Poesia

L’estetica dell’oltre

Zanarella Michela

Descrizione:

Categoria: Poesia

Editore: Gruppo editoriale D and M

Collana:

Anno: 2013

ISBN:

Recensito da Ilaria Spes

Le Vostre recensioni

Cogliere il filo conduttore di una silloge poetica è un’operazione ardua. Perché spesso una poesia è un’intuizione,  un attimo, un mondo che si condensa in passaggi fulminei e istintivi.

Eppure, forse, il poeta fornisce al suo lettore una chiave di lettura, una sorta di indizio che costituisce il “fil rouge” delle sensazioni liriche che attraversano i pensieri e si materializzano nelle parole. Così Michela Zanarella ha intitolato la sua ultima raccolta “L’estetica dell’oltre” e proprio su questa “scelta” – unica nell’infinita gamma delle possibilità – voglio concentrare la riflessione che mi ha ispirato la lettura dei suoi versi. 

L’estetica è l’arte del sentire ed è “dottrina della conoscenza sensibile … dottrina del bello, naturale o artistico, e quindi esperienza del bello, della produzione e dei prodotti dell’arte”. In senso più particolare l’estetica è “la concezione filosofica dell’arte”: di un periodo storico, di una civiltà, di un artista o di un autore.

Dunque Michela Zanarella ha voluto comunicare ed esprimere i canoni di un sentire che qualifica il suo modo di essere artista. E realizza questa vocazione al bello attraverso la leggerezza dei “Petali”, facendola scorrere in “Linfe abitate” grazie a “Riti d’inchiostro”, ”In sillabe e colori” (poesia dedicata ad Alda Merini), per cogliere l’invisibilità di “Meridiani di stagioni” e di “Diafane incandescenze”.

Se l’estetica rappresenta una struttura espressiva, “l’Oltre” scalza i “Confini assorti”, riempie di contenuto la trama naturalistica dei versi e fornisce una nuova modalità di “Essere nel tempo”. Un risultato questo che “Forse soltanto l’amore” consente di realizzare, tra lampi che “Come una luce materna” folgorano il senso della vita, sia esso “Il senso di una croce” o “La misura di un’origine”, nell’identità impressa da “Coincidenze d’immenso”. Per affermare:

 

Non importa se il tempo

aggroviglia strati di nuvole

 

nella continuità fornita da un’ipotesi:

 

Se il cielo invade il mare

avremo onde per sognare

stanze di stagioni

nuvole e trame di meridiani.

 

La sintesi poetica di Michela Zanarella è uno straordinario punto d’incontro tra forma, equilibrio stilistico e senso religioso della vita. Che non dimentica l’amore per la propria città e per esponenti della cultura che l’hanno personificata.

Che scorre in un silenzio “che fruga nell’aria”.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Michela

Zanarella

Libri dallo stesso autore

Intervista a Zanarella Michela


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

"La voce di un poeta che nel seguire le intermittenze della coscienza ci indica una volta di più la necessità della poesia, unica via di salvezza..." (dalla prefazione di Andrea Matucci)

La morte di Empedocle

Di Carlo Franco

New York City, 1926. I vetri dei grattacieli risplendono dei bagliori di mille feste animate da balli sfrenati a ritmo di charleston e dal tintinnio delle perle sui vestiti luccicanti. L'alcol scorre a fiumi nonostante i divieti e, a giudicare dall'effervescenza di Manhattan, il mondo sembra destinato a un futuro radioso. È qui che in seguito all'ennesima eccentricità viene spedita dai genitori l'irriverente Evie O'Neill, una ragazza dell'Ohio che non aspetta altro che tuffarsi tra le infinite possibilità offerte dalla metropoli. A ospitarla è lo zio Will, un professore, parente dei Fitzgerald, che dirige il Museo Americano del Folklore, delle Superstizioni e dell'Occulto, detto anche Musco del Brivido: un luogo magico dal fascino decadente, che custodisce nelle sue teche e tra i suoi bui corridoi le tracce del retroterra misterioso dell'America. Ma quando lo sfolgorio della città viene oscurato da una serie di delitti a sfondo esoterico, New York precipita in un vortice di paura ed Evie, che da subito assiste lo zio nella consulenza alla polizia, è chiamata a collaborare alle indagini, anche per quel suo dono di vedere il passato delle persone toccando un oggetto a loro appartenuto. Muovendosi tra fumosi jazz club e bassifondi urbani, scintillanti negozi e sale spettrali, la ragazza s'inoltrerà insieme a molti compagni di strada in un gorgo di eventi evocato dal passato, e che nel passato dovrà essere ricacciato, pena il sopravvento di un antico male oscuro.

La stella nera di New York

Bray Libba

INTENSITY

Koontz Dean

Si può sfuggire allo scorrere del tempo, come scrive l'autore di LA SCIENZA DI VIVERE PER SEMPRE? Esiste una connessione profonda tra la presenza di uno strano essere a Dartmoor, una nave in bottiglia, il tracciato di un ricamo all'uncinetto che rappresenta il mondo intero e le fate di Cottingley? Tra una recensione da consegnare e un libro da scrivere, Meg Carpenter non se la passava né troppo bene né troppo male. Aveva un ragazzo che era il classico inetto, certo. Arrivare alla fine del mese non era proprio una passeggiata, certo. E i libri erano tutta la sua vita, si potrebbe dire. Almeno fino a quando, tra le pagine di un testo di pseudoscienza, Meg non ha cominciato a guardare il suo tragico universo con occhi diversi. Tra psicologia e tarocchi, enigmi buddisti e teoremi di fisica, antiche cosmologie e leggende fatate, Meg si è messa alla ricerca delle risposte definitive a tutte le domande sul senso della vita e su come le relazioni nascano, crescano e poi, miseramente, muoiano. Mescolando filosofia e humour, ironia e colpi di genio, con IL NOSTRO TRAGICO UNIVERSO Scarlett Thomas ci regala un altro giro di giostra nella migliore letteratura: quella che fa sognare e riflettere senza soluzione di continuità.

IL NOSTRO TRAGICO UNIVERSO

Thomas Scarlett