Narrativa

FLORENCE

Becco Monica

Descrizione: “Le Chat curieux” è una rinomata pasticceria nel centro di Montpellier gestita da Juliette e dalla figlia, Florence. La loro vita è scandita dalle visite dei clienti affezionati come Monsieur Girard, che tutti i giorni fa colazione lì da vent’anni, Claire, compagna di giochi dai tempi dell’infanzia, e Madame Marie, la proprietaria della pensione dove si è sistemato Alain, giovane architetto parigino che ha abbandonato lavoro, famiglia, amici per girare il mondo. E poi c’è Didier, scapestrato senza futuro e senza affetti, sempre in bilico tra l’onestà e i piccoli reati, che abita le pagine di un romanzo di cui Florance è l’autrice.

Categoria: Narrativa

Editore: Karta Edizioni

Collana: Kaleidoscopio

Anno: 2013

ISBN: 9788897543367

Trama

Le Vostre recensioni

La pasticceria Le Chat Curieux, tra le cui mura Florence è cresciuta, è il luogo che fa da sfondo, presenza silenziosa ma significativa, alle vicende del romanzo. Florence lavora lì con sua madre, Juliette, che lo rilevò a condizione che tutto rimanesse immutato, come da disposizioni del precedente proprietario. E immutabile sembra anche il mondo delle due donne, fatto di visitatori occasionali e clienti fedeli, in una Montpellier sospesa nel tempo.

Unica forma di evasione è per Florence la scrittura: tra le pagine di un quaderno prende forma la storia di Didier, giovane scapestrato, quasi un alter ego liberatorio attraverso il quale trovare appagamento a un bisogno d’amore e di avventura cui Florence non consente di fare ingresso nella monotonia ordinata dei suoi giorni. 

L’incontro con Alain, architetto sognatore in viaggio alla scoperta di se stesso, turba quest’ordine e finisce col modificare, oltre al destino di Florence, anche quello del suo romanzo, il quale diventa una trama parallela, misteriosamente capace di influenzare la realtà.

Le Chat Curieux è un luogo pulito e curato e lo è anche lo stile del romanzo, seppure spesso ridondante. Le descrizioni ricercate di ambienti, oggetti e cibi creano una scenografia ben delineata in cui collocare personaggi la cui tridimensionalità risulta tuttavia un po’ penalizzata da interazioni e dialoghi non del tutto convincenti. Nel complesso una storia d’amore dalla trama solida e capace di regalare un colpo di scena.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Monica

Becco

Libri dallo stesso autore

Intervista a Becco Monica


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Altissime, insuperabili montagne di liscia pietra cingono d'ogni lato il paesino di K. e la Valle delle Montagne Chiuse in cui esso si trova. Al di là di esse non c'è mondo né vita. È questo ciò che ha sempre sentito ripetere Basin, un ragazzino la cui storia sarà al centro delle vicende narrate. Chiuso dal padre nella casa di Cardelio, sommo Maestro delle "Lettere d'eleganza", lo vedremo impegnato nel lungo, disorientante e ipnotico cammino per divenirne il successore. Nel paesino c'è un'unica osteria. E si mormora che lì, ogni notte, si riuniscano certi misteriosi vegliardi dall'incredibile, ottima salute. E che proprio di questo ogni notte fantastichino: spazi senza fine al di là degli insormontabili bastioni. Si dice anche che a volte, seduti attorno al grande camino, pronuncino in un soffio il nome, proibitissimo, delle mitiche Terre Rosse e quello, addirittura blasfemo, del Capitano di Bastur...

Alvigini vince il premio Città di Como 2019

Alvigini Claudio

Le tre minestre che danno il titolo a questo libro rappresentano in realtà tre ministre, come Vitali ribattezza segretamente le zie che hanno accompagnato la sua infanzia: Cristina, ministro degli Interni, è preposta alle faccende domestiche e alla cucina; Colomba, ministro dell'Agricoltura, si occupa dell'orto e delle attività agricole di famiglia; Paola infine, ministro degli Esteri, è impegnata professionalmente fuori casa e cura le relazioni con vicini e parenti. Le zie circondano il ragazzino di un affetto "rustico ma profumato", dettato dal buon senso ma ancora pregno di superstizioni, retaggio di una cultura popolare di altri tempi. Siamo infatti in un'Italia di provincia, negli anni Sessanta, dove ancora si parla il dialetto e "la saggezza si esprime in assiomi che non ammettono repliche". Dal racconto autobiografico di Andrea Vitali emerge uno spaccato di vita vissuta e di costume di grande suggestione, delicatamente nostalgico e al contempo ironico. Un autentico tuffo nel passato al quale contribuisce anche il ricettario della tradizione locale che affonda le radici nel territorio, tra le sponde del lago di Como e le valli retrostanti.

Le tre minestre

Vitali Andrea

«Straordinario, questo romanzo di Roth; è stupefacente, sferzante, uno dei capolavori narrativi piú insoliti che mi sia capitato di leggere... Una vera delizia». James Wood, «New Republic» Il teatro di Sabbath è una creazione comica di proporzioni epiche, e Mickey Sabbath ne è lo smisurato eroe. Un tempo burattinaio scandalosamente creativo, a sessantaquattro anni Sabbath conserva il suo sprezzante antagonismo e la sua sfrenata libidine. Ma dopo la morte della sua amante di vecchia data - uno spirito libero in fatto di erotismo, la cui audacia nell'adulterio supera perfino quella dello stesso Sabbath - egli s'imbarca in un viaggio turbolento nel proprio passato. Nudo e dolente, perseguitato dai fantasmi di coloro che piú l'hanno amato e odiato, ordirà una sequela di disastri farseschi che lo condurranno sull'orlo della follia e dell'estinzione.

Il teatro di Sabbath

Roth Philip

VA’ DOVE TI PORTA IL CUORE

Tamaro Susanna