Cronache di un’illusione


Nicola D'Avino

“Forse è una forma di pazzia, scrivere. La gente pensa sia un dono… Così mi vengon le parole, non sono io a scrivere, son loro a cercarmi in perenne conflitto con la razionalità e in letale alleanza con i miei pensieri. Sono le parole a cercarmi, sanno che la porta è aperta, per loro… E’ malattia eppur salvezza, lo scrivere per me. Mi depura dal ‘nero’ che ho dentro, lo libero macchiando di oscurità queste pagine. Ne ho bisogno”.

Nicola D’Avino, giovane scrittore agli esordi, cimentandosi nella non semplice misura del racconto, ci presenta, brano dopo brano, una sorta di autobiografia ‘metafisica’ dove realtà ed apparenza, verità e bugia, vittoria e sconfitta si sovrappongono confondendosi continuamente.

Nick David, alter ego dell’autore, si trova ad un bivio cruciale: accettare di piegarsi al conformismo di una vita vissuta per ‘tirare a fine mese’ oppure dedicarsi con caparbietà alla scrittura grazie alla quale è forse ancora possibile un vero riscatto. Nel racconto che dà il titolo alla raccolta lo scrivere è una marea che inevitabilmente sale e trabocca, è l’unico mezzo per assaporare la Libertà e per cercare di conoscere la Speranza.

Originale e per niente scontato è l’utilizzo di diversi piani narrativi che, incastrandosi l’uno nell’altro, riescono, grazie all’effetto di ‘racconto nel racconto’, a stemperare in un ironico surrealismo la tensione negativa di alcune situazioni. Lo stile rapido e colloquiale, a tratti addirittura gergale, stupisce per la continua ricerca dell’invenzione, della frase ad effetto, della battuta sdrammatizzante.

Scrittore, Nicola D’Avino, che sta certamente affrontando un percorso formativo alla ricerca di una cifra stilistica il più possibile aderente alla propria sensibilità e che vorremmo incontrare di nuovo per potere apprezzare l’evoluzione dei suoi lavori.

Categoria:

Anno: 2010

Lingua:

Ialiano

SEI UNA CASA EDITRICE?

i-Libri ti offre la possibilità di scaricare la versione intera e contattare l'autore direttamente

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati