Letteratura femminile

EMMANUELLE

Arsan Emmanuelle

Descrizione: Un romanzo nel quale il corpo passa da oggetto del desiderio a soggetto che desidera e cerca di appagare i propri sogni.

Categoria: Letteratura femminile

Editore: Bompiani

Collana:

Anno: 2009

ISBN:

Trama

Le Vostre recensioni

…l’erotismo – l’erotismo di qualità – rifugge dalle folle come ogni arte. Rifugge dalla mischia, dal rumore, dai lampioni da fiera, dalla volgarità. Ha bisogno del numero ristretto, di mancanza di tensione, di lusso, di scena. Ha le sue convenzioni, come il teatro“.

L’erotismo è arte, è tensione perenne verso il bello, è cambiamento costante, è rispetto delle regole: una morale della bellezza e del piacere, l’unica capace di condurre l’uomo verso la libertà e la felicità, riscattandolo dalla sua atavica natura brutale.

Perché ciò avvenga è necessario che l’individuo impari ad ascoltare il desiderio e a conoscere il proprio corpo. Non vi sono istinti elementari da soddisfare nell’erotismo, ma conoscenza e lentezza, slancio e passione, razionalità e asimmetria.

Emmanuelle Arsan – pseudonimo della scrittrice thailandese Marayat Bibidh’- ha le idee chiare sull’erotismo: il corpo esige piacere, ma ciò richiede conoscenza e preparazione. Non ci si improvvisa buoni amanti.

Emmanuelle, la protagonista di queste pagine, donna avvenente e di indole curiosa e inquieta, si lascia condurre da mani esperte – ora femminili ora maschili – alla ricerca del piacere erotico, scoprendo dentro di sé una naturale propensione per l’arte di godere.

Emmanuelle è avida di carezze capaci di indagare i suoi punti più sensibili, di penetrare le aperture del suo corpo e generare in lei il massimo godimento. Emmanuelle non è fatta solo per ricevere ma anche per donare piacere, lei “dispensatrice di più serena soddisfazione“, impegnata ad ingenerare nel partner – con la bocca, le mani ed il sesso – un flusso crescente di euforia.

Emmanuelle comprende la necessità di saper provocare da sola il proprio piacere, cosciente del fatto che “il regno dell’erotismo continuerà a restare chiuso per colui che non sa aprire la porta alla sua solitudine“; tuttavia riconosce – anche attraverso la lezione di etica erotica del seducente Mario – che, come ogni forma d’arte, anche l’erotismo necessita di spettatori per essere “arte felice“.

Ecco che allora la giovane donna si lascia prendere dal marito Jean sotto l’occhio indiscreto della servitù, si cimenta in una fellatio nel tempio dedicato al dio Priapo sotto gli occhi accesi di desiderio di uomini devoti, si denuda e masturba il suo maestro di erotismo Mario a bordo di un sam-lo che li conduce tra le vie di Bangkok, perché “una certa audacia non è affatto volgare: volgare è solo l’eccesso di pudore“.

Emmanuelle Arsan – con il suo libro uscito per la prima volta nel 1965 – ci propone un erotismo affrancato dal peso di una morale ipocrita e frustrante, finalmente libero di esprimersi al di fuori degli argini del pudore, ma regolato da dinamiche nuove e più attente alle esigenze del corpo, senza tuttavia diventare schiavo di pulsioni primitive. L’erotismo è il bello e ciò che è bello “è affrettarti a scoprire, a prendere il tuo slancio […], è fare ciò che non hai ancora tentato, […], è essere capaci di conoscere tutto, […], è ciò che non ha mai lo stesso gusto e non ha il gusto di nient’altro, […], è essere il contrario dell’animale gregario, addomesticabile e pigro, […] è dire no alla tentazione che ti immobilizza, che ti lega o che ti limita […]. Ciò che è bello è trovarsi ogni giorno un nuovo soggetto di stupore, una ragione di meraviglia“.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Emmanuelle

Arsan

Libri dallo stesso autore

Intervista a Arsan Emmanuelle


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Marta ha solo sedici anni, ma dietro i suoi begli occhi si nascondono le incisioni di segreti inconfessati, orribili ferite dall'odore nauseabondo. Gli uomini sono delle bestie, Marta è costretta a ripeterselo. L'ha imparato a sue spese, sulla sua pelle, e pagherà fino in fondo. Eppure, gli uomini sono l'unico approdo che resta, quando tutti i sogni si spengono nelle ristrettezze di una vita che offre solo la copia sbiadita di ciò che sembra luccicare nell'Occidente, così lontano eppure appena dietro l'angolo. Salvo avere la fortuna di scovarlo, l'uomo giusto. Un uomo da amare. Sempre che l'amore esista davvero. Chisinau, Moldavia... La gioventù finisce presto, da quelle parti. La spensieratezza non c'è. La vita è dura, violenta, i miti si schiantano nella realtà di tutti i giorni. Si vive border line, e si finisce sopraffatti, se si è donne, giovani, carine. Come Marta, violabile e violata, colpevole senza colpe, eroina al contrario di una storia senza speranza. E in cambio c'è solo vendetta, morte, e altra sopraffazione. Esiste una giustizia? Se esiste, è la giustizia più ingiusta che si possa meritare. La "Frivolezza" è quella dei sogni rincorsi. Ma la storia è densa, proprio come "il cristallo liquido" che nel titolo annulla e trasforma gli anni teneri di una gioventù bruciata dagli altri. Irina Turcanu scrive questa sua cronaca dell'infanzia con mano intenerita e partecipe, eppure senza fronzoli, senza mediare con l'asprezza delle tematiche scelte, con mano dura laddove la storia si fa dura. Il romanzo di una giovanissima scrittrice rumena, oggi italiana. Tenetelo di conto, ne sentirete ancora parlare.

LA FRIVOLEZZA DEL CRISTALLO LIQUIDO

Turcanu Irina

A vent'anni, Elisa ha tutto: benessere, una famiglia che la ama e la coccola (anche troppo!), un amore, interessi che le riempiono la giornata e appagano la sua sensibilità. Solo una cosa le manca, ma lei non lo sa... fino a un freddo pomeriggio invernale in cui, non sapendo come trascorrere il tempo, apre un baule pieno di vecchie fotografie. Comincia così per lei un viaggio che la porta lontano, alla ricerca del tassello capace di ricomporre il disegno della sua vita.

Alla ricerca di un cuore

Melissano Manuela

Una vita ricostruita attraverso le storie d'amore. Dodici ritratti femminili, dodici donne diversissime luna dall'altra ma accomunate dal forte e immarcescibile sentimento amoroso. Frammenti di vita che si incastrano per formare un puzzle caleidoscopico il cui risultato è sicuramente un inno all'amore, al sesso, alle donne. C'è Campy, la ragazza di campagna, che ama le moto e i motociclisti. C'è Vacuy, la perfetta groupie armata di macchina fotografica per immortalare tutti i concerti. C'è Soldy, conosciuta sui social e che presto si rivela un vero e proprio incubo. Ci sono loro e c'è il protagonista. E anche un finale insolito, inaspettato, originale. È tutta finzione o è tutta verità?

Ho smesso tutto

Il Cile

A tredici anni un amore che sboccia può sembrare un plagio. Una ragazzina che assiste a una violenza può convincersi di aver riconosciuto il responsabile e far condannare un innocente, rovinandolo e rovinandosi. Perché tutta la vita sarà segnata dalle conseguenze. La ragazzina crescerà, diventerà una scrittrice, ma non si libererà del peso dell'ingiustizia inferta a un innocente, alla propria sorella innamorata e in fin dei conti anche a se stessa.

Espiazione

McEwan Ian