Narrativa

E se perdo te?

Descrizione: Alessio è affascinante, intelligente e affidabile, ha un lavoro che ama nella casa editrice del padre e un appartamento con vista mozzafiato su Firenze. Ma per quanto si sforzi non riesce a trovare una donna a cui legarsi per più di una sera. Perché Alessio non riesce a fidarsi, e non riesce ad aprirsi, con nessun’altra eccetto Giulia. Giulia è l’amica da una vita, con lei condivide tutto: vacanze, confidenze, e s’intrufolano l’uno nella casa dell’altra per una pizza o una risata inattesa. Quando Alessio ha problemi con una donna ne parla a Giulia, e Giulia fa lo stesso con lui. Scherzano spesso dicendo che, sposarsi tra loro, è l’unica soluzione all’inevitabile vita da single. Fino al giorno in cui Alessio si accorge che qualcosa è cambiato, che qualcosa, o qualcuno, si è infilato nella loro amicizia. Riuscirà Alessio a trovare la strada per riavvicinarsi a Giulia e salvare il loro bellissimo rapporto?

Categoria: Narrativa

Editore: Self publishing

Collana:

Anno: 2022

ISBN: In corso di pubblicazione

Trama

Le Vostre recensioni

Claudia Bacci, E se perdo te? Self-Publishing 2022. 

Claudia Bacci esordisce nel campo della narrativa con un libro intitolato E se perdo te?, un romanzo intenso sull’amore e sull’amicizia.

La voce narrante è quella di un uomo, Alessio. Da sempre amico di Giulia, con la quale si sono conosciuti mentre entrambi assistevano a una partita di calcio. Da allora si incontrano spesso, condividono emozioni e avventure di ogni genere, ma soprattutto insieme ridono molto, contenti una della compagnia dell’altro. È amicizia o altro? Può esistere amicizia tra un uomo e una donna? Per Alessio, sì. Entrambi non vogliono impegnarsi in relazioni troppo coinvolgenti e impegnative. Ma è soprattutto Giulia, quella più enigmatica. Infatti, “una caratteristica di Giulia è quella che deve pianificare sempre tutto.”

“È sempre stata un enigma. È arrivata così, dal nulla, è entrata nella mia vita, ma il suo passato rimane un mistero.”

A volte il passato rappresenta uno scoglio insuperabile, che ci impedisce di amare e ci conduce a scelte difficili ed errate. Come per Giulia, che decide di fare la fotografa professionale, perché “Fotografare il mondo intorno a sé le ha permesso di affrontare la vita in maniera diversa.”

Fino a quando tra Alessio e Giulia continuerà a esserci un rapporto al limite? Cambierà qualcosa tra loro? Gli eventi della vita mineranno le loro certezze?

E se perdo te? È un libro scritto con una prosa fresca, priva di inutili fronzoli. L’autrice si dimostra particolarmente abile nello scavo intimo dei personaggi e delle situazioni che questi stanno vivendo, e il lettore è accompagnato per mano a viverle con emozione crescente e a immedesimarsi in loro. Un romanzo rosa costruito con sapienza, senza perdersi in inutili e melensi ragionamenti, che giunge dritto al cuore. Una bella storia romantica, che emoziona in crescendo.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Ambientato in una società del futuro prossimo dove sono state annullate le differenze individuali, la percezione del dolore, la passione e i sentimenti più profondi, il libro racconta un anno di vita di Jonas, un ragazzo di dodici anni che viene insignito del compito di ricevere le Memorie dell'Umanità. Mentre Jonas raccoglie i ricordi di The Giver, provando sulla propria pelle tutte quelle sensazioni che nessun altro membro della comunità conoscerà mai, scopre il terribile segreto della Società in cui vive. E realizza che la strada verso la conoscenza è un cammino senza ritorno Età di lettura: da 9 anni.

The Giver. Il donatore

Lowry Lois

La storia del poeta Harry Peake, di come ha perso sua moglie Grace in un tragico incendio che lo ha lasciato orribilmente deformato, di come si guadagnava da vivere nelle birrerie londinesi del XVIII secolo, del suo unico conforto, la devota figlia Martha, che temendo per la sua vita decide di fuggire nelle colonie americane.

Martha Peake

McGrath Patrick

Cape May, New Jersey, autunno 1986. Un uomo siede nella veranda di una casa che si affaccia sulla baia del Delaware. Vent'anni addietro è stato un musicista "quasi" famoso e, per un tempo brevissimo, ha assaporato l'inebriante essenza della celebrità, prima di rendersi conto di avere altre aspirazioni, di voler percorrere un sentiero solitario per raggiungere il proprio "paradiso". Per anni si è lasciato scivolare addosso le opportunità e le illusioni dell'esistenza, ha aspettato, sicuro che, alla fine, la "grande occasione" si sarebbe presentata. Ed è proprio ciò che è accaduto, alcune ore prima: all'improvviso, la porta del paradiso si è socchiusa. Lei si è finalmente accorta dei suoi innumerevoli messaggi ed è andata a cercarlo: è arrivata fin lì, gli ha parlato, gli ha dato un appuntamento. S'incontreranno alle undici del giorno dopo nella piccola stazione di Cape May: è da lì che inizierà il suo viaggio verso il futuro. Adesso lui deve soltanto sistemare alcune cose e "far passare la notte": domattina ci saranno soltanto la strada lungo il mare, la ricerca di un parcheggio, la stazione, i binari, una locomotiva e... lei. Sì, lei.

DOVE IO NON SONO

D'Amico Ilaria

Ho scritto questo libro perché non volevo andasse perduto quanto vissuto durante undici lunghi anni alla cassa di un supermercato. Soprattutto non volevo andasse perduta la memoria, seppur minima, di alcune delle persone con cui sono venuta in contatto. Un contatto vero, umano, che è andato oltre i gesti e le parole che il mio angusto ruolo richiedevano. Poi c'erano i foglietti di carta che affollavano le tasche del mio camice e la penna sempre a portata di mano per rispondere alla mia vocazione alla poesia. Ho cercato di andare oltre, di oltrepassare l'arida meccanicità che il mio lavoro in sé richiedeva, ho alzato lo sguardo dai numeri del display per incontrare gli occhi di chi mi stava davanti. Ho cercato di vedere le persone così come sono, con le loro debolezze e le loro grandezze e di affidarmi al fatto che non sapevo altro di chi mi stava di fronte se non che era il mio prossimo, nel senso più ampio e lato del termine. Un essere umano con la sua storia invisibile, una persona cui dovevo rispetto, attenzione e gentilezza cosi che quei pochi istanti in cui eravamo in relazione si aprissero a un tempo altro. Ho cercato di 'scoprire tra la polvere quotidiana il granello di purezza che c'è', è ancora Simone Weil, anche se non sempre ho trovato la purezza, forse perché si esprime solo a sprazzi, in attimi che pure esistono e quando arrivano illuminano il tempo, ne levigano il senso.

Le stanze inquiete

Argentino Lucianna