Letteratura araba

Finalmente qualcosa in comune tra lo Sheikh Zayed e l’Arabic Booker

Descrizione:

Categoria: Letteratura araba

Editore:

Collana:

Anno:

ISBN:

Trama

Le Vostre recensioni

szba1

Lo Sheikh Zayed Book Award (SZBA) e l’International Prize for Arabic Fiction (IPAF, conosciuto anche come “Arabic Booker”) hanno apparentemente sempre preso in considerazione libri simili di anno in anno, e tuttavia la loro selezione è stata sempre marcatamente diversa.



Questo in parte è dovuto al fatto che, negli anni scorsi, il premio letterario SZBA è stato sempre aperto alla letteratura di ogni genere e alla relativa critica. Il premio IPAF è invece stato aperto solo a romanzi pubblicati nell’anno precedente. I giudici del premio SZBA si sono quindi occupati allo stesso tempo di poesia, narrativa e critica letteraria.

Ora, al settimo anno del premio SZBA, lo stesso è stato limitato alle opere creative di letteratura, separando la poesia dalla prosa in due diverse categorie, ciascuna delle quali con sette titoli.

Così quest’anno si è alla fine trovato uno stesso nome nell’elenco dei finalisti di entrambi i premi, SZBA e IPAF: quello del poeta e romanziere Ibrahim Nasrallah, selezionato però per diversi libri, ed in particolare il romanzo Lanterns of the King of Galilee per l’IPAF, e la raccolta di poesie Ray of Light Between Two Nights per lo SZBA.

Ci sono molti nomi noti nella selezione di romanzi e racconti brevi del premio SZBA, incluso l’autore egiziano, ora scomparso,  Mohamed al-Bisatie con il suo romanzo And Their Bed is Green e il popolare romanziere algerino Ahlam Mosteghanemi con il suo romanzo del 2012, Black Suits You.

Tra i finalisti, sempre nella sezione romanzi e racconti brevi, anche l’autore degli emirati Ali Abu al-Reesh con il suo romanzo del 2010 Running from a Lion, l’autore iracheno-tedesco Burhan Shawi per il suo romanzo del 2012 Baghdad Morgue, e tre marocchini: Abdallah bin Arafa con il romanzo Ibn al-Khatib in Rawdat TahaZohra Ramij con il romanzo Azzuza, e Latifa Labsir con la raccolta di racconti brevi An Embrace.

Per la sezione poesia, sono stati nominati sette titoli. Oltre a Ray of Light di Ibrahim Nasrallah, possiamo trovare il poeta libanese Mohammed Ali Shams el-Din con The Bird Sleeps in the Green Trees (2012), il poeta iracheno Hashem Sahfiq con Embroidery with Cherries (2010), quello egiziano Farouk Shousha con Travelling to the Source of the River (2012), il tunisino Munsif al-Wahaby con Diwan al-Wahaiby (2010), e infine il poeta del Kwait Saadia Mufarreh, con How Lonely We Are, Suzan (2012).

La traduzione in inglese dell’opera di Sahfiq può essere trovata su Open Democracy, mentre quella di “Soon She Will Leave” di Saadia Mufarra è disponibile su Blackbird.

Auspicabilmente questo sarà un passo avanti per il premio SZBA. Lo scorso anno, dopo che furono selezionati i finalisti, il premio non fu assegnato. I giudici non fornirono spiegazioni circa il motivo, se non che nessuno dei libri soddisfaceva i loro requisiti.

Questa non è stata la prima volta in cui il premio SZBA è stato bloccato: già nel 2010 fu ritirato dopo alcune accuse di plagio.

Il premio consiste in una medaglia d’oro riportante il marchio SZBA, un certificato di merito, e 750.000 dirham. Il vincitore sarà annunciato il prossimo marzo.

*      *     *    *

Articolo tradotto dall’inglese da Diego Manzetti, in collaborazione con il blog Arabic Literature: originale disponibile al link http://arablit.wordpress.com/2013/01/22/finally-some-overlap-between-sheikh-zayed-and-arabic-booker-longlists-sort-of/

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

"Piove merda dal cielo. Gocce pesanti che, cariche di sabbia proveniente dalle sponde africane del Mediterraneo, esplodono sul parabrezza. La notte è incazzata. Fredda e buia. Il ritmo dei tergicristalli eccessivo e fastidioso". Fosco vive a Ibiza, ha reciso ogni legame con il passato. "La vocina che ti parla da dentro, che ti consiglia di muoverti con cautela, si fa più insistente. Se avesse anche un volto, ti lancerebbe un'occhiata colma di disapprovazione. Resta fiori dai guai, dice. Troppo tardi, rispondi". Uno sparo sordo nella notte. Fosco oggi non è più un poliziotto, convive con un proiettile incastrato nella testa, con i flash back dei ricordi e poche certezze. Tornerà a Milano dopo una sconvolgente telefonata e sarà costretto a indagare sulla morte sospetta di uno dei suoi migliori amici. Interpretando suo malgrado il ruolo dello sfidante in un gioco perverso e pericoloso.

L’ultimo respiro della notte

Pastori Ferdinando

Dopo il terribile inverno di Case Rosse, il commissario Roberto Serra ha lasciato l'Appennino emiliano per Termine, nel profondo Nord Est, sulle colline del Prosecco: quattro case, tre strade, una chiesa, un cimitero, e intorno solo vigneti, a perdita d'occhio. Lì, di sera, Roberto sfoga in incognito la sua passione per la cucina e per i vini nel piccolo ristorante ricavato nel chiostro di un antico monastero. Di giorno, invece, lavora nella questura della scintillante e perbenista Treviso. Una vita che scorre lenta, tra le sempre più rade visite della sua Alice e le sempre più frequenti chiacchierate con Susana, una bella sudamericana andata come lui a voltare pagina in quell'angolo di mondo. Sino a quando, un giorno d'inverno, il commissario non incontra Francesca, una ragazza eccentrica e disperata che cerca di convincerlo a occuparsi del caso di una giovane sparita nel nulla. Per quanto Roberto punti i piedi in nome della serenità ritrovata tra i vigneti di Termine - anche grazie ai farmaci che assume per non sprofondare nelle visioni angosciose che lo tormentano - davanti a lui si delinea una scia di scomparse misteriose: tutte donne, tutte giovanissime, tutte straniere. Invisibili per la procura, per la polizia, per la gente. Roberto non può più scappare. è costretto ad affrontare un'indagine che lo porterà a scrutare le acque nere dei laghi nascosti tra i vigneti, a scoprire che un passato irrisolto può allungare le sue dita fatali fino al nostro presente, a sondare gli abissi più oscuri della mente umana. Dormienza, pianto, allegagione, invaiatura... le fasi della vita delle vigne scandiscono la nuova indagine del commissario Serra, i cui occhi hanno la luce speciale di chi si sente, in ogni luogo, straniero - e proprio per questo vicino alla sofferenza delle vittime, alla disumanità dei carnefici. Con scrittura mobile, asciutta, a tratti intensamente poetica, Giuliano Pasini dà vita a un romanzo sull'amore e sull'odio, sul dolore e sulla redenzione. Un thriller -spumante, torbido e profumato- come un calice di Prosecco sur lie.

IO SONO LO STRANIERO

Pasini Giuliano

Sulla tua parola. Letture della messa per vivere la parola di Dio. Settembre-ottobre 2014

Pineta, estate; sulla spiaggia viene ritrovato il cadavere di una ragazza. Il corpo è stato alcuni giorni in mare e viene riconosciuto da un piccolo malavitoso locale di nome Marino come Olga, la badante ucraina della propria madre. Al BarLume fervono dei lavori di rifacimento e i vecchietti sono stati costretti a spostarsi nel parco pubblico. Qui si annoiano perché ci sono solo anziani e bambini, ma si consolano guardando e ascoltando il nutrito gruppo di ragazze dell’Est Europa che tutte le sere si ritrovano a chiacchierare dopo il lavoro. Iniziano a interessarsi ai loro discorsi, attaccano bottone con alcune di loro e capiscono da chi sono a servizio. Soprattutto si accorgono che entrano in agitazione quando viene ritrovato il cadavere sulla spiaggia. Captano poi strani discorsi e decidono di avvertire la commissaria. Ognuno indaga a modo suo: Alice in solitaria e con discrezione, i vecchietti facendo domande in giro… È estate e le trasmissioni TV del pomeriggio non sanno di cosa parlare, si avventano sui casi di cronaca nera in cui le vittime sono donne. Oltre a quello di Olga spicca la vicenda di una studentessa australiana venuta a Milano e scomparsa ormai da quasi un mese. Intanto qualcuno svaligia le ville di un complesso sul promontorio vicino a Pineta, una serie di abitazioni ricavate da un convento del 1200, noto come «i pini di San Giuda».

La battaglia navale

Malvaldi Marco