Narrativa

FLORENCE

Becco Monica

Descrizione: “Le Chat curieux” è una rinomata pasticceria nel centro di Montpellier gestita da Juliette e dalla figlia, Florence. La loro vita è scandita dalle visite dei clienti affezionati come Monsieur Girard, che tutti i giorni fa colazione lì da vent’anni, Claire, compagna di giochi dai tempi dell’infanzia, e Madame Marie, la proprietaria della pensione dove si è sistemato Alain, giovane architetto parigino che ha abbandonato lavoro, famiglia, amici per girare il mondo. E poi c’è Didier, scapestrato senza futuro e senza affetti, sempre in bilico tra l’onestà e i piccoli reati, che abita le pagine di un romanzo di cui Florance è l’autrice.

Categoria: Narrativa

Editore: Karta Edizioni

Collana: Kaleidoscopio

Anno: 2013

ISBN: 9788897543367

Trama

Le Vostre recensioni

La pasticceria Le Chat Curieux, tra le cui mura Florence è cresciuta, è il luogo che fa da sfondo, presenza silenziosa ma significativa, alle vicende del romanzo. Florence lavora lì con sua madre, Juliette, che lo rilevò a condizione che tutto rimanesse immutato, come da disposizioni del precedente proprietario. E immutabile sembra anche il mondo delle due donne, fatto di visitatori occasionali e clienti fedeli, in una Montpellier sospesa nel tempo.

Unica forma di evasione è per Florence la scrittura: tra le pagine di un quaderno prende forma la storia di Didier, giovane scapestrato, quasi un alter ego liberatorio attraverso il quale trovare appagamento a un bisogno d’amore e di avventura cui Florence non consente di fare ingresso nella monotonia ordinata dei suoi giorni. 

L’incontro con Alain, architetto sognatore in viaggio alla scoperta di se stesso, turba quest’ordine e finisce col modificare, oltre al destino di Florence, anche quello del suo romanzo, il quale diventa una trama parallela, misteriosamente capace di influenzare la realtà.

Le Chat Curieux è un luogo pulito e curato e lo è anche lo stile del romanzo, seppure spesso ridondante. Le descrizioni ricercate di ambienti, oggetti e cibi creano una scenografia ben delineata in cui collocare personaggi la cui tridimensionalità risulta tuttavia un po’ penalizzata da interazioni e dialoghi non del tutto convincenti. Nel complesso una storia d’amore dalla trama solida e capace di regalare un colpo di scena.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Monica

Becco

Libri dallo stesso autore

Intervista a Becco Monica


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Un titolo enigmatico che ha il sapore di un'amara liberazione, o magari forse di una resa. Michele è una produttrice cinematografica di successo con un figlio, un matrimonio fallito alle spalle, una madre tutta rifatta e un padre che marcisce in galera. Una sera viene violentata da uno sconosciuto in passamontagna mentre rientra a casa e inizia così la sua lenta e inesorabile discesa agli inferi. Uno straordinario ritratto di donna, un romanzo politicamente scorretto, il racconto di una società che non merita salvezza.

Oh…

Djian Philippe

La giovane insegnante precaria, Silvia Martini, è al suo primo incarico annuale nella Scuola "Edmondo De Amicis", collocata in un quartiere periferico e multietnico della città di Torino. Si ritrova ad insegnare in una quarta primaria, una classe difficile da gestire che affronterà con i consigli dell'amica Mirella Sciascia, insegnante alle soglie della pensione. Molteplici saranno le vicissitudini che gli alunni della classe (tra cui la disadattata Pamela, il bullo Alessandro, la viziata Nicoletta e i tanti alunni stranieri), ma a volte anche i colleghi, le faranno vivere, fino al concretizzarsi di un drammatico incidente. Evento che la colpirà profondamente nell'animo, inducendola a sentirsi indirettamente responsabile e a riconsiderare il proprio operato, raccogliendo del materiale, sull'anno scolastico trascorso, in un dossier che poi porgerà al Procuratore (e quindi al lettore) che si occupa del caso, sia per fornire un aiuto alle indagini, ma soprattutto per vedere assolta la propria coscienza.

NON C’E’ CUORE

Caprio Franco

Questa è la storia di Samuel Ben Nissim Abul Farag, di Guglielmo Raimondo Moncada, di Flavio Mitridate. Non si tratta di tre persone ma di un solo individuo. Caltabellotta, provincia di Agrigento, 1465. Samuel Ben Nissim appartiene alla comunità ebraica, ha quindici anni, la rotella di panno cucita sulla camicia a marcare la differenza con i cristiani. È svelto e colto, conosce già varie lingue. Il padre Rabbi Nissim nutre grandi ambizioni per quel figlio che istruisce anche nella qabbalaq. Ma il destino decide diversamente, le circostanze costringono il ragazzo a trovare rifugio in un convento di frati. Così la giovane promessa diventa un ebreo convertito, disprezzato dalla comunità giudaica, maledetto dalla sua famiglia, Samuel si chiude fra le mura del convento, vuol sbiadire nella memoria dei suoi. Addottrinato nella fede cattolica, al momento della conversione prende il nome di colui che lo tiene a battesimo, il conte Guglielmo Raimondo Moncada, poi si stabilisce a Roma, diventa prete e grande è la sua fama di predicatore. Giunge all'apice della sua carriera ecclesiastica nel 1481 quando il venerdì santo recita davanti al papa Sisto IV il sermone sulla Passione. Poi però succede qualcosa: "caduto in grave errore", questo solo dicono i documenti, perde lo stato ecclesiastico e scompare. Lo ritroviamo dopo qualche tempo con il nome di Flavio Mitridate, il re del Ponto era famoso per la conoscenza delle lingue oltre che per la resistenza al veleno...

Inseguendo un’ombra

Camilleri Andrea

Moravia, Omero, Joyce e Dante