Libri per ragazzi

Federico il pazzo

Rinaldi Patrizia

Descrizione: Angelo è appena arrivato in una nuova città e deve iniziare la terza media. E che terza media! In classe sua, tra gli altri, c'è Capa Gialla, pluriripetente e facile alle mazzate, c'è Giusy che è carina e vorrebbe fare il meccanico da grande, ma c'è anche Federico il pazzo, che poi si chiama Francesco, e ha un sacco di strane idee per la testa. Se non fosse per Capa Gialla e la sua gang di bulli, ci sarebbe quasi da divertirsi...

Categoria: Libri per ragazzi

Editore: Sinnos

Collana:

Anno: 2014

ISBN: 9788876092688

Recensito da Elpis Bruno

Le Vostre recensioni

Una classe scolastica, è un fatto risaputo, è un campione rappresentativo della società: c’è la velina che rinfresca il trucco anche di fronte all’insegnante, c’è il prepotente che prevarica gli altri con l’arroganza e manovra il branco, c’è la professoressa che rappresenta il potere e lo può amministrare in vario modo: con il pugno di ferro (magari nel guanto di velluto), con la persuasione, con la demagogia, con il consenso o in modo flebile, ai limiti dell’anarchia… E poi c’è la persona sensibile, che magari ha avuto un incidente di percorso; c’è l’intellettuale, l’artista, l’eccentrico; e c’è lo spirito critico, che sa opporsi alla massa in modo originale, fuori dagli schemi.

In Federico il pazzo di Patrizia Rinaldi troviamo il bullo Capa Gialla, Giusy che sogna di fare il meccanico, Mimmo (“Adesso che entra dentro la scuola, questo se lo mangiano in mezzo al pane”)… E poi ci sono loro due.
Da un lato Angelo, che si stabilisce a Napoli lasciando Verona (“Mia madre… mi ha scaraventato in un’altra vita”), ha avuto un trauma che forse ha accentuato la sua sensibilità e la tendenza a estraniarsi (“La mia tecnica solitaria di galleggiamento”), deve affrontare l’incognita della nuova classe con le apprensioni, le paure e le speranze di ogni esordio.
Dall’altro lato c’è “Francesco, il nipote della signora grassa che abita di fronte a casa”, un isolato (“Un ragazzo della mia età che crede di essere un imperatore del Medio Evo è più incredibile delle Carte Magic”) che nella lettura si è creato un mondo parallelo (“I libri mi hanno portato lontano, perché sono i miei videogiochi, il mio mondo fantastico e sono stati la mia compagnia”), nel linguaggio forbito ha trovato una forma di difesa personale, nell’immedesimazione con “Federico II, l’imperatore col falcone” ha approntato un sistema di evasione e di affermazione. Anche se tutti oramai lo chiamano Federico il Pazzo.
Angelo e Francesco, così vicini e così lontani, così diversi e così uguali (“Sì, ma a Federico il Pazzo non lo tocca nessuno. Tu invece sei come il fiocco delle giostre: tutti ti vogliono acchiappare”), intensamente destinati a un’avventura d’amicizia (“Per la prima volta sento di esistere per lui: non come un’ombra o un’idea, intendo, ma in carne, ossa e cicatrici”).

Patrizia Rinaldi è lì, in mezzo alle sue creature, ed è la mamma di Angelo, l’insegnante, ma è bambina lei stessa: rinnega sintassi e regole che ben conosce pur di rendere vivi quei ragazzi che – declinando le protasi dei periodi ipotetici con il condizionale – sono probabilmente collage di esperienze da lei vissute. E porta ragazzi e adulti disposti ad abbandonarsi alla sua storia (“Non so se tutta questa fantasia sia un bene”) sulle ali del nibbio bruno che per Federico il Pazzo è un surrogato del falcone dell’imperatore (“Federico II aveva i falchi, io sono amico di un nibbio”). Così conduce a conquistare il castello di Napoli (“Conquistare Sant’Elmo ha significato sempre impadronirsi di Napoli”) e si prende il cuore di chi la legge, insinuando un sospetto: “Crescere significa comprendere il limite”…

Federico il pazzo, che nella prima stesura s’intitolava Sono tornato a casa, ha vinto nel 2006 il Premio Pippi per l’inedito ed è opera finalista del premio Andersen 2015 nella categoria “miglior libro 9 /12 anni”.
La storia è illustrata da Federico Appel.
A noi piace abbinare il libro di Patrizia Rinaldi a questa poesia di Gianni Rodari, bandierina segnavento tra le raffiche di guerra che sinistramente soffiano sul nostro mondo:

Re Federico di Gianni Rodari

C’era un re di nome Federico
che andò in guerra e cercava il nemico.
Ma il nemico era andato
a comprare il gelato
infischiandosene del re Federico

– Nemico, nemico, vieni fuori che ti aspetto! –
– Adesso no, finisco il sorbetto -.
– Vieni fuori che ti aspetto con la spada e con la lancia -.
– Adesso no, perché ho il mal di pancia- .

Re Federico per la disperazione
buttò la corona e andò in pensione.

Bruno Elpis

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Premio Andersen 2016: Patrizia Rinaldi miglior scrittrice - New i-LIBRI

[…] A questo link trovate il nostro commento a una delle opere per le quali la scrittrice partenopea si è aggiudicata il titolo di miglior scrittrice: “Federico il pazzo”: http://www.i-libri.com/libri/federico-il-pazzo-2/   […]

Premio Andersen 2016: Patrizia Rinaldi miglior scrittrice – i-LIBRI

[…] A questo link trovate il nostro commento a una delle opere per le quali la scrittrice partenopea si è aggiudicata il titolo di miglior scrittrice: “Federico il pazzo”: http://www.i-libri.com/libri/federico-il-pazzo-2/   […]

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Patrizia

Rinaldi

Libri dallo stesso autore

Intervista a Rinaldi Patrizia

Federica è una donna di quarant'anni separata e madre di due gemellini. Quando la sua amica Lia le consiglia di partire per una vacanza e pubblica un annuncio per trovarle una baby-sitter che la aiuti con i piccoli, Federica ancora non sa cosa il destino ha in serbo per lei. Già, perché a presentarsi è un bel giovane di ventitré anni al cui fascino - come Federica scopre ben presto - è piuttosto difficile resistere. Fin qui nulla di irreparabile, se non fosse per il fatto che anche Tom non sembra affatto indifferente alla sensualità della sua datrice di lavoro... Il ragazzo alla parie una commedia rosa, piccante ed esilarante che diverte, fa sognare ma anche riflettere. Al di là della pura e semplice toy-boy story romantica e sexy, si muovono infatti due protagonisti seducenti, dalle vite complesse: Federica convive quotidianamente con i fantasmi di un matrimonio fallito e con le ansie di una madre single, mentre Tom deve fare i conti con una morbosa situazione familiare. Tra dubbi, incertezze e appassionati momenti di intimità, Federica e Tom dovranno impegnarsi non poco per vincere le difficoltà. E insieme a queste, dovranno affrontare anche il tabù sociale di un rapporto - quello tra una donna matura e un ragazzo - che pure chiede solo di essere vissuto e rispettato "alla pari" di qualsiasi altra forma d'amore.

Il ragazzo alla pari

Gnomo Twins Federica

«In questo ultimo quarto di secolo 15.384 volte la Comunità di Sant’Egidio, direttamente e con l’aiuto di tanti, ha favorito l’incontro con un condannato a morte. […] Chi scrive? Anche giovanissimi, quindicenni, studenti e classi intere che scoprono già da teenager un mondo complesso, meno in bianco e nero. È l’empatia. Studenti universitari, ma anche famiglie in cui genitori e figli leggono e scrivono insieme le lettere. E diventa come un’adozione a distanza, un pezzo di famiglia che sta in un punto oscuro del mondo.» Dalla prefazione di Mario Marazziti. James Aren Duckett è detenuto nell'FSP (Florida State Prison) dal 30 giugno 1988, a seguito della condanna per lo stupro e l'uccisione di una bambina di 11 anni. In questi 33 anni, Jim, così lo chiamano gli amici e i suoi cari, lotta con i suoi legali per affermare la propria innocenza e per evidenziare le incongruenze e i malfunzionamenti del sistema giudiziario (e carcerario) degli Stati Uniti d'America. Oltre alla sua storia, la corrispondenza con l'autrice, iniziata nel 2012 e tuttora attiva, svela pensieri, paure e riflessioni di Jim, eternamente sospeso tra l'attesa di un responso e la vita in un carcere di massima sicurezza. Una preziosa testimonianza, la sua, che impone il rifiuto dell'idea che la Giustizia passi attraverso la pena di morte.

La seconda lettera

Bellotti Laura

Dopo aver lasciato una carriera da manager, Sergio Bambarén ha sposato la natura e i grandi spazi, primo fra tutti il mare e in particolare l'oceano. Ha nuotato con i delfini, ha praticato il surf sulle coste più selvagge, ha trovato amici dal cuore grande. E ha intrapreso una ricerca spirituale. Alle grandi distese di acqua, però, ha anche affiancato il viaggio in uno dei luoghi più magici e avvolgenti della terra: il deserto. Insieme a una famiglia berbera, Sergio ha vissuto l'esperienza intensa ed emozionante di immergersi nel silenzio di sabbie millenarie, dove è possibile svuotare la mente da ogni affanno quotidiano e ritrovare la semplicità delle cose essenziali, quelle che contano davvero.

L’eco del deserto

Bambarén Sergio

L’Ombra della Stella è un romanzo giallo/noir, il primo nel quale appare la nuova protagonista Stella Spada. Stella passa da una comoda vita da segretaria ad un impiego presso una società di investigazioni, di cui diventa socia. Da questo momento la sua vita prende una piega estremamente avventurosa. Sullo sfondo Bologna. Una città sempre più misteriosa e pericolosa.

L’ombra della stella

Lusetti Lorena