Funny Girl

Hornby Nick

Descrizione: Una protagonista femminile forte e tenera al tempo stesso. Una storia divertente e agrodolce, ambientata nel mondo dello spettacolo sullo sfondo dei favolosi anni Sessanta della Swinging London. Un romanzo che si inserisce nella scia dei grandi successi di Nick Hornby, da "Alta fedeltà" a "Tutto per una ragazza". Dai suoi romanzi sono stati tratti numerosi film, di grande successo internazionale. In Italia ha venduto più di due milioni di copie.

Categoria:

Editore: Guanda

Collana: Narratori della Fenice

Anno: 2014

ISBN: 9788823509535

Recensito da Angela Del Prete

Le Vostre recensioni

Funny Girl di Nick Hornby è ambientato in Inghilterra, negli anni Sessanta. Sophie, alias Barbara, è una ragazza bellissima e lo sa. Ma di questa sua bellezza non se ne fa niente. Perché lei, che ha per idolo Lucille Ball, vuole far ridere la gente. Dopo aver rifiutato il primo posto nel concorso di bellezza del suo paese nel nord, si trasferisce a Londra alla ricerca di fortuna. Da commessa spiantata, dopo aver incontrato un agente che vorrebbe trasformarla in un sex symbol, riesce a fare un provino per una serie comica della BBC. Durante il provino, con la sua simpatia, ironia e intelligenza (e pure perché è bellissima), pur essendo completamente sconosciuta, conquista il posto come protagonista. E conquista anche gli autori, Bill e Tony, che nascondono un importante segreto, il protagonista maschile Clive, bello e vanesio, e il produttore Dennis, colto, sensibile e boccheggiante in un matrimonio disastroso. Loro, insieme a Sophie, alla serie che si chiamerà Barbara (e Jim), alla Swinging London, alla cultura popolare contrapposta a quella ‘alta’, fanno il libro. Che, almeno io, non ho richiuso se non quando sono arrivata all’ultima pagina.

Nel romanzo si parla di etichette. Di donne che non vogliono essere solo guardate, ma vogliono agire, di gay che cercano di rimanere nei binari di quello che la società pensa sia normale e di gay che invece spingono, cercano, sperimentano e che, a un certo punto, non si accontentano più. Si parla di nord e sud dell’Inghilterra e dell’incontro-scontro tra due diversi mondi culturali. Si parla degli intellettuali bacchettoni, che classificavano le serie comiche  più audaci come spazzatura per ‘plebei’ e che prevedevano già dove sarebbe finita la televisione.

Attraverso le vicende dei protagonisti della serie, in Funny Girl si parla anche delle persone vere che questa serie la fanno. Il set di Barbara (e Jim) diventa, a un certo punto, una specie di famiglia. La serie, oltre a conquistare gli spettatori con trovate rivoluzionarie, si intreccia pesantemente con le vicende degli attori e autori. Bill e Tony dovranno affrontare le loro diversità, Dennis, pur rimanendo un personaggio che dà sicurezza e al quale ci si affeziona subito, dovrà confrontarsi con la sua vita privata, Clive combatte con la vanità e l’ambizione, per molti versi, immotivata. Sophie diventerà un  personaggio amato, cercato e osannato da tutti, e dovrà decidere quale persona diventare.

Poi la magia finisce, perché è così che va. Sono anni di fermento e ben presto arriva qualcuno che osa di più e che piace di più. Non resta che aggrapparsi a quello che di buono si è costruito, per andare oltre e non avere rimpianti.  A quel punto, Sophie avrà ben chiara la sua strada e si accorgerà, molto dopo noi lettori, chi e perché dovrà accompagnarla.

Un libro divertente, pieno di dialoghi veloci e brillanti, da serie tv, proprio a ricalcare ciò di cui parla. Hornby è bravissimo a tenerci incollati alle pagine ed è bravo a fare ritrarre l’Inghilterra di quegli anni, in un ritratto non nostalgico e un po’ decadente. Non dà risposte, né formula forti giudizi. Ci racconta di come andavano le cose e ci diverte, però, senza farci spegnere il cervello.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( 1 commento )

Funny Girl - Nick Hornby - righevaghe

[…] Nel romanzo si parla di etichette. Di donne che non vogliono essere solo guardate, ma vogliono agire, di gay che cercano di rimanere nei binari di quello che la società pensa sia normale e di gay che invece spingono, cercano, sperimentano e che, a un certo punto, non si accontentano più. Si parla di nord e sud dell’Inghilterra e dell’incontro-scontro tra due diversi mondi culturali. Si parla degli intellettuali bacchettoni, che classificavano le serie comiche  più audaci come spazzatura per ‘plebei’ e che prevedevano già dove sarebbe finita la televisione. Continua qui! […]

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Nick

Hornby

Libri dallo stesso autore

Intervista a Hornby Nick


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Questo saggio nasce dalla passione dell'autrice per la psicoanalisi e per il canto, ed esplora la voce nel suo valore di legame sociale, di capacità inventiva e sublimatoria. È uno sguardo attento sulla voce mentre fa arte, in un'epoca, quella attuale, controversa e per molti cospetti anestetica, cioè sfavorevole all'estetica e alla sensibilità. All'interno di un discorso dominante in cui "la sicurezza è il bene supremo e l'unica audacia ammessa è quella del consumo", cantare può divenire un modo per affermare la propria unicità e contrastare la spinta all'omologazione del mondo contemporaneo. Come si manifesta nel canto la dimensione pulsionale che contraddistingue ogni atto creativo? In che senso un corpo che dà voce è metaforicamente femminile? Qual è il rapporto tra canto e godimento? A queste e altre domande il volume risponde spaziando dalle "voci narcise" a quelle sperimentali, da Tom Waits a Demetrio Stratos a Mina, dai castrati alla death voice (nata nell'universo heavy metal), dalle diplofonie al rumore bianco, al silenzio. Non mancano una rivisitazione del mito di Orfeo e l'esame coraggioso di tematiche quali la dislessia e le voci stonate, la relazione tra canto e anoressia, il vissuto del cambio della voce negli adolescenti, le voci trans.

Voci smarrite

Pigozzi Laura

II re dei camosci è un animale ormai stanco. Solitario e orgoglioso, da anni ha imposto al branco la sua supremazia. Forse è giunto il tempo che le sue corna si arrendano a quelle di un figlio più deciso. E novembre, tempo di duelli: è il tempo delle femmine. Dalla valle sale l'odore dell'uomo, dell'assassino di sua madre. Anche l'uomo, quell'uomo, era in là negli anni, e gran parte della sua vita era passata a cacciare di frodo le bestie in montagna. E anche quell'uomo porta, impropriamente, il nome di "re dei camosci" - per quanti ne aveva uccisi. Ha una Trecento magnum e una pallottola da undici grammi: non lasciava mai la bestia ferita, l'abbatteva con un solo colpo. Erri De Luca spia l'imminenza dello scontro, di un duello che sembra contenere tutti i duelli. Lo fa entrando in due solitudini diverse: quella del grande camoscio fermo sotto l'immensa e protettiva volta del cielo e quella del cacciatore, del ladro di bestiame, che non ha mai avuto una vera storia da raccontare per rapire l'attenzione delle donne, per vincere la sua battaglia con gli altri uomini. "In ogni specie sono i solitari a tentare esperienze nuove," dice De Luca. E qui si racconta, per l'appunto, di questi due animali che si fronteggiano da una distanza sempre meno sensibile, fino alla pietà di un abbraccio mortale.

Il peso della farfalla

De Luca Erri

Uno dei più clamorosi successi letterari giapponesi di tutti i tempi è anche il libro più intimo, introspettivo di Murakami, che qui si stacca dalle atmosfere oniriche e surreali che lo hanno reso famoso, per esplorare il mondo in ombra dei sentimenti e della solitudine. Norwegian Wood è anche un grande romanzo sull'adolescenza, sul conflitto tra il desiderio di essere integrati nel mondo degli "altri" per entrare vittoriosi nella vita adulta e il bisogno irrinunciabile di essere se stessi, costi quel costi. Come il giovane Holden, Toru è continuamente assalito dal dubbio di aver sbagliato o poter sbagliare nelle sue scelte di vita e di amore, ma è anche guidato da un ostinato e personale senso della morale e da un'istintiva avversione per tutto ciò che sa di finto e costruito. Diviso tra due ragazze, Naoko e Midori, che lo attirano entrambe con forza irresistibile, Toru non può fare altro che decidere. O aspettare che la vita (e la morte) decidano per lui.

Norwegian Wood. Tokyo blues

Murakami Haruki

La neve avvolge in una coltre silenziosa la piccola cittadina di Rumilly, nell’Alta Savoia. Due bambini corrono a perdifiato nel bianco sterminato. Per festeggiare il loro decimo compleanno hanno deciso di sfidare la proibizione paterna e intrufolarsi nella tenuta del Castello. In punta di piedi si avvicinano alla finestra e incollano il naso al vetro. Devono scoprire se quello che si racconta del padrone di casa è la realtà. E quello che vedono è ancora più sorprendete delle voci di paese. Il canarino rinchiuso nell’elegante gabbia dorata è davvero tutto blu, e dello stesso colore è il viso del suo padrone, Jean-Antoine Giobert, che vive isolato in quell’edificio in rovina, circondato da campi di Isatis Tintoria, una pianta che fornice un particolarissimo pigmento blu. Unico superstite di una famiglia massacrata durante la rivoluzione, il ricco signorotto non ha che una passione e ossessione: l’indaco. Lo studia e lo sperimenta in ogni sua sfumatura e gradazione, per poi venderla a peso d’oro. Tutta la sua esistenza è dedicata alla ricerca del blu perfetto, su cui scrive un ponderoso trattato e per la quale partecipa, vincendoli sempre, a bizzarri concorsi per la premiazione del colore più puro. Ma nei giorni che seguono a questi successi vengono scoperti efferati delitti che sono pericolosamente simili ai deliri onirici di cui Giobert è preda ormai da molte notti. Per sfuggire al dubbio scagionarsi, è costretto a intrecciare la sue ricerche con quella dell’assassino, in una spirale cupa e ipnotica. Gérard Roero di Cortanze descrive tutta la crudeltà del nostro essere interiore, fino nei meandri più nascosti e proibiti. Una vera e propria favola del male.

Il colore della paura

Cortanze Gérard Roero di