Narrativa

Full of life

Fante John

Descrizione: "È la storia di un uomo e di sua moglie, di come diventano genitori di un bellissimo bambino": questa - per usare le parole di Fante in una lettera alla madre - l'idea portante di "Full of life". Ma, come in tutti i romanzi del grande narratore americano, è molto difficile riassumere le invenzioni, l'ironia, le meraviglie della sua scrittura: si può solo goderne il divertimento e la forza che la ispirano. Pubblicato nel 1952 e qualche anno dopo adattato per il cinema (con tanto di nomination all'Oscar per la migliore sceneggiatura), è il libro più comico e autobiografico scritto da John Fante, il suo ultimo romanzo prima del lungo silenzio durato oltre venticinque anni. E dunque ecco John e sua moglie Joyce alle prese con l'arrivo del loro primo figlio, l'improvviso attacco di una schiera di voraci termiti alla loro casa di Los Angeles, il soccorso di papà Nick, il "più grande muratore della California", e ancora una serie interminabile di piccole disavventure e litigate, tra lacrime, sorrisi, crisi mistiche e formidabili bevute di vino.

Categoria: Narrativa

Editore: Einaudi

Collana: Stile libero Big

Anno: 2009

ISBN: 9788806171421

Recensito da Gabriele Lanzi

Le Vostre recensioni

John Fante, per narrare questa storia intensamente autobiografica, non si avvale del suo alter ego Arturo Bandini, protagonista di celebri romanzi come “Chiedi alla polvere” oppure “Aspetta primavera, Bandini”. Questa volta Fante ci mette la propria faccia, il proprio nome e non solo, perché co-protagonisti sono anche Joyce, la sua vera moglie, ed il padre Nick.  Full of Lifeinfatti è il racconto della gravidanza che porterà alla nascita del primo figlio dello scrittore americano. Gravidanza vissuta con una certa inquietudine da parte di Fante, che affronta i nove mesi che lo separano dall’evento con la sensazione di avere contribuito alla generazione di un “terzo incomodo”. Molto significative a questo proposito sono le parole usate all’inizio del libro che ci fanno capire subito i limiti del protagonista quando riferendosi alla moglie la descrive con “…una sporgenza all’altezza del suo punto vita, una cosa dai movimenti sinuosi, striscianti e contorti come un groviglio di serpi…”. Questa sporgenza crea pertanto una barriera, una linea di separazione fisica e mentale tra i due coniugi che si manifesta con comportamenti e scambi di parole tra il sarcastico ed il tragico, con un senso di alienazione e di auto esclusione da parte dello scrittore.

Come ulteriore ingrediente, con l’intento di aggiungere un pizzico di pepe ad una vicenda già di per sé complicata, Fante non si esime dall’introdurre il padre Nick, muratore abruzzese emigrato in America, chiamato in soccorso dal figlio per riparare una voragine che si è aperta nel pavimento di casa  e provocata dalle termiti. Nick presenta tutte le caratteristiche che si ritroveranno nel futuro lavoro di Fante “La confraternita dell’uva” incentrato, appunto, sulla figura paterna. E’ il classico capo famiglia italo-americano che vuole sempre avere ragione, autoritario, testardo, burbero, scaramantico e soprattutto ubriacone. Ma è anche dotato di grande spirito di abnegazione e, a differenza del figlio, dimostra un grande entusiasmo per la futura nascita del nipote che dovrà assolutamente essere maschio come segno di buon auspicio per il futuro della famiglia. Le parole usate da Fante nel descrivere il rapporto di (finto) odio verso il padre sono veramente spassose e lasciano il posto nelle ultime pagine dell’opera al grande amore che prova questo figlio nei confronti del genitore e che si concretizza in un tenero abbraccio tra i due in ospedale, subito dopo la nascita del primogenito: “….si mise a piangere. Mi appoggiò la testa sulle spalle e il suo pianto divenne molto doloroso. Sentivo le ossa delle sue spalle, i vecchi muscoli che si ammorbidivano e sentii l’odore di mio padre, il sudore di mio padre, l’origine della mia vita. Sentii le sue lacrime calde e la solitudine dell’uomo…”.

In sostanza Full of Life è un’opera che rappresenta un atto di amore di Fante nei confronti della propria famiglia, moglie e padre in primis, anche se il titolo è (volutamente) ambiguo in quanto chi è veramente “full of life”- pieno di vita- nella famiglia Fante? Non certo il narratore così confuso e nervoso, più probabilmente la madre – piena di nuova vita nel suo grembo- o forse Nick, così estremamente entusiasta per la nascita dell’erede.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

John

Fante

Libri dallo stesso autore

Intervista a Fante John

Elliott è un uomo di successo; sessantenne è un chirurgo di fama, vive a San Francisco e la sua vita privata ruota tutta attorno all'adorata figlia Angie. Un'unica ombra in questo quadro perfetto: Ilena, il suo grande amore, lo ha lasciato solo trentanni addietro, morendo in un tragico incidente. Un dolore immenso che nemmeno il tempo ha saputo lenire. Per una strana combinazione di eventi, un giorno gli viene data l'occasione di tornare indietro negli anni Sessanta, quando era un giovane medico ambizioso e idealista e perdutamente innamorato. Immerso in quel magico momento di felicità, Elliott si confronta con il passato vivendo momenti di rimpianto e di passione. Purtroppo una scelta dolorosa lo attende: ora sa che con un semplice gesto potrebbe salvare Ilena e modificare il corso di quel destino crudele, ma compierlo significherebbe rinunciare all'amatissima figlia...

Chi ama torna sempre indietro

Musso Guillaume

Fernanda Pivano incontra Charles Bukowski e lo fa parlare, quasi a ruota libera. Ne esce un ritratto incisivo di uomo e di artista. Precedute da una biografia dell'autore, la Pivano pone le sue domande, oscillando tra le questioni fondamentali e le piccole cose che fanno la vita di tutti i giorni.

Quello che importa è grattarmi sotto le ascelle

Bukowski Charles

Catania, Sicilia, sedici anni. Un diario, la scoperta di un mondo nuovo e diverso: il proprio corpo di adolescente, un viaggio, una ricerca. Il desiderio di afferrare quel sentimento che è l'amore, imprendibile, inafferrabile. L'illusione di trovarlo in molti letti, in molti corpi. L'ingenuità, la segretezza, il dolore, l'umiliazione. Sedici anni. Per Melissa tutto comincia con la sua prima volta: lì capisce (o si illude di capire) che gli uomini non desiderano gustare l'essenza, non sono in grado di amare prescindendo dal corpo. Per questo lo concede a chiunque lo chieda, per questo si dà speranzosa che qualcuno, guardandola negli occhi, si accorga della sua sete d'amore. Nel CD esclusivo, l'intero libro letto da Melissa P.

100 COLPI DI SPAZZOLA PRIMA DI ANDARE A DORMIRE

P. Melissa

Ungheria, 1611. L'alba illumina l'imponente castello di Csejthe. Nella torre più alta, una donna elegante, austera e vestita completamente di nero è sveglia da ore. Sta fissando, attraverso una piccola feritoia nel muro, un pezzo di cielo che volge all'azzurro mentre le stelle lentamente scompaiono. Sa che quello squarcio di cielo è l'unica cosa che riuscirà a guardare per il resto della sua vita. L'ultima pietra che, per decreto del palatino, la condanna a essere murata viva in quella stanza è appena stata posata. Ma la contessa Erzsébet Bathory non ha nessuna intenzione di accettare supinamente il destino che le viene imposto. Non l'ha mai fatto nella sua vita. Erzsébet è solo una bambina innamorata dei libri quando, nella dimora in Transilvania dove vive insieme alla sua famiglia, assiste ad atti di violenza indicibili. Atti che la segnano nel profondo e che non potrà mai dimenticare. Neanche quando, a soli undici anni, è costretta a sposare l'algido, freddo e violento Ferenc Nadasdy; Un uomo sempre lontano, più interessato alla guerra e alle scorribande che a lei. Erzsébet è sola, la responsabilità dei figli e dell'ordine nel castello di Sarvar è tutta sulle sue spalle. Spetta a lei gestire alleanze politiche e lotte di potere. Questo le procura non pochi nemici e coincide con l'emergere dell'anima più nera della donna. Strane voci iniziano a spargersi sul suo conto. Sparizioni di serve torturate e uccise, nobildonne svanite nel nulla. Si tratta di una cospirazione? O siamo di fronte a una donna malvagia e perversa? O il male è l'unico modo per Erzsébet di sopravvivere e lottare in un mondo dominato dagli uomini?

La contessa nera

Johns Rebecca