Narrativa

FEGATO E CUORE

Marchi Alessandro

Descrizione: Steve Campbell ha due cuori: uno lo conserva in salotto sotto formalina; l’altro pulsa nel suo torace. Se il primo gli ha impedito di diventare una stella del calcio inglese, i battiti del secondo scandiscono un'esistenza degradata nella East End londinese, con le partite del West Ham come unica ragione di vita. Quando Vincenzo Caligiuri, giovane immigrato italiano, se lo trova di là dal bancone mentre serve hamburger in un fast-food, non immagina certo come Steve sconvolgerà le sue giornate. I due si troveranno a convivere, fra una sosta al pub, un gruppo di strani amici, e tante partite di calcio del multietnico e coloratissimo Bari Football Club sui campi duri delle fredde domeniche mattina inglesi. Attraverso gli occhi del giovane mangiaspaghetti, Steve imparerà a guardarsi dentro, e a capire che – se ha avuto una seconda opportunità dalla vita – sarà per qualche ragione… Ma ci vorrà fegato per andare fino in fondo.

Categoria: Narrativa

Editore: BookSalad

Collana:

Anno: 2012

ISBN: 9788890655012

Trama

Le Vostre recensioni

 

Ventinove capitoli ricchi di brio, intrecci complicati e momenti di sensibilità, il tutto accompagnato dallo sguardo veritiero del protagonista principale: Vincenzo Caligiuri, detto Vinnie o, più simpaticamente, mangiaspaghetti. Fegato e cuore è la storia di tre ragazzi; di tre sconosciuti che la vita ha voluto far incontrare; infine è la vicenda di tre amici.                                                                                                                   

L’altro protagonista è Steve Campbell, un ex giocatore di calcio professionistico. Sottoposto ad un trapianto di cuore, a causa di una malformazione congenita, ha dovuto abbandonare una promettente carriera nel West Ham (squadra dell’East End londinese) vedendo svanire così anche il sogno della sua vita. A completare il trio, c’è poi Craig, un collega di lavoro di Vinnie: entrambi lavorano in un sudicio fast-food.                                                                                              

Come si è potuto intuire, lo scenario che fa da sfondo al romanzo è proprio la capitale del Regno Unito, ma una nota particolare è la nazionalità di Vincenzo: italiana. Difatti saranno la sua ironia e il suo mettersi sempre in gioco a guidare le redini di una quotidianità altalenante, dove basta poco a far perdere la pazienza; Vinnie in altre parole rappresenta la cosiddetta spalla (di un buon amico) su cui “piangere”.                                  

Steve, invece, che sembra un omone grosso e disinteressato alla vita, si scoprirà avere buoni motivi per indossare questa maschera, e sarà lo stesso mangiaspaghetti ad accorgersene: «Quella lunga confessione era stata una rivelazione per me. Mi fece capire quanta sofferenza e quanti fatti della vita possano portare una persona ad essere quello che vediamo oggi. Fermarsi all’apparenza, e alla condizione presente, per descrivere o capire una persona è un errore assoluto», e non dimentichiamo, poi, che Campbell ha due cuori: quello “nuovo” nel suo petto, e quello “malato” in salotto sotto formalina.                                                                                                                            

Infine, Craig incarna la figura dell’amico imparziale e serio, molto riservato e al tempo stesso un attento osservatore; sa sempre quando è il momento giusto per parlare, o viceversa, per restare in silenzio.                                                                                                                                           

Il titolo dunque è il nodo originario su cui è ricamata l’intera storia: il cuore di mr. Campbell e il fegato di Vincenzo che è ridotto – anch’esso – piuttosto male…                                             

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Alessandro

Marchi

Libri dallo stesso autore

Intervista a Marchi Alessandro

La fanfara di Bellano è nei guai. Evelindo Gavazzi – cui è affidato il delicato compito di suonare il bombardino nella fanfara che sul molo accoglie i viaggiatori che sbarcano a Bellano – non fa più parte dell’organico: è bloccato in casa a suon di sberle dalla novella sposa Noemi, che non sopporta che faccia tardi e torni a casa ubriaco. Almeno il cappello racconta le avventure della banda orfana di bombardino e della sua gloriosa rinascita. Protagonista del nuovo romanzo di Andrea Vitali è un’improbabile congrega di musicisti: il suonatore di cornetta Zaccaria Vergottini e la seconda cornetta Eumeo Vergottini, il clarino Guzzin (al secolo Augusto Boldoni), il basso Aurelio Leoni. E soprattutto Onorato Geminazzi, giunto nel borgo come in esilio dalla natía Menaggio: sarà proprio il Geminazzi – in seguito a un imprevisto intreccio di circostanze – l’artefice e protagonista della rinascita della banda e della sua trasformazione nel glorioso Corpo Musicale Bellanese. Tra gli altri protagonisti, oltre alla signora Estenuata, consorte del Geminazzi, ci sono il traghetto Patria, l’Amaro Grona, l'oste Bormida Pinìn, il paese di Bellano e le sue frazioni Obriaco, Lezzeno, Bonzeno, Biosio e Oro, il signor podestà e i Regi Carabinieri. C'è naturalmente anche il cappello, quello dell'uniforme della banda, al centro di mille e uno equivoci.

ALMENO IL CAPPELLO

Vitali Andrea

Tratto dal diario non censurato di Anaïs Nin, questo ritratto autobiografico copre il periodo trascorso dall’autrice a Parigi tra il 1931 e il 1932. A quell’epoca risale l’incontro con Henry Miller e sua moglie June: un incontro che segnerà una svolta importantissima nell’evoluzione sentimentale e letteraria della scrittrice. Attratta dal fascino geniale di Miller e turbata dalla fisicità di June, la giovane Anaïs Nin inizia una sorta di educazione erotico-sentimentale che la condurrà alla completa maturazione emotiva e personale. Da questo gioco a tre, sotto la magistrale “regia” di Miller, sullo sfondo della Parigi negli anni trenta, si sviluppa un libro dai risvolti morbosi che completa l’immagine provocatoria di una scrittrice ormai consacrata tra i nomi più illustri della letteratura contemporanea.

Henry & June

Nin Anais

Durante una delle sue passeggiate in Provenza, Jean Giono ha incontrato una personalità indimenticabile: un pastore solitario e tranquillo, di poche parole, che provava piacere a vivere lentamente, con le pecore e il cane. Nonostante la sua semplicità e la totale solitudine nella quale viveva, quest'uomo stava compiendo una grande azione, un'impresa che avrebbe cambiato la faccia della sua terra e la vita delle generazioni future. Una parabola sul rapporto uomo-natura, una storia esemplare che racconta "come gli uomini potrebbero essere altrettanto efficaci di Dio in altri campi oltre la distruzione". Età di lettura: da 10 anni.

L’uomo che piantava gli alberi

Giono Jean

Sonetti reali di Jacopo Ricciardi, Iride, ed. Rubbettino

Sonetti reali di Jacopo Ricciardi

Ricciardi Jacopo