Guide

Fatti mangiare dalla mamma

AA.VV.

Descrizione: Fatti mangiare dalla mamma è un libro corale. Nell'estate del 2012 lanciamo un'iniziativa su Facebook per Fabrizio Pittalis, poeta e scrittore di Porto Torres, un gruppo come tanti su social, Cuori da Venere, il pianeta dove lui si è trasferito nel 2007 a causa di un tumore-sarcoma di Ewing. Da lì l'idea di un libro fatto con le ricette date dalle mamme, ricette della tradizione o anche semplice frutto della loro creatività, quelle dei loro quaderni, quelle che i figli ricordano."

Categoria: Guide

Editore:

Collana:

Anno: 2013

ISBN: 9788891063151

Recensito da Donatella Perullo

Le Vostre recensioni

Nelle librerie ci sono scaffali zeppi di libri di cucina. A dire il vero se ne trovano un po’ ovunque: in edicola, negli ipermercati; alcuni si hanno in regalo con le raccolte punti, altri sfruttano l’onda di trasmissioni televisive di consolidato successo. In effetti, ce ne sono tanti di libri che ci elencano ricette più o meno stuzzicanti, ma nessuno di questi finora aveva mai avuto speranza di accendere la speranza.

La storia che sto per raccontarvi parla di ventiquattro amici uniti dal desiderio di ricordare uno di loro portato via da un brutto male, di quelli che vengono i brividi anche solo a pronunciarne il nome.

Decisi a non voler dimenticare il loro caro amico Fabrizio Pittalis, quest’affiatata compagnia di generosi professionisti un giorno iniziò a sognare. Sognarono di fare qualcosa di bello, di generoso, che rendesse onore all’animo poetico di Fabrizio e che avesse la finalità di devolvere tutti gli incassi all’ospedale pediatrico oncologico Santa Chiara di Pisa, lo stesso che si era preso cura del loro amico.

Il loro sarebbe stato un gesto d’amore e d’amore decisero di parlare. Stabilirono così di narrare delle storie, racconti di vita, legami, sentimenti, e qual è, sin dall’alba dei tempi, il primo gesto d’amore che una madre fa nei confronti dei figli se non il nutrimento?

Nacque così l’idea di unire le proprie conoscenze e professioni per creare un libro diverso da tutti gli altri, che non si limitasse a riportare ricette più o meno innovative, ma che finisse con l’essere un modo di parlare di famiglia, di ricordi e soprattutto del legame indissolubile mamma-cibo-figlio. Fu così che venne al mondo Fatti mangiare dalla mamma, una raccolta di ricette tramandate, insegnate, ricordate e soprattutto amate.

In Fatti mangiare dalla mamma ogni pietanza ha un suo corredo. Gli autori ci parlano non solo della ricetta, ma anche di come ne sono venuti a conoscenza, delle sue origini,  delle proprietà nutritive e finanche del giusto abbinamento enologico.

Fatti mangiare dalla mamma è, insomma, un’unione di professionalità ma soprattutto di esperienze, ognuna delle quali ci trascina in un passato più o meno remoto e ci mostra sprazzi di vita e sentimenti. È un libro di ricette narrate e disegnate, di racconti di mamme cucinate a puntino e di figli coccolati. Fatti mangiare dalla mamma è soprattutto una raccolta di idee ben congegnate e ottimamente realizzate.

Finalmente, dopo tanti libri che nascono con il fine di cambiare la vita di chi li scrive, è giunta un’opera corale che sogna di cambiare in meglio la vita di altri, meno fortunati.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Aa.vv.

Libri dallo stesso autore

Intervista a AA.VV.


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Per la prima volta la storia degli anni di piombo narrata in prima persona dai veri protagonisti, i terroristi neri e rossi che hanno fatto la scelta della lotta armata. Dalla contestazione del '68 allo stragismo, dalla nascita delle BR al sequestro Moro, tutti gli episodi più tragici di un'epoca che ha straziato la coscienza del nostro paese. Un'inchiesta senza pari per complessità e proporzioni, condotta da uno dei grandi nomi del giornalismo televisivo italiano.

La notte della repubblica

Zavoli Sergio

Perché, poco prima delle Idi di marzo, il giorno fatidico in cui venne ucciso, Giulio Cesare rinunciò a essere accompagnato dalla scorta? E perché proprio Bruto e Decimo, gli uomini più vicini al dittatore, avrebbero dovuto desiderarne e organizzarne la fine? Perché, mentre si recava alla Curia, il dittatore di Roma ignorò tutti coloro che lo avvertivano che sarebbe stato vittima di un complotto? E infine perché, quando venne portato via dopo essere stato accoltellato a morte, un lembo della tonaca gli copriva il viso? Secondo Cicerone il dittatore avrebbe provato vergogna per le smorfie di dolore che gli contraevano il volto nel momento della morte, e si sarebbe coperto per nasconderle. Ma se la ragione fosse un'altra? Furono gli schiavi dello stesso Cesare a portare via il corpo del padrone, con il viso nascosto dalla toga. E solo dopo un certo tempo il medico Antistione dichiarò che Cesare era stato colpito da diciotto coltellate, di cui una mortale. Ai tanti enigmi che si affollano intorno alla più famosa congiura della storia, Franco Forte dà un'incredibile risposta nelle pagine di questo romanzo: e se Giulio Cesare non fosse affatto morto alle Idi di marzo? Forse la congiura non aveva la finalità di ucciderlo, ma di sottrarlo allo scomodo e gravoso incarico di padre-padrone di Roma. Offrendogli così la possibilità di tornare a dedicarsi a ciò che nella vita aveva sempre amato: essere alla testa di una legione, la Legio Caesaris, e combattere per la gloria personale e dell'Urbe. Con un ulteriore obiettivo, che solo una mente ambiziosa come quella di Cesare poteva escogitare: raggiungere i confini del mondo alla ricerca della dimora degli dèi, per strappare loro il segreto della vita eterna. Tra colpi di scena strabilianti e gustosissimi cammei di personaggi storici, Franco Forte ci regala la prima epica avventura di Cesare e della sua nuova legione.

Cesare l’immortale

Forte Franco

L'esperto di simbologia di Harvard, Robert Langdon, viene chiamato a sorpresa come conferenziere al Campidoglio. In pochi istanti, però, la serata prende una piega bizzarra: Langdon assiste al ritrovamento di un misterioso manufatto, decorato con cinque simboli. Langdon capisce che l'oggetto è un invito a seguire le tracce del mondo perduto della saggezza esoterica. Quando il suo amato maestro Peter Solomon - importante membro della Massoneria nonché filantropo - viene brutalmente rapito, Langdon realizza che l'unica speranza di salvare Peter è di accettare l'invito dell'oggetto misterioso e seguirlo ovunque lo porti. Langdon si ritroverà immediatamente immerso in un mondo clandestino di segreti Massonici che sembrano trascinarlo verso una sola, inconcepibile verità. 'Il simbolo perduto' è un capolavoro di narrazione - una corsa mortale attraverso un vero labirinto nel mondo dei codici, dei segreti e delle verità invisibili nei templi di Washington, DC.

IL SIMBOLO PERDUTO

Brown Dan

L'"Antigone", la più antica delle sette tragedie sofoclee pervenutaci, riportò la vittoria negli agoni tragici del 442 a. C. e narra di Antigone che trasgredisce gli ordini del re Creonte in nome delle leggi divine e decide di seppellire il fratello Polinice. "Edipo re" è uno dei capolavori del teatro tragico di tutti i tempi; uno dei monumenti della poesia e del pensiero greco. Il re tebano che inconsciamente uccide il padre e sposa la madre, e che poi lentamente scopre i propri misfatti, non è solo il protagonista di un dramma scenico tecnicamente perfetto, ma altresì il simbolo dell'oscura, inconsapevole vicenda dell'uomo, creatura di enorme e nessun valore, di sublime e inetta capacità, alla fine sventurata. Ma quando poi "Edipo a Colono" riprende la storia e presenta il protagonista che, dopo essersi accecato, a distanza ormai di anni, approda con l'unico sostegno della figlia Antigone alla terra ospitale di Atene per morirvi, il delitto e la sventura hanno trovato nella sofferenza la catarsi. Gli orrori sono resi sublimi, l'esperienza eroica. La tensione si è allentata, l'equilibrio ristabilito, e la tragedia, ancora dolente ma piena di saggezza e di affetti, sfuma in una religiosità rasserenante.

Edipo re

Sofocle