Narrativa

Femmine un giorno

Commessatti Elena

Descrizione: Questa è una storia inedita, in parte realmente accaduta. Dal 1971 al 1989 sono state uccise a Udine e dintorni 15 donne, la maggior parte prostitute. Soltanto nel 1995, tramite un'analisi del medico legale, si è arrivati a ipotizzare che 4 di questi delitti siano stati effettuati da un'unica mano. Le vittime erano donne dimenticate dalla società, abbandonate a se stesse. Questa vicenda è rimasta sepolta per anni, perché non è facile avere a che fare con il male come vicino di casa. A guidare le operazioni di investigazione c'è Agata Est, personaggio di fantasia, che ci conduce, come fosse un moderno - e dubbioso - Virgilio, nei meandri di questo mistero irrisolto.

Categoria: Narrativa

Editore: Bebert

Collana:

Anno: 2013

ISBN: 9788897967088

Recensito da Donatella Perullo

Le Vostre recensioni

Tra il 1971 e il 1989 a Udine e provincia ben quindici donne furono uccise. Erano i tempi in cui in Toscana colpiva il mostro di Firenze, tutti gli occhi erano puntati su quegli orribili fatti di cronaca e nessuno sembrava voler focalizzare la propria attenzione se non su quegli avvenimenti. Così per anni un altro mostro ha agito nell’ombra, e solo nel 1995, ben sei anni dopo che il killer di Udine si era fermato, si arrivò a stabilire che quattro di quelle donne, con ogni probabilità erano state uccise dalla medesima persona. Tutte loro, infatti, erano state sgozzate, tutte durante una notte piovosa e durante il fine settimana.

Ognuna di loro aveva subito la medesima onta. Un orribile sfregio a forma di esse inciso con una lama sul ventre, da una mano esperta, qualcuno che, pensarono gli inquirenti, probabilmente aveva studiato medicina. È questo il punto da cui è partita, a distanza di quarantatré anni dall’inizio di quel periodo buio,Elena Commessatti è partita con l’inchiesta che l’ha spinta a realizzare il suo racconto. La Commessatti ci sorprende con il suo Femmine un giorno, un romanzo che è la ricostruzione dettagliata di quegli eventi, ma soprattutto una coraggiosa denuncia di fatti troppo a lungo dimenticati. Lo fa attraverso gli occhi di Agata Est, attenta investigatrice, eroina nata dalla sua fantasia, ma che risulta reale quanto la città in cui si muove. Attraverso gli occhi di Agata, Elena Commessatti ci fa, infatti, anche vivere Udine, con le sue ombre e le sue luci, trasformandoci in testimoni di vicende che meritavano, finalmente, di uscire dall’ombra. Grazie alla penna sapiente della Commessatti, le vittime tornano in vita, smettono di essere evanescenti fantasmi senza volto e tornano a essere donne, ottengono di nuovo un nome, un volto e la fragile umanità alla quale avevano diritto.

Femmine un giorno non è solo un giallo, non è un semplice romanzo, è piuttosto una fedele ricostruzione storica, il risultato di una seria approfondita inchiesta giornalistica, arricchita dall’umanità di personaggi che divengono i nostri occhi, le nostre orecchie, il nostro cuore.

Elena Commessatti, dopo la laurea in Antichità greca, si è diplomata alla Scuola Holden di Torino. Ha lavorato per il gruppo RCS come assistente di Fernanda Pivano e curatrice di una collana di narrativa per Sonzogno. Nel 2003 è tornata a Udine, sua città natale, dove lavora come giornalista e consulente editoriale. Femmine un giorno è il suo primo romanzo senza pseudonimo.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Elena

Commessatti

Libri dallo stesso autore

Intervista a Commessatti Elena


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Le poesie di Franco Di Carlo ispirate a Pasolini recitate…

Questo romanzo di Sibilla Aleramo è del 1906. La sua immediata fortuna in Italia e nei paesi in cui fu tradotto segnalò una nuova scrittrice, che in seguito avrebbe fornito altre prove di valore, segnatamente nella poesia. Ma soprattutto esso richiamò l'attenzione per il suo tema: si tratta infatti di uno dei primi libri 'femmisti' apparsi da noi.

Una donna

Aleramo Sibilla

Gli occhi grandi e profondi a forma di mandorla, il volto dai tratti regolari, i folti capelli castani: la bellezza di Maria è di quelle che gettano una malìa su chi vi posi lo sguardo, proprio come accade a Pietro Sala - che se ne innamora a prima vista e chiede la sua mano senza curarsi della dote - e, in maniera meno evidente, all'amico Giosuè, che è stato cresciuto dal padre di lei e che Maria considera una sorta di fratello maggiore. Maria ha solo quindici anni, Pietro trentaquattro; lui è un facoltoso bonvivant che ama i viaggi, il gioco d'azzardo e le donne; lei proviene da una famiglia socialista di grandi ideali ma di mezzi limitati. Eppure, il matrimonio con Pietro si rivela una scelta felice: fuori dalle mura familiari, Maria scopre un senso più ampio dell'esistenza, una libertà di vivere che coincide con una profonda percezione del diritto al piacere e a piacere. Attraverso l'eros, a cui Pietro la inizia con sapida naturalezza, arriva per lei la conoscenza di sé e dei propri desideri, nonché l'apertura al bello e a un personalissimo sentimento della giustizia. Durante una vacanza a Tripoli, complice il deserto, Maria scopre anche di cosa è fatto il rapporto che, fino ad allora oscuramente, l'ha legata a Giosuè. Comincia una rovente storia d'amore che copre più di vent'anni di incontri, di separazioni, di convegni clandestini in attesa di una nuova pace.

Caffè amaro

Agnello Hornby Simonetta

Presentazione dell'Autore È la storia di una donna che con ironia e spirito di osservazione mette in pratica gli insegnamenti di un filosofo, un maestro che le ha insegnato a rinascere. Dal rischio di sprofondare nell'anoressia si eleva, mettendo le ali, a filosofa lei stessa, e nella frenesia di aiutare gli altri si salva iniziando una nuova vita. Impara a non soccombere più alle prevaricazione e lo insegna a tutti quelli che incontra. Non mancano nel racconto episodi esilaranti al limite del paradosso e varie storie di sesso raccontate con eleganza, come quella del diritto all'orgasmo. Francesca, la protagonista, diventa il simbolo del riscatto femminile, una donna che non accetta più di auto-infliggersi punizioni, ma rivendica il suo ruolo paritario accanto all'uomo. Dietro la maschera di Francesca si nasconde una storia vera e un mondo di relazioni tra donne e uomini elaborate sulla panchina del dialogo. Un libro scritto per le donne e utile anche agli uomini. Dalla quarta di Alberoni: "un libro divertente e delizioso che vi darà di certo molti spunti per cavarvela nelle piccole e grandi difficoltà della vita". Informazioni sull'autrice: Maria Giovanna Farina, nata a Milano nel '62, si è laureata in Filosofia all'Università Statale di Milano e svolge la professione di consulente filosofico nella stessa città. Pioniera nel campo delle pratiche filosofiche, sempre a Milano fonda lo studio professionale Heuristic Institution prima e l'associazione culturale L'accento di Socrate poi. Collabora con varie riviste e ha una rubrica su www.siamodonne.it dove videointervista personaggi della cultura e dello spettacolo. Sul suo sito si trovano tutte le sue attività www.mariagiovannafarina.it

Ho messo le ali

Farina Maria Giovanna