Recensioni

Femminile plurale. Le donne scrivono le Marche

a cura di Babino Cristina

Descrizione: Il volume raccoglie testi di: Cristina Babino, Maria Angela Bedini, Allì Caracciolo, Alessandra Carnaroli, Elena Frontaloni, Maria Lenti, Enrica Loggi, Maria Grazia Maiorino, Franca Mancinelli, Caterina Morgantini, Renata Morresi, Natalia Paci, Anuska Pambianchi, Daniela Simoni, Eleonora Tamburrini, Lucia Tancredi, Luana Trapè.

Categoria: Recensioni

Editore: Vydia

Collana: I veli

Anno: 2014

ISBN: 88-97374-19-0

Recensito da Serena Vissani

Le Vostre recensioni

Femminile plurale è una raccolta di diciassette saggi-racconti scritti da diciassette donne. Un’opera, dunque, questa caratterizzata dalla pluralità non soltanto nel titolo ma anche nelle autrici. Come la curatrice Cristina Babino illustra nella sua esauriente Introduzione, il titolo riguarda il genere e il numero che grammaticalmente si attribuisce al sostantivo “Marche”. Ma il sottotitolo della raccolta permette di intuire un secondo legame, quello tra le Marche e le donne (autrici, in questo caso).

Da nord a sud, da est a ovest, le Marche vengono descritte, celebrate, cantate, criticate, raccontate, rievocate. E se qualcuno mi dovesse chiedere di riassumere in poche parole il succo di quest’opera non potrei che definirla come un’incredibile dichiarazione d’Amore. Non mi riferisco, poi, all’amore adolescenziale, all’innamoramento in sé, per il quale l’oggetto del desiderio è sempre posto sotto una luce divina, avvolto da un’aurea di superiorità intangibile.  Sempre bello, perfetto, meraviglioso.

Anzi, al contrario. Parlo dell’amore con la A maiuscola. Amore come progetto di vita. Le nostre scrittrici hanno cantato le bellezze di Ancona, Urbino, Ascoli, hanno celebrato i numerosissimi teatri locali, hanno ricordato i grandi intellettuali che da questa terra hanno tratto grandi benefici. Eppure, queste donne hanno fatto ben altro. Hanno riflettuto sulla questione della violenza di genere e sull’importanza di mantenere viva la memoria storica locale (un modo questo per ricordare a tutti che la Storia, quella che si legge nei libri di scuola, è passata anche per certe frazioni e contrade sperdute delle Marche). Hanno volontariamente assunto su di loro un indiscusso impegno civico volto alla critica della terra nella quale vivono. Una critica che è costruttiva, intenta a sottolineare le arretratezze, le crepe, le insicurezze. E amare è anche costruire, voglia di migliorare una terra, desiderio di rendere più centrale una zona periferica. Amare le Marche così come si ama l’Italia. È questo sicuramente il messaggio ultimo del testo. Fare del particolarismo locale, imperante e profondamente radicato in ognuno dei suoi abitanti, non più un punto di debolezza, ma di rinascita e di rilancio.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Di

Cura

A

Libri dallo stesso autore

Intervista a a cura di Babino Cristina


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Spagna, Costa Blanca. il sole è ancora molto caldo nonostante sia già settembre inoltrato. Per le strade non c'è nessuno, e l'aria è pervasa da un intenso profumo di limoni che arriva fino al mare. È qui che Sandra, trentenne in crisi, ha cercato rifugio: non ha un lavoro, è in rotta con i genitori, è incinta di un uomo che non è sicura di amare. È confusa e si sente sola, ed è alla disperata ricerca di una bussola per la sua vita. Fino al giorno in cui non incontra occhi comprensivi e gentili: si tratta di Fredrik e Karin Christensen, una coppia di amabili vecchietti. Sono come i nonni che non ha mai avuto. Momento dopo momento, le regalano una tenera amicizia, le presentano persone affascinanti, come Alberto, e la accolgo nella grande villa circondata da splendidi fiori. Un paradiso. Ma in realtà si tratta dell'inferno. Perché Fredrik e Karin sono criminali nazisti. Si sono distinti per la loro ferocia e ora, dietro il loro sguardo pacifico, covano il sogno di ricominciare. Lo sa bene Julian, scampato al campo di concentramento di Mauthausen, che da giorni segue i loro movimenti passo dopo passo. Sa bene che le loro mani sottili e rugose si sono macchiate del sangue degli innocenti. Ma ora, forse, può smascherarli e Sandra è l'unica in grado di aiutarlo. Non è facile convincerla della verità. Eppure, dopo un primo momento di incredulità, la donna comincia a guardarli con occhi diversi. A leggere dietro i loro silenzi, i sorrisi, le parole dette non dette, i regali. Adesso Sandra l'ha capito: lei e il suo piccolo rischiano molto. Ma non importa. Perché tutti devono sapere. Perché è impossibile restituire la vita alle vittime. Ma almeno fare in modo che tutto ciò che è successo non cada nell'oblio. E che il male non rimanga impunito.

Il profumo delle foglie di limone

Sanchez Clara

Blu non è più un bambino cattivo. Ora è un uomo di quarant’anni. Lavora come portiere in un ospedale e vive ancora insieme alla madre in un paese dello Yorkshire. Un’esistenza ordinaria, all’apparenza un po’ monotona. Una vita molto diversa da quella che l’uomo conduce nel mondo virtuale. Blu ha un blog su un sito chiamato “badguysrock”, una community che ha fondato lui stesso, dedicata a tutte le persone cattive. Su internet dà sfogo ai suoi desideri più nascosti, confessa ossessioni di morte, racconta la sua infanzia, quella di un bambino pericolosamente affascinato dal male. Pensieri oscuri che girano attorno a una terribile fantasia, quella di uccidere sua madre. Una donna dura, con cui ha sempre avuto un rapporto carico di misteri. Ma cosa è vero e cosa non lo è? Qual è il confine tra realtà e mondo virtuale? Blu era realmente un bambino malvagio o semplicemente si inventava tutto? Forse l’inquietante Albertine, che condivide con Blu un agghiacciante segreto, lo sa. O forse no. Una cosa è certa: Blu non è quello che sembra. E mentre post dopo post le parole le parole si fanno sempre più sinistre, la violenza cresce pericolosamente. C’è un solo modo per fermarla: scavare nel vero passato di Blu, un passato oscuro, un passato di rivalità e menzogne, il passato di un bambino incompreso, dotato di una sensibilità straordinaria. Fino a svelare il cuore malato di una famiglia profondamente disturbata. Solo così emergeranno le ragioni di un omicidio vecchio di vent’anni…

IL RAGAZZO CON GLI OCCHI BLU

Harris Joanne

Benvenuti a teatro. Dove tutto è finto ma niente è falso…

Dopo il successo della trilogia dei noir marsigliesi - Casino totale, Chourmo, Solea - Jean-Claude Izzo, ha scritto questo romanzo altrettanto "nero", altrettanto impregnato di quella nostalgia per una felicità impossibile che è una nota caratteristica della sua scrittura. Il sole dei morenti non è un giallo, come non erano solo dei gialli i suoi romanzi precedenti. È la storia di un uomo sfortunato, un giovane sereno, innamorato della moglie, felice di avere un bambino, un lavoro, una casa. Poi la moglie lo lascia, lui perde il lavoro, la casa, finisce in strada: quello che chiamano un barbone. Ma dietro continua a vivere un uomo. E questo uomo, questo barbone, prova, in un ultimo slancio vitale, a lasciare la Parigi del freddo, dei metrò, dell'alcolismo, della solitudine, per raggiungere Marsiglia, il sole, il mare la città dove aveva scoperto l'amore. Il sole dei morenti è la storia di un viaggio e di una vita. Un romanzo struggente, di rara umanità.

Il sole dei morenti

Izzo Jean-Claude