Poesia

L’estetica dell’oltre

Zanarella Michela

Descrizione:

Categoria: Poesia

Editore: Gruppo editoriale D and M

Collana:

Anno: 2013

ISBN:

Recensito da Ilaria Spes

Le Vostre recensioni

Cogliere il filo conduttore di una silloge poetica è un’operazione ardua. Perché spesso una poesia è un’intuizione,  un attimo, un mondo che si condensa in passaggi fulminei e istintivi.

Eppure, forse, il poeta fornisce al suo lettore una chiave di lettura, una sorta di indizio che costituisce il “fil rouge” delle sensazioni liriche che attraversano i pensieri e si materializzano nelle parole. Così Michela Zanarella ha intitolato la sua ultima raccolta “L’estetica dell’oltre” e proprio su questa “scelta” – unica nell’infinita gamma delle possibilità – voglio concentrare la riflessione che mi ha ispirato la lettura dei suoi versi. 

L’estetica è l’arte del sentire ed è “dottrina della conoscenza sensibile … dottrina del bello, naturale o artistico, e quindi esperienza del bello, della produzione e dei prodotti dell’arte”. In senso più particolare l’estetica è “la concezione filosofica dell’arte”: di un periodo storico, di una civiltà, di un artista o di un autore.

Dunque Michela Zanarella ha voluto comunicare ed esprimere i canoni di un sentire che qualifica il suo modo di essere artista. E realizza questa vocazione al bello attraverso la leggerezza dei “Petali”, facendola scorrere in “Linfe abitate” grazie a “Riti d’inchiostro”, ”In sillabe e colori” (poesia dedicata ad Alda Merini), per cogliere l’invisibilità di “Meridiani di stagioni” e di “Diafane incandescenze”.

Se l’estetica rappresenta una struttura espressiva, “l’Oltre” scalza i “Confini assorti”, riempie di contenuto la trama naturalistica dei versi e fornisce una nuova modalità di “Essere nel tempo”. Un risultato questo che “Forse soltanto l’amore” consente di realizzare, tra lampi che “Come una luce materna” folgorano il senso della vita, sia esso “Il senso di una croce” o “La misura di un’origine”, nell’identità impressa da “Coincidenze d’immenso”. Per affermare:

 

Non importa se il tempo

aggroviglia strati di nuvole

 

nella continuità fornita da un’ipotesi:

 

Se il cielo invade il mare

avremo onde per sognare

stanze di stagioni

nuvole e trame di meridiani.

 

La sintesi poetica di Michela Zanarella è uno straordinario punto d’incontro tra forma, equilibrio stilistico e senso religioso della vita. Che non dimentica l’amore per la propria città e per esponenti della cultura che l’hanno personificata.

Che scorre in un silenzio “che fruga nell’aria”.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Michela

Zanarella

Libri dallo stesso autore

Intervista a Zanarella Michela


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

merica, Stato di New York, fine anni sessanta. Un gruppo di giovani decide di fondare una comune basata sull'amicizia, la condivisione, l'amore e l'indipendenza dal denaro. La chiameranno Arcadia. Ed è qui che nasce Briciola, il primo dei molti figli che andranno a popolare un mondo bucolico e ricco solo di ideali, ben presto corrotti dalle difficoltà della convivenza. La fine della comune costringerà Briciola e il suo grande amore Helle, nati e cresciuti in un mondo popolato da sognatori, a misurarsi con il mondo reale, quello della New York degli anni ottanta.

Arcadia

Groff Lauren

Una tranquilla notte parigina. Nulla traspare dalla classica e impenetrabile facciata del Louvre. Un dramma si sta consumando al suo interno, nella Grande Galleria. Il vecchio curatore Saunière, ferito a morte, si aggrappa con un ultimo gesto disperato a un dipinto del Caravaggio, fa scattare l'allarme e le grate di ferro all'entrata della sala scendono immediatamente, chiudendo fuori il suo inseguitore. A Saunière restano pochi minuti di vita. Si toglie i vestiti e si distende nella posizione dell'uomo di Vitruvio, il celebre disegno di Leonardo. Accanto a sé, scrive pochi numeri e un solo nome: Robert Langdon, uno studioso di simbologia. A lui toccherà scoprire il mistero che si cela dietro i capolavori di Leonardo. Chi era il pittore rinascimentale? Cosa nascondeva? E, soprattutto, quali enigmi sconvolgenti nascondevano le sue opere? L'America intera si è appassionata al thriller di Dan Brown, decretandolo scrittore dell'anno. Il suo romanzo ha spiegato a milioni di lettori perché, in definitiva, Monna Lisa sorride.

Il codice Da Vinci

Brown Dan

In un paese pressoché sconosciuto del Piemonte risiede una comunità che apparentemente si occupa del recupero di orfani e ragazzi difficili. Maila è una di loro, ha diciotto anni, si veste di nero, ordina scarpe e libri da Internet e fa esperimenti con erbe, fiori e piante. Non parla volentieri con gli alti, a differenza loro vive con conflitto la sua natura; spesso vorrebbe essere una ragazza normale, ma le è concesso tutto tranne questo. La quiete del paese è interrotta: due grossi lupi aggrediscono un uomo del posto. Da quel momento per Maila tutto cambierà: le apparirà uno strano segno sul petto, incontrerà un ragazzo dal nome misterioso e dovrà salvare la sua gente dall'attacco degli Artigli Rossi, un gruppo di licantropi assetati di odio e carne. Ed eccola Maila, in viaggio fino agli Alti Tatra, accompagnata da Othar, un valoroso guerriero. Riuscirà a portare la testa del capo dei nemici nel regno sotterraneo di Ayta, il luogo di confine fra la vita e la morte, in cui i lupi accompagnano le anime nell'aldilà? Una cornice fantasy per tanti temi di bruciante attualità come l'inquietudine degli adolescenti, la necessità dell'integrazione, le regole del “branco”, la diffidenza e il pregiudizio nutrite nei confronti di chi non ci somiglia. Camilla Morgan-Davis, giovane promessa del fan- tasy, parla il linguaggio della sua età. Con il suo ro- manzo generazionale, tocca le corde dell'anima dei suoi coetanei con una riflessione sul mondo di oggi che supera la letteratura di genere tracimando in una disanima sociale.

IL CANTO DELLA NOTTE

Morgan-Davis Camilla

Andalusia nella poesia