Narrativa

Full of life

Fante John

Descrizione: "È la storia di un uomo e di sua moglie, di come diventano genitori di un bellissimo bambino": questa - per usare le parole di Fante in una lettera alla madre - l'idea portante di "Full of life". Ma, come in tutti i romanzi del grande narratore americano, è molto difficile riassumere le invenzioni, l'ironia, le meraviglie della sua scrittura: si può solo goderne il divertimento e la forza che la ispirano. Pubblicato nel 1952 e qualche anno dopo adattato per il cinema (con tanto di nomination all'Oscar per la migliore sceneggiatura), è il libro più comico e autobiografico scritto da John Fante, il suo ultimo romanzo prima del lungo silenzio durato oltre venticinque anni. E dunque ecco John e sua moglie Joyce alle prese con l'arrivo del loro primo figlio, l'improvviso attacco di una schiera di voraci termiti alla loro casa di Los Angeles, il soccorso di papà Nick, il "più grande muratore della California", e ancora una serie interminabile di piccole disavventure e litigate, tra lacrime, sorrisi, crisi mistiche e formidabili bevute di vino.

Categoria: Narrativa

Editore: Einaudi

Collana: Stile libero Big

Anno: 2009

ISBN: 9788806171421

Recensito da Gabriele Lanzi

Le Vostre recensioni

John Fante, per narrare questa storia intensamente autobiografica, non si avvale del suo alter ego Arturo Bandini, protagonista di celebri romanzi come “Chiedi alla polvere” oppure “Aspetta primavera, Bandini”. Questa volta Fante ci mette la propria faccia, il proprio nome e non solo, perché co-protagonisti sono anche Joyce, la sua vera moglie, ed il padre Nick.  Full of Lifeinfatti è il racconto della gravidanza che porterà alla nascita del primo figlio dello scrittore americano. Gravidanza vissuta con una certa inquietudine da parte di Fante, che affronta i nove mesi che lo separano dall’evento con la sensazione di avere contribuito alla generazione di un “terzo incomodo”. Molto significative a questo proposito sono le parole usate all’inizio del libro che ci fanno capire subito i limiti del protagonista quando riferendosi alla moglie la descrive con “…una sporgenza all’altezza del suo punto vita, una cosa dai movimenti sinuosi, striscianti e contorti come un groviglio di serpi…”. Questa sporgenza crea pertanto una barriera, una linea di separazione fisica e mentale tra i due coniugi che si manifesta con comportamenti e scambi di parole tra il sarcastico ed il tragico, con un senso di alienazione e di auto esclusione da parte dello scrittore.

Come ulteriore ingrediente, con l’intento di aggiungere un pizzico di pepe ad una vicenda già di per sé complicata, Fante non si esime dall’introdurre il padre Nick, muratore abruzzese emigrato in America, chiamato in soccorso dal figlio per riparare una voragine che si è aperta nel pavimento di casa  e provocata dalle termiti. Nick presenta tutte le caratteristiche che si ritroveranno nel futuro lavoro di Fante “La confraternita dell’uva” incentrato, appunto, sulla figura paterna. E’ il classico capo famiglia italo-americano che vuole sempre avere ragione, autoritario, testardo, burbero, scaramantico e soprattutto ubriacone. Ma è anche dotato di grande spirito di abnegazione e, a differenza del figlio, dimostra un grande entusiasmo per la futura nascita del nipote che dovrà assolutamente essere maschio come segno di buon auspicio per il futuro della famiglia. Le parole usate da Fante nel descrivere il rapporto di (finto) odio verso il padre sono veramente spassose e lasciano il posto nelle ultime pagine dell’opera al grande amore che prova questo figlio nei confronti del genitore e che si concretizza in un tenero abbraccio tra i due in ospedale, subito dopo la nascita del primogenito: “….si mise a piangere. Mi appoggiò la testa sulle spalle e il suo pianto divenne molto doloroso. Sentivo le ossa delle sue spalle, i vecchi muscoli che si ammorbidivano e sentii l’odore di mio padre, il sudore di mio padre, l’origine della mia vita. Sentii le sue lacrime calde e la solitudine dell’uomo…”.

In sostanza Full of Life è un’opera che rappresenta un atto di amore di Fante nei confronti della propria famiglia, moglie e padre in primis, anche se il titolo è (volutamente) ambiguo in quanto chi è veramente “full of life”- pieno di vita- nella famiglia Fante? Non certo il narratore così confuso e nervoso, più probabilmente la madre – piena di nuova vita nel suo grembo- o forse Nick, così estremamente entusiasta per la nascita dell’erede.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

John

Fante

Libri dallo stesso autore

Intervista a Fante John


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Valentina è una neonata imprigionata nel corpo di un'adulta. A causa di una rara malattia genetica, la sindrome di Rett, vive, fin dalla nascita, in un mondo ovattato, senza la possibilità di parlare, camminare... completamente in balia di chi si prende cura di lei. Assorbe, come una spugna, gli stati d'animo delle persone che ha attorno: felicità, tristezza o dolore. Comunica solo con gli occhi, usa lo sguardo per richiamare l'attenzione, per scegliere ciò che vuole o che non vuole. La sua giornata, con l'immancabile sottofondo musicale, è scandita da movimenti ripetitivi e sempre uguali. Questa è la sua storia ed è anche la storia della sua famiglia che, a volte col sorriso, a volte con il pianto, ha imparato a convivere con la consapevolezza di essere stata scelta per un compito diverso, difficile e impegnativo.

Solo con gli occhi

Vignolo Claudia

«L'amore, mia cara, è un sentimento di lusso!»: questo cerca di spiegare una madre che ha molto vissuto (e che dalla vita ha imparato una grande lezione: «Dare pochissimo e pretendere ancora meno») alla figlia innamorata e infelice. Ma lei, Denise, non lo capisce: quando suo marito glielo ha presentato sulla spiaggia di Hendaye, Yves le è apparso come un giovanotto elegante, raffinato, di bell'aspetto; e poiché alloggiava nel suo stesso albergo, ha creduto che fosse ricco quanto l'uomo che ha sposato, e a cui la lega un affetto tiepido e un po' annoiato. Poi il marito è stato richiamato a Londra da affari urgenti, e quelle giornate di settembre «piene e dorate» sono state come un sogno: la scoperta della reciproca attrazione, le passeggiate, le notti d'amore. Il ritorno a Parigi ha significato anche un brusco ritorno alla realtà: no, Yves non è ricco, tornato dal fronte si è reso conto di aver perduto tutto, ed è stato costretto (lui, cresciuto in un mondo in cui «c'erano ancora persone che potevano permettersi di non fare niente») a trovare un impiego che lo avvilisce e lo mortifica. In questa cronaca di un amore sghembo, in cui si fronteggiano due inconsapevoli egoismi, la giovanissima Irène Némirovsky sfodera già il suo sguardo acuminato e una perfetta padronanza della tecnica narrativa.

Il malinteso

Némirovsky Irène

Nulla sembra muoversi nell’assolata Minervino, patria della medium Eusapia Palladino. Finché in paese arriva il romanziere Guido Galliano, ingaggiato dal conte Ferdinando Canosa perché aiuti la volitiva moglie, Finizia, a finire il romanzo, proprio sulla vita della Palladino, cui invano lavora da anni. La cosa dovrà però accadere in segreto. Soprattutto senza che niente ne sappia Maddalena Nortano. E' infatti per contendere il primato a costei, sua rivale da quando le soffiò lo sposo sull’altare e ora, grazie ai suoi libri di storia locale, figura di spicco del Circolo “La Scesciola”, che Finizia coltiva il sogno di diventare scrittrice pur senza averne la benché minima capacità.

Una medium, due bovary e il mistero di Bocca di Lupo

Cappelli Gaetano

Alice ha lavorato sodo per raggiungere i suoi obiettivi e ora, a quasi cinquant'anni, sente di avercela finalmente fatta. Dopo anni di studio, di notti a base di caffè e libri di psicologia, ha coronato il suo sogno, è una scienziata di grido, insegna ad Harvard e viene chiamata dalle più prestigiose università per tenere conferenze. E poi c'è il suo più grande orgoglio, la famiglia: il marito John, un brillante esperto di chimica, che non riesce a trovare gli occhiali neppure quando li indossa, e i loro figli, Anna, Tom e Lydia, tutti e tre realizzati, anche se ognuno a modo suo. All'improvviso, però, tutto cambia. All'inizio sono solo piccole dimenticanze: una parola sulla punta della lingua che non riesce a ricordare, gli orari delle lezioni, il numero di uova nella ricetta del pudding natalizio, quello che prepara da più di vent'anni. E poi un giorno, dopo il giro di jogging quotidiano, Alice si ritrova in una piazza che è sicura di conoscere ma che non sa dove si trovi. Si è persa, a pochi metri da casa. Qui comincia il suo viaggio tra le corsie d'ospedale, a caccia del male che sta cancellando i suoi ricordi. Quando le viene diagnosticato l'Alzheimer precoce, tutto ciò in cui Alice ha sempre creduto pare sgretolarsi, il mondo intorno a lei sembra sfuggirle ogni giorno di più.

PERDERSI

Genova Lisa