Narrativa

Essere vivi

Comencini Cristina

Descrizione: La vita di Caterina è scandita in due tempi, ben separati tra loro. Nel primo c’è una bambina che insegue una fila di formiche. Un cane che guaisce oltre la porta, i rami di un melo, sei anni d’infanzia muta cancellati dal fuoco. Nel secondo ci sono un lavoro, un marito, due figli. C’è la donna che Caterina è diventata, dopo aver imparato faticosamente i passi e le parole. Tutto ciò che sta in mezzo è merito di una straordinaria madre adottiva, la donna vitale e insaziabile il cui corpo giace oggi in una stanza d’albergo, accanto a quello del suo uomo. Ed è proprio qui che Caterina si ritrova insieme a Daniele, il figlio di lui, per cercare di ricostruire il corso degli eventi. E’ in questo pugno di giorni che la sua vita per la prima volta le si rivela intera. Daniele ha un’allegria forsennata, un’energia che rompe il guscio delle cose, e Caterina una capacità strana, la facoltà visionaria d’indovinare gli sconosciuti. La morte dei loro genitori è l’unica cosa che hanno in comune, ma la libertà disperata di quei pochi giorni insieme insegnerà ad entrambi un modo nuovo di stare al mondo.

Categoria: Narrativa

Editore: Einaudi

Collana: I coralli

Anno: 2016

ISBN: 9788806230425

Recensito da Elpis Bruno

Le Vostre recensioni

Essere vivi”, premio Pavese e premio Tropea 2016, non soltanto nell’opinione di Cristina Comencini indica un modo d’essere – nel bene e nel male – che si contrappone al lasciarsi vivere, all’accettare abitudini e stati nei quali la vita spesso si cristallizza e finisce… anche a costo di scelte estreme…

Adottata all’età di sei anni (“Mio padre e mia madre mi hanno adottato a sei anni, mio marito lo sa, i miei figli no, sono ancora piccoli”), Caterina ha un sesto senso che le consente di intercettare le storie degli altri (“Del silenzio dei miei primi sei anni, oltre la gamba più corta, mi è rimasta questa facoltà: vedo una persona… e comi grani di un rosario mi scorrono nella mente i fatti più importanti della sua vita”). L’adozione è stata una cesura che ha diviso la sua vita in due tronconi: quello di un’infanzia difficile, quello di una fase successiva nella quale la ragazza vince le difficoltà grazie all’energia vitale di Graziella, una madre piena di volontà e di voglia di vivere. Al punto che (Graziella) non esita ad abbandonare il marito, per andare incontro a una relazione movimentata con Sebastiano, un artista dal profilo instabile e burrascoso.

La notizia del doppio suicidio giunge a Caterina (“Autós, stesso e opsía, vista, vedere con i propri occhi la causa di una morte”), in vacanza a Salina con la famiglia, come un fulmine a ciel sereno. Cosa ha indotto la madre, così vitale ed esuberante, ad abbracciare una scelta di morte?
Caterina vola ad Atene. Qui conosce un’amica della madre, Sophia, ex attrice e gallerista; insieme a lei ricostruisce il percorso greco di Graziella. Poi arriva anche Daniele, il figlio di Sebastiano, e l’influenza dei genitori sembra proiettarsi pericolosamente sui due figli (“Ho un pensiero assurdo: mia madre è morta per farmi conoscere quest’uomo”). Sino al finale clandestino, acrofobico e scenografico a Capo Sounion (“Ritrovarsi appesi di notte sullo strapiombo da dove si è gettato Egeo”)…

Le foto del giorno, agosto 2016

Sulle suggestioni di opere come “Zorba il greco” (“Non ho mai amato un uomo più di te… Ehi, ragazzo, hai mai visto una catastrofe così bella?”) e nelle atmosfere che spaziano dalla tragedia classica alle rivelazioni evangeliche (“Non so dirti perché volessero andare a Patmos. Philippos dice per visitare la grotta dell’evangelista, dove pare abbia scritto la fine che ci aspetta tutti”), la breve storia procede in rapida successione e cattura l’interesse di chi ama il dramma e il risalto psicologico dei personaggi.

Bruno Elpis

(Nella foto: il tempio di Poseidone a Capo Sounion)

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Cristina

Comencini

Libri dallo stesso autore

Intervista a Comencini Cristina

La nuova raccolta poetica di Gabriele Galloni.

Creatura breve

Galloni Gabriele

È convinto di picchiare forte, ma viene steso in due secondi nel cortile della scuola; non va in moto; fa lo sbruffone ma con le ragazze è totalmente imbranato: ecco il sedicenne protagonista di questo libro. Periferia di Torino; mentre gli anni Ottanta volgono al termine, il nostro colleziona lividi esterni e soprattutto interni, eppure continua ostinato a lanciare il suo guanto di sfida alla vita. Del resto bisogna tener duro: non è facile vedersela con suo padre – “Il Capo” – un quasi alcolista che passa tutto il tempo stravaccato sull’amaca, ad affibbiare punizioni da telefilm americano. Ed è snervante vivere accanto alla “Foca Monaca”, la sorella triste e timorata di Dio. Quanto alla madre, è scappata col tizio della stazione di servizio, e ormai si può star certi che «starà passando il tempo a farsi fare il pieno dal benzinaio». Non piange mai, il protagonista di questa storia. Piuttosto stringe i pugni, sbuffa e s’affanna, ripetendo a se stesso di essere il più in gamba, anche se la vita gliele dà ogni giorno di santa ragione; anche se le prende perfino da Chiara, la ragazza di cui s’innamora: bella, sveglia, inaccessibile a sfigati come lui, eppure catturata suo malgrado da questo buffo adolescente scapigliato e spaccone, tenero e brancaleonesco, che s’insinua a forza nella sua vita scatenando irresistibili schermaglie. Il Muro di Berlino che crolla e un divertente gioco di riferimenti pop e telefilmici fanno da sfondo a questo romanzo, un Jack Frusciante da periferia che strappa il sorriso a ogni pagina, illuminato da una scrittura esilarante ma a tratti dolente, insieme cinica e romantica come il suo protagonista, che s’inserisce a buon titolo nella nobile tradizione dei perdenti di talento, come Il giovane Holden o i personaggi di John Fante.

MIA SORELLA E’ UNA FOCA MONACA

Frascella Christian

Due ragazze, Chieco e Naeko, si incontrano e scoprono di essere gemelle. Hanno però avuto dal destino storie diverse: la prima, abbandonata dai genitori poveri, viene allevata dalla famiglia di un originale e benestante mercante di kimono, mentre la sorella, morti presto la madre e il padre, deve guadagnarsi la vita lavorando nei boschi della montagna. Malgrado il profondo legame che le unisce, alla fine le due sorelle torneranno a percorrere strade diverse.

Koto

Kawabata Yasunari

"Verona non è la mia città. E la paleopatologia non è il mio mestiere. Eppure, eccomi qua. Com'è potuto succedere, proprio a me? Mi chiamo Costanza Macallè e sull'aereo che mi sta portando dalla Sicilia alla città del Veneto dove già abita mia sorella, Antonietta, non viaggio da sola. Con me c'è l'essere cui tengo di più al mondo, sedici chili di delizia e tormento che rispondono al nome di Flora. Mia figlia è tutto il mio mondo, anche perché siamo soltanto io e lei... Lo so, lo so, ma è una storia complicata. Comunque, ce la posso fare: in fondo, devo resistere soltanto un anno. È questa la durata del contratto con l'istituto di Paleopatologia di Verona, e io - che mi sono specializzata in Anatomia patologica e tutto volevo fare tranne che dissotterrare vecchie ossa, spidocchiare antiche trecce e analizzare resti centenari - mi devo adattare, in attesa di trovare il lavoro dei sogni in Inghilterra. Ma, come sempre, la vita ha altri programmi per me. Così, mentre cerco di ambientarmi in questo nebbioso e gelido inverno veronese, devo anche rassegnarmi al fatto che ci sono delle scelte che ho rimandato per troppo tempo. Ed è giunto il momento di farle. In fondo, che ci vuole? È questione di coraggio, è questione di intraprendenza... E, me lo dico sempre, è questione di Costanza."

Questione di Costanza

Gazzola Alessia