Giallo - thriller - noir

Un finale perfetto

Katzenbach John

Descrizione: Un uomo misterioso, scrittore di gialli di scarso successo, 65 anni, sapendo di non avere molto da vivere a causa di un cancro ai polmoni, decide che come ultimo atto della sua esistenza compirà un gesto spettacolare che tramanderà la sua memoria ai posteri: un omicidio perfetto. Non uno soltanto, tre. Ucciderà tre donne diverse, già individuate, accomunate dal fatto di avere i capelli rossi. L'assassino ha intenzione di mettere per iscritto dettagliatamente il suo operato e di avvertire via lettera le tre donne della loro sorte imminente per vedere come si comporteranno. L'uomo, servendosi della favola di Cappuccetto Rosso nella sua versione originale e cruenta, avverte le tre donne che il lupo cattivo è sulle loro tracce e che le ucciderà, senza specificare quando, come o dove. Nel momento in cui arrivano le lettere con l'annuncio di morte le tre donne reagiscono in modi diversi. L'uomo non vuole soltanto uccidere, vuole fare una ricerca e una riflessione approfondita sul periodo che precederà la morte. La sfida che si trova di fronte è cercare di aggirare e superare tutti i mezzi e modi in cui le sue tre vittime tenteranno di salvarsi da lui, per questo dovrà avvicinarsi a loro mantenendo il suo anonimato, per prevenire le loro mosse. Nessuno ha mai tentato prima un'operazione simile: tre vittime diverse, in tre luoghi diversi, destinate a tre morti diverse, tutte nello stesso giorno a poche ore di distanza l'una dall'altra. Ma anche il lupo cattivo può sottovalutare...

Categoria: Giallo - thriller - noir

Editore: Fazi Editore

Collana:

Anno: 2015

ISBN: 9788876253850

Recensito da Elpis Bruno

Le Vostre recensioni

Quale potrebbe essere Un finale perfetto”  per la fiaba di Cappuccetto Rosso?  John Katzenbach elabora un finale alternativo alla vicenda che vede il taglialegna recidere il ventre del lupo, per estrarre le vittime ancora vive in uno degli epiloghi più truculenti che i fratelli Grimm abbiano mai concepito…

In questo psico-thriller, il ruolo del Grosso Lupo Cattivo è recitato da uno scrittore di gialli (“Chiuse il computer e criptò gli ultimi file con una password prevedibile: Grimm”) che ha intendimenti scellerati nei confronti di… tre “Cappuccetto Rosso” (“Tre vittime estremamente diverse. Tre luoghi distinti. Tre morti differenti”)!
Il serial killer invia alle vittime lettere minatorie, nelle quali proclama le sue intenzioni malvage senza mezzi termini.
Le destinatarie sono tre donne i cui capelli rosso-tiziano rappresentano un fattor comune. Oltre alla chioma (“C’è qualcosa che ci unisce… Già i capelli rossi… No, dev’esserci di più…”), le tre sventurate sono accomunate dalla solitudine che caratterizza le loro vite, ma anche dalla fiera reazione che avranno (“Una gran parte di me è già morta, e qui c’è un Cappuccetto rosso che non ha intenzione di soccombere senza lottare”) nel decidere di opporsi a un destino di morte (“Sei stata scelta per morire”) che non accettano.
Le tre malcapitate si cercano, uniscono le loro forze (“Noi siamo in tre. E lui è uno…”) per cercare di comprendere quale sia il terribile piano del loro persecutore, mettono a punto una strategia di difesa per dare scacco matto al Grosso Lupo Cattivo e per cambiare il finale di una favola che sembra scritta senza lieto fine.

L’idea del romanzo è accattivante (“Perseguitare e uccidere tre estranee che per caso hanno tutte i capelli rossi, perché hai una specie di ossessione favolistica, ha senso?”), lo stile non scade nella violenza gratuita, ma l’opera indulge troppo ai luoghi comuni della tensione: i rumori sospetti percepiti nella doccia, le telefonate mute, i pedinamenti, le ossessioni di chi si sente inseguito…

Bruno Elpis

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

John

Katzenbach

Libri dallo stesso autore

Intervista a Katzenbach John

Sebastian von Eschbung è cresciuto schiacciato da un dolore terribile e inspiegabile, con il quale fatica a venire a patti: il suicidio del padre quando lui era solo un bambino. Ora, da adulto, cerca di esorcizzare i fantasmi del passato attraverso l'arte. Con le fotografie che scatta e le installazioni video, tenta di dimostrare che la realtà e la verità sono due cose diverse, cerca di spiegare che cosa sono la bellezza, il sesso, la solitudine infinita dell'essere umano. Ma poi accade qualcosa di terribile, la scomparsa di una ragazza, che Sebastian conosce, dietro la quale si sospetta l'omicidio. Manca il corpo, ma Sebastian viene accusato di averla uccisa. La sua difesa viene assunta da un anziano avvocato, che aiutando il giovane artista cerca di aiutare anche se stesso...

Tabù

Schirach von Ferdinand

ROXANNE

Mearini Elena

Le tre minestre che danno il titolo a questo libro rappresentano in realtà tre ministre, come Vitali ribattezza segretamente le zie che hanno accompagnato la sua infanzia: Cristina, ministro degli Interni, è preposta alle faccende domestiche e alla cucina; Colomba, ministro dell'Agricoltura, si occupa dell'orto e delle attività agricole di famiglia; Paola infine, ministro degli Esteri, è impegnata professionalmente fuori casa e cura le relazioni con vicini e parenti. Le zie circondano il ragazzino di un affetto "rustico ma profumato", dettato dal buon senso ma ancora pregno di superstizioni, retaggio di una cultura popolare di altri tempi. Siamo infatti in un'Italia di provincia, negli anni Sessanta, dove ancora si parla il dialetto e "la saggezza si esprime in assiomi che non ammettono repliche". Dal racconto autobiografico di Andrea Vitali emerge uno spaccato di vita vissuta e di costume di grande suggestione, delicatamente nostalgico e al contempo ironico. Un autentico tuffo nel passato al quale contribuisce anche il ricettario della tradizione locale che affonda le radici nel territorio, tra le sponde del lago di Como e le valli retrostanti.

Le tre minestre

Vitali Andrea

Due donne vengono trovate morte a Oslo – entrambe annegate nel loro stesso sangue. Quello che confonde la polizia è che le ferite sui volti delle vittime siano state provocate dall’interno delle loro bocche. Kaja Solness della Omicidi è mandata a rintracciare un uomo: l’unico specialista di omicidi seriali del dipartimento di polizia di Oslo. Il detective, alcolista, rude e pronto a fare sempre di testa sua, si è rintanato nella vasta, anonima Hong Kong. È come al solito in fuga ed è perseguitato dal suo caso precedente, e dai creditori. Ma quando scopre che la sua amata ragazza (con cui ha appena litigato) potrebbe cadere nella trappola del serial killer, torna a Oslo. Il suo nome è Harry Hole.

IL LEOPARDO

Nesbø Jo