Libri per ragazzi

È Natale per tutti

Schembri Volpe Daniela

Descrizione: Dettagli del prodotto Chi ha rapito l'ex cane poliziotto Ginko? È quasi Natale a Torino e Manuel, un ragazzo che frequenta le medie, con i compagni di scuola del Komitaten deve calarsi nei panni di un navigato detective alla ricerca del quattro zampe in pensione che vive con la nonna appena rimasta vedova. L'obiettivo è riportare Ginko a casa entro il venticinque dicembre. Tra vetrine natalizie e canti di Natale, i ragazzi indagano utilizzando ogni metodo per arrivare a scoprire un disegno malvagio perpetrato ai danni di esseri più deboli. False piste, colpi di scena che mettono Manuel e la sua amica Bea in serio pericolo, la nascita di nuove e profonde amicizie contribuiscono a costruire una storia avvincente dalle tinte fosche condita dalla sana ironia dei teenagers.

Categoria: Libri per ragazzi

Editore: Frilli Editore

Collana: I Frillini

Anno: 2019

ISBN:

Trama

Le Vostre recensioni

Daniela Schembri Volpe firma per la casa editrice Frilli, collana speciale I Frillini, un bel libro per ragazzi dal titolo accattivante: È Natale per tutti. Un testo che commuove e colpisce, particolarmente indicato in queste prossime feste natalizie.

Racconta con simpatia e humour la storia di Manuel, ragazzo spensierato che vive a Torino con la sua famiglia e il pestifero fratellino Go. I genitori hanno un bar e lui spesso deve occuparsi del piccolo fratello e della nonna rimasta vedova, che si sente spesso sola. Ma così facendo è inevitabile trascurare un po’ il Komitaten. Che cosa è quest’ultimo?

“Tutti i membri del Komitaten erano presenti: naturalmente Manuel e Bea; Gianluigi detto “Gugu”; Ombretta soprannominata “LaOmbre” non solo per il nome, ma soprattutto perché esagerava sempre con l’ombretto grigio; Jacopo detto “Jaki”; Maria Vittoria alisa “LaVitto” e il suo chihuahua, che ogni tanto portava a scuola di nascosto, dal nome altisonante di Donald Trump perché il pelo del cane ricordava il colore champagne del ciuffo del presidente.”

E così quando la nonna li manda al supermercato a comprare ciò che le manca, Manuel non può che obbedire. Con loro c’è anche Ginko, il cane poliziotto in pensione, pastore tedesco, che tiene molta compagnia alla nonna. Lo legano mentre loro fanno la spesa, ma un terribile evento li attende fuori dal negozio: il cane è stato rapito. Qualcuno ha tagliato il guinzaglio e l’ha portato via. Ma “Secondo voi chi può aver rapito un cane anziano, proprio in questi giorni della settimana di Natale? Il guinzaglio è stato tagliato anche se spesso, occorre qualcosa di adatto, un normale coltello non basta”.

Una tragedia per tutti. Urgono indagini complesse e veloci per riportare indietro il caro animale. Giocoforza è coinvolgere tutti gli amici, iniziando a investigare partendo proprio dal luogo più vicino al misfatto: il condominio. C’è forse qualcuno che ha interesse a compiere un così grave atto?

Cominciamo dal mio pianerottolo: ci abitiamo io e il gentilissimo dottor Piero, il tronfio generale della Finanza in pensione Marcellini con la giovane badante sudamericana Maristela, quella un po’ scostumata; poi, allora, al piano di sopra i due figli gemelli venticinquenni. (…) Quindi al secondo piano voi nipotini, Alessandra la studentesse in Lettere, così carinaaaa..lei affitta l’appartamento insieme a due ragazze cinesi (…) Filomena l’infermiera delle Molinette, la mamma del nuovo amichetto di Igor. Al primo piano la flautista del teatro Regio; poi la famiglia Parrotti che gestisce il ristorantino e il vedovo un po’ rimbambito il signor Pautasso; al piano rialzato la portinaia Giorgina.”

In questo modo, tra droni scintillanti e ombre oscure che si muovono furtive dietro le cortine delle tende, si svolge un’inchiesta ricca di umani sentimenti e di buon cuore.

Una lettura che si rivolge indistintamente a tutti, con un particolare tocco di grazia nel descrivere il Natale diverso dei bambini, nel quale “ci sono troppissime cose che mi piacciono. Il regalo di Natale che aspetto, il panettone al cioccolato, Lessa….”. Una vicenda elegantemente scritta e narrata. Un ottimo esempio di solidarietà umana e di buoni sentimenti, per affrontare una solennità da riscoprire nei valori fondanti e caratteristici. Per portare un po’ di serenità nel cuore di ognuno.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Daniela

Volpe

Schembri

Libri dallo stesso autore

Intervista a Schembri Volpe Daniela

A 50 anni da Piazza Fontana

Marcovaldo

Calvino Italo

Tra macchine per distillare dai romanzi la vita vera, manuali da tradurre dal russo, tutine stringipelle, speranze di vincere il premio Viareggio, Learco e Francesca si telefonano, si incontrano, cantano, decidono di andare a vivere insieme. Ma perché non scrivi un romanzo dove lo scrittore gioca con accostamenti generazionali molto ricercati e ben dosati a vestire ogni volta un sentimento che troppo spesso si dà per scontato di colori infiniti? chiede a Learco una voce di quelle che ha nella testa Eh, perché non lo scrivi? Con un interregionale lanciato sul far della notte nel cuore della vecchia Europa meridionale Learco va a trovare un’amica. Learco con questa sua amica canta tutto il pomeriggio e va in giro in autobus per Bologna, e quando sono insieme sull’autobus Learco sente l’odore del suo respiro. A Learco sentire l’odore del suo respiro è come se il mondo circostante gli arrivasse dopo essere passato per le vie respiratorie e i polmoni e i bronchi e tutti gli organi interessati di questa sua amica, si chiama Francesca, questa sua amica. Che schifo, dice a Learco una voce di quelle che stanno nella sua testa, al posto di un romanzo le cui pagine scorrano via al passo leggero di una lettura dal ritmo gradevole sorprendentemente femminile ma anche tenera aggraziata ironica e originale lui cosa ti scrive? Un romanzo d’amore. Con un titolo con in mezzo una virgola che fa venire gli sgrisori.

SI CHIAMA FRANCESCA, QUESTO ROMANZO

Nori Paolo

Aloma ha vent'anni e l'amore le fa schifo. Quando Robert, il cognato che vive in Argentina, arriva a Barcellona, interrompe la monotonia dei suoi giorni e devia il corso dei suoi pensieri sulla vita e sull'amore. Sarà difficile per lei ammettere, anche a se stessa, di essere stata colpita da quell'uomo affascinante ed esotico, che alterna gentilezze a scontrosità, e di averlo a sua volta colpito. Ma diventerà impossibile, nell'intimità della vita domestica, sottrarsi alla passione. Con questo romanzo giovanile, poi ripreso nella maturità, Mercè Rodoreda ci parla, con la sua consueta profondità, dell'amore e dell'impossibilità dell'amore, dell'illusione e del disincanto.

ALOMA

Rodoreda Mercè