Guide

Fatti mangiare dalla mamma

AA.VV.

Descrizione: Fatti mangiare dalla mamma è un libro corale. Nell'estate del 2012 lanciamo un'iniziativa su Facebook per Fabrizio Pittalis, poeta e scrittore di Porto Torres, un gruppo come tanti su social, Cuori da Venere, il pianeta dove lui si è trasferito nel 2007 a causa di un tumore-sarcoma di Ewing. Da lì l'idea di un libro fatto con le ricette date dalle mamme, ricette della tradizione o anche semplice frutto della loro creatività, quelle dei loro quaderni, quelle che i figli ricordano."

Categoria: Guide

Editore:

Collana:

Anno: 2013

ISBN: 9788891063151

Recensito da Donatella Perullo

Le Vostre recensioni

Nelle librerie ci sono scaffali zeppi di libri di cucina. A dire il vero se ne trovano un po’ ovunque: in edicola, negli ipermercati; alcuni si hanno in regalo con le raccolte punti, altri sfruttano l’onda di trasmissioni televisive di consolidato successo. In effetti, ce ne sono tanti di libri che ci elencano ricette più o meno stuzzicanti, ma nessuno di questi finora aveva mai avuto speranza di accendere la speranza.

La storia che sto per raccontarvi parla di ventiquattro amici uniti dal desiderio di ricordare uno di loro portato via da un brutto male, di quelli che vengono i brividi anche solo a pronunciarne il nome.

Decisi a non voler dimenticare il loro caro amico Fabrizio Pittalis, quest’affiatata compagnia di generosi professionisti un giorno iniziò a sognare. Sognarono di fare qualcosa di bello, di generoso, che rendesse onore all’animo poetico di Fabrizio e che avesse la finalità di devolvere tutti gli incassi all’ospedale pediatrico oncologico Santa Chiara di Pisa, lo stesso che si era preso cura del loro amico.

Il loro sarebbe stato un gesto d’amore e d’amore decisero di parlare. Stabilirono così di narrare delle storie, racconti di vita, legami, sentimenti, e qual è, sin dall’alba dei tempi, il primo gesto d’amore che una madre fa nei confronti dei figli se non il nutrimento?

Nacque così l’idea di unire le proprie conoscenze e professioni per creare un libro diverso da tutti gli altri, che non si limitasse a riportare ricette più o meno innovative, ma che finisse con l’essere un modo di parlare di famiglia, di ricordi e soprattutto del legame indissolubile mamma-cibo-figlio. Fu così che venne al mondo Fatti mangiare dalla mamma, una raccolta di ricette tramandate, insegnate, ricordate e soprattutto amate.

In Fatti mangiare dalla mamma ogni pietanza ha un suo corredo. Gli autori ci parlano non solo della ricetta, ma anche di come ne sono venuti a conoscenza, delle sue origini,  delle proprietà nutritive e finanche del giusto abbinamento enologico.

Fatti mangiare dalla mamma è, insomma, un’unione di professionalità ma soprattutto di esperienze, ognuna delle quali ci trascina in un passato più o meno remoto e ci mostra sprazzi di vita e sentimenti. È un libro di ricette narrate e disegnate, di racconti di mamme cucinate a puntino e di figli coccolati. Fatti mangiare dalla mamma è soprattutto una raccolta di idee ben congegnate e ottimamente realizzate.

Finalmente, dopo tanti libri che nascono con il fine di cambiare la vita di chi li scrive, è giunta un’opera corale che sogna di cambiare in meglio la vita di altri, meno fortunati.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Aa.vv.

Libri dallo stesso autore

Intervista a AA.VV.


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

In quel fine ottobre del 1929 sferzato dal vento e da una pioggerella fastidiosa e insistente, a Bellano non succede nulla di che. Ma se potessero, tra le contrade volerebbero sberle, eccome. Le stamperebbe volentieri il maresciallo dei carabinieri Ernesto Maccadò sul muso di tutti quelli che si credono indovini e vaticinano sul sesso del suo primogenito in arrivo, aumentando il tormento invece di sciogliere l'enigma, perché uno predice una cosa e l'altro l'esatto contrario. Se le sventolerebbero a vicenda, e di santa ragione, il brigadiere Efìsio Mannu, sardo, e l'appuntato Misfatti, siciliano, che non si possono sopportare e studiano notte e giorno il modo di rovinarsi la vita l'un l'altro. E forse c'è chi, pur col dovuto rispetto, ne mollerebbe almeno una al giovane don Sisto Secchia, coadiutore del parroco arrivato in paese l'anno prima. Mutacico, spento, sfuggente, con un naso ben più che aquilino, don Sisto sembra un pesce di mare aperto costretto a boccheggiare nell'acqua ristretta e insipida del lago. Malmostoso, è inviso all'intero paese, perfino al mite presidente dei Fabbriceri, Mistico Lepore, che tormenta il prevosto in continuazione perché, contro ogni buon senso, vorrebbe che lo mandasse via. E poi ci sono sberle più metaforiche, ma non meno sonore, che arrivano in caserma nero su bianco. Sono quelle che qualcuno ha deciso di mettere in rima e spedire in forma anonima ai carabinieri, forse per spingerli a indagare sul fatto...

Quattro sberle benedette

Vitali Andrea

Un amore romantico e infinito, capace di pazientare, con fede incrollabile, per "cinquantatré anni, sette mesi e undici giorni, notti comprese". Tanto deve infatti aspettare Florentino Aziza, poeta e proprietario della Compagnia Fluviale del Caribe, prima di poter finalmente vedere realizzato il suo sogno con Fermina Daza, la più bella ragazza della Colombia. La cronaca di una lunga e fiduciosa attesa, di un desiderio che non si sopisce ma viene accresciuto dagli anni, superando tutti gli ostacoli. Una storia d'amore e di speranza con la quale, per una volta, Márquez abbandona la sua abituale inquietudine e il suo impegno di denuncia sociale, per raccontare un'affascinante epopea di passione e di ottimismo. Un romanzo atipico e splendido da cui emergono il gusto intenso per una narrazione corposa e fiabesca, le colorate descrizioni dell'assolato Caribe e della sua gente.

L’amore ai tempi del colera

Márquez Gabriel García

Anna e Davide stanno insieme da cinque anni. Si sono amati e traditi, come tutti. Ma un giorno qualcosa cambia. Davide diventa violento, aggressivo e Anna scopre che si è innamorato di un’altra donna. Trova foto hot e alcuni messaggi in cui lui le scrive che la ama. Davide nega, attacca, non vuole che la loro storia finisca. Anna lo manda via di casa e precipita nell’ossessione. Smette di mangiare, controlla continuamente i social network dell’ex compagno e della rivale e, in un crescendo morboso, comincia a pedinarla, arriva a conoscerla e a frequentarla, fino a quando il gioco diventa troppo difficile da continuare. Il nuovo, atteso romanzo di Elena Stancanelli è la storia di una donna che, nella forma di una confessione spudorata alla propria migliore amica, racconta il lato oscuro di ogni donna.

La femmina nuda

Stancanelli Elena

Lorenzo, padre Pizzarro, Quèlo, il Massone, Vulvia, Aniene e le memorabili interpretazioni di Tremonti, Venditti e Rutelli; queste e altre le voci, vecchie e nuove, di Corrado Guzzanti, raccolte in un unico volume animato da ironia corrosiva e raffinata comicità. Un viaggio satirico attraverso gli ultimi vent'anni di storia italiana, uno specchio del paese immerso nella crisi, un ritratto della sua classe dirigente e dei "mostri" che ne popolano l'apparente normalità, una riflessione sui vizi e i difetti degli italiani attraverso personaggi dall'irresistibile ironia. Una guida completa ai testi dei personaggi di Corrado Guzzanti che contiene il testo completo di "Aniene 2. Molto rigore per nulla" e il meglio delle battute storiche di uno degli attori di satira più amati in Italia.

PAROLA DI CORRADO

Guzzanti Corrado