Guide

Fatti mangiare dalla mamma

AA.VV.

Descrizione: Fatti mangiare dalla mamma è un libro corale. Nell'estate del 2012 lanciamo un'iniziativa su Facebook per Fabrizio Pittalis, poeta e scrittore di Porto Torres, un gruppo come tanti su social, Cuori da Venere, il pianeta dove lui si è trasferito nel 2007 a causa di un tumore-sarcoma di Ewing. Da lì l'idea di un libro fatto con le ricette date dalle mamme, ricette della tradizione o anche semplice frutto della loro creatività, quelle dei loro quaderni, quelle che i figli ricordano."

Categoria: Guide

Editore:

Collana:

Anno: 2013

ISBN: 9788891063151

Recensito da Donatella Perullo

Le Vostre recensioni

Nelle librerie ci sono scaffali zeppi di libri di cucina. A dire il vero se ne trovano un po’ ovunque: in edicola, negli ipermercati; alcuni si hanno in regalo con le raccolte punti, altri sfruttano l’onda di trasmissioni televisive di consolidato successo. In effetti, ce ne sono tanti di libri che ci elencano ricette più o meno stuzzicanti, ma nessuno di questi finora aveva mai avuto speranza di accendere la speranza.

La storia che sto per raccontarvi parla di ventiquattro amici uniti dal desiderio di ricordare uno di loro portato via da un brutto male, di quelli che vengono i brividi anche solo a pronunciarne il nome.

Decisi a non voler dimenticare il loro caro amico Fabrizio Pittalis, quest’affiatata compagnia di generosi professionisti un giorno iniziò a sognare. Sognarono di fare qualcosa di bello, di generoso, che rendesse onore all’animo poetico di Fabrizio e che avesse la finalità di devolvere tutti gli incassi all’ospedale pediatrico oncologico Santa Chiara di Pisa, lo stesso che si era preso cura del loro amico.

Il loro sarebbe stato un gesto d’amore e d’amore decisero di parlare. Stabilirono così di narrare delle storie, racconti di vita, legami, sentimenti, e qual è, sin dall’alba dei tempi, il primo gesto d’amore che una madre fa nei confronti dei figli se non il nutrimento?

Nacque così l’idea di unire le proprie conoscenze e professioni per creare un libro diverso da tutti gli altri, che non si limitasse a riportare ricette più o meno innovative, ma che finisse con l’essere un modo di parlare di famiglia, di ricordi e soprattutto del legame indissolubile mamma-cibo-figlio. Fu così che venne al mondo Fatti mangiare dalla mamma, una raccolta di ricette tramandate, insegnate, ricordate e soprattutto amate.

In Fatti mangiare dalla mamma ogni pietanza ha un suo corredo. Gli autori ci parlano non solo della ricetta, ma anche di come ne sono venuti a conoscenza, delle sue origini,  delle proprietà nutritive e finanche del giusto abbinamento enologico.

Fatti mangiare dalla mamma è, insomma, un’unione di professionalità ma soprattutto di esperienze, ognuna delle quali ci trascina in un passato più o meno remoto e ci mostra sprazzi di vita e sentimenti. È un libro di ricette narrate e disegnate, di racconti di mamme cucinate a puntino e di figli coccolati. Fatti mangiare dalla mamma è soprattutto una raccolta di idee ben congegnate e ottimamente realizzate.

Finalmente, dopo tanti libri che nascono con il fine di cambiare la vita di chi li scrive, è giunta un’opera corale che sogna di cambiare in meglio la vita di altri, meno fortunati.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Aa.vv.

Libri dallo stesso autore

Intervista a AA.VV.


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Incastonando uno straordinario equilibrio di grottesco e oggettivo, di concreto e assurdo, in un impianto stilistico sopraffino, Kafka è riuscito a creare un capolavoro letterario senza tempo. La parabola di umiliazione suprema alla quale Gregor Samsa non può fare a meno di sottostare, dà sfogo ad un intrico di contraddizioni mai risolte e di vincoli insormontabili nel rantolo senza voce di un insetto; l'opressione e la repressione familiare, il legame di schiavitù civile col posto di lavoro, lo scontro silenzioso tra le tensioni individuali e i rigidi schemi di una società inesorabilmente vicina al collasso, rendono questo gioiello un'incredibile allegoria di ogni umana vicenda.

La metamorfosi

Kafka Franz

Un albero ghiacciato, di un rosso vivo, pulsante, intriso di sangue. È la prima immagine che appare a don Ermete, Zeno e Sauro. Una strage indicibile si è consumata ai piedi di quell’albero, e solo una prodigiosa nevicata ha lenito l’orrore di quegli undici corpi straziati da undici cause di morte diverse, avvenute contemporaneamente, in un lampo. I quarantadue abitanti di Borgo San Giuda, travolti dall’onda d’urto di quel massacro, si ritrovano al centro del mondo mediatico. Semplici testimoni del male, diventano i protagonisti dimenti-cati di questa storia, e tutti insieme scivolano nella follia. Don Ermete non può abbandonare la sua gente e insieme a Giovanna Gassion, giovane psichiatra della ASL in fuga da un amore finito, cercherà in tutti i modi di mettere in salvo quel mondo di poche anime perse e mute, che sembrano lontanissime ma che in realtà siamo noi. Pagina dopo pagina sembrerà di essere lì a calcare forte il passo per non essere spazzati via da quel vento che tira gelido e senza sosta, di entrare in quelle case modeste dove germina la follia, di incrociare quegli sguardi disperati e soli, e infine di sentirsi lievi e salvi, una volta arresi davanti al mistero. X e Y, uomo e donna, fede e scienza, si incontrano e si scontrano fin quasi a sovrapporsi in un’eroica liberazione dalla dittatura della ragione, umiliata dall’assurda danza del male.

XY

Veronesi Sandro

Ci sono mondi che da lontano sembrano brutti e grigi. Mondi poveri, in cui il cibo era poco, in cui la libertà di scelta era poca, in cui la fatica sembrava non finire mai. Eppure, proprio di questi mondi, pur ricordandone tutte le ombre, decenni dopo si sente nostalgia, si avverte la mancanza. Confrontata all’anonimato consumistico contemporaneo, la Russia d’un tempo, la Grande Russia del socialismo, rappresentava una fede, una identità, una sfida. Attraverso le testimonianze di decine e decine di donne e uomini che hanno attraversato e creduto alla Perestrojka, Svetlana Aleksievic ci racconta l’utopia di un mondo finito, che non ha saputo restituire al suo popolo l’orgoglio di un tempo.

Tempo di seconda mano

Alesksievič Svetlana

"Seduto di fronte alla sua esistenza densa di avventure come un romanzo, ho ascoltato i racconti di mio padre con la devozione di un figlio che compie i primi passi stringendo la mano di chi lo guida. Senza sapere se mai avrei trovato il coraggio di aprire questo ripostiglio così intimo da diventare, paradossalmente, universale. Forse è solo la presunzione a farci credere che ogni nostra avventura sia degna di nota. Eppure, mentre ascoltavo i suoi racconti, ho provato spesso a chiudere gli occhi per condividere con lui la paura del buio e perché la fantasia potesse regalarmi immagini sempre più vive. E le immagini tornano a vorticare ricche di colori sfavillanti, come quelli di un'esistenza unica, in un Paese che, nello sforzo di crescere, regalava opportunità da cogliere come fiori dalla vita breve. La storia di mio padre, Albino Buticchi, è una storia singolare e avventurosa. Questa storia nasce, infatti, quasi dal nulla come tante altre che, insieme, hanno fatto l'Italia. Una storia semplice, in una Casa di mare..." Marco Buticchi

Casa di mare

Buticchi Marco