Racconti

Favola d’amore

Hesse Hermann

Descrizione: "Solo in questo consiste per me la vita, nel fluttuare tra due poli, nell'oscillazione tra i due pilastri portanti del mondo. Vorrei con gioia far vedere sempre la beata varietà del mondo e anche sempre ricordare che al fondo di questa varietà vi è un'unità". Dopo il 1915 gli scritti di Hesse si richiamano spesso ad una delle concezioni più antiche dell'umanità, la filosofia cinese dello yin e yang, forze opposte da cui scaturisce la tensione necessaria alla vita, alla trasformazione. Una fiaba d'amore gaia e luminosa, attinta dalla saggezza del Siddharta, dove parola e disegno si fondono come uomo e donna, come sole e luna, a raccontare il paradiso del perenne rinnovamento.

Categoria: Racconti

Editore: Nuovi Equilibri

Collana:

Anno: 1993

ISBN: 9788872260128

Recensito da Marika Piscitelli

Le Vostre recensioni

La favola di Pictor andrebbe letta ad alta voce, così è stata pensata”, ed infatti Hesse inserisce delle rime all’interno del testo, sulla scorta della tradizione orientale. Le rime facilitano l’esposizione orale perché l’ascoltatore viene rapito e suggestionato, in modo quasi inconscio, dalla ripetizione dei suoni.

Ma la caratteristica principale della tecnica narrativa usata in questa sorta di racconto per adulti è la commistione di disegni e parole.

Dono di Hesse per la cantante Ruth Wenger, poi diventata sua moglie, Favola d’amore vuole spiegare il mistero della vita e la varietà di un mondo in continua trasformazione. Un mondo in cui sono gli opposti a creare l’equilibrio, secondo l’antica filosofia cinese dello Yin e Yang, cui molte opere dello scrittore si richiamano.

Pictor (pittore, artista) giunge in paradiso e si imbatte in un albero che è insieme uomo e donna.

«Sei tu l’albero della vita?» gli chiede, ma ad annuire sarà un altro albero, che è insieme sole e luna…

E dov’è la felicità?, si domanda ancora Pictor. «La felicità, amico, è ovunque, sui monti e nelle valli, nei fiori e nei cristalli» risponde un uccello variopinto, e poi si trasforma in farfalla, in fiore e in cristallo…

Con la preziosa pietra in mano, Pictor si sente vivo ma, su consiglio del serpente, scambia la felicità che deriva dall’eterna trasformazione con la possibilità di realizzare un desiderio: sceglie di diventare albero, esempio, per lui, di pace e stabilità.

Quando, però, col passare degli anni, si rende conto del fatto che in paradiso tutti gli esseri si trasformano mentre lui ha perso la possibilità di evolversi attraverso il cambiamento, Pictor inizia ad invecchiare…

Si risveglierà dal suo torpore? In cosa consisterà la sua salvezza?

Ve lo lascio scoprire da soli…

Mi limito a fornirvi solo un indizio attraverso le parole dello stesso Hesse: “Vorrei con gioia far vedere sempre la beata varietà del mondo ed anche sempre ricordare che al fondo di questa varietà vi è un’unità”.{jcomments on}

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Hermann

Hesse

Libri dallo stesso autore

Intervista a Hesse Hermann

Quando Anastasia Steele, graziosa e ingenua studentessa americana di 21 anni, incontra Christian Grey, giovane imprenditore miliardario, si accorge di essere attratta irresistibilmente da quest’uomo bellissimo e misterioso e di volerlo a tutti i costi. Incapace a sua volta di resisterle, anche lui deve ammettere di desiderarla, ma alle sue condizioni. Presto Anastasia scoprirà che Grey ha gusti erotici e pratiche sessuali decisamente singolari ed è un uomo tormentato dai suoi demoni e consumato dal bisogno di controllo. Nello scoprire l’animo enigmatico di Grey, Anastasia conoscerà per la prima volta i suoi più oscuri desideri.

Cinquanta sfumature di rosso

James E. L.

Un nuovo Barnum. Una nuova visita guidata alle cose del mondo, e agli uomini che lo rendono abitabile, o semplicemente più riconoscibile. Baricco insegue il mondo, e induce i suoi lettori a partecipare la curiosità con cui va a stanare notizie, episodi, insistenze, personaggi, dibattiti, immagini. Stanando dice e dicendo mostra, con una varietà di accenti e di esposizione che, per citare una sua antica generosa ossessione, fa pensare al circo, al Barnum delle meraviglie. Ecco dunque un nuovo Barnum che si aggiunge ai due pubblicati negli anni novanta. Qui facciamo i conti con la riforma dello spettacolo, con la scuola come videogame, con la priorità delle storie, con il cantiere della Morgan Library di Renzo Piano, con la Cinquecento Miglia di Indianapolis, con le immagini di Vivian Maier, con le provocazioni di Houellebecq e l'eredità di Gabriel García Márquez. Una grande occasione per farsi sedurre, sorprendere, interrogare.

Il nuovo Barnum

Baricco Alessandro

Può l’insegnante riappropriarsi del suo ruolo e nello stesso tempo parlare un linguaggio più vicino a quello degli studenti? E’ possibile sfruttare tutte le informazioni che sono già accessibili agli studenti tramite i diversi canali dell’era della comunicazione? E’ possibile tornare ad essere quelle figure di riferimento e orientamento fondamentali nella società civile in modo da essere la guida capace di insegnare ad apprendere da soli? E’ possibile fare in modo che i ragazzi si sentano più responsabili del loro apprendimento? Il flipped learning, l’approccio proposto in questo volume, consiste nell’invertire il luogo dove si segue la lezione (a casa propria anziché a scuola) con quello in cui si studia e si fanno i compiti (a scuola anziché a casa). In queste pagine gli autori presentano questa modalità didattica, dando ampio spazio al racconto di esperienze e buone prassi realizzate a livello nazionale e internazionale.

La classe capovolta

Maglioni Maurizio Biscaro Fabio

Che cos’è la vita? Una scalata verso la salvezza da se stessa, risponde Silvia, trentacinquenne più che carina, ragazza che non si sente né donna né bimba, scrittrice o forse scrittora, crisalide che magari, un giorno, sarà farfalla, ma con i suoi tempi e i suoi modi. Vi riuscirà? Non è detto, forse non è così importante il risultato finale, ma la ricerca di sé che Silvia conduce tra amiche e presunti uomini della vita, fra situazioni ai limiti del grottesco e lo scodinzolio del suo pelosissimo cane, riempie il libro di una fresca essenza vitale, questa sì irrinunciabile. Una Bridget Jones all’italiana? Solo in parte, anche se non mancano ossessioni personali, manie e stranezze della vita, e una buona dose di sarcasmo nell’osservarle. Più di Bridget, Silvia rappresenta le eterne ragazze di oggi, dà spessore ai loro pensieri, mette in piazza le ansie e i propositi. In fondo, si può restare crisalidi per tutta la vita, se non si ha la sicurezza di diventare una farfalla speciale.

CRISALIDE ROSA

Pivari Cristiana