Narrativa

Femmine un giorno

Commessatti Elena

Descrizione: Questa è una storia inedita, in parte realmente accaduta. Dal 1971 al 1989 sono state uccise a Udine e dintorni 15 donne, la maggior parte prostitute. Soltanto nel 1995, tramite un'analisi del medico legale, si è arrivati a ipotizzare che 4 di questi delitti siano stati effettuati da un'unica mano. Le vittime erano donne dimenticate dalla società, abbandonate a se stesse. Questa vicenda è rimasta sepolta per anni, perché non è facile avere a che fare con il male come vicino di casa. A guidare le operazioni di investigazione c'è Agata Est, personaggio di fantasia, che ci conduce, come fosse un moderno - e dubbioso - Virgilio, nei meandri di questo mistero irrisolto.

Categoria: Narrativa

Editore: Bebert

Collana:

Anno: 2013

ISBN: 9788897967088

Recensito da Donatella Perullo

Le Vostre recensioni

Tra il 1971 e il 1989 a Udine e provincia ben quindici donne furono uccise. Erano i tempi in cui in Toscana colpiva il mostro di Firenze, tutti gli occhi erano puntati su quegli orribili fatti di cronaca e nessuno sembrava voler focalizzare la propria attenzione se non su quegli avvenimenti. Così per anni un altro mostro ha agito nell’ombra, e solo nel 1995, ben sei anni dopo che il killer di Udine si era fermato, si arrivò a stabilire che quattro di quelle donne, con ogni probabilità erano state uccise dalla medesima persona. Tutte loro, infatti, erano state sgozzate, tutte durante una notte piovosa e durante il fine settimana.

Ognuna di loro aveva subito la medesima onta. Un orribile sfregio a forma di esse inciso con una lama sul ventre, da una mano esperta, qualcuno che, pensarono gli inquirenti, probabilmente aveva studiato medicina. È questo il punto da cui è partita, a distanza di quarantatré anni dall’inizio di quel periodo buio,Elena Commessatti è partita con l’inchiesta che l’ha spinta a realizzare il suo racconto. La Commessatti ci sorprende con il suo Femmine un giorno, un romanzo che è la ricostruzione dettagliata di quegli eventi, ma soprattutto una coraggiosa denuncia di fatti troppo a lungo dimenticati. Lo fa attraverso gli occhi di Agata Est, attenta investigatrice, eroina nata dalla sua fantasia, ma che risulta reale quanto la città in cui si muove. Attraverso gli occhi di Agata, Elena Commessatti ci fa, infatti, anche vivere Udine, con le sue ombre e le sue luci, trasformandoci in testimoni di vicende che meritavano, finalmente, di uscire dall’ombra. Grazie alla penna sapiente della Commessatti, le vittime tornano in vita, smettono di essere evanescenti fantasmi senza volto e tornano a essere donne, ottengono di nuovo un nome, un volto e la fragile umanità alla quale avevano diritto.

Femmine un giorno non è solo un giallo, non è un semplice romanzo, è piuttosto una fedele ricostruzione storica, il risultato di una seria approfondita inchiesta giornalistica, arricchita dall’umanità di personaggi che divengono i nostri occhi, le nostre orecchie, il nostro cuore.

Elena Commessatti, dopo la laurea in Antichità greca, si è diplomata alla Scuola Holden di Torino. Ha lavorato per il gruppo RCS come assistente di Fernanda Pivano e curatrice di una collana di narrativa per Sonzogno. Nel 2003 è tornata a Udine, sua città natale, dove lavora come giornalista e consulente editoriale. Femmine un giorno è il suo primo romanzo senza pseudonimo.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Elena

Commessatti

Libri dallo stesso autore

Intervista a Commessatti Elena


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Fabio ha sei anni, due genitori e una decina di nonni. Sì, perché è l'unico bimbo della famiglia Mancini, e i tanti fratelli del suo vero nonno - uomini impetuosi e pericolosamente eccentrici - se lo contendono per trascinarlo nelle loro mille imprese, tra caccia, pesca e altre attività assai poco fanciullesche. Così Fabio cresce senza frequentare i suoi coetanei, e il primo giorno di scuola sarà per lui un concentrato di sorprese sconvolgenti: è incredibile, ma nel mondo esistono altri bambini della sua età, che hanno tanti amici e pochissimi nonni, e si divertono tra loro con giochi misteriosi dai nomi assurdi - nascondino, rubabandiera, moscacieca. Ma la scoperta più allarmante è che sulla sua famiglia grava una terribile maledizione: tutti i maschi che arrivano a quarant'anni senza sposarsi impazziscono. I suoi tanti nonni strambi sono lì a testimoniarlo. Per fortuna accanto a lui c'è anche un padre affettuoso, che non parla mai ma con le mani sa aggiustare le cose rotte del mondo. E poi la mamma, intenzionata a proteggere Fabio dalle delusioni della vita, una nonna che comanda tutti e una ragazzina molto saggia che va in giro travestita da coccinella. Una famiglia caotica e gigantesca che pare invincibile, finché qualcosa di totalmente inatteso la travolge. Giorno dopo giorno, dalle scuole elementari fino alle medie, il protagonista cerca di crescere nel precario equilibrio tra un mondo privato pieno di avventure e smisurato come l'immaginazione, e il mondo là fuori, stretto da troppe regole e dominato dalla legge del più forte...

Il mare dove non si tocca

Genovesi Fabio

Otto capitoli, otto storie, un ritratto unico dell'Italia di oggi firmato dall'autore del bestseller internazionale Gomorra. Roberto Saviano scava dentro alcune delle ferite vecchie e nuove che affliggono il nostro Paese. Il mancato riconoscimento del valore dell'Unità nazionale, il subdolo meccanismo della macchina del fango, l’espansione della criminalità organizzata al Nord, l'infinita emergenza rifiuti a Napoli, le troppe tragedie annunciate. Accanto alla denuncia c’è anche il racconto – commosso e ammirato – di vite vissute con onestà e coraggio: la sfida senz'armi di don Giacomo Panizza alla ’ndrangheta calabrese, la lotta di Piergiorgio Welby in nome della vita e del diritto, la difesa della Costituzione di Piero Calamandrei. Esempi su cui possiamo ancora contare per risollevarci e costruire un’Italia diversa. Ideato e condotto da Roberto Saviano e Fabio Fazio, Vieni via con me è stato l'evento televisivo dell’anno, più seguito delle partite di Champions League e dei reality show. Ora Vieni via con me è un libro che rende di nuovo accessibili al pubblico queste storie in una forma ampiamente rivista e arricchita. Facendole diventare, ancora una volta, storie di tutti.

Vieni via con me

Saviano Roberto

Il corpo senza vita di Chiara viene ritrovato nel greto di un torrente che scorre tra i boschi delle dorsali lariane. La zona del ritrovamento ha uno specifico interesse archeologico: lì si trovano i “massi avelli“, antiche tombe dall’origine incerta e misteriosa. E proprio in prossimità di uno di questi monumenti funerari, le piogge alluvionali hanno dissepolto uno scheletro umano. Si tratta di un reperto che consentirà di progredire negli studi storici sulle civiltà lariane o di un altro delitto? Il commissario Giordàn torna, pungolato dall’impazienza e dall’esuberanza della nipote Gabriella, in un’indagine che dovrà svolgersi tra sedute spiritiche e allusioni demoniache, con lo scopo di individuare – oltre all’omicida – le cause profonde che inducono i comportamenti criminali. Per riportare a galla, tra le sponde innevate del lago di Como e nella magica atmosfera prenatalizia, pratiche estreme e complessi di colpa che pesano più dei massi avelli.

Il mistero dei massi avelli

Elpis Bruno

Sempre più spesso a chi si occupa di discipline umanistiche in Italia viene chiesto: «A cosa serve?». Dietro questa domanda agisce una vera e propria rete di metafore economiche usate per rappresentare la sfera della cultura e della creazione intellettuale («giacimenti culturali», «offerta formativa», «spendibilità dei saperi», «crediti», «debiti» e cosí via). A fronte di tanta pervasività di immagini economiche, sta il fatto che la storia testimonia un’immagine della creazione intellettuale decisamente rovesciata rispetto a quella che si va affermando oggi. La civiltà infatti è prima di tutto una questione di pazienza: e anche la nostra si è sviluppata proprio in relazione al fatto che alla creazione culturale non si è chiesto immediatamente «a che cosa servisse». Se si vuole mantenere viva la presenza della cultura classica in Italia, però, è indispensabile un vero e proprio cambiamento di paradigma nell’insegnamento delle materie classiche nelle nostre scuole.

A che servono i Greci e i Romani?

Bettini Maurizio