Narrativa

Economia sentimentale

Nesi Edoardo

Descrizione: Dieci anni dopo "Storia della mia gente", Edoardo Nesi torna a parlare allo stesso pubblico: gli italiani colpiti da un nuovo stravolgersi delle loro vite. Economia sentimentale è la cronaca dal vagare di un'anima in questi mesi assurdi, e se il virus e la quarantena rimangono sullo sfondo poiché irraccontabili e già vissuti, l'attenzione dell'autore si punta sui mutamenti tellurici dell'economia, e sull'impatto che hanno, hanno avuto e avranno sulle nostre vite di sopravvissuti. "In questi giorni sospesi l'economia mi appare sempre più una scienza viva e umanissima, certamente la più adatta di tutte le discipline a raccontare la sostanza delle nostre vite e il fervore dei nostri sogni e la miseria delle nostre paure, una stupefacente generatrice di storie e di speranze, lontana anni luce dal gelo tagliente dei numeri coi quali si usa raccontarla." Nesi ci fa ascoltare le parole di imprenditori tessili piccolissimi, luminari della sostenibilità, baristi, industriali dell'intimo, partite IVA, disoccupati, dando voce a tutte le anime di una società smarrita e impaurita, di un popolo che ancora non si fida a sortire di casa. È un viaggio straordinario e affascinante, narrato coi toni e lo stile d'un romanzo, in cui le cose continuano a succedere e le mutazioni ad avvenire. È la cronaca delle nostre vite, raccontata da un autore che somiglia molto a ognuno di noi, perpetuamente sballottato da pietà e rabbia e amore, che sembra però intuire una via d'uscita, e mostrarcela, e come sempre in Nesi, la speranza si comunica coi libri, col leggere, con la bellezza.

Categoria: Narrativa

Editore: La nave di Teseo

Collana: Oceani

Anno: 2020

ISBN: 9788834604960

Recensito da Elpis Bruno

Le Vostre recensioni

Economia sentimentale di Edoardo Nesi

Economia sentimentale di Edoardo Nesi è una teoria che affonda nella nostalgia per un periodo d’oro dell’industria italiana, ma vuole essere propositiva a partire dalla realistica constatazione dei radicali cambiamenti intervenuti nel tessuto economico italiano. Sono temi già affrontati dall’autore in Storia della mia gente, premio Strega 2011 (clicca qui per leggere il nostro commento).

Si parte dal dramma nel quale molte attività sono piombate a seguito dell’epidemia da Covid-19. Le misure restrittive del lock down hanno messo in ginocchio molti settori non ritenuti essenziali:

“Necessario.
Cruciale.
Indispensabile.

E chi lo decide, poi…? Chi sono e cos’hanno fatto, durante le loro vite, che li potesse preparare a prendere una decisione così bruciante e immensa…?”

L’industria tessile, già agonizzante, subisce il colpo di grazia (“Mi dice che son tre le stagioni compromesse, non una”).

Eppure l’autore, discorrendo con un amico e rileggendo le pagine di Robert J. Gordon, si appassiona all’economia (“Chiaro è come … l’economia mi appaia sempre più una scienza viva e umanissima… i dati ISTAT… gli estratti conto… mi paion capitoli d’un libro…”) e giunge a una nuova consapevolezza : negli “anni dell’online, degli smartphone, delle app e dei social network” occorre voltare pagina (“Di quell’epocale boom economico… non sarà mai data l’opportunità di assistere alla seconda puntata, poiché non è possibile inventare di nuovo l’elettricità e il telefono e la penicillina e il motore a scoppio”) e trarre spunti per costruire un nuovo, possibile corso (“Quello che segue è uno sviluppo molto meno potente… riguarda l’intrattenimento, la comunicazione e la raccolta ed elaborazione di informazioni”).

Toscanissimo nello stile (“con Perroni era ganzo anche leticare”), imbastito di ricordi e sorretto dall’ammirazione per la figura paterna, il saggio propone una soluzione economica intellettuale che potrebbe offrire molti spunti alla pianificazione della ripresa economica.

Bruno Elpis

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Edoardo

Nesi

Libri dallo stesso autore

Intervista a Nesi Edoardo

Al termine di un drammatico iter processuale durato dal 1988 al 2003 i giudici italiani hanno condannato a ventidue anni i militanti di Lotta continua Ovidio Bompressi, Giorgio Pietrostefani e Adriano Sofri per l'omicidio del commissario Luigi Calabresi avvenuto nel 1972. Eppure in Italia una parte larga e talvolta autorevole dell'opinione pubblica continua a credere nell'estraneità totale di Lc a quel delitto. Ventimila pagine di atti processuali documentano un'altra storia, un'azione che per Giampiero Mughini è nata «dalle viscere di Lotta continua», a cominciare dalla campagna implacabile condotta contro Calabresi, indicato senza alcuna verità come capro espiatorio della tragedia di piazza Fontana. Fondatore e direttore di «Giovane critica», una delle riviste che hanno modellato l'anima del Sessantotto, ex direttore responsabile di giornali provenienti dall'area di Lotta continua, a lungo lui stesso un innocentista, Mughini percorre in queste pagine un itinerario doloroso in nome della «verità» e del bilancio ideale della sua generazione.

GLI ANNI DELLA PEGGIO GIOVENTU’

Mughini Giampiero

Ai margini della Roma che tutti conosciamo, dove il Tevere crea un'ampia ansa prima di correre verso il mare, vivono uomini e donne che sembrano essersi incontrati solo grazie alle rispettive necessità. Fra baracche e chiatte, uniti dalla gestione di una trattoria improvvisata, mentre si alternano in piccoli lavori nei campi e nella guida dei turisti cittadini attratti dai loro lavori arcaici, essi hanno formato una specie di strana comunità fuori dal tempo e dal mondo in cui siamo abituati oggi a vivere. Cesare, uno degli ultimi anguillari romani, suo fratello Guido, un bizzarro lettore di testi sacri, Victoria, una cuoca sudamericana e due ragazze dell'est dal mestiere equivoco, hanno accolto già da qualche anno un uomo in fuga. Lo chiamano tutti "il dottore" perché, se il suo nome non ama rivelarlo, sembra venuto a offire le sue cure a chi vive lì e nei dintorni. Zingari, reietti, osti, piccoli criminali, pastori clandestini, tutti chiedono al dottore di essere curati. Tutti del resto hanno intuito che questo cinquantenne vissuto sempre in città è venuto in realtà a curare se stesso. Ma qual è il suo passato? Quale l'immenso dolore che lo ha strappato alla sua casa?

È giusto obbedire alla notte

Nucci Matteo

«Se siete pronti partiamo, vi avverto però che le cose si faranno complicate». L'avvertimento di Wes, consulente di polizia chiamato a indagare su un caso di bambini scomparsi, è più che mai fondato, visto che ci si trova da subito immersi in una storia in cui niente è come sembra e il male si confonde col bene, in un crescendo vorticoso di colpi di scena inquietanti ed enigmi che implorano una soluzione. Le sue capacità investigative e l'aiuto di forze invisibili che lo accompagnano fin dalla sua infanzia aiuteranno Wes a sciogliere il tremendo intrico di delitti e minacciose presenze.

LA NOTTE DELL’ERBA CREMISI

Bussini Mario

Il fascino e la modernità del personaggio di Sofocle recano in sé una carica di suggestione tale da spingere Sannipoli a farne una riscrittura, suddivisa in atti teatrali, che ripercorre la forza di questa tragica eroina, nel cui incestuoso concepimento risiede già un destino avverso, segnato.

Antigone. Una riscrittura

Sannipoli Daniele