Narrativa

FAI BEI SOGNI

Gramellini Massimo

Descrizione: Fai bei sogni è la storia di un segreto celato in una busta per quarant’anni. La storia di un bambino, e poi di un adulto, che imparerà ad affrontare il dolore più grande, la perdita della mamma, e il mostro più insidioso: il timore di vivere. Fai bei sogni è dedicato a quelli che nella vita hanno perso qualcosa. Un amore, un lavoro, un tesoro. E rifiutandosi di accettare la realtà, finiscono per smarrire se stessi. Come il protagonista di questo romanzo. Uno che cammina sulle punte dei piedi e a testa bassa perché il cielo lo spaventa, e anche la terra. Fai bei sogni è soprattutto un libro sulla verità e sulla paura di conoscerla. Immergendosi nella sofferenza e superandola, ci ricorda come sia sempre possibile buttarsi alle spalle la sfiducia per andare al di là dei nostri limiti. Massimo Gramellini ha raccolto gli slanci e le ferite di una vita priva del suo appiglio più solido. Una lotta incessante contro la solitudine, l’inadeguatezza e il senso di abbandono, raccontata con passione e delicata ironia. Il sofferto traguardo sarà la conquista dell’amore e di un’esistenza piena e autentica, che consentirà finalmente al protagonista di tenere i piedi per terra senza smettere di alzare gli occhi al cielo.

Categoria: Narrativa

Editore: Longanesi

Collana: La Gaja scienza

Anno: 2012

ISBN:

Trama

Le Vostre recensioni

 

La vita va affrontata “nonostante”, questo è il messaggio. Bisogna andare avanti nonostante le sconfitte, le sofferenze e le delusioni. Piedi per terra e sguardo verso il cielo.
Il piccolo Massimo ha perso la mamma e ha paura di vivere; il Massimo adulto sente ancora la voce di Belfagor. “Come tutti i mostri dell’anima, era convinto di agire per il mio bene. Non poteva darmi amore, ma poteva impedire al mondo di darmi dolore: sarebbe bastato non lasciarlo entrare”.

Gramellini ci porta per mano attraverso un’infanzia e un’adolescenza difficili sino alla conquista della consapevolezza e della scoperta di sè.
Il senso di inadeguatezza, la solitudine e la sfiducia non gli derivano solo dall’aver perduto una certezza, il calore di un abbraccio, l’affetto incondizionato che solo una madre sa regalare, ma anche, e forse soprattutto, dall’incapacità di accettare gli eventi. La mamma scomparsa prematuramente diventa per lui una dea, un angelo senza macchia (“Chissà se le piaceva, la neve. Non lo sapevo. Non sapevo niente di lei. La condizione ideale per trasformarla in un mito”), per poi tramutarsi in una traditrice da perdonare, esattamente come le persone che gli hanno nascosto la vera storia dei suoi ultimi anni di vita e le circostanze della sua morte.

Qualcuno sostiene che il libro di Gramellini abbia ottenuto larghi consensi perchè gioca con i sentimenti e strumentalizza il dolore. Io non la penso così, e trovo piuttosto che sappia far vibrare le corde del cuore per la sua verità disarmante e per la sincerità con cui l’autore riesce a raccontare senza filtri le proprie debolezze. Che questo induca il lettore a un processo di identificazione è logico e naturale. La sensazione è che alla base del romanzo ci sia un forte desiderio di espiazione e, al tempo stesso, di condivisione che puó essere di aiuto, o meglio di conforto, a quanti quotidianamente lottano per recuperare se stessi.

Lo consiglio? Non proprio, e comunque non a tutti. Penso che una buona fetta di pubblico ne sarebbe quasi infastidita. Il rischio che si corre quando si incentra un testo sull’intimità, quando si prova a dare forma alle emozioni è di abusare di pillole di saggezza. Gramellini forse se ne avvede quando smorza i toni con qualche battuta o insinua un po’ di sano cinismo nei dialoghi. Paradossalmente, peró, queste parti sono poco riuscite, perchè si avverte un distacco forzato dell’autore dalla vicenda, una fuga meditata dalla lacrima facile.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Massimo

Gramellini

Libri dallo stesso autore

Intervista a Gramellini Massimo


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Sarajevo, 28 giugno 1914. Sei colpi di rivoltella freddano Francesco Ferdinando d’Asburgo e Sophie Chotek, sposa morganatica dell’erede di Francesco Giuseppe perché “non abbastanza nobile” per diventare imperatrice. In sette capitoli, corrispondenti ai giorni in cui si dipana la querelle fra l’opinione pubblica e Alfred di Montenuovo, incaricato di organizzare le esequie, Edgarda Ferri racconta le discussioni, i puntigli, i compromessi dell’inquietante Gran Ciambellano di Corte, che non riconosce Sophie come moglie legittima dell’erede al trono, arrivando a concederle soltanto un paio di misteriosi guanti bianchi posati sulla bara, poggiata a terra e lontana da quella del marito, issata su un enorme catafalco ornato dai simboli imperiali.

Guanti bianchi

Ferri Edgarda

Tra il 1978 e il 1990, mentre in Unione Sovietica il potere si scopriva fragile e una certa visione del mondo si avviava al tramonto, Andrej Cikatilo, marito e padre di famiglia, comunista convinto e lavoratore, mutilava e uccideva nei modi più orrendi almeno cinquantasei persone. Le sue vittime bambini e ragazzi di entrambi i sessi, ma anche donne - avevano tutte una caratteristica comune: vivevano ai margini della società o non si sapevano adattare alle sue regole. Erano insomma simboli del fallimento dell'Idea comunista, sintomi dell'imminente crollo del Socialismo reale. Questo libro, sospeso tra romanzo e biografia, narra la storia di uno dei più feroci assassini del Novecento attraverso la visionaria, a tratti metafisica ricostruzione della confessione che egli rese in seguito all'arresto. E fa di più. Osa raccontare l'orrore e il fallimento in prima persona: Cikatilo, infatti, in questo libro dice "io". È lui stesso a farci entrare nella propria vita e nella propria testa, a svelarci le sue pulsioni più segrete, le sue umiliazioni e ossessioni. "Il giardino delle mosche" è un libro lirico e crudele allo stesso tempo: la storia di un'anima sbagliata, una meditazione sul potere e la sconfitta e, soprattutto, una discesa impietosa fino alle radici del Male.

Il giardino delle mosche. Vita di Andrej Cikatilo

Tarabbia Andrea

Londra. Un bambino dai capelli rossi è scomparso: il caso è su tutti i giornali, con tanto di dettagli macabri e orribili illazioni; la polizia è impotente; l'opinione pubblica è scossa. Frieda Klein, giovane psicanalista londinese, non potrebbe essere più lontana da tanto clamore. Il suo lavoro è già fin troppo intenso, con tutto il male di cui deve farsi carico esplorando la mente di persone turbate. La cronaca può aspettare. Finché arriva da lei un nuovo paziente, Alan. A quel punto, Frieda deve fare i conti con l'orrore della realtà più vera. Perché Alan, tormentato da inquietanti visioni, continua a vedere proprio il viso di un bambino dai capelli rossi...

IL PAZIENTE

French Nicci

Pirandello, Luigi – LA GIARA (Novelle per un anno, 1917)