Giallo - thriller - noir

Feroci pulsioni

Saba Bilkis

Descrizione: In una periferia londinese dai confini incerti, ruota la misteriosa scomparsa di una giovane ragazza dai capelli ramati. Un uomo dalla corporatura esile e lo sguardo vuoto compare dal nulla per le strade del quartiere con in mano una cartellina rosa e una borsa sportiva. Un ragazzo scampato alla morte dopo un pestaggio si diletta a torturare piccoli animali. Le invisibili tensioni che accomunano queste tre storie sono ... feroci pulsioni. Un thriller psicologico incalzante e scritto magistralmente dalla stessa autrice dei due successi internazionali "Le sfumature della luna" e "Naoi".

Categoria: Giallo - thriller - noir

Editore: Koi Press

Collana:

Anno: 2017

ISBN: 978-8898313952

Recensito da Lucilla Parisi

Le Vostre recensioni

Dopo il romanzo d’esordio Le sfumature della luna e l’avvincente trama di Naoi, tutti editi da Koi Press, la scrittrice bengalese Bilkis Saba torna a stupire i lettori con Feroci pulsioni, un thriller psicologico degno dei migliori autori del genere.

Gli ingredienti ci sono tutti, come l’attenzione maniacale ai gesti dei protagonisti e la violenza dei particolari. Ci si ritrova così ingabbiati nella psiche alienata del carnefice e le azioni diventano un fatto necessario. Non è difficile perdersi nel vortice naturale degli eventi e diventare tutt’uno con il male.

Londra, la città di Bilkis Saba, è il luogo ideale dove tutto avviene. L’apparente normalità in cui si muovono Curtis e Charlie, con le quotidiane derive di insicurezza e aggressività, ben si inserisce nel ritmo di un quartiere che non sembra dare peso alla loro insolita presenza.

Curtis, con la sua cartellina rosa e la borsa sportiva, attende il suo autobus ogni mattina e conta, insistente, le fermate che lo dividono dal lavoro, come fosse l’unico fatto certo della sua esistenza. E’ in quella ossessione per il susseguirsi di eventi necessari che si fissa il centro della sua apparente stabilità, insieme a quelle pastiglie che la rendono possibile.

Charlie,  il ragazzino dalla vita familiare complicata, nasconde un nucleo di rabbia che manifesta nella violenza cieca sugli animali, che cattura e tortura senza pietà fino alla morte: sono queste le azioni liberatorie che gli consentono di affrontare la miseria e la brutalità familiare e sociale del suo quotidiano.

In questo alternarsi di azioni – si passa capitolo dopo capitolo da una solitudine all’altra – si inserisce l’inspiegabile scomparsa di una ragazzina dai capelli ramati e le presenze che si alternano nelle vite di Charlie e Curtis compongono, in un mirabile intreccio, il puzzle del mistero che aleggia in tutto il libro. La sensazione è che qualcosa che è già accaduto tornerà ad accadere.

Il lettore è travolto da un’insana ossessione per i particolari: il colore dei capelli delle ragazzine, il numero delle fermate che scandiscono gli spostamenti, il formicolio della pelle che tradisce l’agitarsi delle pulsioni e preannuncia la violenza. Sempre così, fino alla fine, ipnotizzato dall’incessante e incalzante ritmo della narrazione.

Bilkis Saba rivela – come già in Naoi – un’indiscutibile abilità nell’avvincere il lettore sin dalle prime pagine e a portarlo esattamente dove tutto avviene, senza mai perderlo di vista e facendolo prigioniero in un edificio di parole e silenzi ben congeniati.

 Da leggere.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Bilkis

Saba

Libri dallo stesso autore

Intervista a Saba Bilkis


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Federico Rampini ha vissuto nella Silicon Valley nei primi tempi della new economy e ha sempre seguito con attenzione i temi del digitale e della rete. Ma quello che una volta sembrava contenere in sé i semi di una nuova economia, più favorevole al consumatore e più competitiva, e di una nuova società, più aperta e informata, oggi si presenta ai suoi occhi in modo molto diverso. Ormai siamo tutti connessi, sempre, e la nostra attenzione è diventata sempre più superficiale, la nostra vita sempre più multitasking, la nostra privacy sempre più esposta allo sguardo virtuale di amici e non solo. Intanto i cosiddetti "nativi digitali" vivono in un mondo dominato da "app" che sembrano poter colonizzare ogni aspetto della loro vita. I giganti del web sembrano non porsi limiti nella loro corsa alla supremmazia: vogliono mappare tutte le informazioni del mondo, connettere tutte le persone del mondo, essere il negozio unico per tutto il mondo, occupare il tempo libero di tutti. Ma possiamo permettere che tutto sia nelle mani di pochissimi? Che le nostre vite intime, professionali, politiche siano affidate alle grandi aziende digitali? E che succederebbe se dovessimo scoprire che alcune di loro sono diventate davvero cattive?

Rete padrona

Rampini Federico

L'aria tersa tremola per la calura di giugno. Judith, in piedi all'ombra di un albero ai bordi della spiaggia di Narbonne, si guarda intorno. Niente è come dovrebbe essere. È tutto falso. È tutta una menzogna. Sul sentiero non c'è anima viva. È su questa strada che Judith, uno zaino in spalla e tanta confusione in testa, sta per ricominciare la sua vita. Ha appena perso il marito Arne, e non ha che una certezza: per chiudere con il passato deve ripercorrere i passi di lui, seguendo gli appunti del diario che Arne aveva scritto durante il suo ultimo viaggio verso Santiago de Compostela. Con lei ci sono le amiche più care, quelle del martedì: la selvaggia Kiki, la fredda Caroline, l'eccentrica Estelle e la perfetta Eva. Per loro quello è un viaggio ribelle e scanzonato, come ai vecchi tempi quando dormivano sotto lo scintillio notturno delle costellazioni. Ma per Judith quel viaggio assume immediatamente una dimensione diversa. Sconvolgente. Bastano pochi chilometri per capire che nel diario di Arne c'è qualcosa di strano: le indicazioni sono sbagliate, nulla di quello che lui descrive corrisponde a ciò che lei vede. È tutto inventato o copiato da internet. Judith non riesce ad accettare che l'uomo che le è stato accanto non era quello che credeva. Eppure deve imparare a leggere dietro quelle parole per capire cosa nascondesse Arne. E deve imparare a leggere anche dietro le parole delle sue amiche. Judith non si può più fidare di niente e di nessuno. A guidarla adesso c'è solo una stella, solo una costellazione, quella del suo cuore. Solo così potrà finalmente imparare a credere in sé stessa.

LA QUINTA COSTELLAZIONE DEL CUORE

Peetz Monika

“Se cominci a dare un senso alle cose significa che stai invecchiando” Tony Pagoda è un cantante melodico con tanto passato alle spalle. La sua è stata la scena di un’Italia florida e sgangheratamente felice, tra Napoli, Capri e il mondo. È stato tutto molto facile e tutto all’insegna del successo. Ha avuto il talento, i soldi, le donne. E inoltre ha incontrato personaggi straordinari e miserabili, maestri e compagni di strada. Da tutti ha saputo imparare e ora è come se una sfrenata, esuberante saggezza si sprigionasse da lui senza fatica. Ne ha per tutti e, come un Falstaff contemporaneo, svela con comica ebbrezza di cosa è fatta la sostanza degli uomini, di quelli che vincono e di quelli che perdono. Quando la vita comincia a complicarsi, quando la scena muta, Tony Pagoda sa che è venuto il tempo di cambiare. Una sterzata netta. Andarsene. Sparire. Cercare il silenzio. Fa una breve tournée in Brasile e decide di restarci, prima a Rio, poi a Manaus, inebriato da una nuova libertà e ossessionato dagli scarafaggi. Ma per Tony Pagoda, picaro senza confini, non è finita. Dopo diciotto anni di umido esilio amazzonico qualcuno è pronto a firmare un assegno stratosferico perché torni in Italia. C’è ancora una vita che lo aspetta.

HANNO TUTTI RAGIONE

Sorrentino Paolo

Scritto nel 1940, questo racconto, ora riproposto da solo, venne pubblicato solo nel 1949, nel volume dal titolo omonimo che comprendeva "Il diavolo sulle colline" e "Tra donne sole". È la storia di Ginia e, più in generale, della scoperta della vita da parte di un'adolescente. Dall'ambiente operaio al quale appartiene, Ginia entra in contatto con alcuni esponenti di una bohème pseudo-artistica e intellettuale: studenti, eccentrici perdigiorno e pittori dilettanti, che si incontrano nei caffè e abitano nelle soffitte. La ragazza si innamora di Guido, un pittore di origine contadina e, dopo aver vinto le resistenze interiori e i rimorsi residui, si lascia alla fine sedurre. È l'inizio della sua dolorosa maturazione come donna.

La bella estate

Pavese Cesare