Narrativa

Essere vivi

Comencini Cristina

Descrizione: La vita di Caterina è scandita in due tempi, ben separati tra loro. Nel primo c’è una bambina che insegue una fila di formiche. Un cane che guaisce oltre la porta, i rami di un melo, sei anni d’infanzia muta cancellati dal fuoco. Nel secondo ci sono un lavoro, un marito, due figli. C’è la donna che Caterina è diventata, dopo aver imparato faticosamente i passi e le parole. Tutto ciò che sta in mezzo è merito di una straordinaria madre adottiva, la donna vitale e insaziabile il cui corpo giace oggi in una stanza d’albergo, accanto a quello del suo uomo. Ed è proprio qui che Caterina si ritrova insieme a Daniele, il figlio di lui, per cercare di ricostruire il corso degli eventi. E’ in questo pugno di giorni che la sua vita per la prima volta le si rivela intera. Daniele ha un’allegria forsennata, un’energia che rompe il guscio delle cose, e Caterina una capacità strana, la facoltà visionaria d’indovinare gli sconosciuti. La morte dei loro genitori è l’unica cosa che hanno in comune, ma la libertà disperata di quei pochi giorni insieme insegnerà ad entrambi un modo nuovo di stare al mondo.

Categoria: Narrativa

Editore: Einaudi

Collana: I coralli

Anno: 2016

ISBN: 9788806230425

Recensito da Elpis Bruno

Le Vostre recensioni

Essere vivi”, premio Pavese e premio Tropea 2016, non soltanto nell’opinione di Cristina Comencini indica un modo d’essere – nel bene e nel male – che si contrappone al lasciarsi vivere, all’accettare abitudini e stati nei quali la vita spesso si cristallizza e finisce… anche a costo di scelte estreme…

Adottata all’età di sei anni (“Mio padre e mia madre mi hanno adottato a sei anni, mio marito lo sa, i miei figli no, sono ancora piccoli”), Caterina ha un sesto senso che le consente di intercettare le storie degli altri (“Del silenzio dei miei primi sei anni, oltre la gamba più corta, mi è rimasta questa facoltà: vedo una persona… e comi grani di un rosario mi scorrono nella mente i fatti più importanti della sua vita”). L’adozione è stata una cesura che ha diviso la sua vita in due tronconi: quello di un’infanzia difficile, quello di una fase successiva nella quale la ragazza vince le difficoltà grazie all’energia vitale di Graziella, una madre piena di volontà e di voglia di vivere. Al punto che (Graziella) non esita ad abbandonare il marito, per andare incontro a una relazione movimentata con Sebastiano, un artista dal profilo instabile e burrascoso.

La notizia del doppio suicidio giunge a Caterina (“Autós, stesso e opsía, vista, vedere con i propri occhi la causa di una morte”), in vacanza a Salina con la famiglia, come un fulmine a ciel sereno. Cosa ha indotto la madre, così vitale ed esuberante, ad abbracciare una scelta di morte?
Caterina vola ad Atene. Qui conosce un’amica della madre, Sophia, ex attrice e gallerista; insieme a lei ricostruisce il percorso greco di Graziella. Poi arriva anche Daniele, il figlio di Sebastiano, e l’influenza dei genitori sembra proiettarsi pericolosamente sui due figli (“Ho un pensiero assurdo: mia madre è morta per farmi conoscere quest’uomo”). Sino al finale clandestino, acrofobico e scenografico a Capo Sounion (“Ritrovarsi appesi di notte sullo strapiombo da dove si è gettato Egeo”)…

Le foto del giorno, agosto 2016

Sulle suggestioni di opere come “Zorba il greco” (“Non ho mai amato un uomo più di te… Ehi, ragazzo, hai mai visto una catastrofe così bella?”) e nelle atmosfere che spaziano dalla tragedia classica alle rivelazioni evangeliche (“Non so dirti perché volessero andare a Patmos. Philippos dice per visitare la grotta dell’evangelista, dove pare abbia scritto la fine che ci aspetta tutti”), la breve storia procede in rapida successione e cattura l’interesse di chi ama il dramma e il risalto psicologico dei personaggi.

Bruno Elpis

(Nella foto: il tempio di Poseidone a Capo Sounion)

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Cristina

Comencini

Libri dallo stesso autore

Intervista a Comencini Cristina


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Una Venezia estiva ammorbata da una peste incombente ospita l'inquieto Gustav Aschenbach, famoso scrittore tedesco che ha costruito vita e opera sulla più ostinata fedeltà ai canoni classici dell'etica e dell'estetica. Un sottile impulso lo scuote nel momento in cui compare sulla spiaggia del Lido la spietata bellezza di Tadzio, un ragazzo polacco. Un unico gioco di sguardi, la vergogna della propria decrepitezza, la scelta di imbellettarsi per nasconderla, sono i passi che scandiscono la vicenda. In pieno Novecento, Thomas Mann ha colto e rappresentato la grande cultura borghese in via di dissoluzione, in un'opera emblematica che fonde la perfezione formale con la rappresentazione degli aspetti patologici di quella crisi.

La morte a Venezia

Mann Thomas

L'amore coniugale è la storia di un uomo che cerca al tempo stesso di essere buon marito e buon scrittore, finendo col fallire entrambi gli obbiettivi: il fallimento erotico-sentimentale da un lato e il fallimento letterario dall'altro. Il contrasto tra vita affettiva e vita culturale è affrontato in tutta la sua crudezza, con la tipica capacità di Moravia di raccontare, senza reticenze, e di fare emergere un discorso civile e morale. Pubblicato per la prima volta nel 1949, è tra i romanzi più vivi e impegnati di Moravia.

L’amore coniugale

Moravia Alberto

Davide ha nove anni e proprio non ne vuole sapere di andare a comprare le cose per la scuola : la mamma insiste e quel banale tragitto tra la casa e il negozio si rivelerà fatale. In coma,tra il sonno e la veglia in cui è costretto, Davide sente e “vede” le persone, distraendosi con le storie degli altri: storie di ospedale, di infermiere e lotte fra medici, come quel “dottore antipatico” che tenterà l’impossibile per salvarlo. Un rapporto speciale fatto di empatia e sensazioni che superano l’apparenza si formerà fra il medico e il ragazzino. Eppure il primo è un uomo schivo, scorbutico, un dio nel proprio lavoro ma incapace di gestire i rapporti umani; l’altro è immobile sul un letto, in condizioni disperate.

MANI CALDE

Zucca Giovanna

Storia d’amore con sorpresa