Narrativa

EDEN

Cortese Alessandro

Descrizione: Un'audace reinterpretazione della storia della creazione e del giardino dell'eden dal punto di vista degli angeli. Un gruppo di ribelli, tra insospettabili tradimenti ed enigmatici spiriti, decide di scoprire che cosa significhi libertà. Con un linguaggio dal sapore antico e ricco di riferimenti biblici e un'impaginazione in lettere capitali, Alessandro Cortese rivoluziona la lettura della Genesi, proiettando il lettore verso l'identificazione con Lucifero, custode della luce di eden. Un ribaltamento che seduce, invertendo l'eterna dialettica tra bene e male.

Categoria: Narrativa

Editore: ARPANet

Collana:

Anno: 2012

ISBN: 9788874260911

Recensito da Francesca Barile

Le Vostre recensioni

Ispirato alla Genesi, ma anche a Paradise Lost, il poema epico scritto dal poeta e latinista inglese John Milton, il romanzo va letto tutto d’un fiato come si usa fare per un thriller. Elementi di giallo d’azione si fondono a reminiscenze e citazioni bibliche a cui va aggiunto un pizzico di romanticismo. Le figure dei protagonisti sono tratteggiate pienamente non tanto nella descrizione narrativa quanto in azioni e dialoghi. E colpiscono anche le figure degli antagonisti, in particolare del grande antagonista che rimane nell’ombra e non ha una descrizione ben precisa.

Ambientato in un’epoca remota, pur non mancando di citazioni moderne (i protagonisti non mancano di usare pistole e revolver), “Eden” è una storia forte che colpirà gli animi più sensibilmente attratti dalla confessione cattolica e i fondamentalisti.

La tesi esposta nel libro è di sicuro audace e singolare, ma non originalissima perché in Paradiso Perduto – il poema miltoniano che affronta il tema biblico della caduta degli angeli ribelli- la figura dell’angelo della luce è dipinta come quella di un eroe indomito che rifiuta la sottomissione a un potere precostituito ed assoluto (cenno probabile alla situazione storica inglese che vedeva al potere Cromwell, alias l’angelo ribelle che insieme ai puritani aveva spazzato via la monarchia assolutistica dal paese proclamando la repubblica e giustiziando il sovrano). Anche il poeta inglese Wiliam Blake nel suo poema lungo “Milton” torna a celebrare la figura dell’angelo “malvagio”, così come farà pochi anni dopo Shelley.

Molti quindi i cenni pregressi all’esaltazione di questa figura complessa. Sempre Blake soteneva la necessità della dualità Bene-Male, ritenendo le due unità inscindibili e indispensabili per la loro esistenza, tesi che viene rivendicata sin dalle prime pagine del romanzo sia pure in maniera meno lineare.

Da sottolineare che “Eden” è solo la prima parte del progetto che l’autore porta avanti sulla rilettura della Genesi. Libro  interessante, di facile lettura per la scorrevolezza del testo,  consigliato a chi ama la suspense.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Alessandro

Cortese

Libri dallo stesso autore

Intervista a Cortese Alessandro


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

E’ colpa del cuore

Indro Pezzolla

Una saga familiare del nostro secolo in cui si rispecchiano la storia e il destino di tutto un popolo, quello cileno, nei racconti delle donne di una importante e stravagante famiglia. Un grande affresco che per fascino ed emozione può ricordare al lettore, nell'ambito della narrativa sudamericana, soltanto "Cent'anni di solitudine" di García Márquez.

LA CASA DEGLI SPIRITI

Allende Isabel

L’esordio di un nuovo, straordinario personaggio destinato a restare a lungo nel cuore e nella mente dei lettori: il detective Carl Mørk. «Buon compleanno, Merete. Oggi sono centoventisei giorni che sei qui, e questo è il nostro regalo per te. Lasceremo la luce accesa per un anno, a meno che tu non sia capace di rispondere a una domanda. Perché ti abbiamo rinchiusa?» In una bella giornata d’inverno, la giovane parlamentare Merete Lynggaard scompare senza lasciare tracce. I media si lanciano avidamente sulla storia e le ipotesi si avvicendano nei titoli: dal suicidio all’omicidio, dal tragico incidente al rapimento, fi no alla sparizione volontaria. La polizia mette in campo tutte le forze, ma senza risultato. Merete Lynggaard sembra inghiottita dalla terra. Solo quando Carl Mørk, un poliziotto tenace e polemico, decide anni dopo di impegnarsi nel caso con la sua sezione Q, il reparto speciale per i casi irrisolti, le indagini fanno un decisivo passo in avanti. Carl e il suo misterioso assistente siriano, Assad, si lanciano in una battaglia contro il tempo e contro il disegno delirante di un criminale folle.

LA DONNA IN GABBIA

Adler-Olsen Jussi

Stefan Zweig scrisse Novella degli scacchi nel 1941, pochi mesi prima di suicidarsi, insieme con la seconda moglie, nella città brasiliana di Petropolis, il 22 febbraio 1942. La notizia della sua morte fu soffocata da quelle provenienti dai fronti di guerra e così anche la sua ultima, disperata protesta, non fu che un flebile grido, quasi inudibile nel frastuono di quegli anni. Nella Novella degli scacchi lo stato d'animo di abbandono, di infinita stanchezza, di rinuncia alla lotta, che portò l'autore al suicidio, è prefigurato nella sconfitta di colui che rappresenta la sensibilità, l'intelligenza, la cultura per opera di un semianalfabeta, ottuso uomo-robot. E, a rendere ancora più crudele la disfatta dello spirito, Zweig scelse come terreno dello scontro una scacchiera. Dallo sfacelo della sua «geistigen Heimat Europa», della sua patria spirituale, l'Europa, Zweig non vuole salvare nemmeno il gioco degli scacchi, ormai appannaggio non più di uomini dotati di talento, estro, passione, ma di «campioni» come Czentovic, un rozzo quanto prodigioso accumulo di facoltà puramente meccaniche.

LA NOVELLA DEGLI SCACCHI

Stefan Zweig