Recensioni

Femminile plurale. Le donne scrivono le Marche

a cura di Babino Cristina

Descrizione: Il volume raccoglie testi di: Cristina Babino, Maria Angela Bedini, Allì Caracciolo, Alessandra Carnaroli, Elena Frontaloni, Maria Lenti, Enrica Loggi, Maria Grazia Maiorino, Franca Mancinelli, Caterina Morgantini, Renata Morresi, Natalia Paci, Anuska Pambianchi, Daniela Simoni, Eleonora Tamburrini, Lucia Tancredi, Luana Trapè.

Categoria: Recensioni

Editore: Vydia

Collana: I veli

Anno: 2014

ISBN: 88-97374-19-0

Recensito da Serena Vissani

Le Vostre recensioni

Femminile plurale è una raccolta di diciassette saggi-racconti scritti da diciassette donne. Un’opera, dunque, questa caratterizzata dalla pluralità non soltanto nel titolo ma anche nelle autrici. Come la curatrice Cristina Babino illustra nella sua esauriente Introduzione, il titolo riguarda il genere e il numero che grammaticalmente si attribuisce al sostantivo “Marche”. Ma il sottotitolo della raccolta permette di intuire un secondo legame, quello tra le Marche e le donne (autrici, in questo caso).

Da nord a sud, da est a ovest, le Marche vengono descritte, celebrate, cantate, criticate, raccontate, rievocate. E se qualcuno mi dovesse chiedere di riassumere in poche parole il succo di quest’opera non potrei che definirla come un’incredibile dichiarazione d’Amore. Non mi riferisco, poi, all’amore adolescenziale, all’innamoramento in sé, per il quale l’oggetto del desiderio è sempre posto sotto una luce divina, avvolto da un’aurea di superiorità intangibile.  Sempre bello, perfetto, meraviglioso.

Anzi, al contrario. Parlo dell’amore con la A maiuscola. Amore come progetto di vita. Le nostre scrittrici hanno cantato le bellezze di Ancona, Urbino, Ascoli, hanno celebrato i numerosissimi teatri locali, hanno ricordato i grandi intellettuali che da questa terra hanno tratto grandi benefici. Eppure, queste donne hanno fatto ben altro. Hanno riflettuto sulla questione della violenza di genere e sull’importanza di mantenere viva la memoria storica locale (un modo questo per ricordare a tutti che la Storia, quella che si legge nei libri di scuola, è passata anche per certe frazioni e contrade sperdute delle Marche). Hanno volontariamente assunto su di loro un indiscusso impegno civico volto alla critica della terra nella quale vivono. Una critica che è costruttiva, intenta a sottolineare le arretratezze, le crepe, le insicurezze. E amare è anche costruire, voglia di migliorare una terra, desiderio di rendere più centrale una zona periferica. Amare le Marche così come si ama l’Italia. È questo sicuramente il messaggio ultimo del testo. Fare del particolarismo locale, imperante e profondamente radicato in ognuno dei suoi abitanti, non più un punto di debolezza, ma di rinascita e di rilancio.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Di

Cura

A

Libri dallo stesso autore

Intervista a a cura di Babino Cristina


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

C'era una volta la Provincia italiana ricca, felice e molto produttiva. Che commerciava con l'estero, dava del tu ai colossi oltre confine con l'orgoglio di una identità, prima che nazionale, comunale. C'era un tempo in cui anche gli stupidi facevano soldi, in un paese dove il PIL cresceva di due cifre l'anno. Dove i soldi guadagnati con allegria, spensieratezza e persine cafonaggine venivano ben esibiti in beni di lusso. Poi arrivarono i guru della globalizzazione a dire che si doveva cambiare, ad andare in televisione a sponsorizzare mercati stellari in Cina e a sostenere che il vecchio modello, quello dove si stava bene, andava male. Questa è "la storia della mia gente", non solo degli "stracciaroli di Prato", ma di una provincia felice e intelligente, sacrificata alla globalizzazione.

Storia della mia gente

Nesi Edoardo

Al Verdi di Pordenone L’Histoire du soldat

Le abitudini della felicità

Colbert Brian

È la storia dell'incontro tra un aviatore, costretto da un guasto ad un atterraggio di fortuna nel deserto, e un ragazzino alquanto strano, che gli chiede di disegnargli una pecora. Il bambino viene dallo spazio e ha abbandonato il suo piccolo pianeta perchè si sentiva troppo solo lassù: unica sua compagna era una rosa. Un libro che si rivolge ai ragazzi e "a tutti i grandi che sono stati bambini ma non se lo ricordano più", come dice lo stesso autore nella dedica del suo libro. Prefazione di Nico Orengo. Edizione speciale per i 70 anni. Età di lettura: da 8 anni.

Il piccolo principe

De Saint-Exupery Antoine