Recensioni

Femminile plurale. Le donne scrivono le Marche

a cura di Babino Cristina

Descrizione: Il volume raccoglie testi di: Cristina Babino, Maria Angela Bedini, Allì Caracciolo, Alessandra Carnaroli, Elena Frontaloni, Maria Lenti, Enrica Loggi, Maria Grazia Maiorino, Franca Mancinelli, Caterina Morgantini, Renata Morresi, Natalia Paci, Anuska Pambianchi, Daniela Simoni, Eleonora Tamburrini, Lucia Tancredi, Luana Trapè.

Categoria: Recensioni

Editore: Vydia

Collana: I veli

Anno: 2014

ISBN: 88-97374-19-0

Recensito da Serena Vissani

Le Vostre recensioni

Femminile plurale è una raccolta di diciassette saggi-racconti scritti da diciassette donne. Un’opera, dunque, questa caratterizzata dalla pluralità non soltanto nel titolo ma anche nelle autrici. Come la curatrice Cristina Babino illustra nella sua esauriente Introduzione, il titolo riguarda il genere e il numero che grammaticalmente si attribuisce al sostantivo “Marche”. Ma il sottotitolo della raccolta permette di intuire un secondo legame, quello tra le Marche e le donne (autrici, in questo caso).

Da nord a sud, da est a ovest, le Marche vengono descritte, celebrate, cantate, criticate, raccontate, rievocate. E se qualcuno mi dovesse chiedere di riassumere in poche parole il succo di quest’opera non potrei che definirla come un’incredibile dichiarazione d’Amore. Non mi riferisco, poi, all’amore adolescenziale, all’innamoramento in sé, per il quale l’oggetto del desiderio è sempre posto sotto una luce divina, avvolto da un’aurea di superiorità intangibile.  Sempre bello, perfetto, meraviglioso.

Anzi, al contrario. Parlo dell’amore con la A maiuscola. Amore come progetto di vita. Le nostre scrittrici hanno cantato le bellezze di Ancona, Urbino, Ascoli, hanno celebrato i numerosissimi teatri locali, hanno ricordato i grandi intellettuali che da questa terra hanno tratto grandi benefici. Eppure, queste donne hanno fatto ben altro. Hanno riflettuto sulla questione della violenza di genere e sull’importanza di mantenere viva la memoria storica locale (un modo questo per ricordare a tutti che la Storia, quella che si legge nei libri di scuola, è passata anche per certe frazioni e contrade sperdute delle Marche). Hanno volontariamente assunto su di loro un indiscusso impegno civico volto alla critica della terra nella quale vivono. Una critica che è costruttiva, intenta a sottolineare le arretratezze, le crepe, le insicurezze. E amare è anche costruire, voglia di migliorare una terra, desiderio di rendere più centrale una zona periferica. Amare le Marche così come si ama l’Italia. È questo sicuramente il messaggio ultimo del testo. Fare del particolarismo locale, imperante e profondamente radicato in ognuno dei suoi abitanti, non più un punto di debolezza, ma di rinascita e di rilancio.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Di

Cura

A

Libri dallo stesso autore

Intervista a a cura di Babino Cristina

Novemila giorni e una sola notte

Brockmole Jessica

Una sera, nel più improbabile angolo di Chicago, due ragazzi di nome Will Grayson si incontrano. Dal momento in cui i loro mondi collidono, le vite dei due Will, già piuttosto complicate, prendono direzioni inaspettate, portandoli a scoprire cose completamente nuove sull'amicizia, l'amore e su loro stessi.

Will ti presento Will

Green John, Levithan David

Una madre parla alla figlia tra le mura di una clinica serba. Al di là di una porta stanno preparando la sala operatoria. Eva ha appena compiuto diciotto anni e da quando è nata aspetta questo momento. Vuole cambiare sesso sottoponendosi all'intervento che la renderà come si è sempre sentita: uomo. Sua madre le parla col corpo, perché è il corpo ad essere sbagliato, ingannevole, traditore, un corpo come il suo che la natura stessa vuole negare. In un dialogo senza risposte, sospeso tra l'immaginato e il reale, la madre racconta la loro vita fino a quel momento, ne ripercorre i sentieri come muovendosi in una terra straniera. La sua voce è concreta, toccante, vivida e parla di una lotta che non ha vincitori né vinti, per cui non esiste resa, in cui la forma più pura dell'amore diventa bifronte e feroce.

La madre di Eva

Ferreri Silvia

Da nove anni, Jeanie vive in una prigione di silenzio. Da quando, una fredda sera di autunno, suo marito George è rientrato a casa e ha iniziato a comportarsi come se lei non esistesse. Ancora oggi, lui non la guarda, non le parla, dorme in un'altra stanza. Per Jeanie, gli unici momenti di gioia sono i giovedì al parco insieme con la nipotina. Ed è proprio in una di quelle occasioni che lei conosce Ray, anche lui lì col nipote. Ray è galante, spiritoso, gentile. Per la prima volta dopo tanto tempo, Jeanie si sente di nuovo apprezzata e, settimana dopo settimana, sente nascere dentro di sé una passione che credeva non avrebbe mai più provato. Eppure la felicità ha un prezzo. Ben presto, infatti, Jeanie si rende conto che, per vivere in pieno un nuovo amore, deve recidere ciò che la lega al passato, mettendo così a rischio tutto ciò che ha costruito nel corso di una vita. Come l'affetto dei figli, che non capiscono cosa stia succedendo alla madre, o la stima degli amici, che le suggeriscono di non dare peso a un sentimento effimero. Ma, soprattutto, Jeanie deve ricominciare a comunicare col marito, e l'unico modo per farlo è scoprire cosa sia successo quella notte di nove anni prima...

I nostri giovedì al parco

Boyd Hilary