Libri per ragazzi

È Natale per tutti

Schembri Volpe Daniela

Descrizione: Dettagli del prodotto Chi ha rapito l'ex cane poliziotto Ginko? È quasi Natale a Torino e Manuel, un ragazzo che frequenta le medie, con i compagni di scuola del Komitaten deve calarsi nei panni di un navigato detective alla ricerca del quattro zampe in pensione che vive con la nonna appena rimasta vedova. L'obiettivo è riportare Ginko a casa entro il venticinque dicembre. Tra vetrine natalizie e canti di Natale, i ragazzi indagano utilizzando ogni metodo per arrivare a scoprire un disegno malvagio perpetrato ai danni di esseri più deboli. False piste, colpi di scena che mettono Manuel e la sua amica Bea in serio pericolo, la nascita di nuove e profonde amicizie contribuiscono a costruire una storia avvincente dalle tinte fosche condita dalla sana ironia dei teenagers.

Categoria: Libri per ragazzi

Editore: Frilli Editore

Collana: I Frillini

Anno: 2019

ISBN:

Trama

Le Vostre recensioni

Daniela Schembri Volpe firma per la casa editrice Frilli, collana speciale I Frillini, un bel libro per ragazzi dal titolo accattivante: È Natale per tutti. Un testo che commuove e colpisce, particolarmente indicato in queste prossime feste natalizie.

Racconta con simpatia e humour la storia di Manuel, ragazzo spensierato che vive a Torino con la sua famiglia e il pestifero fratellino Go. I genitori hanno un bar e lui spesso deve occuparsi del piccolo fratello e della nonna rimasta vedova, che si sente spesso sola. Ma così facendo è inevitabile trascurare un po’ il Komitaten. Che cosa è quest’ultimo?

“Tutti i membri del Komitaten erano presenti: naturalmente Manuel e Bea; Gianluigi detto “Gugu”; Ombretta soprannominata “LaOmbre” non solo per il nome, ma soprattutto perché esagerava sempre con l’ombretto grigio; Jacopo detto “Jaki”; Maria Vittoria alisa “LaVitto” e il suo chihuahua, che ogni tanto portava a scuola di nascosto, dal nome altisonante di Donald Trump perché il pelo del cane ricordava il colore champagne del ciuffo del presidente.”

E così quando la nonna li manda al supermercato a comprare ciò che le manca, Manuel non può che obbedire. Con loro c’è anche Ginko, il cane poliziotto in pensione, pastore tedesco, che tiene molta compagnia alla nonna. Lo legano mentre loro fanno la spesa, ma un terribile evento li attende fuori dal negozio: il cane è stato rapito. Qualcuno ha tagliato il guinzaglio e l’ha portato via. Ma “Secondo voi chi può aver rapito un cane anziano, proprio in questi giorni della settimana di Natale? Il guinzaglio è stato tagliato anche se spesso, occorre qualcosa di adatto, un normale coltello non basta”.

Una tragedia per tutti. Urgono indagini complesse e veloci per riportare indietro il caro animale. Giocoforza è coinvolgere tutti gli amici, iniziando a investigare partendo proprio dal luogo più vicino al misfatto: il condominio. C’è forse qualcuno che ha interesse a compiere un così grave atto?

Cominciamo dal mio pianerottolo: ci abitiamo io e il gentilissimo dottor Piero, il tronfio generale della Finanza in pensione Marcellini con la giovane badante sudamericana Maristela, quella un po’ scostumata; poi, allora, al piano di sopra i due figli gemelli venticinquenni. (…) Quindi al secondo piano voi nipotini, Alessandra la studentesse in Lettere, così carinaaaa..lei affitta l’appartamento insieme a due ragazze cinesi (…) Filomena l’infermiera delle Molinette, la mamma del nuovo amichetto di Igor. Al primo piano la flautista del teatro Regio; poi la famiglia Parrotti che gestisce il ristorantino e il vedovo un po’ rimbambito il signor Pautasso; al piano rialzato la portinaia Giorgina.”

In questo modo, tra droni scintillanti e ombre oscure che si muovono furtive dietro le cortine delle tende, si svolge un’inchiesta ricca di umani sentimenti e di buon cuore.

Una lettura che si rivolge indistintamente a tutti, con un particolare tocco di grazia nel descrivere il Natale diverso dei bambini, nel quale “ci sono troppissime cose che mi piacciono. Il regalo di Natale che aspetto, il panettone al cioccolato, Lessa….”. Una vicenda elegantemente scritta e narrata. Un ottimo esempio di solidarietà umana e di buoni sentimenti, per affrontare una solennità da riscoprire nei valori fondanti e caratteristici. Per portare un po’ di serenità nel cuore di ognuno.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Daniela

Volpe

Schembri

Libri dallo stesso autore

Intervista a Schembri Volpe Daniela

Periferia di Milano, anni Settanta. Gli anni del terrorismo e della droga, dei sogni di Oriente e di liberazione. Una mattina, nella classe di un Istituto Agrario, fa la sua apparizione Giulia, una giovane professoressa di lettere che parla di letteratura e di poesia con una passione sconosciuta. È quell'incontro a «salvare» Massimo Recalcati che, in questo libro dedicato alla pratica dell'insegnamento, riflette su cosa significa essere insegnanti in una società senza padri e senza maestri, svelandoci come un bravo insegnante sia colui che sa fare esistere nuovi mondi, che sa fare del sapere un oggetto del desiderio in grado di mettere in moto la vita e di allargarne l'orizzonte. È il piccolo miracolo che può avvenire nell'ora di lezione: l'oggetto del sapere si trasforma in un oggetto erotico, il libro in un corpo. Un elogio dell'insegnamento che non può accontentarsi di essere ridotto a trasmettere informazioni e competenze. Un elogio della stortura della vite che non deve essere raddrizzata ma coltivata con cura e riconquistata nella sua singolare bellezza.

L’ora di lezione

Recalcati Massimo

Cosa si prova a essere improvvisamente trasformati in uno specchio da una strana luce viola e ritrovarsi su un pianeta di una galassia lontana anni luce, di nome Catorcia, luogo in cui finiscono tutti gli oggetti che agli Umani non servono più ma che vogliono sfuggire alla discarica? E come combattere per salvare l’esistenza stessa di Catorcia, del mondo e dell’universo intero, dai piani malefici di Yvonne, un essere terribile che è concentrato di mille malvagità, di MorteaCredito, un enorme cannone reduce da infinite battaglie, e di una misteriosa banconota fuori corso? Sono loro tre, infatti, i capi dei terribili Ravanosi, gli umani che raccolgono gli oggetti usati per esporli nei mercatini delle pulci. Sarà Nico, una ragazza di dodici anni che vive con la nonna e i suoi 1748 specchi, ad affrontare questi temibili nemici; nella lotta, però, non sarà sola. Potrà contare infatti sull’aiuto di Abelardo, un vecchio frigo panciuto, dei Gialli e dei Rossi, quarantanove cartellini di quelli usati dagli arbitri per ammonire o espellere i giocatori durante le partite di calcio, di un Mattone, ma anche di Gualtiero, un wc a cui si “affezionerà molto”. Ognuno si dimostrerà un compagno pieno di sorprese e risorse inaspettate; ma soprattutto sarà prezioso il Dono di Nico, una qualità particolare e unica che ha acquisito a Catorcia e che le resterà per sempre.

ODORE DI GUAI

Tomatis Marco

Pubblicato nel 1959, Malcolm, prima prova letteraria per James Purdy, è la storia - buffa, irritante e commovente al tempo stesso - di un ragazzo di soli quattordici anni, "di una bellezza eccezionale" e appena rimasto solo al mondo, conteso dall'affetto invadente e possessivo di una galleria di personaggi memorabili: un becchino etiope, un famoso astrologo, una miliardaria alcolista, un pittore nano, un ex galeotto amante del jazz. Fra dolcezza, comicità e trasgressione, un'indimenticabile storia di innocenza e perdita dell'innocenza.

Malcolm

Purdy James

Regione dei Finger Lakes, stato di New York. È una notte di luna piena. Lucy Jarret è di fronte alle acque del lago, illuminate dai riflessi del cielo. Le sembra ancora di vedere il padre nella sua ultima notte di vita, seduto nel giardino di casa, l’aria pensierosa e turbata, pochi istanti prima di salire su quella barca che l’avrebbe portato alla morte. Sono passati anni da allora, anni in cui Lucy ha cercato di dimenticare, di farsene una ragione, senza mai riuscirci. Lucy è tornata a casa, dopo un lungo periodo in Giappone. Nella grande tenuta in riva al lago tutto è rimasto come allora, i fiori di melo pallidi come le stelle e le stanze buie, rimaste sempre chiuse da quella terribile notte. In un anfratto, sommersa tra i vecchi strumenti di pesca del padre, Lucy scopre per caso alcune lettere, risalenti ai primi anni del secolo, e una coperta da neonato, con un ricamo di lune e fiori. Un figura identica a quella delle preziose vetrate della chiesa del paese dove compare una donna misteriosa, dai grandi occhi azzurri, con in mano un mazzo di iris della stessa varietà che crescono nel giardino di Lucy. Chi è questa donna? E chi è Rose, colei che firma le lettere misteriose? Lucy lo deve scoprire a tutti i costi. È convinta che lì, nei frammenti della vita dimenticata di due donne, e forse in quelli di una bambina abbandonata, si nasconda un segreto terribile. Un segreto che ha portato suo padre verso una strada senza ritorno.

UN GIORNO MI TROVERAI

Edwards Kim