Narrativa

Espiazione

McEwan Ian

Descrizione: A tredici anni un amore che sboccia può sembrare un plagio. Una ragazzina che assiste a una violenza può convincersi di aver riconosciuto il responsabile e far condannare un innocente, rovinandolo e rovinandosi. Perché tutta la vita sarà segnata dalle conseguenze. La ragazzina crescerà, diventerà una scrittrice, ma non si libererà del peso dell'ingiustizia inferta a un innocente, alla propria sorella innamorata e in fin dei conti anche a se stessa.

Categoria: Narrativa

Editore: Einaudi

Collana: Super ET

Anno: 2016

ISBN: 9788806227340

Recensito da Gabriele Lanzi

Le Vostre recensioni

Espiazione di Ian McEwan

Un litigio avvenuto nei pressi di una fontana, una lettera che non si sarebbe mai dovuta leggere, un momento di passione tra un ragazzo e una ragazza vissuto in una biblioteca. Sono questi tre elementi a instillare nella mente della tredicenne Briony Tallis, aspirante scrittrice, una visione del tutto errata, un misunderstanding con conseguenze disastrose per i diretti interessati, troncando così sul nascere un’intensa storia d’amore. Da questa sbagliata interpretazione nascerà dunque il senso di colpa che attanaglierà Briony per il resto dei giorni, al quale seguirà  la conseguente e necessaria Espiazione che dà il titolo a questo celebre romanzo di McEwan. Come se non fosse abbastanza, la Storia con la “s” maiuscola decide di metterci lo zampino: scoppia la Seconda Guerra Mondiale e la principale vittima del suddetto malinteso, assoldato dall’esercito britannico, si ritrova a dovere scappare dalla Francia occupata dai nazisti, nella famosa ritirata verso Dunkerque per tornare in Inghilterra.

Espiazione non è un libro leggero, per lo meno nella prima parte. Il linguaggio di McEwan risulta piuttosto ampolloso, la storia può apparire abbastanza inconsistente e quasi banale. Superato lo scoglio iniziale però la vicenda comincia a svelarsi per quello che è, fino alle pagine finali che dischiudono l’intero significato dell’opera: un atto d’amore nei confronti della scrittura, una riflessione  sul potere e le responsabilità dell’autore che, con la sua fantasia, può dare voce ai personaggi, crearli e, allo stesso tempo, distruggerli. La scrittura può diventare quindi una disciplina in grado di cambiare la storia, riparare errori e regalare l’eternità. Di questo la Briony, diventata scrittrice e giunta in tarda età, è pienamente conscia, tanto che assimila la figura dello scrittore, che decide sui destini altrui, a quella di Dio riflettendo sul fatto che “Non esiste nessuno, nessuna entità superiore a cui possa fare appello, per riconciliarsi… Non c’è espiazione per Dio, né per il romanziere, nemmeno se fossero atei”.

Il sito web di Ian McEwan

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Ian

Mcewan

Libri dallo stesso autore

Intervista a McEwan Ian


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

“Ci sono momenti nella vita…” in cui si vorrebbe scomparire, “mandare avanti veloce”, come davanti a un film dell’orrore. E questo per Consolata Bogetto, nome dovuto alla delirante fede di sua madre, è uno di quei momenti. Mentre aspetta l’autobus, sotto una pioggia scrosciante, ovviamente sprovvista di ombrello, in attesa di raggiungere l’odiato ma inevitabile pranzo domenicale dai suoi, incontra l’uomo che le ha spezzato il cuore. E ovviamente lei non è, come in tutti i sogni a occhi aperti che ha fatto nell’ultimo anno (e tre mesi e relativi giorni e ore), accompagnata da un uomo meraviglioso e adorante, fasciata in un abitino sexy, nel privé di un locale trendy. Ma è in mezzo alla strada, con i capelli incollati al volto e il trucco sciolto, mentre lui la saluta da un ombrello formato gigante accanto alla nuova impeccabile compagna e a una carrozzina rosa. Quando si dice “fortuna”. Meno male che nella sua vita ci sono alcuni punti fermi. La famiglia: una madre logorroica che per vederla sposata sarebbe pronta a uccidere e una sorella minore già sistemata da anni. Il lavoro in una libreria che le ha dato grandi soddisfazioni, come passare dal reparto “Hobby e Turismo” a “Gola e Cucina” dopo solo dieci anni. Per non parlare del suo migliore amico che, da quando ha ben pensato di innamorarsi della donna perfetta (cuore di Madre Teresa e corpo di Nicole Kidman), la trascura. Ma forse a tutto questo c’è una soluzione.

QUASI QUASI M’INNAMORO

Mittone Anna

Il volume raccoglie due dei più importanti romanzi di Joseph Roth. Nella Leggenda del santo bevitore Andreas, un clochard, vive sotto i ponti di Parigi. Quando un misterioso passante gli dona una piccola somma di denaro, egli la accetta promettendo di restituirla la domenica successiva con un'offerta in chiesa. Ogni volta che ha in tasca il denaro sufficiente per saldare il suo debito, però, Andreas non resiste alla tentazione di usarlo per rincorrere vizi e piaceri e la restituzione di quei duecento franchi diventa la sua tormentata ragione di esistere. Da questo racconto, tradotto in tutto il mondo e considerato il testamento letterario di Roth, è tratto l'omonimo film di Ermanno Olmi. In Fuga senza fine, Franz Tunda, tenente dell'esercito austriaco, viene fatto prigioniero dai russi e riesce a salvarsi grazie all'aiuto di un mercante di pellicce siberiano, che lo nasconde in casa sua. A guerra finita, Franz, dopo molte peripezie e avventure sentimentali, ritorna finalmente in Austria, ma ormai non è più lo stesso. Metafora del disincanto e dello smarrimento che ha colpito la generazione vissuta in Europa tra le due guerre, questo breve e intenso romanzo è considerato il più autobiografico tra quelli di Roth.

FUGA SENZA FINE

Roth Joseph

Colorare di giallo…

Un figlio determinato a riuscire dove il padre ha fallito e pronto a tutto per annientare gli Shadowhunters...

Shadowhunters 5. Città delle anime perdute

Clare Cassandra