Giallo - thriller - noir

La fortuna dei Wise

Nadler Stuart

Descrizione: 1947. La fortuna cade letteralmente dal cielo per Arthur Wise, piccolo avvocato di provincia, sotto forma di un aereo della Boston Airlines che precipita nel New England. La class action che intenterà farà di lui un uomo temuto e ricchissimo. In contrasto, però, con il figlio adolescente innamorato di una ragazza nera. Un finale assolutamente a sorpresa riallaccia i nodi di vicende fino a quel momento misteriose e svela segreti conservati per oltre trent'anni.

Categoria: Giallo - thriller - noir

Editore: Bollati Boringhieri

Collana:

Anno: 2013

ISBN: 9788833923598

Recensito da Claudia Oldani

Le Vostre recensioni

Cape Cod nell’immaginario collettivo è una lunga distesa di sabbia bianca, cancelli di legno dipinti di fresco, fari consumati dal mare. Ed è proprio qui che Stuart Nadler ambienta il suo romanzo d’esordio, La fortuna dei Wise.

E’ il 1947 e un giovane avvocato di provincia vince la causa più importante della sua vita, causa che lo farà divenire ricchissimo e celebre in tutti gli Stati Uniti. Lasciata la piccola casetta, in cui vive con moglie e prole, acquista una splendida villa in riva al mare di Cape Cod, con tanto di spiaggia privata e domestico in livrea. Il figlio Hilly, poco più che bambino, si trova catapultato così in una nuova vita, in cui tutto sembra uscire da un meraviglioso quadro dai colori pastello. Ma la tragedia è ovviamente dietro l’angolo: una serie di azioni e coincidenze incresciose rompono l’idillio e stroncano sul nascere la relazione amorosa tra Hilly e la nipote del domestico.

Passano gli anni, cambiano le strade, eppure Hilly non smette di pensare alla bellissima Savannah e di immaginare la vita perduta con lei. Tormenti che il ragazzo, divenuto infine uomo, si trova ad affrontare ancora una volta per dare una risposta definitiva alle sue domande.

Il romanzo tocca temi diversi, dalle lotte interrazziali degli anni Cinquanta ai difficili rapporti tra padre e figlio, senza dimenticare riflessioni sulla crescita, sull’amicizia e sui rimpianti della vita.

La scrittura di Nadler è ambiziosa, come lo è il suo progetto di includere in un unico romanzo cinquant’anni di storia americana; eppure l’esperimento riesce: il lettore segue senza fatica i passaggi e lo scorrere degli anni, tutto è giostrato con sapiente naturalezza. Le pause tra gli avvenimenti sono consapevoli e ad effetto, col risultato che la lettura è veloce e leggera, ma anche interessata e curiosa. L’autore, segnalato tra i cinque migliori scrittori sotto i trentacinque anni dalla National Book Foundation, stupisce per la sua freschezza e per la sua potenza narrativa, che culmina in un clamoroso colpo di scena.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Stuart

Nadler

Libri dallo stesso autore

Intervista a Nadler Stuart


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Il volume contiene il ciclo completo inaugurato dalla "Guida galattica per gli autostoppisti", che comprende "Il ristorante al termine dell'universo", "La vita, l'universo e tutto quanto", "Addio e grazie per tutto il pesce" più un racconto inedito. Una gigantesca autostrada cosmica sta per essere costruita dalle parti del sistema solare. E una banale diramazione deve essere aperta proprio dove ora c'è la terra. Di conseguenza quel vecchio e inutile pianeta va rimosso. Lo viene a sapere Ford Perfect, redattore extraterrestre in incognito che deve aggiornare la monumentale "Guida galattica per gli autostoppisti", il manuale che insegna ai turisti come destreggiarsi in un cosmo selvaggio, di multinazionali e viaggi organizzati.

Guida galattica per autostoppisti

Adams Douglas

Che cos’è il male oggi? In che modo si può dire che le sue manifestazioni, le sue spinte, le sue modalità di aggredire il tessuto del mondo e delle persone che lo abitano si siano modificate? Zygmunt Bauman, uno dei più grandi pensatori viventi, già nel 1989, con Modernità e olocausto, aveva riletto le atrocità del Terzo Reich sovvertendo l’opinione comune che si fosse trattato un «incidente» della Storia e dimostrando che invece la «società dei giardinieri» della modernità aveva raggiunto con l’olocausto il suo risultato più esemplare. In questo libro Bauman compie un ulteriore decisivo passo avanti nell’identificazione del «male» ai giorni nostri.

Le sorgenti del male

Bauman Zygmunt

2092. L'Europa mediterranea è sprofondata in un clima equatoriale, i suoi antichi Stati nazionali hanno ceduto all'egemonia cinese. Venezia abbandonata dopo una terribile alluvione, poi acquistata e ricostruita da un'azienda di Pechino - è la perversa Las Vegas del declino europeo. Piazza San Marco è stata trasformata in un'arena: il Colosseo del terzo millennio. Il carnevale si avvicina, i padroni cinesi preparano lussi sfrenati e spettacoli sanguinari. La popolazione autoctona è confinata nel Castello. Nessuno sembra più volersi sottrarre alla violenza e alla lussuria di questo bordello della fine dei tempi. Eppure, perfino in questo parco giochi orwelliano, ci sono due uomini in rivolta che si levano contro l'orgia del potere. "Il Maestro", guida dei nuovi gladiatori che addestra sull'isola di San Giorgio, e Spartaco, il suo allievo più valoroso. Ciascuno ha imboccato per proprio conto la via della ribellione ma vivono entrambi per il mondo che verrà, uno per divenire padre, l'altro per tornare libero. Antonio Scurati torna all'ispirazione degli esordi con un romanzo visionario e insieme realista. Una grande avventura epica, che si fa carico della crisi del nostro mondo narrando di uomini in marcia dentro e contro l'onda distruttrice della storia, in un libro non solo ambientato nel futuro ma rivolto al futuro.

La seconda mezzanotte

Scurati Antonio

Montag fa il pompiere in un mondo dove gli incendi, anziché essere spenti, vengono appiccati. Armati di lunghi lanciafiamme, i militi irrompono nelle case dei sovversivi che conservano libri o altra carta stampata e li bruciano: così vuole la legge. Ma Montag non è felice della sua esistenza alienata, fra giganteschi schermi televisivi e slogan, con una moglie indifferente e passiva e un lavoro che svolge per pura e semplice routine. Finché un giorno, dall'incontro con una donna sconosciuta, nasce un sentimento impensabile, e per Montag il pompiere inizia la scoperta di un mondo diverso da quello in cui è sempre vissuto, un universo di luce non ancora offuscato dalle tenebre della società tecnologica imperante. Scritto nel lontano 1953, Fahrenheit 451, romanzo prediletto di artisti del calibro di Aldous Huxley e Francois Truffaut, attesta ancora oggi Bradbury tra i massimi scrittori di fantascienza di tutti i tempi.

FAHRENHEIT 451

Bradbury Ray