Narrativa

ENON

Harding Paul

Descrizione: Quasi tutti i Crosby, da Howard a George Washington, hanno lasciato vedove le mogli e orfani i figli. Charlie Crosby costituisce l'eccezione. Il destino è scritto diversamente per lui. Nipote di George Washington, Charlie vive a Enon, una piccola città a nord di Boston. Pittura case, e a volte gli capita di tagliare l'erba nei giardini e spalare la neve. Una vita fatta di piccole cose: camminare nei boschi con Kate, contemplare Susan, la moglie. Un giorno però irrompe, crudele, insensata, terribile, la tragedia. In un piovoso pomeriggio di settembre che annuncia la fine dell'estate, mentre sta rientrando in auto dopo una passeggiata nei boschi, Charlie riceve una telefonata di Susan. Con la voce spezzata dal dolore, la moglie gli dice che un automobilista ha travolto Kate mentre tornava in bici dalla spiaggia. La fine della ragazza lascia macigni pesanti sul cuore di Charlie. Susan cerca di reagire, di non soccombere alla sofferenza, ma Charlie cede di schianto. Un giorno, dopo aver trascorso quasi tutta la notte seduto al buio, esausto e senza riuscire a dormire, Charlie scaglia un pugno contro la parete del pianerottolo. Susan se ne torna a casa dei suoi, nella sua vecchia camera da letto, che la madre usa per cucire ormai da vent'anni. Sembrerebbe tutto perduto per il nipote di George Washington Crosby. Tuttavia, da qualche parte è ancora all'opera la semplicità salvifica della natura e del mondo.

Categoria: Narrativa

Editore: Neri Pozza

Collana:

Anno: 2013

ISBN:

Recensito da Gloria Somaini

Le Vostre recensioni

Ma è una maledizione, una condanna, quasi un atto di provocazione, venire risvegliati dal proprio stato di non essere, evocati da una massa di terra e fieno, accesi come una fiamma e spediti a barcollare in mezzo ai sassi e alle ossa di questa terra, tra pianti preoccupazioni e rovine, con niente su cui riflettere che non sia l’imminente ritorno nell’oblio, costretti a inventarci sperane tanto artificiose quanto ingannevoli e prive di fondamento, destinate a bruciarsi nel momento stesso in cui trovano un qualcuno o un qualcosa cui rivolgersi se non prima ancora, valide come verità solo quando le inventiamo per noi stessi o le raccontiamo ad altri intorno a un fuoco, o dentro una stamberga, mentre tutti noi crepiamo di freddo o di fame, complottiamo, contempliamo slealtà, tradimenti, omicidi o la disperazione insita in ogni amore; o concepiamo delle figlie, ci rallegriamo dei loro successi in modo che, quando ci vengono tolte, la disperazione possa sgorgare ancor più copiosa dai nostri cuori, creati solo per essere infranti. E non esiste maledizione peggiore, perché i cuori infranti continuano a battere.

Paul Harding esordisce nel 2009 con il romanzo L’ultimo inverno, primo tassello di una trilogia che ha in Enon il suo seguito. Vincitore del Premio Pulitzer nel 2010, in questo suo secondo libro Harding racconta la storia di Charlie, discendente della famiglia Crosby, che a differenza dello stuolo dei suoi antenati, mercanti ed esperti di orologi, si ritrova a essere un semplice giardiniere, a vivere in una casa mediocre e senza particolari prospettive per il futuro. L’unica gioia della sua vita è la figlia tredicenne Kate, con la quale condivide momenti speciali che lo riportano alla sua infanzia, come recarsi nei boschi e offrire semi di papavero agli uccellini, oppure andare in bicicletta per ore. Il legame tra Kate e suo padre tiene in piedi l’intera famiglia, perché l’amore di entrambi i genitori per l’unica figlia è così forte che anche i loro litigi passano immediatamente in secondo piano, perdendo importanza in confronto al benessere di Kate.

Purtroppo un giorno la tragedia irrompe nella tranquilla vita di Charlie: poco dopo il tredicesimo compleanno di Kate, la ragazza viene travolta da un’auto mentre sta facendo una gita in bici con la sua migliore amica e muore sul colpo. Da quell’istante, gli avvenimenti si succedono sotto gli occhi del lettore come se Charlie, invece che viverli coscientemente, si limitasse a fornirne una cronaca molto succinta, intervallata a profondi sfoghi emotivi che descrivono sapientemente le varie fasi del lutto. Il protagonista del romanzo di Harding non è un uomo ma è il suo dolore, un dolore di tipo così profondo e aggressivo che toglie il fiato anche a chi legge, il quale può solo cercare di girare le pagine il più in fretta possibile per sperare di scorgere una via d’uscita. La morte di Kate porta Charlie a scostarsi sempre più dal mondo esterno per concentrarsi sulla propria sofferenza che di giorno in giorno assume tratti sempre più mostruosi e si trasforma in autolesione, trascinando il padre di Kate a imbottirsi di farmaci e alcool per cercare di mettere a tacere i propri pensieri. Charlie si rompe una mano dando un pugno contro il muro appena prima che la moglie lo lasci, e all’ospedale gli danno degli antidolorifici molto potenti; ben presto si ritrova a far visita a tutti gli ospedali della contea per cercare di ottenere altre pillole. Gli unici momenti in cui esce di casa sono per andare a comprare sigarette e wisky, oppure di notte, quando vaga come un sonnambulo in cerca della sua Kate, terminando i suoi pellegrinaggi nel cimitero del paese, dove però si rende conto del suo stato e si nasconde alla vista della tomba della figlia.

Una vicenda spaventosamente reale che ricorda il valore della vita e di ogni suo singolo istante, raccontando il lungo e faticoso viaggio di Charlie verso la rinascita, che arriva proprio quando non si aspetta più, gettando dei semi di speranza su un terreno che fino a quel momento si credeva incapace di produrre frutti. Una storia amara ma dal retrogusto familiare, che riporta alla mente quello che spesso tutti noi cerchiamo di dimenticare.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Paul

Harding

Libri dallo stesso autore

Intervista a Harding Paul

Finalmente qualcosa in comune tra lo Sheikh Zayed e l’Arabic Booker

Ferrara 2002. La sindrome di Behçet costringe Iduccia Malacarne, scrittrice all'apice della fama, a cercare una sosia che la sostituisca in quella che dovrebbe essere la sua ultima presentazione letteraria. Ultima, per un patto stretto diciotto anni prima. Giulia, universitaria e attrice alle prime armi, viene scelta per impersonare Iduccia… Dovrebbe mantenere il più stretto riserbo ma, prima di scomparire, confida a Maristella d'essere stata portata a Palazzo Malacarne. Quel SMS fa scattare il piano diabolico di Iduccia perché nessuno deve saperla malata o fragile. Maristella, con l'aiuto di Marco, si mette alla ricerca di Giulia. Anche Iduccia resta vittima di un piano che neanche Athos e Neide, i suoi fidati factotum e governante, riescono a impedire. Chi risorgerà dalle ceneri: Iduccia o Giulia? Un romanzo sul tradimento, sulla fedeltà, sulla vendetta e… sulle seconde opportunità.

Il male allo specchio

Conventi Gaia

«Duca Lamberti è un investigatore atipico, disincantato e arrabbiato, immerso nella folla e nella sua città, tra mafie, seduttori, ipocrisie di ogni specie e grandezza. Scerbanenco nei romanzi di Lamberti, il suo aggressivo e per nulla politicamente corretto alter ego, forse può finalmente far venire a galla il motivo per cui anche lui, come il suo personaggio, non riesce a dormire.» (Dalla prefazione di Cecilia Scerbanenco) Si imparano molte cose in tre anni di carcere passati a raccogliere le storie d’innocenza dei propri compagni di cella, tutti Abele uccisi da Caino e tutti Adamo corrotti da Eva. Duca Lamberti – un ex medico condannato per aver aiutato un’anziana paziente a morire – in prigione ha imparato ad ascoltare, e a non parlare troppo. Per questo un ricco imprenditore, Pietro Auseri, lo ha scelto per un compito che gli sta particolarmente a cuore: salvare il figlio Davide da un’improvvisa depressione annegata nell’alcool. Forse per riscattare la sua vita dedicata agli altri, o forse solo per curiosità, Lamberti accetta di prendersi cura del giovane Auseri, entrando in confidenza con lui fino a stanare il segreto che lo ha gettato nel buio. È una storia che porta alle strade poco battute della periferia di Milano, dove la nebbia custodisce i segreti di amanti e criminali che si dividono la notte, fino al corpo di una giovane ragazza che cercava una vita migliore e ha trovato la morte. Gli unici indizi, un rullino di fotografie bollenti e una donna combattiva, Livia, che applica alla realtà gli imperativi categorici della filosofia. In una città tentacolare e seduttiva come le anime peccatrici che la abitano, Duca Lamberti ha cominciato a indagare.

Venere privata

Scerbanenco Giorgio

A cento anni dalla morte del drammaturgo Ercole Luigi Morselli (1882-1921) il libro ripercorre alcuni momenti della sua vicenda esistenziale attraverso il racconto, tra realtà storica e finzione letteraria, della moglie Bianca. Bianca Bertucci, vedova Morselli, nel 1925 si trova nel convento di San Giovanni Rotondo, dove ha deciso di ritirarsi insieme alla figlia Giuliana, dopo la morte del marito. Qui rievoca la sua vita insieme a Ercole Luigi, concentrandosi sugli anni 1905 e 1906, periodo in cui si sono conosciuti, innamorati e, infine, sposati. Lei, promettente pianista romana, allieva del maestro Sgambati a Santa Cecilia, condividerà le sorti alterne del suo amato con ostinata abnegazione. Lui, giovane intellettuale pesarese, elegante, avventuroso e pronto a conquistare il mondo, si avvicinerà più volte al successo e altrettante precipiterà nel fallimento artistico. Solo nel 1919, quando il suo Glauco trionfa al Teatro Argentina di Roma, verrà celebrato come nuovo astro nascente della drammaturgia italiana. Non avrà però il tempo di godersi la fama, poiché due anni dopo morirà di tubercolosi. Bianca gli sopravvive a lungo conservando nella propria anima e nel proprio corpo le stigmate di un amore assoluto che la condurrà alle soglie della follia.

La signora M

Valtieri Maurizio