Poesia

Fiori estinti

Tarantino Mattia

Descrizione: L’opera seconda di Mattia Tarantino, Fiori estinti, ed. Terra d’Ulivi 2019, seguita a Tra l’angelo e la sillaba.

Categoria: Poesia

Editore: Terra d'Ulivi

Collana: Parole di cristallo

Anno: 2019

ISBN: 9788832006186

Recensito da Elpis Bruno

Le Vostre recensioni

I Fiori estinti di Mattia Tarantino evocano – sin dal titolo –  un simbolismo di nuova generazione (Fiorire – “Dolore di fiorire questo cardo/che collassa nella luce) nel quale trapassano la fatica del vivere (Il fiore stremato – “è primavera se dal sangue/spunta un fiore stremato”), il potere demiurgico della poesia (Il bambino – “Ho pronunciato la parola che fonda/i fiori, ho convertito/gli uccelli che annunciano l’inverno”) e i pericoli (Certi fiori – “Certi fiori sorgono a strapiombo”) di un’età contemporanea complicata e composita (Fiori estinti. Elegia all’Europa – certi versi sgozzano/le aquile, altri/marciscono i vessilli dell’Impero… Da lontano una Medea/araba conduce la sardana”).

Quelli estinti, o in via di estinzione, sono fiori allegorici che suggono essenza materialistica dalla decomposizione (L’orina del sorcio – “e tutto, in una luce infernale,/mi accolse alla vita e al dolore”) nella proiezione di altre immagini mitologiche e religiose (La terra del verme – “Allora donatemi/il cerchio e la croce”).

In tale fantasmatica cornice floreale, la poetica diventa autentica ricerca sperimentale: di segni (Epifania – “è il comando antico del grafema”), di costruzioni sintattiche (Pane, fuoco e profezia – “Ho memoria della sillaba mai/sigillata nel mio verso…. Risorgo da un gerundio predicato/come tempo primigenio, non conosco/che pane, fuoco e profezia”), di elementi costitutivi (In queste sillabe – “Tutto è strazio in queste sillabe/già morte, e tutto/affido alla distanza”), di significati criptati (La sillaba segreta – “Ho riposto altrove la sillaba/segreta dell’amore, e mai/che ne ricordi il grafema.//Donatemi la vostra voce,/poeti che ignoro! Donatemi/solamente una canto nuovissimo”), di ritmo infuocato (Nulla brucia – “infuriano le sillabe, si piegano/gli accenti, eppure/nulla brucia, nulla ustiona”) che si incanala in versi quasi liberi dalla metrica e che s’impenna nell’epilogo della silloge:

Distico

Cerco un distico che chiuda
I miei versi e li sbaragli.

La corrente sotterranea è quella del dolore: cosmico (Vorrei guardare il cielo – “Vorrei guardare il cielo, ma le stelle/le ho tra i denti e fanno male”), nominale (La violenza del verbo – “È il bosco che compone/nel mio dolore antico/e inviolabile la grazia… Invece indago la violenza/del verbo, il dolore/delle sillabe compiute”), perfin tradizionale in controluce al nihil sub sole novi (La legge del mondo – “ogni giorno il sole è nuovo e noi soffriamo”).

I topoi della poesia di Mattia Tarantino sono quelli classici: il bosco (Da un cielo ostinato – “vivremo nel bosco segreto/dove accade ogni cosa”), la luna (Nulla brucia – “vieni a offrirmi questa luna che rovina/e fa che con la bocca la circondi”), il firmamento. Classici sì rispetto alla tematica, ma spogliati dalla retorica della lirica e demistificati da intenti moralistici o catartici. Così la luna è in eclissi, il firmamento si tinge di tonalità cruente.

Eclissi

Quant’è breve il sangue della luna,
quest’ustione che ci chiama
all’ultima adunanza:

mi scoppiano le vene e sto cantando.

Il sangue e il firmamento

Domani gli angeli avranno
la bocca inchiodata tra il fallo
e la croce: un suono
osceno muterà la preghiera
in goduria e bestemmia.

Domani vedrò il vino colare
dalla prima vena all’ultima
e sempre più nera, spezzando
il sangue e il firmamento.

Tra i protagonisti, gli angeli hanno un profilo fanciullesco e dissacrato (Nell’età della pietra di mezzo – “Nell’età della pietra di mezzo/tenni stretto il prepuzio malato/dell’angelo… Tracciando il cerchio, la misura/di mia madre mancò l’altro/seme in cui v’è l’Idem… fui/orfano dell’altro, tanto/da recidere l’ultimo avverbio”).

La figura materna (Ho attraversato le tue vene – “per saltare/al di là delle vocali, dove il grido/fu patibolo alla madre”) – senza voler imboccare un’interpretazione psicanalitica sin troppo lineare rispetto alle asperità ermetiche e alle convessità concettuali della poesia di Mattia Tarantino – è ricorrente soprattutto nel lutto per l’estinzione del rapporto (Ora sommergi – “ricorda alla madre/quel canto lontano, perché/il fanciullo è orfanello, e mai/che abbia una voce”), nel rimpianto (Ancora mia madre – “quanto male può fare/una ninna nanna di troppo?”), nella memoria (Ancora l’autunno – “Mia madre/non ricorda i nomi dei fiori”) e nella genealogia (Mio nonno – “c’è qualcosa di sepolto/tra mio nonno e il mio cognome”). Nella figura materna si perfeziona la circolarità drammatica del simbolo floreale:

Mia madre

Legge di Ponente la discordia
verticale che fu taglio:

mia madre inghiotte cento fiori,
poi rimette dalle vene.

I Fiori estinti di Mattia Tarantino – come abbiamo cercato di rappresentare in questa sintesi che è soltanto una punta affiorante dal mare della poesia di una voce giovane, tonica ed efficace – sono dunque da cogliere tra ossessioni di grande attualità e nell’interpretazione di una mitologia personale e biblica che inquieta, turba e attrae in modo misterioso.

Bruno Elpis

_______________________________________

Leggi il commento di Mattia Tarantino a Cattivo sangue di Arthur Rimbaud cliccando su questo link

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Mattia

Tarantino

Libri dallo stesso autore

Intervista a Tarantino Mattia

Venezia 1894. Un incontro fortuito. 36 anni lei, 31 lui. Duse e d’Annunzio attraverseranno insieme 10 burrascosi anni. Un breve tratto, ma per entrambi capitale: sia perché, col tempo, il Vate si sarebbe ravveduto, rimpiangendola; sia perché quella con d’Annunzio è la sola convivenza della Diva che, sul viale del tramonto, parrà prediligere la compagnia di giovani donne. Questo narra la vulgata confermata da oltre un secolo. Se corrispondono al vero passione, tradimenti e umiliazioni, sono da ribaltare i ruoli: fu lui la vittima e lei il carnefice. È quanto emerge dai numerosi documenti, sottoposti a nuovo esame con un’avvertenza: a varare la favola dei divi amanti fu Gabriele per suo tornaconto.

Più che l’amore

Andreoli Annamaria

Una scelta può cambiare il destino di una persona... o distruggerlo. Ma qualsiasi sia la scelta, le conseguenze vanno affrontate. Mentre il mondo attorno a lei sta crollando, Tris cerca disperatamente di salvare le persone che ama e se stessa. La sua iniziazione avrebbe dovuto concludersi con una cerimonia per celebrare il suo ingresso nella fazione degli Intrepidi, ma invece di festeggiare la ragazza si è ritrovata coinvolta in un conflitto più grande di lei... Ora che la guerra tra le fazioni incombe, Tris deve decidere da che parte stare e abbracciare completamente il suo lato divergente, che si fa ogni giorno sempre più potente. Età di lettura: da 12 anni.

Insurgent

Roth Veronica

Allan Karlsson compie cento anni e per l'occasione la casa di riposo dove vive intende festeggiare l'evento: Allan, però, è di un'altra idea e decide di punto in bianco di scappare. Con le pantofole ai piedi scavalca la finestra e si dirige alla stazione degli autobus. Lì ruba la valigia a un giovane biondo dall'aria feroce, sale sul primo autobus che gli capita e inizia così, sbarcando in uno sperduto villaggio svedese sconosciuto, una serie esilarante di equivoci e di incontri, anzitutto con Julius Jonsson - un settantenne ladro e truffatore. I due dovranno sfuggire al biondo che li insegue, e finiranno col farlo fuori dandogli una botta in testa con un asse. Poi, aprendo la valigia rubata, scopriranno che è piena di 52 milioni di corone svedesi, e inizieranno quindi la loro fuga dalla polizia e da una gang criminale che vuole recuperare il denaro, in un viaggio rocambolesco tra Mercedes, camion e donne fatali. Finiranno nell'esotica Bali, dove Allan troverà l'amore: l'ottantenne Amanda.

Il centenario che saltò dalla finistra e scomparve

Jonasson Jonas

Pubblicato postumo dopo il precoce suicidio del suo autore e tradotto ora per la prima volta in Italia, “Lezioni di striptease” conferma il talento brillante e misconosciuto di John O'Brien, che con “Via da Las Vegas” aveva già creato uno dei romanzi di culto degli anni Novanta, portato al successo dal fortunato adattamento cinematografico con cui Nicolas Cage si aggiudicò un premio Oscar. In queste pagine O'Brien torna a indagare le esistenze di silenziosa disperazione che si annidano ai margini del sogno americano, regalandoci una storia d'amore e di solitudine che non è solo il ritratto toccante di un personaggio, ma anche un atto di accusa contro la società del benessere, del profitto, della performance. Il protagonista è Carroll, un uomo timido di mezza età, archivista in un ufficio legale dove accumula solo umiliazioni e nevrosi. Carroll è privo di fascino e di amici: a rischiarare il grigiore della sua esistenza ci sono solo gli scintillii di paillettes dello strip-club di second'ordine dove passa sempre più spesso le sue serate, in cerca non tanto di eccitazione sessuale, quanto - per improbabile che sia - di un contatto umano con le ragazze che ai suoi occhi rappresentano solo calore e bellezza. Quando nel locale arriva una nuova spogliarellista, Stevie, che per la prima volta sembra concedergli un briciolo di confidenza, la sua vita abituale comincia a sussultare e sgretolarsi: sarà un nuovo inizio, o solo l'inizio della fine?

LEZIONI DI STRIP-TEASE

O'Brien John