Narrativa

Essere mortale

Gawande Atul

Descrizione: «Intimità e controllo sulla propria vita non c’erano piú. Alice per la maggior parte del tempo portava vestiti dell’ospedale. Si svegliava quando glielo dicevano, si lavava e si vestiva quando glielo dicevano, mangiava quando glielo dicevano. Alice si sentiva in prigione, come se l’avessero messa dentro per vecchiaia». Atul Gawande descrive e discute le principali difficoltà dei servizi assistenziali per gli anziani nell’Occidente industriale attraverso le storie paradigmatiche degli ultimi anni di vita di alcuni personaggi conosciuti personalmente. E propone alternative. La sua tesi è che lo stesso sistema sanitario che ha trasformato le nostre vite allungandole straordinariamente è però anche responsabile di una medicalizzazione della vecchiaia, in un’ottica concentrata esclusivamente sul binomio «sicurezza e salute» a discapito della centralità – soprattutto per le persone molto anziane – del controllo sulle proprie scelte di vita, anche di fronte alla morte.

Categoria: Narrativa

Editore: Einaudi

Collana: Frontiere Einaudi

Anno: 2016

ISBN: 9788806226701

Recensito da Adela Cristina Hordoan

Le Vostre recensioni

“Per come la vedevamo noi, e per come la vedevano i nostri docenti, obiettivo dell’istruzione universitaria era insegnare a salvare vite, non a prendersi cura di come finivano.”

Attraverso le storie dei suoi pazienti e delle persone a lui care, in “Essere mortale” Atul Gawande affronta il tema della terminalità della vita e del morire.

La medicina è portata a leggere la morte come un fallimento del progresso e della tecnica, non più come un processo naturale e fisiologico. La cultura stessa tende ad allontanare la morte, relegando i malati terminali in strutture fortemente ospedalizzate, gli anziani nelle case di riposo, i cimiteri fuori dalle città.

Di morte si parla sempre meno e, quando lo si fa, spesso la si nasconde dietro la freddezza del tecnicismo o dietro terapie che hanno più a che fare con l’accanimento terapeutico che con il prendersi cura e la palliazione.

Atul Gawande si avvicina a una medicina comprensiva della persona, non solo del corpo malato, anche nel fine vita. Racconta la sua esperienza medica attraverso le storie dei suoi pazienti, la sua esperienza personale attraverso la storia della sua famiglia. Si mostra professionista sensibile ed esperto, aperto al dialogo su temi sensibili e di grande attualità. Un dialogo con professionisti del suo stesso calibro, ma soprattutto con le persone che stanno vivendo la fase terminale della vita e possono scegliere come viverla al meglio.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Atul

Gawande

Libri dallo stesso autore

Intervista a Gawande Atul

Chi ha ucciso un bel sassofonista biondo mentre suonava, di notte, sulla spiaggia al chiaro di luna? Dopo aver scontato una pena di tredici anni, il presunto colpevole si dichiara innocente e fa ripartire un'indagine che si credeva chiusa, scuotendo gli ambienti dell'alta borghesia di Salerno e Napoli. Tra le confidenze di un falso cieco, gli scongiuri di una fattucchiera, la gelosia di un femminiello e i loschi affari di un monnezzaro, l'avvocato Federico Brizzi riesce a smuovere l'infallibile commissario Baricco. In una soffocante estate napoletana, questa improvvisata coppia di indomiti investigatori arriverà alla sconvolgente soluzione del caso, liberamente ispirato a una storia vera, attraverso colpi di scena e antiche verità.

LE NOTTI DELLA MACUMBA

Carlomagno Piera

Libro dell’inquietudine

Einaudi

Il romanzo ruota attorno alla vedovanza di dona Flor e al suo lutto stretto, vissuto nel ricordo di Vadinho, delle loro ambizioni, del fidanzamento e dello sposalizio. Coglie l'intimità della giovane vedova, il suo riserbo, le sue notti insonni e la sua insoddisfazione. Racconta di come arrivò onorata al suo secondo matrimonio, quando il fardello del defunto cominciava a pesare sulle sue spalle, e di come visse in pace e armonia, senza dispiaceri né soprassalti, con suo bravo secondo marito, nel mondo della farmacologia e della musica. E mentre lei brilla nei salotti e il coro dei vicini le ricorda la sua felicità, Vadinho, nel suo corpo astrale, la visita, la corteggia, le elargisce gioie eccezionali e consigli formidabili.

Dona Flor e i suoi due mariti

Amado Jorge

Nella Roma fastosa, corrotta e sanguinaria dei papi rinascimentali, in cui forte è il mecenatismo della nobiltà e del clero che convive con intrighi e sortite, si accende la passione amorosa del più dannato dei nobili Paolo Giordano Orsini, duca di Bracciano. Tutto ha inizio nel 1576, quando il blasonato Orsini fa strangolare la giovane moglie, colpevole di aver ricambiato i suoi continui tradimenti, facendo passare l'omicidio per un semplice incidente. Le esequie della vittima rappresentano per il duca l'occasione per notare la splendida Vittoria Accoraboni, moglie insoddisfatta del nipote del potente cardinale Felice Peretti, attratta dalla sensualità di quel nobile altezzoso e arrogante. Pazzo d'amore decide che dovrà essere sua anche a costo di versare del sangue. I due, dopo molte disavventure, riescono ad assecondare momentaneamente passione e sentimento, inconsapevoli che i loro sorrisi si sarebbero spenti con l'elezione a papa di Felice Peretti: il peggior nemico di Paolo Giordano Orsini.

L’orso e la rosa

De Angelis Giorgio