Giallo - thriller - noir

La fortuna dei Wise

Nadler Stuart

Descrizione: 1947. La fortuna cade letteralmente dal cielo per Arthur Wise, piccolo avvocato di provincia, sotto forma di un aereo della Boston Airlines che precipita nel New England. La class action che intenterà farà di lui un uomo temuto e ricchissimo. In contrasto, però, con il figlio adolescente innamorato di una ragazza nera. Un finale assolutamente a sorpresa riallaccia i nodi di vicende fino a quel momento misteriose e svela segreti conservati per oltre trent'anni.

Categoria: Giallo - thriller - noir

Editore: Bollati Boringhieri

Collana:

Anno: 2013

ISBN: 9788833923598

Recensito da Claudia Oldani

Le Vostre recensioni

Cape Cod nell’immaginario collettivo è una lunga distesa di sabbia bianca, cancelli di legno dipinti di fresco, fari consumati dal mare. Ed è proprio qui che Stuart Nadler ambienta il suo romanzo d’esordio, La fortuna dei Wise.

E’ il 1947 e un giovane avvocato di provincia vince la causa più importante della sua vita, causa che lo farà divenire ricchissimo e celebre in tutti gli Stati Uniti. Lasciata la piccola casetta, in cui vive con moglie e prole, acquista una splendida villa in riva al mare di Cape Cod, con tanto di spiaggia privata e domestico in livrea. Il figlio Hilly, poco più che bambino, si trova catapultato così in una nuova vita, in cui tutto sembra uscire da un meraviglioso quadro dai colori pastello. Ma la tragedia è ovviamente dietro l’angolo: una serie di azioni e coincidenze incresciose rompono l’idillio e stroncano sul nascere la relazione amorosa tra Hilly e la nipote del domestico.

Passano gli anni, cambiano le strade, eppure Hilly non smette di pensare alla bellissima Savannah e di immaginare la vita perduta con lei. Tormenti che il ragazzo, divenuto infine uomo, si trova ad affrontare ancora una volta per dare una risposta definitiva alle sue domande.

Il romanzo tocca temi diversi, dalle lotte interrazziali degli anni Cinquanta ai difficili rapporti tra padre e figlio, senza dimenticare riflessioni sulla crescita, sull’amicizia e sui rimpianti della vita.

La scrittura di Nadler è ambiziosa, come lo è il suo progetto di includere in un unico romanzo cinquant’anni di storia americana; eppure l’esperimento riesce: il lettore segue senza fatica i passaggi e lo scorrere degli anni, tutto è giostrato con sapiente naturalezza. Le pause tra gli avvenimenti sono consapevoli e ad effetto, col risultato che la lettura è veloce e leggera, ma anche interessata e curiosa. L’autore, segnalato tra i cinque migliori scrittori sotto i trentacinque anni dalla National Book Foundation, stupisce per la sua freschezza e per la sua potenza narrativa, che culmina in un clamoroso colpo di scena.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Stuart

Nadler

Libri dallo stesso autore

Intervista a Nadler Stuart


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Nel cuore di Bologna, Marco, intellettuale trentenne diviso tra le incombenze giornalistiche e il tentativo di finire un romanzo, vive in una solitudine cocciuta e il più possibile asettica, fino a quando ricompare Lucia, la ragazza che lo ha lasciato qualche anno prima. Ora Lucia cerca Marco, lo assedia e lo porta in giro per paesi e campagne, a visitare i loro luoghi di un tempo, a ritrovare gli amici vivi e gli amici morti. Tra Bassa e Appennini, tra cliniche e osterie, Lucia - come una fragile ma tenace erinni - costringe Marco a rianalizzare le zone più oscure del loro passato. "Atti mancati" è una storia d'amore e di suspense. È una parabola sul tempo trascorso ostinatamente a occhi chiusi e su quello vissuto a occhi spalancati. È il referto di una malattia, steso con furore analitico e insieme con uno stile semplice, da presa diretta.

Atti mancati

Marchesini Matteo

Oltre cinquant’anni di sogni annotati, dal 1875 al 1931. È libera e ondivaga la scrittura di Arthur Schnitzler, descrittiva e autoriflessiva, intima e quotidiana. Nei residui diurni ritrovati dal sogno compaiono scenari insoliti, abitati da contemporanei illustri, animatori della Vienna fin de siècle: Freud, Klimt, von Hofmannsthal, Mahler e molti altri. Sogni che registrano le mode dell’epoca, gli spettacoli di successo, le malattie più comuni del bel mondo, e con brevità magnetica rivelano i desideri, le paure, i turbamenti dello scrittore che sogna. Un libro dei sogni raccolto da un genio attento ai moti della propria anima, ma anche alla forza surreale della narrazione onirica. Pubblicato in versione integrale, introdotto da un saggio di Agnese Grieco e Vittorio Lingiardi su Schnitzler, sulla vita onirica e la psicoanalisi, Sogni è il diario notturno di un’epoca inquieta, l’autobiografia inconscia del primo Novecento europeo.

SOGNI 1875-1931

Schnitzler Arthur

DOMANI SARA’ UN GIORNO PERFETTO

Deffenu Carlo

Rebecca è una donna dai molti segreti. Mentre si sposta lungo l'America tenendo stretto per mano il figlio Niley, lascia dietro di sé pezzi enormi del suo passato. Una famiglia giunta dall'Europa carica degli orrori della Seconda guerra Mondiale, un marito che trova sfogo alla durezza della vita quotidiana nella violenza sulla propria moglie, una lettera da un lontano cugino, sopravvissuto all'Olocausto, che le rivela dei suoi genitori più di quanto essi avrebbero mai voluto confessare. L'unica soluzione, per Rebecca e Niley, sembra dunque quella di partire. Partire e reinventarsi. In fondo l'America, è anche questo. Ma riuscirà quel giovane, immenso e violento paese a proteggere una madre e un figlio?

La figlia dello straniero

Oates Joyce Carol