Poesia

L’estetica dell’oltre

Zanarella Michela

Descrizione:

Categoria: Poesia

Editore: Gruppo editoriale D and M

Collana:

Anno: 2013

ISBN:

Recensito da Ilaria Spes

Le Vostre recensioni

Cogliere il filo conduttore di una silloge poetica è un’operazione ardua. Perché spesso una poesia è un’intuizione,  un attimo, un mondo che si condensa in passaggi fulminei e istintivi.

Eppure, forse, il poeta fornisce al suo lettore una chiave di lettura, una sorta di indizio che costituisce il “fil rouge” delle sensazioni liriche che attraversano i pensieri e si materializzano nelle parole. Così Michela Zanarella ha intitolato la sua ultima raccolta “L’estetica dell’oltre” e proprio su questa “scelta” – unica nell’infinita gamma delle possibilità – voglio concentrare la riflessione che mi ha ispirato la lettura dei suoi versi. 

L’estetica è l’arte del sentire ed è “dottrina della conoscenza sensibile … dottrina del bello, naturale o artistico, e quindi esperienza del bello, della produzione e dei prodotti dell’arte”. In senso più particolare l’estetica è “la concezione filosofica dell’arte”: di un periodo storico, di una civiltà, di un artista o di un autore.

Dunque Michela Zanarella ha voluto comunicare ed esprimere i canoni di un sentire che qualifica il suo modo di essere artista. E realizza questa vocazione al bello attraverso la leggerezza dei “Petali”, facendola scorrere in “Linfe abitate” grazie a “Riti d’inchiostro”, ”In sillabe e colori” (poesia dedicata ad Alda Merini), per cogliere l’invisibilità di “Meridiani di stagioni” e di “Diafane incandescenze”.

Se l’estetica rappresenta una struttura espressiva, “l’Oltre” scalza i “Confini assorti”, riempie di contenuto la trama naturalistica dei versi e fornisce una nuova modalità di “Essere nel tempo”. Un risultato questo che “Forse soltanto l’amore” consente di realizzare, tra lampi che “Come una luce materna” folgorano il senso della vita, sia esso “Il senso di una croce” o “La misura di un’origine”, nell’identità impressa da “Coincidenze d’immenso”. Per affermare:

 

Non importa se il tempo

aggroviglia strati di nuvole

 

nella continuità fornita da un’ipotesi:

 

Se il cielo invade il mare

avremo onde per sognare

stanze di stagioni

nuvole e trame di meridiani.

 

La sintesi poetica di Michela Zanarella è uno straordinario punto d’incontro tra forma, equilibrio stilistico e senso religioso della vita. Che non dimentica l’amore per la propria città e per esponenti della cultura che l’hanno personificata.

Che scorre in un silenzio “che fruga nell’aria”.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Michela

Zanarella

Libri dallo stesso autore

Intervista a Zanarella Michela


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Camilla è una giovane ragazza che vive in una piccola città di provincia dell'Italia centrale. Non la si può definire certo una bellezza. Anzi è solo un'altra ragazza invisibile. Dopo la maturità in un istituto tecnico in cui si è diplomata come segretaria d'azienda, non ha conservato le amicizie. Camilla ha un dono che ancora non conosce. Porta fortuna a chi le sta intorno e, involontariamente, realizza dei piccoli sogni. Per se stessa Camilla non desidera troppo. Sa che non avrà accanto un ragazzo bello come quelli della televisione o come Bruno, il figlio del padrone della fabbrica di infissi per cui lavora. Bruno è un ragazzo gentile, sembra avere la testa sulle spalle e, soprattutto, ha due occhi che quando Camilla li incrocia, deglutisce a fatica. Non è una sorpresa per la timida Camilla scoprire che il giovane è fidanzato, ovviamente con la più bella ragazza della provincia. Un giorno per lei arriva l'occasione di cambiare vita. Roma e un futuro diverso da immaginare. Nella grande città trova lavoro come impiegata alle poste e, anche lì, dispensa frammenti di fortuna a tutta la gente che comincia a conoscerla e a volerle bene. Camilla non legge tanti libri ma ogni mattina, prima di andare a lavoro, apre una pagina a caso di un fotoromanzo e ci punta sopra il dito. La frase pronunciata dall'attore o dall'attrice di turno, su cui cade il suo indice, le farà da guida per tutta la giornata. Una mattina l'interprete di Passione senza confini ha sentenziato che "l'amore arriva senza avvertire"...

Camilla portafortuna

Ceccarelli Stefano

Jess Thomas, giovane mamma single con due figli da mantenere, fa del suo meglio per vivere dignitosamente, ma i sacrifici sono molti, specie quando non c'è nessuno che ti possa dare una mano. Suo marito se ne è andato da tempo, sua figlia Tanzie è un genietto dei numeri, ma per far fruttare il suo talento matematico c'è bisogno di un aiuto concreto. E poi c'è Nicky, un adolescente difficile come tutti i ragazzi della sua età, vittima di bullismo, che non può certo combattere da solo... La famiglia di Jess è proprio scombinata e spesso lei non sa come fare e corre dei rischi inutili, finché inaspettatamente sul suo cammino incontra Ed Nicholls, quell'antipatico uomo d'affari cui lei pulisce la casa per arrotondare. Jess e Ed non si conoscono affatto. Jess non sa che lui è travolto da una crisi profonda e che uno stupido errore gli è costato tutto, e Ed non sa fino a che punto la ragazza sia nei guai, ma entrambi sanno cosa significhi essere davvero soli e desiderano la stessa cosa. Capiscono, nonostante la loro diversità, che hanno molto da imparare l'uno dall'altra e che una più uno fa più di due. In questo suo nuovo romanzo, Jojo Moyes racconta con grande empatia una storia d'amore insolita e coinvolgente tra due persone che si incontrano in circostanze inverosimili, come solo la vita sa riservare.

Una più uno

Moyes Jojo

DEDALUS – di James Joyce

Il corpo senza vita di Chiara viene ritrovato nel greto di un torrente che scorre tra i boschi delle dorsali lariane. La zona del ritrovamento ha uno specifico interesse archeologico: lì si trovano i “massi avelli“, antiche tombe dall’origine incerta e misteriosa. E proprio in prossimità di uno di questi monumenti funerari, le piogge alluvionali hanno dissepolto uno scheletro umano. Si tratta di un reperto che consentirà di progredire negli studi storici sulle civiltà lariane o di un altro delitto? Il commissario Giordàn torna, pungolato dall’impazienza e dall’esuberanza della nipote Gabriella, in un’indagine che dovrà svolgersi tra sedute spiritiche e allusioni demoniache, con lo scopo di individuare – oltre all’omicida – le cause profonde che inducono i comportamenti criminali. Per riportare a galla, tra le sponde innevate del lago di Como e nella magica atmosfera prenatalizia, pratiche estreme e complessi di colpa che pesano più dei massi avelli.

Il mistero dei massi avelli

Elpis Bruno