Classici

Finzioni

Borges Jorge Luis

Descrizione: Una serie di racconti brevi dove si ritrovano gli elementi che compongono l'archetipo Borges: gli specchi, i labirinti, le tigri, il Don Chisciotte riscritto ma identico di Pierre Menard, la memoria inarrestabile e tormentosa di Funes.

Categoria: Classici

Editore: Adelphi

Collana: Piccola Biblioteca

Anno: 2003

ISBN: 9788845914270

Recensito da Valeria Martino

Le Vostre recensioni

< Finzioni > di Jorge Luis Borges, scrittore argentino (1899-1986)  è una raccolta di racconti in due parti, < Il giardino dei sentieri che si biforcano >, di cui fanno parte otto racconti e < Artifici > di cui ne fanno parte sei.  La prima edizione è del 1944, ma giunge in Italia nel 1955 ,tradotto da Franco Lucentini, non senza rompere l’idea tradizionale di letteratura e racconto.

Borges spazia tra generi diversi, tempi e luoghi: i racconti sono fantastici, simbolistici, polizieschi, esoterici, tutti volti a creare una sorta di «enciclopedia illusoria» di cui l’autore stesso è il magistrale compilatore.

C’è di tutto nei racconti di Borges: un falso paese scoperto in «un’enciclopedia pirata», Uqbar, e un pianeta immaginario, Tlön, «labirinto ordito da uomini» ma capace di cambiare la faccia del mondo; il mago che plasma un figlio nella materia dei sogni e scopre di essere a sua volta solo un sogno ne < Le rovine circolari >; l’infinita Biblioteca di Babele, i cui scaffali «registrano tutte le combinazioni possibili della ventina di simboli ortografici … cioè tutto ciò che è dato di esprimere: in tutte le lingue» e che sopravviverà all’estinzione della specie umana; il giardino dai sentieri che si biforcano; l’insonne Funes, che ha più ricordi di quanti ne avranno mai tutti gli uomini insieme; il perspicace detective Lönnrot, che risolve una serie di delitti grazie a un triangolo equilatero e a una parola greca, Tetragrammaton, e si condanna a morte; lo scrittore ebreo Jaromir Hladìk, cui Dio concede di portare a termine una tragedia in versi davanti al plotone di esecuzione tedesco, in un immoto istante che dura un anno.

I racconti sfuggono al comune senso della narrazione, sono come scatole cinesi che racchiudono personaggi privi di note biografiche, progetti magici, paesaggi indefiniti, frutto di una fantasia e di un’immaginazione che raggiungono livelli altissimi. 

La scrittura diventa così poesia allo stato puro, capace di evocare stupore e di trasportare la mente in meandri labirintici in cui talvolta ci si perde e la narrazione diviene quasi un gioco.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Luis

Jorge

Borges

Libri dallo stesso autore

Intervista a Borges Jorge Luis

"Quando muore qualcuno le sue cose sono sempre lì. Aspettano solo di essere usate da un altro. Non gli importa, basta che un altro le usi. Quando morì mia madre, la sua poltrona rimase immobile in salotto. Io penso che sia meglio voler bene alle persone" "A quali persone?" "A tutte quelle che è il caso"."Mica facile".

APOCALISSE IN PANTOFOLE

Franceschini Francesco

L’ALBERO DELLA MISERIA – di Taha Hussein

Un DJ di radio Monte Carlo riceve, durante la sua trasmissione notturna, una telefonata delirante. Uno sconosciuto rivela di essere un assassino. Il caso viene archiviato come uno scherzo di pessimo gusto. Il giorno dopo un pilota di Formula Uno e la sua compagna vengono trovati orrendamente mutilati. Da questo momento ha inizio una serie di delitti, preceduti ogni volta da una telefonata con un indizio sulla prossima vittima e sottolineati da una scritta tracciata con il sangue: «io uccido». Non c'è mai stato un serial killer nel Principato di Monaco. Adesso c'è. Il romanzo d'esordio nel thriller del comico italiano.

IO UCCIDO

Faletti Giorgio

In quasi tutto il mondo la disuguaglianza sta aumentando, e ciò significa che i ricchi, e soprattutto i molto ricchi, diventano più ricchi, mentre i poveri, e soprattutto i molto poveri, diventano più poveri. Questa è la conseguenza ultima dell’aver sostituito la competizione e la rivalità alla cooperazione amichevole, alla condivisione, alla fiducia, al rispetto. Ma non c’è vantaggio nell’avidità. Nessun vantaggio per nessuno. Eppure abbiamo creduto che l’arricchimento di pochi fosse la via maestra per il benessere di tutti.

“LA RICCHEZZA DI POCHI AVVANTAGGIA TUTTI” FALSO!

Bauman Zygmunt