Narrativa

FAI BEI SOGNI

Gramellini Massimo

Descrizione: Fai bei sogni è la storia di un segreto celato in una busta per quarant’anni. La storia di un bambino, e poi di un adulto, che imparerà ad affrontare il dolore più grande, la perdita della mamma, e il mostro più insidioso: il timore di vivere. Fai bei sogni è dedicato a quelli che nella vita hanno perso qualcosa. Un amore, un lavoro, un tesoro. E rifiutandosi di accettare la realtà, finiscono per smarrire se stessi. Come il protagonista di questo romanzo. Uno che cammina sulle punte dei piedi e a testa bassa perché il cielo lo spaventa, e anche la terra. Fai bei sogni è soprattutto un libro sulla verità e sulla paura di conoscerla. Immergendosi nella sofferenza e superandola, ci ricorda come sia sempre possibile buttarsi alle spalle la sfiducia per andare al di là dei nostri limiti. Massimo Gramellini ha raccolto gli slanci e le ferite di una vita priva del suo appiglio più solido. Una lotta incessante contro la solitudine, l’inadeguatezza e il senso di abbandono, raccontata con passione e delicata ironia. Il sofferto traguardo sarà la conquista dell’amore e di un’esistenza piena e autentica, che consentirà finalmente al protagonista di tenere i piedi per terra senza smettere di alzare gli occhi al cielo.

Categoria: Narrativa

Editore: Longanesi

Collana: La Gaja scienza

Anno: 2012

ISBN:

Trama

Le Vostre recensioni

 

La vita va affrontata “nonostante”, questo è il messaggio. Bisogna andare avanti nonostante le sconfitte, le sofferenze e le delusioni. Piedi per terra e sguardo verso il cielo.
Il piccolo Massimo ha perso la mamma e ha paura di vivere; il Massimo adulto sente ancora la voce di Belfagor. “Come tutti i mostri dell’anima, era convinto di agire per il mio bene. Non poteva darmi amore, ma poteva impedire al mondo di darmi dolore: sarebbe bastato non lasciarlo entrare”.

Gramellini ci porta per mano attraverso un’infanzia e un’adolescenza difficili sino alla conquista della consapevolezza e della scoperta di sè.
Il senso di inadeguatezza, la solitudine e la sfiducia non gli derivano solo dall’aver perduto una certezza, il calore di un abbraccio, l’affetto incondizionato che solo una madre sa regalare, ma anche, e forse soprattutto, dall’incapacità di accettare gli eventi. La mamma scomparsa prematuramente diventa per lui una dea, un angelo senza macchia (“Chissà se le piaceva, la neve. Non lo sapevo. Non sapevo niente di lei. La condizione ideale per trasformarla in un mito”), per poi tramutarsi in una traditrice da perdonare, esattamente come le persone che gli hanno nascosto la vera storia dei suoi ultimi anni di vita e le circostanze della sua morte.

Qualcuno sostiene che il libro di Gramellini abbia ottenuto larghi consensi perchè gioca con i sentimenti e strumentalizza il dolore. Io non la penso così, e trovo piuttosto che sappia far vibrare le corde del cuore per la sua verità disarmante e per la sincerità con cui l’autore riesce a raccontare senza filtri le proprie debolezze. Che questo induca il lettore a un processo di identificazione è logico e naturale. La sensazione è che alla base del romanzo ci sia un forte desiderio di espiazione e, al tempo stesso, di condivisione che puó essere di aiuto, o meglio di conforto, a quanti quotidianamente lottano per recuperare se stessi.

Lo consiglio? Non proprio, e comunque non a tutti. Penso che una buona fetta di pubblico ne sarebbe quasi infastidita. Il rischio che si corre quando si incentra un testo sull’intimità, quando si prova a dare forma alle emozioni è di abusare di pillole di saggezza. Gramellini forse se ne avvede quando smorza i toni con qualche battuta o insinua un po’ di sano cinismo nei dialoghi. Paradossalmente, peró, queste parti sono poco riuscite, perchè si avverte un distacco forzato dell’autore dalla vicenda, una fuga meditata dalla lacrima facile.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Massimo

Gramellini

Libri dallo stesso autore

Intervista a Gramellini Massimo


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

1 – Introduzione alle sezione letteratura erotica

Quella della decadenza e sventura dei Compson, una grande famiglia del Sud americano alle soglie della Depressione, è una storia torbida e labirintica, eppure straordinariamente romanzesca. La giovane Caddy, nel racconto dei suoi tre diversissimi fratelli, diventa presenza candida e rassicurante, sorella ingenerosa, madre snaturata che abbandona la figlia. Ma Benjy, Quentin e Jason sono troppo coinvolti negli avvenimenti per riuscire a far chiarezza fino in fondo, e solo Dilsey, la cuoca negra, si rivelerà in grado di snodare la matassa familiare."Un poema sinfonico in quattro tempi", come l'ha definito Attilio Bertolucci, "L'urlo e il furore" viene riproposto da Einaudi in occasione del centenario della nascita di William Faulkner, con l'Appendice al romanzo scritta dall'autore stesso, un'introduzione di Emilio Tadini e una postfazione di Attilio Bertolucci.

L’urlo e il furore

Faulkner William

Per il bene dell'intero universo, il professor Martin deve essere eliminato. E con lui chiunque sia al corrente delle sue scoperte. Ma a causa di un contrattempo, l'alieno mandato sulla Terra si materializza ai bordi di un'autostrada, in una sera fredda e umida, completamente nudo, nonché privo delle più basilari nozioni della vita sociale. Inizia cosi una divertente commedia degli errori, in cui il finto professor Martin impara a vivere da terrestre. E ben presto, contro le previsioni aliene, la forzata vicinanza con la specie umana, soprattutto con i due esemplari (moglie e figlio) che compongono la famiglia del professore, lo costringe a rivedere il suo giudizio, passando dal più completo disgusto a un'inconfessabile simpatia. Certo, i terrestri sono tutt'altro che perfetti, eppure hanno inventato la poesia, la musica e persino il burro di arachidi...

Gli umani

Haig Matt

Lou Bertignac ha dodici anni: la sua famiglia, chiusa nel ricordo inconfessabile di una tragedia del passato, vive in un silenzio opprimente, mentre a scuola la sua intelligenza fuori dal comune l'ha portata in una classe avanzata, piena di studenti più grandi che non hanno nulla a che spartire con lei. Incapace di creare una relazione con chiunque, Lou passa la maggior parte del suo tempo libero a vivere le emozioni degli altri: guarda il calcio in televisione per osservare la gioia dei giocatori, spia le persone per strada e, soprattutto, frequenta le stazioni ferroviarie parigine perché in quei luoghi si concentra l'emozione di amanti che si salutano, di famiglie rimaste a lungo separate, di amici che si ritrovano. È proprio qui, alla stazione di Austerlitz, che Lou trova, tra la folla, una ragazza appena più grande di lei, Nolwenn, che si è lasciata alle spalle un passato difficile e ora vive da randagia. Tra le due, nel tempo di uno sguardo, si crea un'intesa speciale, che nessuna delle due aveva mai trovato prima. Due ragazze totalmente sole, diverse ma destinate, in qualche modo, a riconoscersi tra la folla della città, finiranno così per stringere un'amicizia che, nata lentamente, arriverà a cambiare la loro vita e il loro mondo. La vicenda, drammatica eppure lieve, di due vite chiamate a intrecciarsi e, se non a salvarsi, almeno a trovare nuove speranze.

GLI EFFETTI SECONDARI DEI SOGNI

Vigan Delphine, de