma consapevole che quanto ha perso non può essere emendato dalla fuga dal se stesso che è stato. Solo nel capitolo intitolato La Fuga, quando un vecchio amico lo ritrova, capiremo il perché della sua scelta, ne conosceremo il nome, Ippolito, la sua professione di archeologo, e ciò da cui è fuggito: una condizione normale, borghese che ha perso ogni senso di fronte al baratro nel quale tutto è precipitato dopo la perdita della figlia, la piccola Teresa.

“Che cos’è la controra, piccola mia? È l’ora silente in cui tutto può accadere. È l’ora più bella per chi va cercando il mare. Vieni con me al mare? Scendiamo giù al mare? È l’ora in cui tutti riposano e noi andiamo a cercare tesori. Vieni con me a cercare tesori? Scenderemo lungo il fiume.”

Il luogo dove ha cercato rifugio non è dunque casuale; è lì che l’aveva portata, a mangiare nella trattoria l’Anaconda, un capanno sul bordo della riva del Tevere. Quel giorno, la piccola era stata bene, malgrado il male che se la stava portando via, e si era divertita a guardare le nutrie e gli altri animali dell’acqua e la vegetazione spontanea e confusa delle sponde.

E Ippolito, il Dottore che porta conforto a tutti, ha trovato conforto anche al suo dolore perché È giusto obbedire alla notte. Al dolore non si volta le spalle, non si rigetta come un corpo estraneo, si impasta con il proprio corpo per farne misura della propria umanità, della capacità di accogliere e condividere le miserie degli altri, come fossero le nostre, abbandonandosi al fluire del tempo tra ombre e luce.

Mettiamo fine ormai alla battaglia e alla lotta per oggi; poi combatteremo ancora, finché un dio ci divida e conceda agli uni o agli altri vittoria; ormai scende la notte; è giusto obbedire alla notte”. (canto VII dell’Iliade)

È giusto obbedire alla notte è una narrazione dolorosa e potente, raccontata con una lingua che lava la sua purezza nel dialetto e negli idiomi ibridi di questa umanità di apolidi e la sublima in una prosa intensa che contiene tutta la potenzialità della lingua italiana. Una scrittura che emoziona e coinvolge. Un grande romanzo che ci porta non solo ai confini di una città, ma ai confini dell’anima.

Daniela Frascati

La finale del Premio Strega 2017

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Matteo

Nucci

Libri dallo stesso autore

Intervista a Nucci Matteo


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Cresciuto nello studio legale del padre nella cittadina di York, in Pennsylvania, Kyle McAvoy è un giovane con un roseo futuro davanti. Intelligente e di bell'aspetto, è anche direttore dello "Yale Law Journal", la rivista della scuola di legge. Ma nel suo passato c'è un segreto che lui avrebbe voluto dimenticare, e quando alcuni loschi personaggi lo avvicinano annunciandogli di avere le prove del suo coinvolgimento in uno stupro di gruppo negli anni del college, Kyle avverte la sgradevole sensazione di non essere più l'unico padrone del suo destino. Gli uomini che lo hanno contattato affermano di essere agenti dell'FBI e danno prova di conoscere molte cose che riguardano la sua vita. A poco a poco, però, il colloquio assume contorni ambigui, soprattutto quando entra in scena il sedicente detective Bennie Wright, che, minacciandolo di rendere pubblico un video compromettente, lo costringe a piegarsi alla sua volontà. Ben presto i giochi saranno a carte scoperte. I ricattatori, in realtà, agiscono per conto di un misterioso committente interessato a una causa che vede due prestigiose società darsi battaglia per il possesso dei progetti di un avveniristico bombardiere commissionato dal Pentagono. Kyle, semplicemente, dovrà fare ciò che sogna ogni giovane avvocato: accettare l'offerta di lavorare a New York nel più prestigioso studio legale del mondo, che gli ha offerto un impiego strapagato. Questo gli consentirà di passare ai suoi ricattatori preziose informazioni riguardo al contenzioso in atto. Trovandosi costretto a commettere un crimine per nasconderne un altro, Kyle si rende conto che la sua carriera e la sua libertà sono in pericolo. Ribellarsi al diabolico meccanismo che rischia di stritolarlo significherà ridare un senso al suo codice etico e mettersi una volta per tutte alla ricerca della verità, anche su se stesso.

IL RICATTO

Grisham John

Leo è un sedicenne come tanti: ama le chiacchiere con gli amici, il calcetto, le scorribande in motorino e vive in perfetta simbiosi con il suo iPod. Le ore passate a scuola sono uno strazio, i professori "una specie protetta che speri si estingua definitivamente". Così, quando arriva un nuovo supplente di storia e filosofia, lui si prepara ad accoglierlo con cinismo e palline inzuppate di saliva. Ma questo giovane insegnante è diverso: una luce gli brilla negli occhi quando spiega, quando sprona gli studenti a vivere intensamente, a cercare il proprio sogno. Leo sente in sé la forza di un leone, ma c'è un nemico che lo atterrisce: il bianco. Il bianco è l'assenza, tutto ciò che nella sua vita riguarda la privazione e la perdita è bianco. Il rosso invece è il colore dell'amore, della passione, del sangue; rosso è il colore dei capelli di Beatrice. Perché un sogno Leo ce l'ha e si chiama Beatrice, anche se lei ancora non lo sa. Leo ha anche una realtà, più vicina, e, come tutte le presenze vicine, più difficile da vedere: Silvia è la sua realtà affidabile e serena. Quando scopre che Beatrice è ammalata e che la malattia ha a che fare con quel bianco che tanto lo spaventa, Leo dovrà scavare a fondo dentro di sé, sanguinare e rinascere, per capire che i sogni non possono morire e trovare il coraggio di credere in qualcosa di più grande.

Bianca come il latte rossa come il sangue

D'Avenia Alessandro

"Mio caro Marwan..." È l'inizio della lettera che un padre scrive al suo bambino, di notte, su una spiaggia buia, con persone che parlano "lingue che non conosciamo". I ricordi di un passato fatto di semplici sicurezze, la fattoria dei nonni, i campi costellati di papaveri, le passeggiate nelle strade di Homs si mescolano a un futuro incerto, alla ricerca di una nuova casa, dove "nessuno ci ha invitato", dove chi la abita ci ha detto di "portare altrove le nostre disgrazie". Un futuro di attesa e di terrore, che comincerà al sorgere del sole, quando dovranno affrontare quel mare, vasto e indifferente. Questa lettera è un grande atto d'amore e nelle parole che la compongono c'è la vita. Speranza e paura, felicità e dolore. Impossibile non riconoscersi, non pensare che al posto di quel padre e quel bambino potremmo esserci noi. Impossibile non sapere che tutto questo, comunque, ci riguarda.

Preghiera del mare

Hosseini Khaled

Una grande storia sulla possibilità di cambiare il proprio destino. Ma soprattutto una favola, una delle più commoventi che siano mai state scritte. Protagonista è il vecchio e tirchio finanziere Ebenezer Scrooge - personaggio che servirà da modello per il Paperon de' Paperoni disneyano - che nella notte di Natale viene visitato da tre spettri. Lo indurranno a un cambiamento radicale, a una conversione che ne farà uno dei più grandi personaggi letterari di tutti i tempi. Ma forse parte del segreto, della magia ineludibile di questo romanzo è nella ricomposizione dei ricordi, nella restituzione di senso alla storia, nella ridefinizione del posto dell'uomo nel tempo.

Un canto di Natale – A Christmas Carol

Dickens Charles