Poesia

L’estetica dell’oltre

Zanarella Michela

Descrizione:

Categoria: Poesia

Editore: Gruppo editoriale D and M

Collana:

Anno: 2013

ISBN:

Recensito da Ilaria Spes

Le Vostre recensioni

Cogliere il filo conduttore di una silloge poetica è un’operazione ardua. Perché spesso una poesia è un’intuizione,  un attimo, un mondo che si condensa in passaggi fulminei e istintivi.

Eppure, forse, il poeta fornisce al suo lettore una chiave di lettura, una sorta di indizio che costituisce il “fil rouge” delle sensazioni liriche che attraversano i pensieri e si materializzano nelle parole. Così Michela Zanarella ha intitolato la sua ultima raccolta “L’estetica dell’oltre” e proprio su questa “scelta” – unica nell’infinita gamma delle possibilità – voglio concentrare la riflessione che mi ha ispirato la lettura dei suoi versi. 

L’estetica è l’arte del sentire ed è “dottrina della conoscenza sensibile … dottrina del bello, naturale o artistico, e quindi esperienza del bello, della produzione e dei prodotti dell’arte”. In senso più particolare l’estetica è “la concezione filosofica dell’arte”: di un periodo storico, di una civiltà, di un artista o di un autore.

Dunque Michela Zanarella ha voluto comunicare ed esprimere i canoni di un sentire che qualifica il suo modo di essere artista. E realizza questa vocazione al bello attraverso la leggerezza dei “Petali”, facendola scorrere in “Linfe abitate” grazie a “Riti d’inchiostro”, ”In sillabe e colori” (poesia dedicata ad Alda Merini), per cogliere l’invisibilità di “Meridiani di stagioni” e di “Diafane incandescenze”.

Se l’estetica rappresenta una struttura espressiva, “l’Oltre” scalza i “Confini assorti”, riempie di contenuto la trama naturalistica dei versi e fornisce una nuova modalità di “Essere nel tempo”. Un risultato questo che “Forse soltanto l’amore” consente di realizzare, tra lampi che “Come una luce materna” folgorano il senso della vita, sia esso “Il senso di una croce” o “La misura di un’origine”, nell’identità impressa da “Coincidenze d’immenso”. Per affermare:

 

Non importa se il tempo

aggroviglia strati di nuvole

 

nella continuità fornita da un’ipotesi:

 

Se il cielo invade il mare

avremo onde per sognare

stanze di stagioni

nuvole e trame di meridiani.

 

La sintesi poetica di Michela Zanarella è uno straordinario punto d’incontro tra forma, equilibrio stilistico e senso religioso della vita. Che non dimentica l’amore per la propria città e per esponenti della cultura che l’hanno personificata.

Che scorre in un silenzio “che fruga nell’aria”.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Michela

Zanarella

Libri dallo stesso autore

Intervista a Zanarella Michela

Lunedì o martedì, un racconto di Virginia Woolf

Ovi ha 59 anni. Guida una Saab. La gente lo chiama "un vicino amaro come una medicina". Solo perché non si aggira con un sorriso stampato sulle labbra? Non esattamente. Ovi ce l'ha un po' con tutti nel quartiere: con chi parcheggia l'auto fuori dagli spazi appositi, con chi sbaglia a fare la differenziata, con la tizia che gira con i tacchi alti e un ridicolo cagnolino al guinzaglio, con il gatto spelacchiato che continua a fare la pipì davanti a casa sua. Ogni mattina alle 6.30 Ovi va a fare la sua ispezione poliziesca nel quartiere, affinché le regole siano rispettate. Ma il mondo è talmente indisciplinato e privo di senso che Ovi decide di farla finita. Ha preparato tutto nei minimi dettagli: chiuso l'acqua e la luce, pagato le bollette, sistemato lo sgabello... Ma... anche in Svezia accadono gli imprevisti che mandano a monte i piani. In questo caso è l'arrivo di nuova famiglia di vicini che piomba accanto a Ovi e subito fa impazzire tutta la sua vita regolata. Tra imprevisti e disagi, Ovi non solo riuscirà a farsi inaspettatamente degli amici, ma anche a capire che questa vita imperfetta, caotica, ingiusta non è poi così male.

L’uomo che metteva in ordine il mondo

Backman Fredrik

Otto capitoli, otto storie, un ritratto unico dell'Italia di oggi firmato dall'autore del bestseller internazionale Gomorra. Roberto Saviano scava dentro alcune delle ferite vecchie e nuove che affliggono il nostro Paese. Il mancato riconoscimento del valore dell'Unità nazionale, il subdolo meccanismo della macchina del fango, l’espansione della criminalità organizzata al Nord, l'infinita emergenza rifiuti a Napoli, le troppe tragedie annunciate. Accanto alla denuncia c’è anche il racconto – commosso e ammirato – di vite vissute con onestà e coraggio: la sfida senz'armi di don Giacomo Panizza alla ’ndrangheta calabrese, la lotta di Piergiorgio Welby in nome della vita e del diritto, la difesa della Costituzione di Piero Calamandrei. Esempi su cui possiamo ancora contare per risollevarci e costruire un’Italia diversa. Ideato e condotto da Roberto Saviano e Fabio Fazio, Vieni via con me è stato l'evento televisivo dell’anno, più seguito delle partite di Champions League e dei reality show. Ora Vieni via con me è un libro che rende di nuovo accessibili al pubblico queste storie in una forma ampiamente rivista e arricchita. Facendole diventare, ancora una volta, storie di tutti.

Vieni via con me

Saviano Roberto

A dieci anni dal grande successo de "Il delfino", Sergio Bambarén torna a narrare le avventure oceaniche di Daniel Alexander Dolphin, con un percorso che si svolge fra le onde del mare aperto e nelle profondità del mondo interiore di Daniel. Questa volta Daniel dovrà capire se la sua continua ricerca di pace interiore possa coniugarsi con il desiderio e la necessità di creare una famiglia e di accudire una nuova vita che sta per nascere.

IL DELFINO

Bambarén Sergio