Narrativa

FRANNY E ZOOEY

Salinger Jerome D.

Descrizione: "Tanto per cominciare, Zooey era un giovanotto piccolo, dal corpo estremamente esile. Da dietro (soprattutto dove gli si vedevano le vertebre) sarebbe quasi potuto passare per uno di quegli sparuti bambini di citta che ogni estate vengono spediti alle colonie a ingrassarsi e prendere il sole. Visto in primo piano, di faccia o di profilo, era straordinariamente, spettacolosamente bello. La sorella maggiore mi ha pregato di dire che assomigliava all'"esploratore mohicano ebreo-irlandese dagli occhi azzurri che mori tra le vostre braccia al tavolo della roulette di Montecarlo".A salvare in extremis quel volto dall'eccessiva bellezza, se non addirittura dallo splendore, era un orecchio che sporgeva leggermente piu dell'altro. Per conto mio, comunque, non condivido affatto ne l'uno ne l'altro di questi punti di vista. Ammetto che il volto di Zooey fosse un volto bellissimo, quasi perfetto. Come tale, naturalmente, era passibile di quella stessa varieta di giudizi scorrevoli, imperterriti e spesso capziosi cui e soggetta ogni autentica opera d'arte. Penso resti solo da aggiungere che una qualunque delle cento minacce giornaliere - un incidente d'auto, un raffreddore di testa, una bugia prima di colazione - avrebbe potuto deturpare o imbruttire la sua generosa bellezza nel giro di un giorno o di un minuto. Ma quello ch'era deteriorabile, quello che qualcuno ha categoricamente definito una gioia di tipo imperituro, era un autentico esprit impresso su tutto il viso, specie negli occhi, dove attirava l'attenzione come una maschera di Arlecchino, e a volte disorientava".

Categoria: Narrativa

Editore: Einaudi

Collana: L'Arcipelago Einaudi

Anno: 2003

ISBN: 9788806166618

PRIMA EDIZIONE

FRANNY E ZOOEY

Editore:

Anno: 1961

Info:

Recensito da Diego Manzetti

Le Vostre recensioni

 

Poco più che ventenne, Franny Glass affronta un periodo di crisi spirituale. Quale sia il motivo di tale crisi non è dato sapere, prima del secondo racconto.

Salinger ha infatti suddiviso il libro in due lunghi racconti. Il primo narra l’incontro tra Franny e il fidanzato Lane. Durante questo incontro, che si svolge quasi interamente presso un ristorante studentesco vicino all’università di lui, Franny si trova a criticare aspramente ogni discorso del proprio ragazzo. Sembra sconnessa, incapace di accettare qualcosa che ai propri occhi appare banale e privo di senso. I corsi universitari, i professori, i compagni, tutte le scelte di una vita hanno perso di significato agli occhi della ragazza. Nella borsa, Franny custodisce con cura un piccolo e sconosciuto libro.

Il secondo racconto, che cronologicamente segue il primo, si svolge presso casa Glass, dove Franny e’ stata portata dopo essersi sentita male nel ristorante dove si è svolto il primo racconto. Qui l’autore si dilunga nel descrivere la famiglia Glass. Una famiglia tutt’altro che ordinaria.

I sette figli di Les e Bessie, sin da bambini avevano vissuto una realtà fuori dal normale, avendo partecipato nel corso degli anni al programma radiofonico “Ecco un bambino eccezionale” e diventando piccole celebrità. Seymour, il più grande dei sette, si era suicidato da alcuni anni. Quest’ultimo, insieme a Buddy, il secondogenito, aveva svolto il ruolo di guida spirituale per Franny e Zooey, i due minori. Li aveva irrimediabilmente rovinati, diceva sempre Zooey. Non avrebbero mai avuto pace, incapaci com’erano di rapportarsi agli altri esseri umani. 

 E’ proprio nella stanza di Seymour che Franny ha trovato il piccolo libro che custodisce con tanta cura, ed è proprio quel libro la causa della crisi spirituale. Chi altri se non Zooey, giovane e bell’attore di successo, avrebbe potuto comprendere la sorella? Il secondo racconto, null’altro è se non una serie di dialoghi: tra la mamma Les e Zooey, e tra quest’ultimo e Franny. Un’interessante analisi della psicologia dei membri della famiglia. Dai dialoghi emerge la bravura dell’autore nel descrivere gli stati d’animo e la mente dei propri personaggi. Una storia priva di trama. Un viaggio nella mente umana che si svolge in poche ore. Ogni gesto, ogni movimento, ogni parola ed ogni espressione trovano la propria collocazione in uno scenario che ha luogo oltre sessant’anni fa, ma che ben potrebbe aver luogo al giorno d’oggi.

 Certamente un libro di non semplicissima lettura, che può risultare anche pesante, per chi sia alla ricerca di una storia avvincente e pregna di avvenimenti. Salinger aveva già parlato – dopo aver scritto il Giovane Holden – e parlerà ancora dopo questo libro, della famiglia Glass. I membri di quella strampalata famiglia, sembrano essere il mezzo attraverso il quale l’autore vuole trasmette una propria sofferenza interiore.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

D.

Jerome

Salinger

Libri dallo stesso autore

Intervista a Salinger Jerome D.


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Che sconquasso di passioni, commissario, quante falene intorno alla fiamma. Quando in una serie romanzesca come quella di Ricciardi irrompe un personaggio come l’aristocratica, misteriosa e bellissima Bianca, che si rivolge a lui perché non crede che il marito sia un omicida, è chiaro che il ciclone farà danni in quantità. Con Anime di vetro il già precario equilibrio sentimentale di Ricciardi è destinato a saltare, portandosi dietro un turbine di vicende. Con grande godimento dei lettori e delle lettrici.

Anime di vetro

De Giovanni Maurizio

Vivono a Roma, madre e figlia. Laury si cura con le alghe, racconta di viaggi a Goa e cena con gli amici hippy. Un dettaglio: ha quasi settant’anni. Sua figlia Elena ne ha trentasette ed è l’opposto. Fa l’impiegata e ha poche ambizioni. Nasconde un’inquietudine che viene dal passato: non sa chi è suo padre. Yves invece sta a Parigi, in una chiatta sulla Senna che affitta a turisti russi, mangia nel bistrot della bella Yvonne ma ogni tanto si sente solo. Anche lui sta cercando qualcosa, una compagna o una famiglia… Personaggi tragicomici e indimenticabili, pagine piene di ritmo, per un romanzo che racconta un conflitto attualissimo, quello tra due generazioni che non si capiscono ma devono provarci.

Il futuro di una volta

Dandini Serena

Bellano 1916. In una fredda serata di metà dicembre una fedele parrocchiana, la Stampina, si presenta in canonica: ha urgente bisogno di parlare con il prevosto. Suo figlio Geremia, che in trentadue anni non ha mai dato un problema, da qualche settimana sembra aver perso la testa per una donna: vuole sposarla o si butterà nel lago. L'oggetto del suo desiderio è Giovenca Ficcadenti, che insieme alla sorella Zemia ha appena aperto in paese un bottonificio, suscitando un putiferio di chiacchiere e sospetti. Come fanno ad avere prezzi così bassi per prodotti così buoni? Qual è l'origine di quel "Premiata" di cui fregiano la loro ditta? Quali traffici nascondono il giovedì sera? E come si può impedire all'ingenuo Geremia di finire vittima di qualche inganno? Sul loro passato si allungano molte ombre e servirà tutta l'astuzia dei compaesani - ma anche la loro ironia - per evitare guai più seri.

Premiata ditta sorelle Ficcadenti

Vitali Andrea

Laura Monteleone presenta Nidi di periferia. Milano, 11 marzo 2017