Libri per ragazzi

Federico il pazzo

Rinaldi Patrizia

Descrizione: Angelo è appena arrivato in una nuova città e deve iniziare la terza media. E che terza media! In classe sua, tra gli altri, c'è Capa Gialla, pluriripetente e facile alle mazzate, c'è Giusy che è carina e vorrebbe fare il meccanico da grande, ma c'è anche Federico il pazzo, che poi si chiama Francesco, e ha un sacco di strane idee per la testa. Se non fosse per Capa Gialla e la sua gang di bulli, ci sarebbe quasi da divertirsi...

Categoria: Libri per ragazzi

Editore: Sinnos

Collana:

Anno: 2014

ISBN: 9788876092688

Recensito da Elpis Bruno

Le Vostre recensioni

Una classe scolastica, è un fatto risaputo, è un campione rappresentativo della società: c’è la velina che rinfresca il trucco anche di fronte all’insegnante, c’è il prepotente che prevarica gli altri con l’arroganza e manovra il branco, c’è la professoressa che rappresenta il potere e lo può amministrare in vario modo: con il pugno di ferro (magari nel guanto di velluto), con la persuasione, con la demagogia, con il consenso o in modo flebile, ai limiti dell’anarchia… E poi c’è la persona sensibile, che magari ha avuto un incidente di percorso; c’è l’intellettuale, l’artista, l’eccentrico; e c’è lo spirito critico, che sa opporsi alla massa in modo originale, fuori dagli schemi.

In Federico il pazzo di Patrizia Rinaldi troviamo il bullo Capa Gialla, Giusy che sogna di fare il meccanico, Mimmo (“Adesso che entra dentro la scuola, questo se lo mangiano in mezzo al pane”)… E poi ci sono loro due.
Da un lato Angelo, che si stabilisce a Napoli lasciando Verona (“Mia madre… mi ha scaraventato in un’altra vita”), ha avuto un trauma che forse ha accentuato la sua sensibilità e la tendenza a estraniarsi (“La mia tecnica solitaria di galleggiamento”), deve affrontare l’incognita della nuova classe con le apprensioni, le paure e le speranze di ogni esordio.
Dall’altro lato c’è “Francesco, il nipote della signora grassa che abita di fronte a casa”, un isolato (“Un ragazzo della mia età che crede di essere un imperatore del Medio Evo è più incredibile delle Carte Magic”) che nella lettura si è creato un mondo parallelo (“I libri mi hanno portato lontano, perché sono i miei videogiochi, il mio mondo fantastico e sono stati la mia compagnia”), nel linguaggio forbito ha trovato una forma di difesa personale, nell’immedesimazione con “Federico II, l’imperatore col falcone” ha approntato un sistema di evasione e di affermazione. Anche se tutti oramai lo chiamano Federico il Pazzo.
Angelo e Francesco, così vicini e così lontani, così diversi e così uguali (“Sì, ma a Federico il Pazzo non lo tocca nessuno. Tu invece sei come il fiocco delle giostre: tutti ti vogliono acchiappare”), intensamente destinati a un’avventura d’amicizia (“Per la prima volta sento di esistere per lui: non come un’ombra o un’idea, intendo, ma in carne, ossa e cicatrici”).

Patrizia Rinaldi è lì, in mezzo alle sue creature, ed è la mamma di Angelo, l’insegnante, ma è bambina lei stessa: rinnega sintassi e regole che ben conosce pur di rendere vivi quei ragazzi che – declinando le protasi dei periodi ipotetici con il condizionale – sono probabilmente collage di esperienze da lei vissute. E porta ragazzi e adulti disposti ad abbandonarsi alla sua storia (“Non so se tutta questa fantasia sia un bene”) sulle ali del nibbio bruno che per Federico il Pazzo è un surrogato del falcone dell’imperatore (“Federico II aveva i falchi, io sono amico di un nibbio”). Così conduce a conquistare il castello di Napoli (“Conquistare Sant’Elmo ha significato sempre impadronirsi di Napoli”) e si prende il cuore di chi la legge, insinuando un sospetto: “Crescere significa comprendere il limite”…

Federico il pazzo, che nella prima stesura s’intitolava Sono tornato a casa, ha vinto nel 2006 il Premio Pippi per l’inedito ed è opera finalista del premio Andersen 2015 nella categoria “miglior libro 9 /12 anni”.
La storia è illustrata da Federico Appel.
A noi piace abbinare il libro di Patrizia Rinaldi a questa poesia di Gianni Rodari, bandierina segnavento tra le raffiche di guerra che sinistramente soffiano sul nostro mondo:

Re Federico di Gianni Rodari

C’era un re di nome Federico
che andò in guerra e cercava il nemico.
Ma il nemico era andato
a comprare il gelato
infischiandosene del re Federico

– Nemico, nemico, vieni fuori che ti aspetto! –
– Adesso no, finisco il sorbetto -.
– Vieni fuori che ti aspetto con la spada e con la lancia -.
– Adesso no, perché ho il mal di pancia- .

Re Federico per la disperazione
buttò la corona e andò in pensione.

Bruno Elpis

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Premio Andersen 2016: Patrizia Rinaldi miglior scrittrice – i-LIBRI

[…] A questo link trovate il nostro commento a una delle opere per le quali la scrittrice partenopea si è aggiudicata il titolo di miglior scrittrice: “Federico il pazzo”: http://www.i-libri.com/libri/federico-il-pazzo-2/   […]

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Patrizia

Rinaldi

Libri dallo stesso autore

Intervista a Rinaldi Patrizia


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

William ha poco più di vent'anni e le frustrazioni di tanti giovani: odia il suo lavoro (commesso in un negozio di dischi), la città in cui vive (Londra), e la ragazza con cui sta è molto restia a concedersi. Candido e complicato come il giovane Holden, gran tiratardi nel capire le cose del mondo, ha solo un paio di amici e divide la casa con una tipa che non incontra mai e che comunica con lui attraverso bigliettini. Il suo unico conforto è fare musica. In realtà il suo vero talento sembra essere un altro: perdere gli autobus, dire la cosa sbagliata al momento sbagliato e, soprattutto, trovarsi nel posto sbagliato al momento sbagliato. Una sera, infatti, assiste involontariamente a un delitto. La caccia agli assassini lo porterà a una sorprendente scoperta!

QUESTA NOTTE MI HA APERTO GLI OCCHI

Coe Jonathan

Carlotta Cordelli - detta "la Gnoccolona", classe 1984, discendenza fieramente partenopea e borghese, ambizioni dichiaratamente filosofico-letterarie, un magma di pensieri onirico e torrenziale - sente di non essere adatta alla vita, ma non per questo rinuncia a vivere. Si sente brutta e sgraziata, ed è alla ricerca di "bellezza e amore" fino alle estreme conseguenze e fino al paradossale desiderio di essere molestata da un uomo. In un flusso di ricordi tumultuoso, Carlotta porta alla luce episodi che hanno segnato la sua esistenza: le suore cattive alle elementari, il sabato pomeriggio in discoteca, la sigaretta fumata di nascosto con l'amica nella villa di Porto Ercole, la vacanza ad Amsterdam e lo sballo con i funghi allucinogeni, la perdita della verginità in un'auto scomodissima con un ragazzo più grande, l'avventurosa gita scolastica ad Atene...

LA PANZANELLA

Villoresi Giulia

Giorgio Faletti si accomiata dai suoi lettori con la sua opera più bella, originale e dolente. Una favola morale, che accompagna il lettore attraverso le piccole, meschine, ignoranti bassezze degli uomini, sino a comprendere, attraverso il più innocente e semplice degli sguardi, il senso profondo delle cose. Del loro ruolo. E della fine. Seguiamo una piuma mentre traccia il suo invisibile sanscrito nel cielo, la vediamo posarsi sul tavolo dove il Re e il Generale tracciano i piani per la battaglia per la conquista di Mezzo Mondo, noncuranti di chi poi dovrà combatterla; ascoltiamo insieme a lei i tentativi del Curato di intercedere a favore dei contadini con il Cardinale privo di fede; attratti da una dissonante melodia volteggiamo dentro al Teatro, per assistere allo spettacolo meraviglioso e crudele della Ballerina dal cuore spezzato: il nostro volo ci porterà a conoscere altri, sventurati personaggi finché la piuma non incontrerà lo sguardo dell'unico che saprà capire quello che nessuno prima aveva compreso.

La piuma

Faletti Giorgio

Firenze, 1497. Pico della Mirandola è morto e con lui il suo sogno di unificare le religioni monoteistiche. Restano soltanto i roghi: a bruciare beni terreni e a incendiare le coscienze è Girolamo Savonarola, che ora governa la repubblica fiorentina col ferro e con il fuoco perché il sogno di Pico soffochi e scompaia per sempre. Ed è ciò che vogliono anche i Borgia, che dal soglio papale di una Roma affogata nel vizio e nei delitti muovono oscure trame di congiura e di conquista. Il sogno di papa Alessandro VI e di Cesare, figlio prediletto e maledetto, è di rendere il papato una dinastia. E perché ciò avvenga, l’autorità della religione cristiana non può essere minata in alcun modo. Nel cuore di questi conflitti, l’erede del pensiero di Pico, Ferruccio de Mola, è costretto a combattere ancora una volta, per salvare ciò che gli è più caro: la moglie Leonora. Soltanto lui, anche contro la propria volontà, può impedire che un mondo intero crolli su se stesso. Perché dal lontano Oriente, un anziano monaco e una giovane donna hanno intrapreso un viaggio che li condurrà nel cuore della città eterna. E portano con loro anche un libro misterioso, antico e potente. Un libro che contiene una parola dimenticata, una verità da sempre nascosta con la forza. La verità dell’uomo più importante dell’intera storia umana.

L’ERETICO

Martigli Carlo A.