Narrativa

ENON

Harding Paul

Descrizione: Quasi tutti i Crosby, da Howard a George Washington, hanno lasciato vedove le mogli e orfani i figli. Charlie Crosby costituisce l'eccezione. Il destino è scritto diversamente per lui. Nipote di George Washington, Charlie vive a Enon, una piccola città a nord di Boston. Pittura case, e a volte gli capita di tagliare l'erba nei giardini e spalare la neve. Una vita fatta di piccole cose: camminare nei boschi con Kate, contemplare Susan, la moglie. Un giorno però irrompe, crudele, insensata, terribile, la tragedia. In un piovoso pomeriggio di settembre che annuncia la fine dell'estate, mentre sta rientrando in auto dopo una passeggiata nei boschi, Charlie riceve una telefonata di Susan. Con la voce spezzata dal dolore, la moglie gli dice che un automobilista ha travolto Kate mentre tornava in bici dalla spiaggia. La fine della ragazza lascia macigni pesanti sul cuore di Charlie. Susan cerca di reagire, di non soccombere alla sofferenza, ma Charlie cede di schianto. Un giorno, dopo aver trascorso quasi tutta la notte seduto al buio, esausto e senza riuscire a dormire, Charlie scaglia un pugno contro la parete del pianerottolo. Susan se ne torna a casa dei suoi, nella sua vecchia camera da letto, che la madre usa per cucire ormai da vent'anni. Sembrerebbe tutto perduto per il nipote di George Washington Crosby. Tuttavia, da qualche parte è ancora all'opera la semplicità salvifica della natura e del mondo.

Categoria: Narrativa

Editore: Neri Pozza

Collana:

Anno: 2013

ISBN:

Recensito da Gloria Somaini

Le Vostre recensioni

Ma è una maledizione, una condanna, quasi un atto di provocazione, venire risvegliati dal proprio stato di non essere, evocati da una massa di terra e fieno, accesi come una fiamma e spediti a barcollare in mezzo ai sassi e alle ossa di questa terra, tra pianti preoccupazioni e rovine, con niente su cui riflettere che non sia l’imminente ritorno nell’oblio, costretti a inventarci sperane tanto artificiose quanto ingannevoli e prive di fondamento, destinate a bruciarsi nel momento stesso in cui trovano un qualcuno o un qualcosa cui rivolgersi se non prima ancora, valide come verità solo quando le inventiamo per noi stessi o le raccontiamo ad altri intorno a un fuoco, o dentro una stamberga, mentre tutti noi crepiamo di freddo o di fame, complottiamo, contempliamo slealtà, tradimenti, omicidi o la disperazione insita in ogni amore; o concepiamo delle figlie, ci rallegriamo dei loro successi in modo che, quando ci vengono tolte, la disperazione possa sgorgare ancor più copiosa dai nostri cuori, creati solo per essere infranti. E non esiste maledizione peggiore, perché i cuori infranti continuano a battere.

Paul Harding esordisce nel 2009 con il romanzo L’ultimo inverno, primo tassello di una trilogia che ha in Enon il suo seguito. Vincitore del Premio Pulitzer nel 2010, in questo suo secondo libro Harding racconta la storia di Charlie, discendente della famiglia Crosby, che a differenza dello stuolo dei suoi antenati, mercanti ed esperti di orologi, si ritrova a essere un semplice giardiniere, a vivere in una casa mediocre e senza particolari prospettive per il futuro. L’unica gioia della sua vita è la figlia tredicenne Kate, con la quale condivide momenti speciali che lo riportano alla sua infanzia, come recarsi nei boschi e offrire semi di papavero agli uccellini, oppure andare in bicicletta per ore. Il legame tra Kate e suo padre tiene in piedi l’intera famiglia, perché l’amore di entrambi i genitori per l’unica figlia è così forte che anche i loro litigi passano immediatamente in secondo piano, perdendo importanza in confronto al benessere di Kate.

Purtroppo un giorno la tragedia irrompe nella tranquilla vita di Charlie: poco dopo il tredicesimo compleanno di Kate, la ragazza viene travolta da un’auto mentre sta facendo una gita in bici con la sua migliore amica e muore sul colpo. Da quell’istante, gli avvenimenti si succedono sotto gli occhi del lettore come se Charlie, invece che viverli coscientemente, si limitasse a fornirne una cronaca molto succinta, intervallata a profondi sfoghi emotivi che descrivono sapientemente le varie fasi del lutto. Il protagonista del romanzo di Harding non è un uomo ma è il suo dolore, un dolore di tipo così profondo e aggressivo che toglie il fiato anche a chi legge, il quale può solo cercare di girare le pagine il più in fretta possibile per sperare di scorgere una via d’uscita. La morte di Kate porta Charlie a scostarsi sempre più dal mondo esterno per concentrarsi sulla propria sofferenza che di giorno in giorno assume tratti sempre più mostruosi e si trasforma in autolesione, trascinando il padre di Kate a imbottirsi di farmaci e alcool per cercare di mettere a tacere i propri pensieri. Charlie si rompe una mano dando un pugno contro il muro appena prima che la moglie lo lasci, e all’ospedale gli danno degli antidolorifici molto potenti; ben presto si ritrova a far visita a tutti gli ospedali della contea per cercare di ottenere altre pillole. Gli unici momenti in cui esce di casa sono per andare a comprare sigarette e wisky, oppure di notte, quando vaga come un sonnambulo in cerca della sua Kate, terminando i suoi pellegrinaggi nel cimitero del paese, dove però si rende conto del suo stato e si nasconde alla vista della tomba della figlia.

Una vicenda spaventosamente reale che ricorda il valore della vita e di ogni suo singolo istante, raccontando il lungo e faticoso viaggio di Charlie verso la rinascita, che arriva proprio quando non si aspetta più, gettando dei semi di speranza su un terreno che fino a quel momento si credeva incapace di produrre frutti. Una storia amara ma dal retrogusto familiare, che riporta alla mente quello che spesso tutti noi cerchiamo di dimenticare.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Paul

Harding

Libri dallo stesso autore

Intervista a Harding Paul

1 – Introduzione alla sezione letteratura latina

Un misantropo appassionato di Stendhal, nascosto in un villaggio della Savoia, viene misteriosamente rapito e abbandonato in una foresta. Una bella signora bionda, esperta guidatrice, perde il controllo dell’auto e finisce fuori strada. Intanto in Bretagna un uomo che ogni giorno faceva la sua passeggiata in riva al mare incontra due sconosciuti che lo terrorizzano. Ma il lettore capisce presto che questo non è un classico romanzo poliziesco. Gli aggressori non sono né agenti segreti né trafficanti. Non aggrediscono dei duri ma delle persone miti. Ce l’hanno in particolare con un libraio ribelle, con una malinconica ereditiera e con la libreria che i due hanno creato senza mai pensare che potesse suscitare tanto odio. Chi, tra gli appassionati della letteratura, non ha mai sognato di aprire una libreria ideale dove si vendessero solo i libri più amati? Lanciandosi nell’avventura, Francesca e Ivan, i due librai, sapevano che non sarebbe stato facile. Come scegliere i libri? Come far quadrare i conti? Ma ciò che non avevano previsto era il successo. Un successo che però scatena una sorprendente sfilza di invidie e aggressioni.

LA LIBRERIA DEL BUON ROMANZO

Cossé Laurence

Tre giovani seminaristi sono testimoni involontari della morte misteriosa dello scultore Gianni Malatesta mentre, di prima mattina, attraversano il sagrato della Basilica di San Michele Maggiore, a Pavia, avvolto nella nebbia. Ingaggiati dalla moglie del Malatesta per far luce sulla vicenda - e sul passato del marito - Sambuco e Dell'Oro dovranno riannodare i fili di una storia popolata da "fantasmi" del passato e del presente, che si radica molti anni addietro - durante la Resistenza, negli anni '70 e ai giorni nostri - tra l'Oltrepò, la Riviera Ligure e Pavia. Relazioni sospette tra loschi personaggi, atmosfere familiari solo in apparenza tranquille e colpi di scena caratterizzano la nuova indagine di Sambuco e Dell'Oro all'ombra della maestosa Basilica di San Michele.

Il fantasma di San Michele

Reali Alessandro

Per il bene dell'intero universo, il professor Martin deve essere eliminato. E con lui chiunque sia al corrente delle sue scoperte. Ma a causa di un contrattempo, l'alieno mandato sulla Terra si materializza ai bordi di un'autostrada, in una sera fredda e umida, completamente nudo, nonché privo delle più basilari nozioni della vita sociale. Inizia cosi una divertente commedia degli errori, in cui il finto professor Martin impara a vivere da terrestre. E ben presto, contro le previsioni aliene, la forzata vicinanza con la specie umana, soprattutto con i due esemplari (moglie e figlio) che compongono la famiglia del professore, lo costringe a rivedere il suo giudizio, passando dal più completo disgusto a un'inconfessabile simpatia. Certo, i terrestri sono tutt'altro che perfetti, eppure hanno inventato la poesia, la musica e persino il burro di arachidi...

Gli umani

Haig Matt