Narrativa

FEGATO E CUORE

Marchi Alessandro

Descrizione: Steve Campbell ha due cuori: uno lo conserva in salotto sotto formalina; l’altro pulsa nel suo torace. Se il primo gli ha impedito di diventare una stella del calcio inglese, i battiti del secondo scandiscono un'esistenza degradata nella East End londinese, con le partite del West Ham come unica ragione di vita. Quando Vincenzo Caligiuri, giovane immigrato italiano, se lo trova di là dal bancone mentre serve hamburger in un fast-food, non immagina certo come Steve sconvolgerà le sue giornate. I due si troveranno a convivere, fra una sosta al pub, un gruppo di strani amici, e tante partite di calcio del multietnico e coloratissimo Bari Football Club sui campi duri delle fredde domeniche mattina inglesi. Attraverso gli occhi del giovane mangiaspaghetti, Steve imparerà a guardarsi dentro, e a capire che – se ha avuto una seconda opportunità dalla vita – sarà per qualche ragione… Ma ci vorrà fegato per andare fino in fondo.

Categoria: Narrativa

Editore: BookSalad

Collana:

Anno: 2012

ISBN: 9788890655012

Trama

Le Vostre recensioni

 

Ventinove capitoli ricchi di brio, intrecci complicati e momenti di sensibilità, il tutto accompagnato dallo sguardo veritiero del protagonista principale: Vincenzo Caligiuri, detto Vinnie o, più simpaticamente, mangiaspaghetti. Fegato e cuore è la storia di tre ragazzi; di tre sconosciuti che la vita ha voluto far incontrare; infine è la vicenda di tre amici.                                                                                                                   

L’altro protagonista è Steve Campbell, un ex giocatore di calcio professionistico. Sottoposto ad un trapianto di cuore, a causa di una malformazione congenita, ha dovuto abbandonare una promettente carriera nel West Ham (squadra dell’East End londinese) vedendo svanire così anche il sogno della sua vita. A completare il trio, c’è poi Craig, un collega di lavoro di Vinnie: entrambi lavorano in un sudicio fast-food.                                                                                              

Come si è potuto intuire, lo scenario che fa da sfondo al romanzo è proprio la capitale del Regno Unito, ma una nota particolare è la nazionalità di Vincenzo: italiana. Difatti saranno la sua ironia e il suo mettersi sempre in gioco a guidare le redini di una quotidianità altalenante, dove basta poco a far perdere la pazienza; Vinnie in altre parole rappresenta la cosiddetta spalla (di un buon amico) su cui “piangere”.                                  

Steve, invece, che sembra un omone grosso e disinteressato alla vita, si scoprirà avere buoni motivi per indossare questa maschera, e sarà lo stesso mangiaspaghetti ad accorgersene: «Quella lunga confessione era stata una rivelazione per me. Mi fece capire quanta sofferenza e quanti fatti della vita possano portare una persona ad essere quello che vediamo oggi. Fermarsi all’apparenza, e alla condizione presente, per descrivere o capire una persona è un errore assoluto», e non dimentichiamo, poi, che Campbell ha due cuori: quello “nuovo” nel suo petto, e quello “malato” in salotto sotto formalina.                                                                                                                            

Infine, Craig incarna la figura dell’amico imparziale e serio, molto riservato e al tempo stesso un attento osservatore; sa sempre quando è il momento giusto per parlare, o viceversa, per restare in silenzio.                                                                                                                                           

Il titolo dunque è il nodo originario su cui è ricamata l’intera storia: il cuore di mr. Campbell e il fegato di Vincenzo che è ridotto – anch’esso – piuttosto male…                                             

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Alessandro

Marchi

Libri dallo stesso autore

Intervista a Marchi Alessandro


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

L'esperienza dell'arcano che si insedia nella quotidianità e nella domesticità, fra suspance e realismo.

IL QUINTO FIGLIO

Lessing Doris

"Quando muore qualcuno le sue cose sono sempre lì. Aspettano solo di essere usate da un altro. Non gli importa, basta che un altro le usi. Quando morì mia madre, la sua poltrona rimase immobile in salotto. Io penso che sia meglio voler bene alle persone" "A quali persone?" "A tutte quelle che è il caso"."Mica facile".

APOCALISSE IN PANTOFOLE

Franceschini Francesco

"Non è vero che la patria si difende senza discutere; la si difende discutendola, così come è discutendo la nostra società borghese e denunziandone noi stessi i difetti e le debolezze che la si puntella”. Per il principe del giornalismo nostrano, Indro Montanelli, era questa “l’unica manifestazione veramente producente di patriottismo e di solidarietà”. Per un atto di profondo amore nei confronti di questa Italia malandata, Mariano Sabatini è andato in ricognizione di quel mondo parallelo, e per lo più sconosciuto ai lettori italiani, che è rappresentato dai corrispondenti stranieri che vivono nelle nostre città. L’ampia rassegna de L’Italia s’è mesta compone un ritratto sentimentale, o se si vuole emotivo, della nostra nazione attraverso i racconti dei giornalisti d’oltreconfine: qual è stata la prima impressione che hanno avuto arrivando in Italia, come ci vivono, quali motivi di scontento o di entusiasmo li anima; che giudizio danno di Berlusconi e del berlusconismo o dell’invadenza della Chiesa nella politica italiana; se pensano che la sinistra saprà trovare una fortunata via di risalita. Le “firme” di Itar-Tass, Arte, The Herald, Business week, Frankfurter Allgemeine Zeitung, El Mundo, Le Figaro, CNN, BBC, Nouvel Observateur, etc., dicono la loro sulle affezioni del Palazzo; le aberrazioni di una tv sempre più becera, volgare, faziosa; i tagli alla cultura e gli attacchi dei ministri Brunetta e Bondi ai cineasti italiani; il baratro su cui pencolano scuola, università e ricerca italiane… E se davvero l'Italia s’è mesta perché dell’elmo di Silvio s’è cinta la testa avremo, forse, alla fine di questo ideale viaggio anche la medicina per tornare a destarla.

L’Italia s’è mesta

Sabatini Mariano

Il romanzo d'esordio di Dodi Vecchioni

ACHS

Vecchioni Dodi