Recensioni

Femminile plurale. Le donne scrivono le Marche

a cura di Babino Cristina

Descrizione: Il volume raccoglie testi di: Cristina Babino, Maria Angela Bedini, Allì Caracciolo, Alessandra Carnaroli, Elena Frontaloni, Maria Lenti, Enrica Loggi, Maria Grazia Maiorino, Franca Mancinelli, Caterina Morgantini, Renata Morresi, Natalia Paci, Anuska Pambianchi, Daniela Simoni, Eleonora Tamburrini, Lucia Tancredi, Luana Trapè.

Categoria: Recensioni

Editore: Vydia

Collana: I veli

Anno: 2014

ISBN: 88-97374-19-0

Recensito da Serena Vissani

Le Vostre recensioni

Femminile plurale è una raccolta di diciassette saggi-racconti scritti da diciassette donne. Un’opera, dunque, questa caratterizzata dalla pluralità non soltanto nel titolo ma anche nelle autrici. Come la curatrice Cristina Babino illustra nella sua esauriente Introduzione, il titolo riguarda il genere e il numero che grammaticalmente si attribuisce al sostantivo “Marche”. Ma il sottotitolo della raccolta permette di intuire un secondo legame, quello tra le Marche e le donne (autrici, in questo caso).

Da nord a sud, da est a ovest, le Marche vengono descritte, celebrate, cantate, criticate, raccontate, rievocate. E se qualcuno mi dovesse chiedere di riassumere in poche parole il succo di quest’opera non potrei che definirla come un’incredibile dichiarazione d’Amore. Non mi riferisco, poi, all’amore adolescenziale, all’innamoramento in sé, per il quale l’oggetto del desiderio è sempre posto sotto una luce divina, avvolto da un’aurea di superiorità intangibile.  Sempre bello, perfetto, meraviglioso.

Anzi, al contrario. Parlo dell’amore con la A maiuscola. Amore come progetto di vita. Le nostre scrittrici hanno cantato le bellezze di Ancona, Urbino, Ascoli, hanno celebrato i numerosissimi teatri locali, hanno ricordato i grandi intellettuali che da questa terra hanno tratto grandi benefici. Eppure, queste donne hanno fatto ben altro. Hanno riflettuto sulla questione della violenza di genere e sull’importanza di mantenere viva la memoria storica locale (un modo questo per ricordare a tutti che la Storia, quella che si legge nei libri di scuola, è passata anche per certe frazioni e contrade sperdute delle Marche). Hanno volontariamente assunto su di loro un indiscusso impegno civico volto alla critica della terra nella quale vivono. Una critica che è costruttiva, intenta a sottolineare le arretratezze, le crepe, le insicurezze. E amare è anche costruire, voglia di migliorare una terra, desiderio di rendere più centrale una zona periferica. Amare le Marche così come si ama l’Italia. È questo sicuramente il messaggio ultimo del testo. Fare del particolarismo locale, imperante e profondamente radicato in ognuno dei suoi abitanti, non più un punto di debolezza, ma di rinascita e di rilancio.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Di

Cura

A

Libri dallo stesso autore

Intervista a a cura di Babino Cristina

Il sogno di una cosa

Pasolini Pier Paolo

Storie individuali e vicende nazionali si intrecciano nell'appassionata narrazione di Letizia Vicidomini, che coinvolge generazioni di anime e personaggi a partire dalla capostipite, la centenaria Ernestina. Dalla scuola per signorine nel cuore di Napoli, dove si consuma la prima esperienza d'amore, all'inserimento difficile nella casa dei suoceri, a Sorrento, il romanzo viaggia attraverso ritratti di figli, nuore, cognate e nipoti, che hanno vissuto la recente storia italiana: la guerra, con la sua scia di morti, le Quattro Giornate, la ripresa del mondo del lavoro, finalmente aperto anche alle donne.L a saga familiare confluisce nella figura di Angel, il nipote preferito di Ernestina, dotato di una personalità complessa e di un "dono" speciale, che sa di magia.

La poltrona di seta rossa

Vicidomini Letizia

È l'estate del 1982. L'Italia ha appena vinto i mondiali di Spagna e Milano è deserta. Demo, Elia e Fabiano trovano una casa abbandonata sul naviglio Martesana e decidono di farne il loro Regno. Un posto segreto dove è possibile fumare, ascoltare i Led Zeppelin, sfogliare i giornaletti porno, scoprire il confine sottile tra complicità e gelosia, tra emulazione e rivalità. Un posto, anche, dove accogliere i nuovi amici, come Ric. Poi incontrano Valli, ed è un'apparizione. Lei è selvatica, ha gli occhi verdi, i capelli lunghi, un corpo esile chiuso in una salopette; vive in un camper con la madre e ogni giorno pesca nel canale. Senza volerlo la ragazza rompe il goffo equilibrio maschile del Regno, insinuando nel gruppo quella tensione erotica che è per tutti la grande scoperta e il grande dolore dell'adolescenza. Ma che qui genera un danno capace, in una sola notte, di cambiare il destino dei protagonisti. Mentre la pioggia si porta via l'ultima estate della loro giovinezza.

Il regno degli amici

Montanari Raul

Storia della seduzione del monaco Ambrosio ad opera della sensuale Matilde, che lo inizia ai segreti delle arti demoniache.

Il monaco

Lewis Matthew Gregory