Narrativa

Essere vivi

Comencini Cristina

Descrizione: La vita di Caterina è scandita in due tempi, ben separati tra loro. Nel primo c’è una bambina che insegue una fila di formiche. Un cane che guaisce oltre la porta, i rami di un melo, sei anni d’infanzia muta cancellati dal fuoco. Nel secondo ci sono un lavoro, un marito, due figli. C’è la donna che Caterina è diventata, dopo aver imparato faticosamente i passi e le parole. Tutto ciò che sta in mezzo è merito di una straordinaria madre adottiva, la donna vitale e insaziabile il cui corpo giace oggi in una stanza d’albergo, accanto a quello del suo uomo. Ed è proprio qui che Caterina si ritrova insieme a Daniele, il figlio di lui, per cercare di ricostruire il corso degli eventi. E’ in questo pugno di giorni che la sua vita per la prima volta le si rivela intera. Daniele ha un’allegria forsennata, un’energia che rompe il guscio delle cose, e Caterina una capacità strana, la facoltà visionaria d’indovinare gli sconosciuti. La morte dei loro genitori è l’unica cosa che hanno in comune, ma la libertà disperata di quei pochi giorni insieme insegnerà ad entrambi un modo nuovo di stare al mondo.

Categoria: Narrativa

Editore: Einaudi

Collana: I coralli

Anno: 2016

ISBN: 9788806230425

Recensito da Elpis Bruno

Le Vostre recensioni

Essere vivi”, premio Pavese e premio Tropea 2016, non soltanto nell’opinione di Cristina Comencini indica un modo d’essere – nel bene e nel male – che si contrappone al lasciarsi vivere, all’accettare abitudini e stati nei quali la vita spesso si cristallizza e finisce… anche a costo di scelte estreme…

Adottata all’età di sei anni (“Mio padre e mia madre mi hanno adottato a sei anni, mio marito lo sa, i miei figli no, sono ancora piccoli”), Caterina ha un sesto senso che le consente di intercettare le storie degli altri (“Del silenzio dei miei primi sei anni, oltre la gamba più corta, mi è rimasta questa facoltà: vedo una persona… e comi grani di un rosario mi scorrono nella mente i fatti più importanti della sua vita”). L’adozione è stata una cesura che ha diviso la sua vita in due tronconi: quello di un’infanzia difficile, quello di una fase successiva nella quale la ragazza vince le difficoltà grazie all’energia vitale di Graziella, una madre piena di volontà e di voglia di vivere. Al punto che (Graziella) non esita ad abbandonare il marito, per andare incontro a una relazione movimentata con Sebastiano, un artista dal profilo instabile e burrascoso.

La notizia del doppio suicidio giunge a Caterina (“Autós, stesso e opsía, vista, vedere con i propri occhi la causa di una morte”), in vacanza a Salina con la famiglia, come un fulmine a ciel sereno. Cosa ha indotto la madre, così vitale ed esuberante, ad abbracciare una scelta di morte?
Caterina vola ad Atene. Qui conosce un’amica della madre, Sophia, ex attrice e gallerista; insieme a lei ricostruisce il percorso greco di Graziella. Poi arriva anche Daniele, il figlio di Sebastiano, e l’influenza dei genitori sembra proiettarsi pericolosamente sui due figli (“Ho un pensiero assurdo: mia madre è morta per farmi conoscere quest’uomo”). Sino al finale clandestino, acrofobico e scenografico a Capo Sounion (“Ritrovarsi appesi di notte sullo strapiombo da dove si è gettato Egeo”)…

Le foto del giorno, agosto 2016

Sulle suggestioni di opere come “Zorba il greco” (“Non ho mai amato un uomo più di te… Ehi, ragazzo, hai mai visto una catastrofe così bella?”) e nelle atmosfere che spaziano dalla tragedia classica alle rivelazioni evangeliche (“Non so dirti perché volessero andare a Patmos. Philippos dice per visitare la grotta dell’evangelista, dove pare abbia scritto la fine che ci aspetta tutti”), la breve storia procede in rapida successione e cattura l’interesse di chi ama il dramma e il risalto psicologico dei personaggi.

Bruno Elpis

(Nella foto: il tempio di Poseidone a Capo Sounion)

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Cristina

Comencini

Libri dallo stesso autore

Intervista a Comencini Cristina

Una goccia di splendore

Che mamma speciale, Tessa Leoni. Si è rifatta una vita partendo dal fango, un gradino dopo l'altro, per amore della sua bambina, concepita chissà con chi. Che poliziotta, Tessa Leoni, che donna: i turni di notte a pattugliare da sola le strade nere, poche ore di sonno e di corsa all'asilo a prendere Sophie. Poi arriva Brian, l'uomo dei sogni, un amante appassionato per lei, un padre per Sophie... Ma adesso che è domenica mattina e tira il vento freddo di marzo, Brian è steso sul pavimento della cucina con tre pallottole in corpo, la piccola Sophie è sparita e Tessa è ancora lì con la pistola in mano. Una sergente bella e inflessibile, D.D. Warren, la incalza di domande, è certa che Tessa sia un mostro. Perché ha sparato al marito, e dov'è finita la piccola Sophie? Come può una madre e poliziotta modello non sapere più nulla di sua figlia? Adesso, proprio adesso, D.D. Warren non lo vorrebbe, un caso così. Un mese di ritardo, si accarezza la pancia; come può una madre far del male alla sua piccolina di sei anni? Scava nel passato di Tessa, in fretta, più in fretta, l'allarme per la scomparsa di Sophie diffuso in tutto lo stato. E Tessa, intanto, contusa e ferita, mente, si difende, lotta e sa una sola cosa: vuole bene a sua figlia. Più di tutto.

A CHI VUOI BENE

Gardner Lisa

Da Jose Arcadio ad Aureliano Babilonia, dalla scoperta del ghiaccio alle pergamene dello zingaro Melquìades finalmente decifrate: Cent'anni di solitudine di una grande famiglia i cui componenti vengono al mondo, si accoppiano e muoiono per inseguire un destino ineluttabile, in attesa della nascita di un figlio con la coda di porco. Pubblicato nel 1967, scritto in diciotto mesi, ma "meditato" per più di tre lustri, Cent'anni di solitudine rimane un capolavoro insuperato e insuperabile, che nel 1982 valse al suo autore I'assegnazione del premio Nobel. Un libro tumultuoso con i toni della favola, sorretto da una tensione narrativa fondata su un portentoso linguaggio e su un'invidiabile fantasia. Garcia Marquez ha saputo rifondare la realtà e creare Macondo, il paradigma della solitudine, una situazione mentale e un destino più che un villaggio. Lo ha costretto a crescere avvinghiato alla famiglia Buendia. Lo ha trasformato in una città degli specchi e lo ha fatto spianare dal vento. In questo universo di solitudini incrociate, impenetrabili ed eterne, galleggia una moltitudine di eroi predestinati alla sconfitta, cui fanno da contraltare la solidità e la sensatezza dei personaggi femminili. Su tutti domina la figura del colonnello Aureliano Buendia, il primo uomo nato a Macondo, colui che promosse trentadue insurrezioni senza riuscire in nessuna, che ebbe diciassette figli maschi e glieli uccisero tutti, che sfuggì a quattordici attentati, a settantatre imboscate e a un plotone di esecuzione per finire i suoi giorni chiuso in un laboratorio a fabbricare pesciolini d'oro.

Cent’anni di solitudine

Márquez Gabriel García

La storia di Cicikov, geniale artista del raggiro, antieroe plebeo che insegue il pallido miraggio degli ideali borghesi: il suo viaggio alla ricerca di "anime morte" per ottenere aiuti finanziari dallo Stato è, come ha scritto Michail Bachtin, "un'allegra marcia carnevalesca nell'inferno", in cui tutti i valori sono capovolti in un avvolgente e paradossale realismo negativo: il benessere, la famiglia, la rispettabilità, ciò cui Cicikov aspira di più si tingono di grottesco, e la sua storia e quella dei personaggi da lui incontrati si rivelano come altrettante tappe di un epos mancato, di una gigantesca parodia omerica che anticipa le avventure di altri illustri antieroi del romanzo moderno.

Le anime morte

Gogol' Nikolaj Vasil'evič