Raccolte

Generazione di perplessi

Saporito Roberto

Descrizione: I diciannove racconti di questo libro sono accomunati dalla rappresentazione di personaggi non totalmente preparati a vivere, 'perplessi' nei confronti delle certezze degli “altri”: se questi non si pongono neppure il problema di come stiano vivendo, i protagonisti fanno della loro debolezza la forza con cui condurre un'esistenza più lucida e vincente. Nella narrazione emerge il tema del lavoro vissuto come una sorta di nemico, quello che si compie ma che non si vorrebbe compiere. In questo dissidio troviamo la figura dell'artista, con le sue idiosincrasie verso la cieca logica di mercato. Ai torti subìti dalla società, la 'generazione di perplessi' risponde con una sproporzionata e clamorosa violenza oppure non reagisce affatto, lasciandosi trascinare dallo scorrere degli eventi. Attingendo da vari stili letterari, dal minimalismo al postmoderno, i racconti creano uno stile unico e originale, una voce assolutamente riconoscibile nel panorama letterario italiano.

Categoria: Raccolte

Editore: Edizioni della Sera

Collana:

Anno: 2011

ISBN: 9788897139089

Recensito da Alessandra Allegretti

Le Vostre recensioni

I diciannove racconti di Roberto Saporito parlano di uomini che a loro modo si ribellano: si fermano davanti al ritmo frenetico della società di oggi. Questi sono i perplessi, che sono sempre alla ricerca di una reazione alla vuota omologazione che trascina.

Il tratto che li accomuna è il rifiuto di aderire al resto del mondo: si isolano all’interno delle loro case-rifugio. Spesso sono soli, ma non isolati: ascoltano bella musica e vestono alla moda. Li distingue la resistenza ad accettare supinamente le motivazioni decantate dalla società.

Il lavoro non è gratificante e li annichilisce, li svuota da qualsiasi ispirazione. Il denaro non ne fa la felicità, è cosa risaputa. Gli amanti, spesso superficiali, li colpiscono nel profondo, perché nel momento in cui si ritirano nel cantuccio sono traditi e presi in giro con leggerezza.

I perplessi, che le mode imperanti dei nuovi yuppies definirebbero perdenti, sanno però alzare la voce e tutti hanno in qualche modo una reazione violenta, anche quelli che scelgono di stare a guardare.

La fantasia dell’autore carpisce bene le sfumature dei loro animi e li rende eroi o demoni del proprio destino. Come esperienza estrema la morte è dietro ciascuno, anche come spunto per ritrovare la gioia di vivere nelle cose più semplici, come il profumo del cornetto appena sfornato o l’odore della benzina.

Il genere dei piccoli racconti è azzeccatissimo, perché la brevità è emblematica della stasi in cui si immergono i protagonisti. Ogni storia è una istantanea: alcuni sono osservati e raccontati dall’esterno, altri sono percorsi nel loro intimo in prima persona.

Lo stile, stringato e lapidario, scarnifica il vano e tratteggia i personaggi in modo incisivo ed essenziale.

Ognuno di loro in fondo potrebbe rivelare un lato di ciascuno di noi che nuotiamo nella stessa corrente. Un giorno potremmo salire sulla riva, fermarci ad osservare i flutti e scegliere una alternativa.

Ma le loro vicende dovrebbero essere un monito più che un suggerimento.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Roberto

Saporito

Libri dallo stesso autore

Intervista a Saporito Roberto


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

A distanza di 32 anni da quel giorno, e dopo i processi che hanno visto il coinvolgimento di molti paesi (Polonia, Turchia, Bulgaria, Russia, Germania), finalmente Ali Agca vuota il sacco per dire quella verità che non è mai venuta fuori. Una rivelazione. E insieme ricostruire molte altri aspetti mai confessati o chiariti. Non è vero, per esempio, che Ali sparò solo due colpi per non uccidere il papa, la verità è che la pistola s'inceppò. L'autore, con l'aiuto di un giornalista che non ha voluto rendere pubblico il nome per paura di possibili ritorsioni e che ha potuto verificare l'attendibilità del racconto di Ali, rivela anche la sua vita di terrorista e di cecchino al servizio della causa islamica, fin dai tempi della sua adolescenza, in un crescendo fatto di fede disperata e voglia di riscatto. Il libro si legge come un romanzo, un memoir avvincente, e per questo si presta a una doppia lettura, in chiave giornalistica e narrativa, toccando tutti i punti che hanno reso l'attentato al papa, con il corollario della scomparsa di Emanuela Orlandi, uno dei gialli internazionali più clamorosi del secolo passato.

Mi avevano promesso il paradiso

Ağca Ali

Franco Scelsit, cinquantenne, vizioso e appassionato di bolidi anni '60 (che compra e distrugge in bizzarre gare amatoriali) è convinto di essere uno scrittore di talento incompreso. Il riconosci-mento economico e letterario arriverà quando, sotto pseudonimo, comincerà a pubblicare thriller da autogrill, Potrebbe finalmente scappare da Milano, dalla madre rompiballe e dal fratello artista con cui vive, ma un infarto improvviso stravolge ogni piano. Da un ospedale di periferia Franco si ritrova a dover ripensare la propria vita. Con lui, un agguerrita gruppo di infartuati di diversa età ed estrazione con cui instaura un rapporto di cameratismo ed accettazione della condizione umana. Un romanzo egregiamente scritto per chi nella vita non riesce a sfondare, anche per cause "contingenti". Perché solo uno spirito illuminato sa scherzare sulla propria morte.

Grandi momenti

Krauspenhaar Franz

Per settecento anni è rimasto nascosto in un muro dell'abbazia. Poi una scintilla ha scatenato un incendio e il muro è crollato. Stupito, l'abate Menaud sfoglia quel volume impreziosito da disegni di animali e di piante. È scritto in codice, ma le prime parole sono in latino: Io, Barthomieu, monaco dell'abbazia di Ruac, ho duecentoventi anni. E questa è la mia storia. Per migliaia di anni è rimasto immerso nell'oscurità. Poi un'intuizione ha squarciato le tenebre. Incredulo, l'archeologo Luc Simard cammina in quel grandioso complesso di caverne, interamente decorate con splendidi dipinti rupestri. E arriva all'ultima grotta, la più sorprendente, dove sono raffigurate alcune piante: le stesse riprodotte nell'enigmatico manoscritto medievale… Per un tempo indefinibile è rimasto avvolto nel mistero. È stato custodito da santi e da assassini, è stato una fonte di vita e una ragione di morte. Poi un imprevisto ha rischiato di svelarlo agli occhi del mondo. Spietati, gli abitanti di Ruac non hanno dubbi: i forestieri devono essere fermati. Perché la cosa più importante è difendere il loro segreto. A ogni costo.

LA MAPPA DEL DESTINO

Cooper Glenn

Un inno alla vita, tra fiction e realtà. Il romanzo più disperato e divertito di Franz Krauspenhaar, pericolosamente in bilico tra il coronarico e l’esoterico. Franco Scelsit, cinquantenne, vizioso e appassionato di bolidi anni ’60 – che compra e distrugge in furiose scorribande notturne – è convinto di essere uno scrittore dal talento incompreso. Il riconoscimento economico arriva quando, sotto pseudonimo, crea il personaggio di Stan Dolero e comincia a pubblicare thriller di bassa lega che affollano gli autogrill dell’intera Penisola. Potrebbe finalmente scappare da Milano, da una madre apprensiva e dal fratello saggio e alienato con cui vive, ma un infarto arriva a stravolgere ogni piano. Da un ospedale di periferia, Franco si trova a dover ripensare la propria vita. A fargli da spalla, un agguerrito gruppo di infartuati di diversa età ed estrazione sociale con cui instaura un rapporto di cameratismo ed accettazione della transitorietà umana. “Se la noia di vivere avesse un prezzo sarebbe quello di una mutanda di Bulgari. Bulgari non tratta mutande? Beh, per ora.”

Grandi momenti

Frank Krauspenhaar