Narrativa

FIGLIO DI DIO

McCarthy Cormac

Descrizione: La letteratura americana negli ultimi anni ci ha abituato a serial killer colti e sofisticati, anime mostruose chiuse dentro involucri corporei insospettabili, addirittura eleganti. Ci ha abituato ad assassini capaci di dissertare sull'eterno conflitto tra Bene e Male e a vittime incapaci di far fronte al carnefice non solo sul piano fisico ma anche su quello metafisico. Cormac McCarthy ci sorprende ancora una volta raccontando con un sogghigno il trionfo assoluto del Male. Piú simile ai personaggi del Caldwell di La via del tabacco che non a quelli di Faulkner, Lester Ballard, il protagonista di questo romanzo, è uno dei tanti «poveri bianchi» che popolano le catapecchie e i cortili del Sud rurale, le campagne fuori del tempo dove la Storia è scandita dai linciaggi e dalle pubbliche impiccagioni, dove la promiscuità e l'incesto sono la regola, dove la miseria e l'abiezione rendono incongrua, quasi surreale, la sporadica comparsa di un'aula di tribunale o di una stanza di ospedale. Nello spazio di una breve gelida stagione, Ballard, il contadino solitario, amante della caccia e del whisky fatto in casa, si trasforma in un animale da preda: da feticista a stupratore, ad assassino, a necrofilo. Le scorribande sempre piú sanguinose di questo serial killer controcorrente hanno come cornice la natura violenta e il paesaggio incantato delle montagne del Tennessee, e a commentarle è un coro di personaggi che, come sempre, attinge a quel museo degli orrori che è l'immaginazione di uno scrittore peraltro capace di insospettate, improvvise delicatezze.

Categoria: Narrativa

Editore: Einaudi

Collana: Supercoralli

Anno: 2000

ISBN: 9788806150709

Trama

Le Vostre recensioni

Il protagonista del romanzo, Lester Ballard, è un uomo violento dal passato difficile, un contadino del Sud rurale degli Stati Uniti, una terra dove le leggi dell’uomo sono regolate da istinti primari di sopravvivenza e dalle forze della natura.

Quando gli viene tolta la proprietà di famiglia e si ritrova a perdere ogni cosa, Lester affronta l’abbandono e la povertà diventando una sorta di abietto predatore. Mosso dalla miseria, dalla mancanza di giustizia e di educazione sociale si trasforma in un feroce criminale: accusato di violenza carnale e poi scagionato, Lester inizia una discesa verso la solitudine spirituale che termina in un totale imbarbarimento dell’animo: da povero diavolo, ad assassino e necrofilo.
Cormac McCarthy ci regala con “Figlio di Dio” un esempio magistrale di quello che è il suo stile: il racconto fatto di luci e di ombre di una stagione nella vita del protagonista, che in questo caso è la sua solitaria ascesa all’inferno. Lester è un minorato, la cui infermità è stata provocata dagli stessi personaggi che lo condanneranno per i suoi crimini, incapace di vivere nella società poiché privo di senso sociale, costretto a convivere con l’oscurità della sua mente (“Ci fossero state strade più buie della notte, lui le avrebbe trovate”). Le azioni di Lester provocano prima di tutto un senso di repulsione nel lettore, sono un pugno allo stomaco, ma lasciano intravedere anche un’attitudine alla bellezza non comune (“Rimase seduto per ore con il sole alle spalle, in mezzo al falasco mosso dal vento. Come se dovesse fare provvista di quel calore per l’inverno in arrivo”), il che lo rende meno insostenibile e degno di compassione:
“Ballard, una sagoma scimmiesca smarrita e senza amore, sgattaiolò via dalla piazzola così come era venuto, calpestando il fango e la ghiaia sottile e le lattine di birra schiacciate e i giornali e i preservativi lasciati lì a marcire.
Fila via figlio di puttana.

La voce si infranse contro la montagna che la rimandò indietro affievolita e inoffensiva. Poi non ci fu più nulla se non il silenzio e il profumo intenso dei fiori di caprifoglio nell’aria buia di quella notte di mezza estate.”
Lester Ballard non è un cattivo puro e in senso classico, quanto più una vittima del mondo crudele che lo circonda, una fiera che lotta con altre fiere per la sopravvivenza e come le fiere è costretto a muoversi (all’interno del testo sono numerosi, infatti, i paragoni tra il protagonista e il mondo animale). La sua vita è una lotta alla sopravvivenza: i pochi contatti di Lester con il mondo ci mostrano personaggi a volte peggiori di lui, un’umanità ottusa, povera e condotta dalla legge del più forte dalla quale tenta di difendersi come può – o come pensa sia giusto.

Per raccontare la dualità di questo mondo Mc Carthy riduce la scrittura all’essenziale, marca sui lati più crudi della vita, lascia che la bellezza del paesaggio riempia i vuoti lasciati dalla narrazione. Il suo punto di forza sta nel riuscire a bilanciare l’ostile e il non ostile, il romanticismo della descrizione del paesaggio e la violenza delle azioni dell’uomo.

E nonostante alla fine il male sembra prevalere, Mc Carthy riesce a far emergere una flebile speranza, la possibilità che possa esistere qualcosa di buono: Ballard agisce come un animale, ma in fondo rimane un figlio di dio sofferente, capace solo di sopravvivere tramite la violenza ma anche di far intravedere una flebile luce divina di speranza:

“Uscì dalla dolina per veder nascere il giorno, quasi singhiozzando per la fatica. Tutto era immobile in quel morto deserto da fiaba, i boschi inghirlandati di fiori di brina, fili d’erba che spuntavano da bianche fantasmagorie di cristallo come i merletti che la pietra disegna sul pavimento di una caverna. Non aveva ancora smesso di imprecare. Qualunque cosa fosse la voce che poi gli parlò, non era un demone ma un vecchio io perduto che ancora tornava di tanto in tanto in nome della ragione stessa, una mano che lo aiutava a ritrarsi dall’orlo della furia disastrosa in cui stava per precipitare.”

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Cormac

Mccarthy

Libri dallo stesso autore

Intervista a McCarthy Cormac


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

"Alessandria finalmente! Alessandria goccia di rugiada. Esplosione di nubi bianche. Sei come un fiore in boccio bagnato da raggi irrorati dall'acqua del cielo. Cuore di ricordi impregnati di miele e di lacrime." Inizia così la storia del Miramar, la pensione di un'eleganza un po' decaduta che conserva le tracce di un passato grandioso sotto le macchie d'umidità. Ma la vera protagonista è Alessandria, che offre un ritratto complesso e profondo dell'Egitto, della sua anima contraddittoria e problematica, con un senso di nostalgia che sa tuttavia mescolarsi al sorriso. Al Miramar i clienti sfilano davanti al lettore, incarnando le diverse anime della società egiziana. In un continuo altalenare tra passato e presente, di voce narrante in voce narrante, sfilano le storie dei diversi ospiti: Amer Wagdi, vecchio giornalista in pensione che ha militato nel partito nazionalista liberale e ora fa ritorno dopo vent'anni al Miramar per stabilirvisi e non ripartire più, l'anziano esponente dell'aristocrazia Tolba Marzuq, il giovane conquistatore Sarhan al-Buheyri, il proprietario terriero Hosni Allam, l'annunciatore di Radio Alessandria Mansur Bahi, oltre alla padrona della pensione, madame Marianna, e alla sua domestica, Zahra, una bella giovane contadina le cui relazioni con gli altri rispecchiano simbolicamente le principali realtà politiche e sociali del paese.

Miramar

Mahfuz Nagib

È sabato mattina e Rosie e Jonathan sono a letto in un momento di intimità, quando il telefono inizia a squillare senza tregua. Sul display compare un numero sconosciuto. Ancora non sanno che quella telefonata di per sé insignificante manderà all'aria tutta la loro vita. Più che quarantenni, Rosie e Jonathan sono gli unici fra i loro amici a non aver messo su famiglia e a vivere da eterni fidanzati in un quadrilocale che sembra arredato da due studenti. Impossibile immaginare che a pochi giorni da quel sabato Jonathan si inginocchierà davanti a Rosie chiedendole di sposarlo e seguirlo in California! La prima a storcere il naso di fronte all'improvvisa proposta è l'energica nonna Soapie: sognatrice, anticonformista, irriverente, Soapie ha sempre spronato Rosie a osare nella vita, a coltivare le sue passioni e seguire i suoi desideri. Per questo non capisce cosa spinga la nipote sull'altra sponda dell'oceano, dietro a un ragazzotto con la passione per le tazzine di porcellana. Ma il destino è sempre pronto a stuzzicarci e quando Rosie sarà messa di fronte a un'altra scelta cruciale, dovrà per forza decidere quale partita giocare. Perché la grande regola della vita è che non è mai troppo tardi per correggere il tiro e la felicità è sempre più vicina di quanto immaginiamo. Basta ricordarselo.

Non c’è niente che non va, almeno credo

Dawson Maddie

Reso immortale da Hitchcock grazie al suo indimenticabile film, Gli uccelli è ormai divenuto un classico della letteratura horror mondiale. Le altre cinque, agghiaccianti storie contenute in questa antologia si fanno beffe della volontà di dominio sulla natura da parte dell'uomo. Un inaccessibile monastero sulle montagne promette l'immortalità, ma a un terribile prezzo; una moglie trascurata dà la caccia al marito sotto forma di un albero di mele; un fotografo professionista lascia il suo posto dietro la macchina ed entra nella vita del suo soggetto: un appuntamento con una maschera del cinema si trasforma in una passeggiata in un cimitero; e un padre geloso trova il modo di sbarazzarsi del terzo incomodo... Sei magistrati racconti in cui Daphne Du Maurier conferma, se ancora ce ne fosse bisogno, il suo straordinario talento di narratrice e di maestra indiscussa della suspenze e dell'orrore.

Gli uccelli e altri racconti

Du Maurier Daphne

Le voci di Nike

Silvia M. Damiani