Giallo - thriller - noir

Un finale perfetto

Katzenbach John

Descrizione: Un uomo misterioso, scrittore di gialli di scarso successo, 65 anni, sapendo di non avere molto da vivere a causa di un cancro ai polmoni, decide che come ultimo atto della sua esistenza compirà un gesto spettacolare che tramanderà la sua memoria ai posteri: un omicidio perfetto. Non uno soltanto, tre. Ucciderà tre donne diverse, già individuate, accomunate dal fatto di avere i capelli rossi. L'assassino ha intenzione di mettere per iscritto dettagliatamente il suo operato e di avvertire via lettera le tre donne della loro sorte imminente per vedere come si comporteranno. L'uomo, servendosi della favola di Cappuccetto Rosso nella sua versione originale e cruenta, avverte le tre donne che il lupo cattivo è sulle loro tracce e che le ucciderà, senza specificare quando, come o dove. Nel momento in cui arrivano le lettere con l'annuncio di morte le tre donne reagiscono in modi diversi. L'uomo non vuole soltanto uccidere, vuole fare una ricerca e una riflessione approfondita sul periodo che precederà la morte. La sfida che si trova di fronte è cercare di aggirare e superare tutti i mezzi e modi in cui le sue tre vittime tenteranno di salvarsi da lui, per questo dovrà avvicinarsi a loro mantenendo il suo anonimato, per prevenire le loro mosse. Nessuno ha mai tentato prima un'operazione simile: tre vittime diverse, in tre luoghi diversi, destinate a tre morti diverse, tutte nello stesso giorno a poche ore di distanza l'una dall'altra. Ma anche il lupo cattivo può sottovalutare...

Categoria: Giallo - thriller - noir

Editore: Fazi Editore

Collana:

Anno: 2015

ISBN: 9788876253850

Recensito da Elpis Bruno

Le Vostre recensioni

Quale potrebbe essere Un finale perfetto”  per la fiaba di Cappuccetto Rosso?  John Katzenbach elabora un finale alternativo alla vicenda che vede il taglialegna recidere il ventre del lupo, per estrarre le vittime ancora vive in uno degli epiloghi più truculenti che i fratelli Grimm abbiano mai concepito…

In questo psico-thriller, il ruolo del Grosso Lupo Cattivo è recitato da uno scrittore di gialli (“Chiuse il computer e criptò gli ultimi file con una password prevedibile: Grimm”) che ha intendimenti scellerati nei confronti di… tre “Cappuccetto Rosso” (“Tre vittime estremamente diverse. Tre luoghi distinti. Tre morti differenti”)!
Il serial killer invia alle vittime lettere minatorie, nelle quali proclama le sue intenzioni malvage senza mezzi termini.
Le destinatarie sono tre donne i cui capelli rosso-tiziano rappresentano un fattor comune. Oltre alla chioma (“C’è qualcosa che ci unisce… Già i capelli rossi… No, dev’esserci di più…”), le tre sventurate sono accomunate dalla solitudine che caratterizza le loro vite, ma anche dalla fiera reazione che avranno (“Una gran parte di me è già morta, e qui c’è un Cappuccetto rosso che non ha intenzione di soccombere senza lottare”) nel decidere di opporsi a un destino di morte (“Sei stata scelta per morire”) che non accettano.
Le tre malcapitate si cercano, uniscono le loro forze (“Noi siamo in tre. E lui è uno…”) per cercare di comprendere quale sia il terribile piano del loro persecutore, mettono a punto una strategia di difesa per dare scacco matto al Grosso Lupo Cattivo e per cambiare il finale di una favola che sembra scritta senza lieto fine.

L’idea del romanzo è accattivante (“Perseguitare e uccidere tre estranee che per caso hanno tutte i capelli rossi, perché hai una specie di ossessione favolistica, ha senso?”), lo stile non scade nella violenza gratuita, ma l’opera indulge troppo ai luoghi comuni della tensione: i rumori sospetti percepiti nella doccia, le telefonate mute, i pedinamenti, le ossessioni di chi si sente inseguito…

Bruno Elpis

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

John

Katzenbach

Libri dallo stesso autore

Intervista a Katzenbach John


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Pasolini e Roma si incontrano il 28 gennaio 1950 sui binari della stazione Termini. Da allora inizia con la città un rapporto lungo e tormentato, destinato a lasciare tracce profonde in tutta la produzione artistica del poeta. Per la prima volta, raccolti in volume e ordinati per lemmi, troverete i film, le raccolte poetiche e i romanzi, così come i bar e i ristoranti frequentati con gli amici di sempre, i quartieri prediletti e le immancabili borgate dove si muovono i "ragazzi di vita" descritti nelle sue opere. Dalla "A" di Accattone, girato nel quartiere Pigneto, alla "V" di Valle Giulia, teatro degli scontri fra studenti e polizia, una guida ragionata sulle tracce di Pier Paolo Pasolini, figlio elettivo di questa "stupenda e misera città". Introduzione di Simona Zecchi.

La Roma di Pasolini. Dizionario urbano

Pontuale Dario

Millecinquecento, non uno di più, non uno di meno: è il numero di abitanti che deve mantenere Algren per essere la città più piccola del Canada e aggiudicarsi la visita del primo ministro il giorno della festa nazionale. Hosea Funk, il sindaco di Algren, ha una ragione in più per desiderarlo: sua madre, sul letto di morte, gli ha confidato che il primo ministro è il suo vero padre, l'uomo misterioso che tanti anni prima la rapì dal ballo per far l'amore in un campo di colza e poi sparire nella notte. Quindi gli abitanti di Algren non devono assolutamente aumentare né diminuire, almeno fino al primo luglio: per il sindaco Hosea sta diventando un'ossessione. È un disastro, per esempio, se Max, giovane padre ex fuggitivo, torna all'improvviso per riconquistare la sua donna, e spiegare a Summer Feelin', la sua bimba, che non bastano le braccia per volare. Un abitante di troppo. Per fortuna il vecchio Hamm, novant'anni suonati, esala l'ultimo respiro. Meno uno, evviva; ma ecco che un miracoloso parto trigemellare fa saltare di nuovo i conti: più tre! Per quanto Hosea si sforzi di tenere fermo il mondo, mille accidenti cospirano a mettere la gente in movimento. E una partita molto seria si gioca proprio sul suo cuore, perché Lorna, la splendida donna che lui ama, vorrebbe trasferirsi da Winnipeg ad Algren per stargli accanto… Un tipo a posto è un romanzo dolce e sognante di persone che vanno e vengono, entrano dalle finestre aperte nelle notti calde o aspettano l'autobus che porta via. Tra albe arancioni e neve che si sfalda sui tetti a primavera, amori infiniti, finiti e rinnovabili ridisegnano le mappe dell'umana realtà.

Un tipo a posto

Toews Miriam

LA PARATA

Landini Filippo

Oltre che una meravigliosa romanziera, Irène Némirovsky è stata una eccellente autrice di racconti: ne scrisse per tutta la vita – fino alla vigilia dell’arresto. D’altronde, fra i suoi modelli letterari c’erano stati Cechov e Maupassant, di cui Irène amava l’asciuttezza, il cinismo venato di pietà, la bravura nel delineare in poche pagine un intero mondo. Qualità che ritroviamo nei racconti riuniti in questo volume – nove narrazioni folgoranti in cui la Némirovsky affronta i temi che le sono cari: il destino di attesa che segna la vita di molte donne, la solitudine astiosa in cui invecchiano molte altre, gli oltraggi che il tempo infligge alla bellezza, la nostalgia del passato, il rapporto tra madri e figlie.

L’orchessa

Némirovsky Irène