Narrativa

FIGLIO DI DIO

McCarthy Cormac

Descrizione: La letteratura americana negli ultimi anni ci ha abituato a serial killer colti e sofisticati, anime mostruose chiuse dentro involucri corporei insospettabili, addirittura eleganti. Ci ha abituato ad assassini capaci di dissertare sull'eterno conflitto tra Bene e Male e a vittime incapaci di far fronte al carnefice non solo sul piano fisico ma anche su quello metafisico. Cormac McCarthy ci sorprende ancora una volta raccontando con un sogghigno il trionfo assoluto del Male. Piú simile ai personaggi del Caldwell di La via del tabacco che non a quelli di Faulkner, Lester Ballard, il protagonista di questo romanzo, è uno dei tanti «poveri bianchi» che popolano le catapecchie e i cortili del Sud rurale, le campagne fuori del tempo dove la Storia è scandita dai linciaggi e dalle pubbliche impiccagioni, dove la promiscuità e l'incesto sono la regola, dove la miseria e l'abiezione rendono incongrua, quasi surreale, la sporadica comparsa di un'aula di tribunale o di una stanza di ospedale. Nello spazio di una breve gelida stagione, Ballard, il contadino solitario, amante della caccia e del whisky fatto in casa, si trasforma in un animale da preda: da feticista a stupratore, ad assassino, a necrofilo. Le scorribande sempre piú sanguinose di questo serial killer controcorrente hanno come cornice la natura violenta e il paesaggio incantato delle montagne del Tennessee, e a commentarle è un coro di personaggi che, come sempre, attinge a quel museo degli orrori che è l'immaginazione di uno scrittore peraltro capace di insospettate, improvvise delicatezze.

Categoria: Narrativa

Editore: Einaudi

Collana: Supercoralli

Anno: 2000

ISBN: 9788806150709

Trama

Le Vostre recensioni

Il protagonista del romanzo, Lester Ballard, è un uomo violento dal passato difficile, un contadino del Sud rurale degli Stati Uniti, una terra dove le leggi dell’uomo sono regolate da istinti primari di sopravvivenza e dalle forze della natura.

Quando gli viene tolta la proprietà di famiglia e si ritrova a perdere ogni cosa, Lester affronta l’abbandono e la povertà diventando una sorta di abietto predatore. Mosso dalla miseria, dalla mancanza di giustizia e di educazione sociale si trasforma in un feroce criminale: accusato di violenza carnale e poi scagionato, Lester inizia una discesa verso la solitudine spirituale che termina in un totale imbarbarimento dell’animo: da povero diavolo, ad assassino e necrofilo.
Cormac McCarthy ci regala con “Figlio di Dio” un esempio magistrale di quello che è il suo stile: il racconto fatto di luci e di ombre di una stagione nella vita del protagonista, che in questo caso è la sua solitaria ascesa all’inferno. Lester è un minorato, la cui infermità è stata provocata dagli stessi personaggi che lo condanneranno per i suoi crimini, incapace di vivere nella società poiché privo di senso sociale, costretto a convivere con l’oscurità della sua mente (“Ci fossero state strade più buie della notte, lui le avrebbe trovate”). Le azioni di Lester provocano prima di tutto un senso di repulsione nel lettore, sono un pugno allo stomaco, ma lasciano intravedere anche un’attitudine alla bellezza non comune (“Rimase seduto per ore con il sole alle spalle, in mezzo al falasco mosso dal vento. Come se dovesse fare provvista di quel calore per l’inverno in arrivo”), il che lo rende meno insostenibile e degno di compassione:
“Ballard, una sagoma scimmiesca smarrita e senza amore, sgattaiolò via dalla piazzola così come era venuto, calpestando il fango e la ghiaia sottile e le lattine di birra schiacciate e i giornali e i preservativi lasciati lì a marcire.
Fila via figlio di puttana.

La voce si infranse contro la montagna che la rimandò indietro affievolita e inoffensiva. Poi non ci fu più nulla se non il silenzio e il profumo intenso dei fiori di caprifoglio nell’aria buia di quella notte di mezza estate.”
Lester Ballard non è un cattivo puro e in senso classico, quanto più una vittima del mondo crudele che lo circonda, una fiera che lotta con altre fiere per la sopravvivenza e come le fiere è costretto a muoversi (all’interno del testo sono numerosi, infatti, i paragoni tra il protagonista e il mondo animale). La sua vita è una lotta alla sopravvivenza: i pochi contatti di Lester con il mondo ci mostrano personaggi a volte peggiori di lui, un’umanità ottusa, povera e condotta dalla legge del più forte dalla quale tenta di difendersi come può – o come pensa sia giusto.

Per raccontare la dualità di questo mondo Mc Carthy riduce la scrittura all’essenziale, marca sui lati più crudi della vita, lascia che la bellezza del paesaggio riempia i vuoti lasciati dalla narrazione. Il suo punto di forza sta nel riuscire a bilanciare l’ostile e il non ostile, il romanticismo della descrizione del paesaggio e la violenza delle azioni dell’uomo.

E nonostante alla fine il male sembra prevalere, Mc Carthy riesce a far emergere una flebile speranza, la possibilità che possa esistere qualcosa di buono: Ballard agisce come un animale, ma in fondo rimane un figlio di dio sofferente, capace solo di sopravvivere tramite la violenza ma anche di far intravedere una flebile luce divina di speranza:

“Uscì dalla dolina per veder nascere il giorno, quasi singhiozzando per la fatica. Tutto era immobile in quel morto deserto da fiaba, i boschi inghirlandati di fiori di brina, fili d’erba che spuntavano da bianche fantasmagorie di cristallo come i merletti che la pietra disegna sul pavimento di una caverna. Non aveva ancora smesso di imprecare. Qualunque cosa fosse la voce che poi gli parlò, non era un demone ma un vecchio io perduto che ancora tornava di tanto in tanto in nome della ragione stessa, una mano che lo aiutava a ritrarsi dall’orlo della furia disastrosa in cui stava per precipitare.”

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Cormac

Mccarthy

Libri dallo stesso autore

Intervista a McCarthy Cormac

Non esiste modo migliore per capire un musicista che quello di farlo parlare nel suo stesso linguaggio: la musica. È con questo presupposto che Ben Radiff, erede della più autorevole critica jazz statunitense, ha incontrato quindici fra i maggiori jazzisti contemporanei e li ha invitati a conversare di musica liberamente e disinteressatamente, fuori dalle logiche della promozione discografica o da quelle della confessione biografica. Il risultato è questo libro unico nel suo genere, destinato a rinnovare radicalmente la metodologia del giornalismo musicale. Chiedendo a ciascun artista di scegliere uno o più brani da ascoltare e commentare insieme a lui, Radiff accompagna i suoi interlocutori in un affascinante viaggio nella musica che è allo stesso tempo esame delle tecniche esecutive, espressione dei sentimenti suscitati dall'ascolto, riconoscimento delle paternità e dei debiti artistici. Che sia Pat Metheny a commentare la tromba di Miles Davis, Sonny Rollins a spiegare il genio di Charlie Parker, o Joshua Redman a confrontarsi con il mostro sacro Coltrane, i musicisti che prendono la parola in questo libro non smettono di ricordarci a ogni pagina che la magia del jazz è sempre lì, a un tiro di stereo dalle nostre orecchie, se soltanto siamo disposti a lasciarcene catturare.

Come si ascolta il jazz

Ratliff Ben

Nani Sapienza fa il maestro e i suoi alunni lo adorano, soprattutto per la sua incredibile capacità di raccontare storie. Purtroppo lo stesso non vale per i colleghi e il preside della scuola, che lo accusano di non rispettare regole e programmi. Lui però ha sempre saputo resistere, anche alla perdita di una figlia morta di leucemia e all’abbandono da parte della moglie, che l’ha lasciato in una casa piena di oggetti della piccola. Quando in città scompare una bambina dell’età di sua figlia in lui nasce un’inquietudine tremenda, non smette di cercarla e sognarla, sente che può essere salvata. E allora farà di tutto, da solo e con i suoi alunni, pur di ritrovare la pace e sentirsi padre ancora una volta.

La bambina e il sognatore

Maraini Dacia

Cronache di un’illusione

Nicola D'Avino

Già dato alle stampe nel 2017, D’argine al male è un thriller psicologico ambientato nell’estremo lembo del Delta ferrarese. Questo gotico padano racconta la follia. La morte. La redenzione. Protagonisti della vicenda sono Iolanda e Giovanni ‒ fratelli e nemici ‒, costretti a patteggiare per sopravvivere entrambi. Il teatro di tanti fantasmi è una casa nella golena, a pochi passi dal cimitero. E poi un giorno Iolanda trova una “bambola” e il passato violento torna a tormentarli.

D’argine al male

Conventi Gaia