Giallo - thriller - noir

La fortuna dei Wise

Nadler Stuart

Descrizione: 1947. La fortuna cade letteralmente dal cielo per Arthur Wise, piccolo avvocato di provincia, sotto forma di un aereo della Boston Airlines che precipita nel New England. La class action che intenterà farà di lui un uomo temuto e ricchissimo. In contrasto, però, con il figlio adolescente innamorato di una ragazza nera. Un finale assolutamente a sorpresa riallaccia i nodi di vicende fino a quel momento misteriose e svela segreti conservati per oltre trent'anni.

Categoria: Giallo - thriller - noir

Editore: Bollati Boringhieri

Collana:

Anno: 2013

ISBN: 9788833923598

Recensito da Claudia Oldani

Le Vostre recensioni

Cape Cod nell’immaginario collettivo è una lunga distesa di sabbia bianca, cancelli di legno dipinti di fresco, fari consumati dal mare. Ed è proprio qui che Stuart Nadler ambienta il suo romanzo d’esordio, La fortuna dei Wise.

E’ il 1947 e un giovane avvocato di provincia vince la causa più importante della sua vita, causa che lo farà divenire ricchissimo e celebre in tutti gli Stati Uniti. Lasciata la piccola casetta, in cui vive con moglie e prole, acquista una splendida villa in riva al mare di Cape Cod, con tanto di spiaggia privata e domestico in livrea. Il figlio Hilly, poco più che bambino, si trova catapultato così in una nuova vita, in cui tutto sembra uscire da un meraviglioso quadro dai colori pastello. Ma la tragedia è ovviamente dietro l’angolo: una serie di azioni e coincidenze incresciose rompono l’idillio e stroncano sul nascere la relazione amorosa tra Hilly e la nipote del domestico.

Passano gli anni, cambiano le strade, eppure Hilly non smette di pensare alla bellissima Savannah e di immaginare la vita perduta con lei. Tormenti che il ragazzo, divenuto infine uomo, si trova ad affrontare ancora una volta per dare una risposta definitiva alle sue domande.

Il romanzo tocca temi diversi, dalle lotte interrazziali degli anni Cinquanta ai difficili rapporti tra padre e figlio, senza dimenticare riflessioni sulla crescita, sull’amicizia e sui rimpianti della vita.

La scrittura di Nadler è ambiziosa, come lo è il suo progetto di includere in un unico romanzo cinquant’anni di storia americana; eppure l’esperimento riesce: il lettore segue senza fatica i passaggi e lo scorrere degli anni, tutto è giostrato con sapiente naturalezza. Le pause tra gli avvenimenti sono consapevoli e ad effetto, col risultato che la lettura è veloce e leggera, ma anche interessata e curiosa. L’autore, segnalato tra i cinque migliori scrittori sotto i trentacinque anni dalla National Book Foundation, stupisce per la sua freschezza e per la sua potenza narrativa, che culmina in un clamoroso colpo di scena.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Stuart

Nadler

Libri dallo stesso autore

Intervista a Nadler Stuart


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Il commissario Ricciardi è il protagonista indiscutibile della scena criminale della Napoli anni Trenta. I casi che prende in consegna vengono risolti con abilità e precisione che lascia sconcertati i suoi colleghi e le istituzioni. A non tutti piace questa sua capacità che si dice sia innaturale, dettata addirittura dal demonio. Certo Ricciardi ha dalla sua un dono, quello di ascoltare le ultime parole del morto assassinato nel luogo del delitto. Un’abilità divinatoria che lo inserisce quasi in una categoria stregonesca. Eppure a volte neanche questi mezzi sembrano bastare di fronte ai misteri di certi crimini. Il Giorno dei Morti viene rinvenuto il cadavere di un bambino. Ricciardi è allertato e parte subito con la ricerca degli indizi. È un’indagine che però nasce in nefaste condizioni. Le autorità fermano ogni tipo di inchiesta perché sta per arrivare in città Benito Mussolini. Non è il caso di distogliere l’attenzione e a Ricciardi viene sottratta la pratica. Al giovane e coraggioso commissario toccherà indagare in modo clandestino, ma soprattutto dovrà indagare senza alcun indizio perché nel luogo del delitto, per la prima volta non viene avvertita alcuna voce. A questo punto un interrogativo: ha esaurito il suo dono oppure quel bambino non è stato ucciso lì? Maurizio De Giovanni torna con la sua voce inconfondibile e le atmosfere di una Napoli ipnotica e affascinante al quarto romanzo sul commissario che di storia in storia conquista e avvince sempre più lettori.

Il giorno dei morti

De Giovanni Maurizio

Opera d'esordio, pubblicata in Giappone nel 1944. Nucleo centrale dei racconti è il desiderio che sottile e struggente si insinua nel cuore dei personaggi, i quali creano in se stessi un mondo onirico e psicologico, alternativo a quello reale.

La foresta in fiore

Mishima Yukio

Ci sono due tipi di passione. Una non mi piace, l'altra non m'interessa. Cosa hanno in comune la vita di Elsina Marone, miliardaria, impareggiabile ancheggiatrice e una breve esperienza da pilota di Formula 1, e quella di Salvatore Varriale detto (dai nemici) 'a Libellula, boss della camorra nascosto (dagli amici) in uno scantinato del casertano? E quelle di Peppino Valletta, romantico cantante di piano-bar, che vive per il figlio disabile, e di Linda Giugiù, imbattibile, o quasi, al tavolo da poker? O ancora quelle di Aristide Perrella, inesorabile e mostruosa forza della natura, di Donna Emma, perfida viceportiera in un signorile stabile sulla panoramica di Napoli, di Girolamo Santagata, "avvocato romano e misantropo internazionale", di Enza Condé, scienziata di fama planetaria, di Marco Valle, bolognese e taciturno, e di Settimio Valori, "infaticabile patrocinatore di se stesso e uomo di sconcertante banalità"? Hanno in comune che sono, appunto, vite. E come ogni vita sono composte di tutte le cose che ci sembrano decisive e non lo sono, di sparuti momenti di felicità e abissi di dolore, di una apparente monotonia rotta da squarci di luce e grazia, da illuminazioni improvvise, da migliaia di aspetti forse irrilevanti ma non per questo secondari. Partendo dai ritratti del fotografo Jacopo Benassi, Paolo Sorrentino immagina l'esistenza delle persone immortalate, senza conoscere i loro nomi, le loro generalità, che cosa facciano o abbiano fatto.

Gli aspetti irrilevanti

Sorrentino Paolo

David, orfano di padre, vive una infanzia felice con la madre, ma questa poi si risposa con il signor Murdstone, un uomo crudele che la porta alla tomba. Privo di affetti, David sperimenta la dura scuola del maestro Creakle. Il patrigno gli impone un lavoro avvilente in un negozio di Londra. Disperato fugge a piedi a Dover, dove una zia, Betsey, accetta di occuparsi di lui. Lo manda a Canterbury, per educarlo, in casa del suo avvocato, padre di Agnes, una dolce fanciulla. Divenuto cronista parlamentare e conquistata anche fama letteraria, David sposa Dora che pochi anni dopo muore. Il giovane allora si accorge della dolce Agnes che sposa, dopo aver salvato il futuro suocero dalle trame del suo amministratore.

David Copperfield

Dickens Charles