Letteratura araba

Finalmente qualcosa in comune tra lo Sheikh Zayed e l’Arabic Booker

Descrizione:

Categoria: Letteratura araba

Editore:

Collana:

Anno:

ISBN:

Trama

Le Vostre recensioni

szba1

Lo Sheikh Zayed Book Award (SZBA) e l’International Prize for Arabic Fiction (IPAF, conosciuto anche come “Arabic Booker”) hanno apparentemente sempre preso in considerazione libri simili di anno in anno, e tuttavia la loro selezione è stata sempre marcatamente diversa.



Questo in parte è dovuto al fatto che, negli anni scorsi, il premio letterario SZBA è stato sempre aperto alla letteratura di ogni genere e alla relativa critica. Il premio IPAF è invece stato aperto solo a romanzi pubblicati nell’anno precedente. I giudici del premio SZBA si sono quindi occupati allo stesso tempo di poesia, narrativa e critica letteraria.

Ora, al settimo anno del premio SZBA, lo stesso è stato limitato alle opere creative di letteratura, separando la poesia dalla prosa in due diverse categorie, ciascuna delle quali con sette titoli.

Così quest’anno si è alla fine trovato uno stesso nome nell’elenco dei finalisti di entrambi i premi, SZBA e IPAF: quello del poeta e romanziere Ibrahim Nasrallah, selezionato però per diversi libri, ed in particolare il romanzo Lanterns of the King of Galilee per l’IPAF, e la raccolta di poesie Ray of Light Between Two Nights per lo SZBA.

Ci sono molti nomi noti nella selezione di romanzi e racconti brevi del premio SZBA, incluso l’autore egiziano, ora scomparso,  Mohamed al-Bisatie con il suo romanzo And Their Bed is Green e il popolare romanziere algerino Ahlam Mosteghanemi con il suo romanzo del 2012, Black Suits You.

Tra i finalisti, sempre nella sezione romanzi e racconti brevi, anche l’autore degli emirati Ali Abu al-Reesh con il suo romanzo del 2010 Running from a Lion, l’autore iracheno-tedesco Burhan Shawi per il suo romanzo del 2012 Baghdad Morgue, e tre marocchini: Abdallah bin Arafa con il romanzo Ibn al-Khatib in Rawdat TahaZohra Ramij con il romanzo Azzuza, e Latifa Labsir con la raccolta di racconti brevi An Embrace.

Per la sezione poesia, sono stati nominati sette titoli. Oltre a Ray of Light di Ibrahim Nasrallah, possiamo trovare il poeta libanese Mohammed Ali Shams el-Din con The Bird Sleeps in the Green Trees (2012), il poeta iracheno Hashem Sahfiq con Embroidery with Cherries (2010), quello egiziano Farouk Shousha con Travelling to the Source of the River (2012), il tunisino Munsif al-Wahaby con Diwan al-Wahaiby (2010), e infine il poeta del Kwait Saadia Mufarreh, con How Lonely We Are, Suzan (2012).

La traduzione in inglese dell’opera di Sahfiq può essere trovata su Open Democracy, mentre quella di “Soon She Will Leave” di Saadia Mufarra è disponibile su Blackbird.

Auspicabilmente questo sarà un passo avanti per il premio SZBA. Lo scorso anno, dopo che furono selezionati i finalisti, il premio non fu assegnato. I giudici non fornirono spiegazioni circa il motivo, se non che nessuno dei libri soddisfaceva i loro requisiti.

Questa non è stata la prima volta in cui il premio SZBA è stato bloccato: già nel 2010 fu ritirato dopo alcune accuse di plagio.

Il premio consiste in una medaglia d’oro riportante il marchio SZBA, un certificato di merito, e 750.000 dirham. Il vincitore sarà annunciato il prossimo marzo.

*      *     *    *

Articolo tradotto dall’inglese da Diego Manzetti, in collaborazione con il blog Arabic Literature: originale disponibile al link http://arablit.wordpress.com/2013/01/22/finally-some-overlap-between-sheikh-zayed-and-arabic-booker-longlists-sort-of/

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Le abitudini della felicità

Colbert Brian

Domande e risposte con Emma Cleave: il PEN come sceglie i libri da supportare?

L'azione si svolge a Lisbona a metà del XX secolo, in un palazzo di un quartiere popolare non meglio identificato dove vivono sei famiglie. Su questa scena si animano personaggi minati da tristezza e rimpianto le cui esistenze paiono ravvivarsi solo per l'improvvisa eco di un concerto di musica classica trasmesso alla radio o per l'instancabile elaborazione delle strategie, fatte di piccole ipocrisie e compromessi, con cui si tenta di fugare la minaccia dell'indigenza o di realizzare le aspirazioni conformiste della piccola borghesia. Un universo di mantenute, mogli tradite e dolenti, uomini sconfitti dalla vita che hanno rinunciato al futuro a cui fanno da contrappunto gli inserti del diario di una giovane sognatrice, vittima di una vicenda dalla morbosità inaspettata, o ancora le pagine di grande letteratura disseminate in forma di citazioni, ma soprattutto, gli ideali del protagonista Abel, giovane intellettuale libertario, figura paradigmatica di un determinato universo politico, specie considerando il contesto in cui il romanzo fu scritto, ovvero il Portogallo salazarista, paese isolato, retrivo e misero dominato da una dittatura fascista. Palesemente debitore della tradizione del grande romanzo russo da un lato e della coeva generazione dei neorealisti portoghesi dall'altro, "Lucernario" mostra evidenti le qualità destinate a caratterizzare il corpus del Saramago più noto: profondo scavo psicologico dei personaggi, grande respiro narrativo, capacità di catturare l'attenzione del lettore.

Lucernario

Saramago José

Un romanzo basato su fatti e personaggi assolutamente veri che racconta in modo completo la storia della guerra sporca della dittatura argentina: la metodologia della "desaparicion", i campi di concentramento clandestini, i bambini trattati come bottino di guerra, la persecuzione degli ebrei argentini, un incubo nell'incubo, la verità sul ruolo della chiesa cattolica, le connessioni e le coperture internazionali. E racconta anche la battaglia delle nonne e delle madri di Plaza de Mayo: una storia al femminile, fatta di amore, dolore e coraggio.

Le irregolari

Carlotto Massimo