Letteratura araba

Finalmente qualcosa in comune tra lo Sheikh Zayed e l’Arabic Booker

Descrizione:

Categoria: Letteratura araba

Editore:

Collana:

Anno:

ISBN:

Trama

Le Vostre recensioni

szba1

Lo Sheikh Zayed Book Award (SZBA) e l’International Prize for Arabic Fiction (IPAF, conosciuto anche come “Arabic Booker”) hanno apparentemente sempre preso in considerazione libri simili di anno in anno, e tuttavia la loro selezione è stata sempre marcatamente diversa.



Questo in parte è dovuto al fatto che, negli anni scorsi, il premio letterario SZBA è stato sempre aperto alla letteratura di ogni genere e alla relativa critica. Il premio IPAF è invece stato aperto solo a romanzi pubblicati nell’anno precedente. I giudici del premio SZBA si sono quindi occupati allo stesso tempo di poesia, narrativa e critica letteraria.

Ora, al settimo anno del premio SZBA, lo stesso è stato limitato alle opere creative di letteratura, separando la poesia dalla prosa in due diverse categorie, ciascuna delle quali con sette titoli.

Così quest’anno si è alla fine trovato uno stesso nome nell’elenco dei finalisti di entrambi i premi, SZBA e IPAF: quello del poeta e romanziere Ibrahim Nasrallah, selezionato però per diversi libri, ed in particolare il romanzo Lanterns of the King of Galilee per l’IPAF, e la raccolta di poesie Ray of Light Between Two Nights per lo SZBA.

Ci sono molti nomi noti nella selezione di romanzi e racconti brevi del premio SZBA, incluso l’autore egiziano, ora scomparso,  Mohamed al-Bisatie con il suo romanzo And Their Bed is Green e il popolare romanziere algerino Ahlam Mosteghanemi con il suo romanzo del 2012, Black Suits You.

Tra i finalisti, sempre nella sezione romanzi e racconti brevi, anche l’autore degli emirati Ali Abu al-Reesh con il suo romanzo del 2010 Running from a Lion, l’autore iracheno-tedesco Burhan Shawi per il suo romanzo del 2012 Baghdad Morgue, e tre marocchini: Abdallah bin Arafa con il romanzo Ibn al-Khatib in Rawdat TahaZohra Ramij con il romanzo Azzuza, e Latifa Labsir con la raccolta di racconti brevi An Embrace.

Per la sezione poesia, sono stati nominati sette titoli. Oltre a Ray of Light di Ibrahim Nasrallah, possiamo trovare il poeta libanese Mohammed Ali Shams el-Din con The Bird Sleeps in the Green Trees (2012), il poeta iracheno Hashem Sahfiq con Embroidery with Cherries (2010), quello egiziano Farouk Shousha con Travelling to the Source of the River (2012), il tunisino Munsif al-Wahaby con Diwan al-Wahaiby (2010), e infine il poeta del Kwait Saadia Mufarreh, con How Lonely We Are, Suzan (2012).

La traduzione in inglese dell’opera di Sahfiq può essere trovata su Open Democracy, mentre quella di “Soon She Will Leave” di Saadia Mufarra è disponibile su Blackbird.

Auspicabilmente questo sarà un passo avanti per il premio SZBA. Lo scorso anno, dopo che furono selezionati i finalisti, il premio non fu assegnato. I giudici non fornirono spiegazioni circa il motivo, se non che nessuno dei libri soddisfaceva i loro requisiti.

Questa non è stata la prima volta in cui il premio SZBA è stato bloccato: già nel 2010 fu ritirato dopo alcune accuse di plagio.

Il premio consiste in una medaglia d’oro riportante il marchio SZBA, un certificato di merito, e 750.000 dirham. Il vincitore sarà annunciato il prossimo marzo.

*      *     *    *

Articolo tradotto dall’inglese da Diego Manzetti, in collaborazione con il blog Arabic Literature: originale disponibile al link http://arablit.wordpress.com/2013/01/22/finally-some-overlap-between-sheikh-zayed-and-arabic-booker-longlists-sort-of/

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Nella vivace Istanbul, la vita della libraia turco-tedesca Kati Hirschel scorre fin troppo tranquilla. Il nuovo appartamento che condivide con lo spagnolo Fofo è ormai sistemato, tutti i debiti sono stati pagati e la libreria di cui va tanto fiera - l’unica in tutta la città specializzata in libri gialli - è ben frequentata da locali e turisti. Forse per noia, o per la mancanza di un fidanzato che la tenga occupata, Kati si lascia trascinare da una chiaroveggente che dovrebbe aiutare Fofo a risolvere i suoi problemi di cuore. Le cose prendono una piega inaspettata quando la lettrice di fondi di caffè «vede» la morte di una giovane donna. Temendo che possa trattarsi della fidata collaboratrice Pelin, la libraia corre in ospedale e scopre che la vita in pericolo è un’altra: quella di Nil, ricoverata in terapia intensiva dopo un misterioso malore. Com’è possibile che una donna di neanche trent’anni, in perfetta salute, sia improvvisamente colpita da un attacco cardiaco? E perché aveva la schiuma alla bocca? Il caso è decisamente sospetto e risveglia subito la proverbiale curiosità di Kati, che insieme a Hakan, fratello della «vittima», comincia a scavare nella vita di Nil e a notare altre stranezze. Ad esempio che la giovane, pur essendo disoccupata da sei mesi, poteva permettersi oggetti costosi e una lussuosa abitazione in uno dei quartieri più eleganti di Istanbul. Ce n’è abbastanza per ipotizzare un coinvolgimento in affari loschi. O la presenza di un ricco amante, magari sposato e interessato a sbarazzarsi di lei. Ancora più singolare risulta però la passione di Nil per il tango, legata probabilmente alla decisione di scrivere un romanzo ambientato tra Turchia e Argentina, due paesi accomunati da anni di dittatura militare, da violenze e ingiustizie nei confronti di oppositori e minoranze. E così, grazie al solito mix di intuito, faccia tosta e conoscenza della società turca, Kati porterà avanti anche quest’indagine a modo suo, tra chiacchiere e bicchieri di tè.

Tango a Istanbul

Aykol Esmahan

Alcune storie per bambini, tra cui ve ne sono anche di inedite, di Elsa Morante raccolte da Giuseppe Pontremoli e illustrate dalla stessa autrice.

Le bellissime avventure di Caterí dalla trecciolina e altre storie

Morante Elsa

Una grande storia sulla possibilità di cambiare il proprio destino. Ma soprattutto una favola, una delle più commoventi che siano mai state scritte. Protagonista è il vecchio e tirchio finanziere Ebenezer Scrooge - personaggio che servirà da modello per il Paperon de' Paperoni disneyano - che nella notte di Natale viene visitato da tre spettri. Lo indurranno a un cambiamento radicale, a una conversione che ne farà uno dei più grandi personaggi letterari di tutti i tempi. Ma forse parte del segreto, della magia ineludibile di questo romanzo è nella ricomposizione dei ricordi, nella restituzione di senso alla storia, nella ridefinizione del posto dell'uomo nel tempo.

Un canto di Natale – A Christmas Carol

Dickens Charles

Henry Chinasky, abituale alter ego di Bukowsky e protagonista in prima persona di questo romanzo, ha deciso di lavorare come postino. Superati non senza affanno i test d'ammissione, si ritrova con la borsa di cuoio sulle spalle a girare in lungo e in largo per la periferia di Los Angeles. Perennemente in ritardo, vessato dal capufficio e insofferente ai regolamenti, si scontra ben presto con la rigida e burocratica macchina organizzativa. Tra sbronze e scommese all'ippodromo, Chinasky trova il tempo per vivere una degradante storia d'amore con Betty, per sposare una texana ricca e ninfomane da cui verrà abbandonato e infine per licenziarsi.

Post office

Bukowski Charles