Poesia

Fiori estinti

Tarantino Mattia

Descrizione: L’opera seconda di Mattia Tarantino, Fiori estinti, ed. Terra d’Ulivi 2019, seguita a Tra l’angelo e la sillaba.

Categoria: Poesia

Editore: Terra d'Ulivi

Collana: Parole di cristallo

Anno: 2019

ISBN: 9788832006186

Recensito da Elpis Bruno

Le Vostre recensioni

I Fiori estinti di Mattia Tarantino evocano – sin dal titolo –  un simbolismo di nuova generazione (Fiorire – “Dolore di fiorire questo cardo/che collassa nella luce) nel quale trapassano la fatica del vivere (Il fiore stremato – “è primavera se dal sangue/spunta un fiore stremato”), il potere demiurgico della poesia (Il bambino – “Ho pronunciato la parola che fonda/i fiori, ho convertito/gli uccelli che annunciano l’inverno”) e i pericoli (Certi fiori – “Certi fiori sorgono a strapiombo”) di un’età contemporanea complicata e composita (Fiori estinti. Elegia all’Europa – certi versi sgozzano/le aquile, altri/marciscono i vessilli dell’Impero… Da lontano una Medea/araba conduce la sardana”).

Quelli estinti, o in via di estinzione, sono fiori allegorici che suggono essenza materialistica dalla decomposizione (L’orina del sorcio – “e tutto, in una luce infernale,/mi accolse alla vita e al dolore”) nella proiezione di altre immagini mitologiche e religiose (La terra del verme – “Allora donatemi/il cerchio e la croce”).

In tale fantasmatica cornice floreale, la poetica diventa autentica ricerca sperimentale: di segni (Epifania – “è il comando antico del grafema”), di costruzioni sintattiche (Pane, fuoco e profezia – “Ho memoria della sillaba mai/sigillata nel mio verso…. Risorgo da un gerundio predicato/come tempo primigenio, non conosco/che pane, fuoco e profezia”), di elementi costitutivi (In queste sillabe – “Tutto è strazio in queste sillabe/già morte, e tutto/affido alla distanza”), di significati criptati (La sillaba segreta – “Ho riposto altrove la sillaba/segreta dell’amore, e mai/che ne ricordi il grafema.//Donatemi la vostra voce,/poeti che ignoro! Donatemi/solamente una canto nuovissimo”), di ritmo infuocato (Nulla brucia – “infuriano le sillabe, si piegano/gli accenti, eppure/nulla brucia, nulla ustiona”) che si incanala in versi quasi liberi dalla metrica e che s’impenna nell’epilogo della silloge:

Distico

Cerco un distico che chiuda
I miei versi e li sbaragli.

La corrente sotterranea è quella del dolore: cosmico (Vorrei guardare il cielo – “Vorrei guardare il cielo, ma le stelle/le ho tra i denti e fanno male”), nominale (La violenza del verbo – “È il bosco che compone/nel mio dolore antico/e inviolabile la grazia… Invece indago la violenza/del verbo, il dolore/delle sillabe compiute”), perfin tradizionale in controluce al nihil sub sole novi (La legge del mondo – “ogni giorno il sole è nuovo e noi soffriamo”).

I topoi della poesia di Mattia Tarantino sono quelli classici: il bosco (Da un cielo ostinato – “vivremo nel bosco segreto/dove accade ogni cosa”), la luna (Nulla brucia – “vieni a offrirmi questa luna che rovina/e fa che con la bocca la circondi”), il firmamento. Classici sì rispetto alla tematica, ma spogliati dalla retorica della lirica e demistificati da intenti moralistici o catartici. Così la luna è in eclissi, il firmamento si tinge di tonalità cruente.

Eclissi

Quant’è breve il sangue della luna,
quest’ustione che ci chiama
all’ultima adunanza:

mi scoppiano le vene e sto cantando.

Il sangue e il firmamento

Domani gli angeli avranno
la bocca inchiodata tra il fallo
e la croce: un suono
osceno muterà la preghiera
in goduria e bestemmia.

Domani vedrò il vino colare
dalla prima vena all’ultima
e sempre più nera, spezzando
il sangue e il firmamento.

Tra i protagonisti, gli angeli hanno un profilo fanciullesco e dissacrato (Nell’età della pietra di mezzo – “Nell’età della pietra di mezzo/tenni stretto il prepuzio malato/dell’angelo… Tracciando il cerchio, la misura/di mia madre mancò l’altro/seme in cui v’è l’Idem… fui/orfano dell’altro, tanto/da recidere l’ultimo avverbio”).

La figura materna (Ho attraversato le tue vene – “per saltare/al di là delle vocali, dove il grido/fu patibolo alla madre”) – senza voler imboccare un’interpretazione psicanalitica sin troppo lineare rispetto alle asperità ermetiche e alle convessità concettuali della poesia di Mattia Tarantino – è ricorrente soprattutto nel lutto per l’estinzione del rapporto (Ora sommergi – “ricorda alla madre/quel canto lontano, perché/il fanciullo è orfanello, e mai/che abbia una voce”), nel rimpianto (Ancora mia madre – “quanto male può fare/una ninna nanna di troppo?”), nella memoria (Ancora l’autunno – “Mia madre/non ricorda i nomi dei fiori”) e nella genealogia (Mio nonno – “c’è qualcosa di sepolto/tra mio nonno e il mio cognome”). Nella figura materna si perfeziona la circolarità drammatica del simbolo floreale:

Mia madre

Legge di Ponente la discordia
verticale che fu taglio:

mia madre inghiotte cento fiori,
poi rimette dalle vene.

I Fiori estinti di Mattia Tarantino – come abbiamo cercato di rappresentare in questa sintesi che è soltanto una punta affiorante dal mare della poesia di una voce giovane, tonica ed efficace – sono dunque da cogliere tra ossessioni di grande attualità e nell’interpretazione di una mitologia personale e biblica che inquieta, turba e attrae in modo misterioso.

Bruno Elpis

_______________________________________

Leggi il commento di Mattia Tarantino a Cattivo sangue di Arthur Rimbaud cliccando su questo link

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Mattia

Tarantino

Libri dallo stesso autore

Intervista a Tarantino Mattia

Evie sogna una vita normale, ma quando a sedici anni si ha il dono di vedere i mostri e si è un'agente del Centro Internazionale del Contenimento del Paranormale anche la ricerca della normalità può essere un'avventura. Se poi ci si mette una sirena come amica del cuore, una fata dei boschi maschio come ex e una cotta per un aitante mutaforma, la missione diventa quasi impossibile... Ma fra mille avventure e qualche momento di romanticismo, dopo aver sconfitto un'oscura profezia delle fate, aver salvato il mondo del paranormale e aver fatto i conti con la sua vera identità, Evie, accoccolata sotto una coperta con Preston, il suo mutaforma, sentirà le loro anime fondersi e l'amore trionferà su tutto, nel mondo normale, e anche in quello un po' più strano. Ironico e dissacrante, ''Paranormalmente'' è un romanzo pieno di azione e di fantasmagorici colpi di scena. Una lettura divertente e originale che sfata i miti fantasy più in voga ridicolizzando i vampiri e ingentilendo i lupi mannari. Titolo originale: ''Paranormalcy'' (2010).

PARANORMALMENTE

White Kiersten

In Confini di Pelle, attraverso otto storie, ci conduce in una estraniante realtà quotidiana, dove appare evidente come l'umanità abbia perso totalmente la sua unità di specie. Sono famiglie in fuga dalla guerra, folli in conflitto con meschine personalità latenti, mariti con segreti, ragazzi in lotta con i loro coetanei e donne che hanno riposto la propria fiducia in uomini sbagliati. Sono terribilmente umani i personaggi, fatti persone nell'accezione etimologica del termine, ovvero maschere, che escono dall'immaginazione di Valtieri, pur nulla conservando di immaginario.

Confini di pelle

Valtieri Maurizio

Immaginiamo di prendere alcune storie di santi che sono patrimonio, conscio e inconscio, della nostra cultura anche iconografica e spostarle ai giorni nostri; di prelevare in qualche modo alcune figure dalla Bibbia e dalle grandi raccolte agiografiche della tradizione tardoantica e medievale e trasferirle più o meno verso la fine del secolo scorso. Così Giona, Giuditta, Paolo il Semplice, i monaci del deserto, sant'Ambrogio, ma anche Maria, Zaccaria, Elisabetta e san Francesco diventano personaggi contemporanei. Dodici racconti lunghi e altri brevi fanno diventare santi e beati gente di paese, uomini e donne vissuti nella valle del Po non si sa se per davvero o per finta. Qualcuno possiede un sistema infallibile per separare il vero dal falso? Se quei martiri, beati, santi che si sono fatti amputare, martirizzare, che hanno scelto l'ascesi e la follia, facessero le stesse cose oggi, cosa penseremmo di loro? Ci verrebbe da sorridere e, quindi, ci farebbero pensare. Sono storie che mescolano stati d'animo e generi, proprio come avviene negli antichi testi: la commedia, la tragedia, l'orrore, il misticismo, il riso, l'assurdo e tutto ciò che ci "ha reso come siamo, cioè esseri umani che stanno sulla terra col passo degli insetti, solo con le zampe più lunghe.

Santi numi

Marini Jacopo

“Non so niente di mio fratello morto, se non che gli ho voluto bene. Sento moltissimo la sua mancanza, e tuttavia non so chi ho perso. Ho perso il piacere della sua compagnia, la gratuità del suo affetto, la serenità dei suoi giudizi, la complicità del suo senso dell’umorismo, ho perso la quiete. Ho perso quel po’ di tenerezza che c’era ancora al mondo. Ma chi ho perso?” Daniel Pennac sorprende ancora una volta il lettore con un oggetto letterario estremamente originale e toccante che intreccia il celebre racconto di Melville, Bartleby lo scrivano, alle vicende di vita del fratello Bernard. Poco tempo dopo la morte del fratello Bernard, Daniel Pennac allestisce una lettura scenica di un celebre racconto di Melville, Bartleby lo scrivano. Per il personaggio di Bartleby, lui e Bernard avevano la medesima predilezione. Alternando qui gli estratti del suo adattamento tea­trale di Bartleby e gli aneddoti su Bernard, ricordi affettuosi, divertenti o spietati, battute piene di humour e di lucidità, Daniel Pennac tratteggia il ricordo del fratello scomparso, vero e proprio complice, insostituibile compagno di vita. E al contempo mette in luce una singolare affinità tra i due personaggi. Come Bartleby, Bernard era sempre più incline a ritrarsi deliberatamente dalla vita sociale, a un rifiuto categorico di aggravare l’entropia. A questa testimonianza di affetto fraterno, Pennac affianca riflessioni appassionate sul teatro, la recitazione e le maschere sociali. Il tutto costituisce un singolare libro d’amo­re, insieme profondo, lucido e toccante.

Mio fratello

Pennac Daniel