Funny Girl

Hornby Nick

Descrizione: Una protagonista femminile forte e tenera al tempo stesso. Una storia divertente e agrodolce, ambientata nel mondo dello spettacolo sullo sfondo dei favolosi anni Sessanta della Swinging London. Un romanzo che si inserisce nella scia dei grandi successi di Nick Hornby, da "Alta fedeltà" a "Tutto per una ragazza". Dai suoi romanzi sono stati tratti numerosi film, di grande successo internazionale. In Italia ha venduto più di due milioni di copie.

Categoria:

Editore: Guanda

Collana: Narratori della Fenice

Anno: 2014

ISBN: 9788823509535

Recensito da Angela Del Prete

Le Vostre recensioni

Funny Girl di Nick Hornby è ambientato in Inghilterra, negli anni Sessanta. Sophie, alias Barbara, è una ragazza bellissima e lo sa. Ma di questa sua bellezza non se ne fa niente. Perché lei, che ha per idolo Lucille Ball, vuole far ridere la gente. Dopo aver rifiutato il primo posto nel concorso di bellezza del suo paese nel nord, si trasferisce a Londra alla ricerca di fortuna. Da commessa spiantata, dopo aver incontrato un agente che vorrebbe trasformarla in un sex symbol, riesce a fare un provino per una serie comica della BBC. Durante il provino, con la sua simpatia, ironia e intelligenza (e pure perché è bellissima), pur essendo completamente sconosciuta, conquista il posto come protagonista. E conquista anche gli autori, Bill e Tony, che nascondono un importante segreto, il protagonista maschile Clive, bello e vanesio, e il produttore Dennis, colto, sensibile e boccheggiante in un matrimonio disastroso. Loro, insieme a Sophie, alla serie che si chiamerà Barbara (e Jim), alla Swinging London, alla cultura popolare contrapposta a quella ‘alta’, fanno il libro. Che, almeno io, non ho richiuso se non quando sono arrivata all’ultima pagina.

Nel romanzo si parla di etichette. Di donne che non vogliono essere solo guardate, ma vogliono agire, di gay che cercano di rimanere nei binari di quello che la società pensa sia normale e di gay che invece spingono, cercano, sperimentano e che, a un certo punto, non si accontentano più. Si parla di nord e sud dell’Inghilterra e dell’incontro-scontro tra due diversi mondi culturali. Si parla degli intellettuali bacchettoni, che classificavano le serie comiche  più audaci come spazzatura per ‘plebei’ e che prevedevano già dove sarebbe finita la televisione.

Attraverso le vicende dei protagonisti della serie, in Funny Girl si parla anche delle persone vere che questa serie la fanno. Il set di Barbara (e Jim) diventa, a un certo punto, una specie di famiglia. La serie, oltre a conquistare gli spettatori con trovate rivoluzionarie, si intreccia pesantemente con le vicende degli attori e autori. Bill e Tony dovranno affrontare le loro diversità, Dennis, pur rimanendo un personaggio che dà sicurezza e al quale ci si affeziona subito, dovrà confrontarsi con la sua vita privata, Clive combatte con la vanità e l’ambizione, per molti versi, immotivata. Sophie diventerà un  personaggio amato, cercato e osannato da tutti, e dovrà decidere quale persona diventare.

Poi la magia finisce, perché è così che va. Sono anni di fermento e ben presto arriva qualcuno che osa di più e che piace di più. Non resta che aggrapparsi a quello che di buono si è costruito, per andare oltre e non avere rimpianti.  A quel punto, Sophie avrà ben chiara la sua strada e si accorgerà, molto dopo noi lettori, chi e perché dovrà accompagnarla.

Un libro divertente, pieno di dialoghi veloci e brillanti, da serie tv, proprio a ricalcare ciò di cui parla. Hornby è bravissimo a tenerci incollati alle pagine ed è bravo a fare ritrarre l’Inghilterra di quegli anni, in un ritratto non nostalgico e un po’ decadente. Non dà risposte, né formula forti giudizi. Ci racconta di come andavano le cose e ci diverte, però, senza farci spegnere il cervello.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( 1 commento )

Funny Girl - Nick Hornby - righevaghe

[…] Nel romanzo si parla di etichette. Di donne che non vogliono essere solo guardate, ma vogliono agire, di gay che cercano di rimanere nei binari di quello che la società pensa sia normale e di gay che invece spingono, cercano, sperimentano e che, a un certo punto, non si accontentano più. Si parla di nord e sud dell’Inghilterra e dell’incontro-scontro tra due diversi mondi culturali. Si parla degli intellettuali bacchettoni, che classificavano le serie comiche  più audaci come spazzatura per ‘plebei’ e che prevedevano già dove sarebbe finita la televisione. Continua qui! […]

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Nick

Hornby

Libri dallo stesso autore

Intervista a Hornby Nick


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Ampelio il nonno, Aldo l’intellettuale, il Rimediotti pensionato di destra, e il Del Tacca del Comune; sono i quattro vecchietti detective del BarLume. Attorno al nuovo biliardo sezionano gli ultimi fatti di Pineta, tra cui il terribile incidente della statale: è morto un ragazzino e sua madre è in coma profondo. Abituati a indagini e delitti i quattro si autoconvincono che non si sia trattato affatto di un incidente. Ritornano i quattro vecchietti detective del BarLume di Pineta, con il nipote Massimo il «barrista» e la brava banconista Tiziana. Dopo La briscola in cinque e Il gioco delle tre carte, con Il re dei giochi si può dire che ora siamo alla serie, sia per la caratterizzazione ben sagomata e viva di ciascun personaggio che lo rende familiare, sia per il brio naturale con cui, come un meccanismo ben avviato, funziona l’eccentrico amalgama che struttura le storie. Marco Malvaldi incardina senza sbalzi tre generi: la farsa comica della diatriba ininterrotta dei quattro amici pensionati al bar, stolidi, politicamente scorretti, malignamente affamati di pettegolezzi intorno alle abitudini dei loro compaesani; l’intreccio dell’investigazione deduttiva, da giallo logico alla, per dirne una, Miss Marple; e infine la commedia d’ambiente, che inscena più o meno intera una comunità: l’immaginario, ma realissimo, paesino di Pineta, sul litorale nei pressi di Pisa, in tutta la sua profonda toscanità, cioè l’umore popolaresco, iconoclasta, ridanciano, orgogliosamente localistico. Re dei giochi è il biliardo nuovo all’italiana giunto al BarLume. Ampelio il nonno, Aldo l’intellettuale, il Rimediotti pensionato di destra, e il Del Tacca del Comune (per distinguerlo da altri tre Del Tacca) vi si sono accampati e da lì sezionano con geometrica esattezza gli ultimi fatti di Pineta. Tra cui il terribile incidente della statale. È morto un ragazzino e sua madre è in coma profondo. Sono gli eredi di un ricchissimo costruttore. La madre è anche la segretaria di un uomo politico impegnato nella campagna elettorale. Non sembra un delitto. Manca il movente e pure l’occasione. «Anche quest’anno sembrava d’aver trovato un bell’omicidio per passare il tempo e loro vengono a rovinarti tutto». Ma la donna muore in ospedale, uccisa in modo maldestro. E sulle iperboliche ma sapienti maldicenze dei quattro ottuagenari cala, come una mente ordinatrice, l’intuizione logica del «barrista», investigatore per amor di pace.

IL RE DEI GIOCHI

Mavaldi Marco

Jim Parsons è un medico di talento, abile nelle più avanzate tecniche mediche e occupato a salvare vite umane. Ma un incidente stradale lo proietta improvvisamente a centinaia di anni di distanza nel futuro, dove Parsons scopre con orrore una civiltà incredibilmente avanzata, che abbraccia il culto della morte. Si trova quindi incastrato tra il suo istinto, che lo spingerebbe a guarire le persone, e il conflitto con una società in cui è illegale impegnarsi a salvare vite umane. Ma Parsons non è l’unico a credere che la vita abbia un valore da preservare, e coloro che condividono le sue convinzioni stanno mettendo a punto dei piani per sfruttare le sue competenze mediche, e per salvare il futuro della loro società. “Dottor Futuro” non è solo un’interpretazione emozionante di un futuro dai tratti inquietanti, è anche un excursus fantastico dei paradossi dei viaggi nel tempo che poteva venire solo dalla mente di Philip K. Dick.

Dottor futuro

Dick Philip K.

COSI’ ERA MILANO – di Bruno Pellegrino

Ninella ha cinquant'anni e un grande amore, don Mimì, con cui non si è potuta sposare. Ma il destino le fa un regalo inaspettato: sua figlia si fidanza proprio con il figlio dell'uomo che ha sempre sognato, e i due ragazzi decidono di convolare a nozze. Il matrimonio di Chiara e Damiano si trasforma così in un vero e proprio evento per Polignano a Mare, paese bianco e arroccato in uno degli angoli più magici della Puglia. Gli occhi dei 287 invitati non saranno però puntati sugli sposi, ma sui loro genitori. Ninella è la sarta più bella del paese, e da quando è rimasta vedova sta sempre in casa a cucire, cucinare e guardare il mare. In realtà è un vulcano solo temporaneamente spento. Don Mimì, dietro i baffi e i silenzi, nasconde l'inquieto desiderio di riavere quella donna solo per sé. A sorvegliare la situazione c'è sua moglie, la futura suocera di Chiara, che a Polignano chiamano la "First Lady". È lei a controllare e a gestire una festa di matrimonio preparata da mesi e che tutti vogliono indimenticabile: dal bouquet "semicascante" della sposa al gran buffet di antipasti, dall'assegnazione dei posti alle bomboniere - passando per l'Ave Maria -, nulla è lasciato al caso. Ma è un attimo e la situazione può precipitare nel caos, grazie a un susseguirsi di colpi di scena e a una serie di personaggi esilaranti: una diciassettenne che deve perdere cinque chili e la verginità; un testimone gay che si presenta con una finta fidanzata; una zia che da quando si è trasferita in Veneto dice "voi meridionali" e un truccatore che obbliga la sposa a non commuoversi per non rovinare il make-up. Io che amo solo te è un romanzo sulle gioie segrete, sull'arte di attendere e sulle paure dell'ultimo minuto. Tra ironia e commozione, quello di Luca Bianchini è un avventuroso viaggio sull'amore, che arriva - o ritorna - quando meno te lo aspetti, ti rimette in gioco e ti porta dove decide lui. Come il maestrale, che accompagna i tre giorni di questa storia, sullo sfondo di una Puglia dove regnano ancora antichi valori e tanta bellezza.

IO CHE AMO SOLO TE

Bianchini Luca