Letteratura femminile

EMMANUELLE

Arsan Emmanuelle

Descrizione: Un romanzo nel quale il corpo passa da oggetto del desiderio a soggetto che desidera e cerca di appagare i propri sogni.

Categoria: Letteratura femminile

Editore: Bompiani

Collana:

Anno: 2009

ISBN:

Trama

Le Vostre recensioni

…l’erotismo – l’erotismo di qualità – rifugge dalle folle come ogni arte. Rifugge dalla mischia, dal rumore, dai lampioni da fiera, dalla volgarità. Ha bisogno del numero ristretto, di mancanza di tensione, di lusso, di scena. Ha le sue convenzioni, come il teatro“.

L’erotismo è arte, è tensione perenne verso il bello, è cambiamento costante, è rispetto delle regole: una morale della bellezza e del piacere, l’unica capace di condurre l’uomo verso la libertà e la felicità, riscattandolo dalla sua atavica natura brutale.

Perché ciò avvenga è necessario che l’individuo impari ad ascoltare il desiderio e a conoscere il proprio corpo. Non vi sono istinti elementari da soddisfare nell’erotismo, ma conoscenza e lentezza, slancio e passione, razionalità e asimmetria.

Emmanuelle Arsan – pseudonimo della scrittrice thailandese Marayat Bibidh’- ha le idee chiare sull’erotismo: il corpo esige piacere, ma ciò richiede conoscenza e preparazione. Non ci si improvvisa buoni amanti.

Emmanuelle, la protagonista di queste pagine, donna avvenente e di indole curiosa e inquieta, si lascia condurre da mani esperte – ora femminili ora maschili – alla ricerca del piacere erotico, scoprendo dentro di sé una naturale propensione per l’arte di godere.

Emmanuelle è avida di carezze capaci di indagare i suoi punti più sensibili, di penetrare le aperture del suo corpo e generare in lei il massimo godimento. Emmanuelle non è fatta solo per ricevere ma anche per donare piacere, lei “dispensatrice di più serena soddisfazione“, impegnata ad ingenerare nel partner – con la bocca, le mani ed il sesso – un flusso crescente di euforia.

Emmanuelle comprende la necessità di saper provocare da sola il proprio piacere, cosciente del fatto che “il regno dell’erotismo continuerà a restare chiuso per colui che non sa aprire la porta alla sua solitudine“; tuttavia riconosce – anche attraverso la lezione di etica erotica del seducente Mario – che, come ogni forma d’arte, anche l’erotismo necessita di spettatori per essere “arte felice“.

Ecco che allora la giovane donna si lascia prendere dal marito Jean sotto l’occhio indiscreto della servitù, si cimenta in una fellatio nel tempio dedicato al dio Priapo sotto gli occhi accesi di desiderio di uomini devoti, si denuda e masturba il suo maestro di erotismo Mario a bordo di un sam-lo che li conduce tra le vie di Bangkok, perché “una certa audacia non è affatto volgare: volgare è solo l’eccesso di pudore“.

Emmanuelle Arsan – con il suo libro uscito per la prima volta nel 1965 – ci propone un erotismo affrancato dal peso di una morale ipocrita e frustrante, finalmente libero di esprimersi al di fuori degli argini del pudore, ma regolato da dinamiche nuove e più attente alle esigenze del corpo, senza tuttavia diventare schiavo di pulsioni primitive. L’erotismo è il bello e ciò che è bello “è affrettarti a scoprire, a prendere il tuo slancio […], è fare ciò che non hai ancora tentato, […], è essere capaci di conoscere tutto, […], è ciò che non ha mai lo stesso gusto e non ha il gusto di nient’altro, […], è essere il contrario dell’animale gregario, addomesticabile e pigro, […] è dire no alla tentazione che ti immobilizza, che ti lega o che ti limita […]. Ciò che è bello è trovarsi ogni giorno un nuovo soggetto di stupore, una ragione di meraviglia“.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Emmanuelle

Arsan

Libri dallo stesso autore

Intervista a Arsan Emmanuelle


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Berenice di Edgar Allan Poe

È sabato mattina e Rosie e Jonathan sono a letto in un momento di intimità, quando il telefono inizia a squillare senza tregua. Sul display compare un numero sconosciuto. Ancora non sanno che quella telefonata di per sé insignificante manderà all'aria tutta la loro vita. Più che quarantenni, Rosie e Jonathan sono gli unici fra i loro amici a non aver messo su famiglia e a vivere da eterni fidanzati in un quadrilocale che sembra arredato da due studenti. Impossibile immaginare che a pochi giorni da quel sabato Jonathan si inginocchierà davanti a Rosie chiedendole di sposarlo e seguirlo in California! La prima a storcere il naso di fronte all'improvvisa proposta è l'energica nonna Soapie: sognatrice, anticonformista, irriverente, Soapie ha sempre spronato Rosie a osare nella vita, a coltivare le sue passioni e seguire i suoi desideri. Per questo non capisce cosa spinga la nipote sull'altra sponda dell'oceano, dietro a un ragazzotto con la passione per le tazzine di porcellana. Ma il destino è sempre pronto a stuzzicarci e quando Rosie sarà messa di fronte a un'altra scelta cruciale, dovrà per forza decidere quale partita giocare. Perché la grande regola della vita è che non è mai troppo tardi per correggere il tiro e la felicità è sempre più vicina di quanto immaginiamo. Basta ricordarselo.

Non c’è niente che non va, almeno credo

Dawson Maddie

Lidio Cervelli è figlio unico di madre vedova. Un bravo ragazzo, finché alla festa organizzata al Circolo della Vela non arriva Helga: bella, disinibita e abbastanza ubriaca. Lirica, la severa madre di Lidio, abile e ricca imprenditrice dell'edilizia, ha vedute molto diverse. Suo figlio deve trovare una moglie "made in Italy", una ragazza come si deve. Magari la nipote del professor Eugeo Cerretti, Eufemia, un ottimo partito con un piccolo difetto: è brutta da far venire il mal di pancia solo a guardarla. Ma forse Lidio ha trovato il modo per uscire dalla trappola e realizzare tutti i suoi sogni: durante un sopralluogo per un lavoro di ristrutturazione, in un muro maestro scova un gruzzolo di monete d'oro, nascosto chissà da chi e chissà quando. Intorno a questo quintetto e al tesoro di Lidio, un travolgente coro di comprimari. A cominciare dalle due donne più belle del paese: Olghina, giovane sposa del potente professor Cerretti, che fa innamorare Avano Degiurati, direttore della Banca del Mandamento; e Anita, la moglie del muratore Campesi, di cui si incapriccia Beppe Canizza, il focoso segretario della locale sezione del Partito. E poi l'Os de Mort, di professione "assistente contrario", cuochi e contrabbandieri, l'astuto prevosto e l'azzimato avvocato... Immancabili, a vigilare e indagare, i carabinieri guidati dal maresciallo Maccadò.

GALEOTTO FU IL COLLIER

Vitali Andrea

Leggere questo libro significa fare un viaggio. Prendere per mano, o meglio farsi prendere per mano da Bruno, un bambino di nove anni, e cominciare a camminare. Presto o tardi si arriverà davanti a un recinto. Uno di quei recinti che esistono in tutto il mondo, uno di quelli che ci si augura di non dover mai varcare. Siamo nel 1942 e il padre di Bruno è il comandante di un campo di sterminio. Non sarà dunque difficile comprendere che cosa sia questo recinto di rete metallica, oltre il quale si vede una costruzione in mattoni rossi sormontata da un altissimo camino. Ma sarà amaro e doloroso, com'è doloroso e necessario accompagnare Bruno fino a quel recinto, fino alla sua amicizia con Shmuel, un bambino polacco che sta dall'altro lato della rete, nel recinto, prigioniero. John Boyne ci consegna una storia che dimostra meglio di qualsiasi spiegazione teorica come in una guerra tutti sono vittime, e tra loro quelli a cui viene sempre negata la parola sono proprio i bambini. Età di lettura: da 12 anni.

Il bambino con il pigiama a righe

Boyne John