Narrativa

Sotto falsa identità

Falconi Caterina

Descrizione: Fiore, Marilena, Luisa, Elisabetta, Rirì: donne forti, deboli, dal passato tormentato, donne diverse che incrociano i loro destini. In questo libro fatto di incontri e rimandi, dove ciascun personaggio si specchia nel fondo della propria anima e si rispecchia negli sguardi altrui, Caterina Falconi ha ritratto un microcosmo di provincia intessuto di amori divenuti cenere, famiglie disfunzionali, fantasmi sempre all'erta: c'è la dottoressa in crisi, la vecchia maestra prigioniera dei ricordi, l'ex infermiera stanca della routine. Gli uomini, sì, ci sono, ma sullo sfondo. Figure marginali che pure tutto muovono, passioni e gelosie. "Sotto falsa identità" è un romanzo sulla ricerca del proprio vero sé - mortificato dalle delusioni, perduto assieme al tempo e alla giovinezza - che solleva il velo delle finzioni quotidiane, costringendo ciascun personaggio a fare i conti con un presente bislacco e maltrattato, in cui nulla o quasi è andato come ci si attendeva. È, insomma, un libro che racconta fratture e riconciliazioni, un agrodolce inno alla speranza, la narrazione della seconda chance che ci aspetta.

Categoria: Narrativa

Editore: Galaad edizioni

Collana: La quercia e il tiglio

Anno: 2014

ISBN: 9788898722198

Recensito da Alessandra Allegretti

Le Vostre recensioni

Sotto falsa identità” di Caterina Falconi è davvero una bella sorpresa. Sin dall’inizio si viene affascinati dalla ricchezza dei personaggi: nel primo capitolo compare Fiore, una dottoressa di origini giapponesi che, per dimenticare il passato, si degrada in una relazione fagocitante, finché un giorno comprende quale sia il suo bene. Marilena, presentata al secondo capitolo, è un personaggio fantastico che si scopre piano piano, una vecchietta che in realtà non è quello che sembra e, seppur con molta fatica, trova il coraggio di percorrere a ritroso il cammino della sua esistenza. Poi c’è Luisa, che si appaga di essere una moglie fastidiosa e nasconde un vissuto di tristezza e adattamento. Le figure maschili si muovono sullo sfondo tra il desiderio, il bisogno fisico o l’amore puro e disinteressato, come quello che dimostra il giudice Bruno Sassu per Fiore. Ognuno sembra diverso da quello che sente di essere. Da qui il titolo del romanzo: sotto falsa identità, come Fiore, che per toccare il fondo si finge uomo e fa sesso virtualmente con la moglie del suo amante. Come Luisa stessa, che si è data un ruolo di madre  e moglie per dimenticare di essersi accontentata delle briciole di qualcun altro. Come Marilena, che da ragazza ha scelto una falsa se stessa, accettando di sposare il suo aguzzino.

Il romanzo di Caterina Falconi è un processo di liberazione e di perdita delle finte certezze. Lo stile è pieno come i personaggi, scorre espressivo fino a notevoli momenti di climax linguistica.

Era aprile, il peggiore dei mesi, e una luce disturbante si abbatteva sulle siepi, sull’acqua sporca della fontana, sui musi consumati dei due patetici leoni. Mentre seguiva la figlia, che insaccata in una giacchina blu con volant troppo stretta dava il braccio al vecchio e traballante padre, Marilena si era domandata se Cristo non si fosse trascinato sul Golgota in un giorno così luminoso. Se il cielo non avesse rivolto anche a lui il suo beffardo sorriso di vetro.

Le parole sono un veicolo perfetto delle emozioni e descrivono il vuoto esistenziale, la desolazione, come anche la gioia e la delicatezza. Proprio questi due ultimi sentimenti riescono a dominare, imprimendosi nella mente del lettore, che divora le pagine fino alla conclusione.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Caterina

Falconi

Libri dallo stesso autore

Intervista a Falconi Caterina


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Lazzaro è un uomo quasi cinquantenne che ritorna a casa, nella terra natia di Puglia, dopo trent'anni di esilio volontario in Argentina. A riportarlo a casa è un omicidio e un'ingiustizia, di cui è stato testimone. Nel ritornare in Italia, Lazzaro ricava una nuova consapevolezza di sé pacificando i fantasmi del passato e le incognite del futuro. Un romanzo avvincente, una storia che emozionerà il lettore e lo trascinerà in un mistero a sfondo familiare, dove violenza e amore sono le due forse contrapposte.

Il segreto di Lazzaro

Vicidomini Letizia

È ancora una donna la protagonista del nuovo libro di Paolo Cognetti, un romanzo composto da nove racconti autonomi che la accompagnano lungo trent’anni di storia: dall’infanzia in una famiglia borghese apparentemente normale, ma percorsa da sotterranee tensioni, all’adolescenza tormentata da disturbi psicologici, alla liberatoria scoperta del sesso e della passione per il teatro, al momento della maturità e dei bilanci.

SOFIA SI VESTE SEMPRE DI NERO

Cognetti Paolo

Regione dei Finger Lakes, stato di New York. È una notte di luna piena. Lucy Jarret è di fronte alle acque del lago, illuminate dai riflessi del cielo. Le sembra ancora di vedere il padre nella sua ultima notte di vita, seduto nel giardino di casa, l’aria pensierosa e turbata, pochi istanti prima di salire su quella barca che l’avrebbe portato alla morte. Sono passati anni da allora, anni in cui Lucy ha cercato di dimenticare, di farsene una ragione, senza mai riuscirci. Lucy è tornata a casa, dopo un lungo periodo in Giappone. Nella grande tenuta in riva al lago tutto è rimasto come allora, i fiori di melo pallidi come le stelle e le stanze buie, rimaste sempre chiuse da quella terribile notte. In un anfratto, sommersa tra i vecchi strumenti di pesca del padre, Lucy scopre per caso alcune lettere, risalenti ai primi anni del secolo, e una coperta da neonato, con un ricamo di lune e fiori. Un figura identica a quella delle preziose vetrate della chiesa del paese dove compare una donna misteriosa, dai grandi occhi azzurri, con in mano un mazzo di iris della stessa varietà che crescono nel giardino di Lucy. Chi è questa donna? E chi è Rose, colei che firma le lettere misteriose? Lucy lo deve scoprire a tutti i costi. È convinta che lì, nei frammenti della vita dimenticata di due donne, e forse in quelli di una bambina abbandonata, si nasconda un segreto terribile. Un segreto che ha portato suo padre verso una strada senza ritorno.

UN GIORNO MI TROVERAI

Edwards Kim

Come si spiega che nei Paesi occidentali (Italia compresa) l’evoluzionismo sia diventato terreno di scontro politico tra destra e sinistra? Che c’entra Darwin con la politica? In realtà, dicono gli autori, questo è stato il suo destino da sempre, fin da prima della pubblicazione di L’origine delle specie. Da allora la polemica non si è mai estinta. Dai comunisti ai liberali, dalle chiese ai tribunali, dal creazionismo americano a quello di matrice islamica, Compagno Darwin ricostruisce l’accoglienza del darwinismo in politica, mostrando che il naturalista con la barba è buono o cattivo a seconda di chi osserva e di cosa viene osservato attraverso le lenti della sua teoria. Da destra e da sinistra, l’evoluzionismo darwiniano è stato sposato per giustificare – non senza forzature – questa o quella posizione, salvo poi essere attaccato quando risultava scomodo. Lesa maestà nei confronti della scienza? Gli autori credono di no: in parte anche i ricercatori hanno un atteggiamento oscillante; e occuparsi del posto dell’uomo nel mondo, proprio come ha fatto Darwin, è l’essenza stessa della politica. Se si lamenta la distanza tra scienza e cittadini, lo spettacolo di una teoria scientifica che entra prepotentemente nel dibattito pubblico andrebbe guardato con interesse e casomai con sollievo, non temuto.

Compagno Darwin

Nosengo Nicola