Narrativa

Genesi 3.0

Calvisi Angelo

Descrizione: Il giovane Simon vive come un animale ai margini di un bosco preistorico eppure futuribile. Ci vive con il Polacco che dovrebbe essere suo padre. Dopo visite di misteriosi militari, si mette in viaggio per la Capitale al seguito del Polacco, il folle eroe di guerra chiamato a compiere un'oscura missione urbanistica e militare. Nella grande città, la vita di Simon diventa un incubo di lavoro inutile, burocrazia tumorale e sanità alienata. Il risveglio arriverà all'improvviso, sull'orlo di un riscatto mai immaginato.

Categoria: Narrativa

Editore: Neo Edizioni

Collana: Iena

Anno: 2019

ISBN: 9788896176641

Recensito da Tommaso De Beni

Le Vostre recensioni

Genesi 3.0 di Angelo Calvisi

Genesi 3.0 è un libro difficile sotto tutti i punti di vista. La difficoltà nel leggerlo è direttamente proporzionale a quella nel raccontarlo. Un libro che dimostra ancora una volta il coraggio di una casa editrice come NEO, che dà spazio a voci controcorrente e a volte borderline.

Volendo provare a dare delle coordinate precise, si può dire che questo libro assomigli molto a Il pianeta irritabile di Paolo Volponi. Anche in quel caso si tratta di un libro difficile, il più ostico dello scrittore urbinate, noto soprattutto per il suo legame con il mondo industriale. Il pianeta irritabile è semisconosciuto in Italia, ma fu molto apprezzato in Giappone. Il protagonista è un nano scappato da un circo assieme a un’oca, un elefante e una scimmia. Alla fine di mille peripezie la strana compagnia affronta come in un videogame il nemico finale, Moneta. Pur nella difficoltà della storia ricca di scene splatter, di sesso, parolacce, immagini e scene assurde, grottesche, grandguignolesche e trash, Il pianeta irritabile è una chiara allegoria della lotta tra comunismo e capitalismo, in un contesto post-apocalittico dove l’uomo ovviamente con il suo egoismo paga lo scotto di aver maltrattato la natura per anni.

Genesi 3.0 è un’allegoria simile, ma manca l’aspetto politico e ideologico. Inoltre, se in Volponi la natura era tumefatta, drogata, sporca, con la quasi totale sparizione di alcune specie animali e dove soprattutto l’elemento umano era stato fatto fuori, in Calvisi la natura è presente e viva (le scene descrittive nei boschi sono le più belle del romanzo). Le piante, gli animali e gli umani in Genesi 3.0 ci sono ancora. Come in Volponi il corpo è centrale. Anche qui abbiamo mutilazioni e anche qui la banale funzione fisiologica di liberare l’intestino assume significati trascendentali. Probabilmente siamo alla fine di una guerra, il governo è molto rigido e militaresco, con elementi sovversivi pronti a compiere attentati terroristici contro il Potere. La società è classista e ovviamente la ribellione parte dal basso, con i poveri che cercano di distruggere i privilegi dei ricchi. L’esercito e il clero fanno da scendiletto, da trampolino, da stampella, a questo Potere corrotto e ingiusto, pur senza goderne appieno i privilegi.

In questo contesto Simon, talmente inetto e disadattato che la sua scopamica è una gallina, scopre di far parte della casta. Suo padre è il Grande Urbanista, sua madre è una specie di papessa e per lui si apriranno le porte del potere. Nel frattempo si imbatte nei ribelli, sembra quasi sposarne la causa senza neanche rendersene conto, compie un grandissimo gesto di ribellione e nessuno se ne accorge, si accoppia con una di loro e la fa diventare sua moglie e madre di suo figlio, ma lei dorme sempre, sbadiglia, non sembra molto partecipe.

Da un certo punto del romanzo tutto capita per caso. E uno dei significati di Genesi 3.0 potrebbe essere proprio questo: l’incapacità dell’uomo contemporaneo di essere artefice del proprio destino. L’incapacità di compiere un gesto con la g maiuscola, un’azione incisiva, l’incapacità di essere riconosciuti come individui, elementi unici e non come pedine, burattini, parte del sistema. L’incapacità di essere visti e ricordati per quello che vogliamo noi e non per quello che vogliono gli altri. Rimane il dubbio su quale sia l’origine di quest’incapacità. Perché non si riesce a cogliere fino in fondo, o almeno io non ci sono riuscito, dove Calvisi voglia andare a parare. Geniale per esempio la descrizione dell’odissea burocratica che il protagonista deve compiere per far visita alla moglie partoriente in ospedale. Una genialità comica simile a quella di Paolo Villaggio nei panni del suo personaggio più noto, Fantozzi, e che ovviamente ha radici in Kafka. Ma che messa lì così, in un momento in cui il lettore sta cercando di capire il senso di ciò che sta leggendo, rischia di perdere anche la sua efficacia (un po’ come raccontare una barzelletta mentre si sta cercando parcheggio, per quanto divertente sia, risulta inopportuna in quanto la concentrazione è rivolta ad altro). Ma il bello di Genesi 3.0 è anche questo: di essere un libro aperto a diverse interpretazioni e scritto probabilmente per essere letto più volte in modo da coglierne tutte le sfumature.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Angelo

Calvisi

Libri dallo stesso autore

Intervista a Calvisi Angelo


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Per il famoso scrittore di libri gialli Gian Claudio Vasco, il nuovo romanzo si rivela un'impresa quasi impossibile. Perché questa volta non c'è finzione, deve scrivere di un'indagine vera. Anzi, di una vita intera passata a seguire tracce, a smascherare intrighi criminali. La vita di Bacci Pagano. L'investigatore dei carruggi ha un conto aperto con la morte. L'ultima indagine l'ha messo in pericolo al punto che ora è costretto a casa in una convalescenza forzata e complicata. Ma i suoi amici, il senatore Almansi e l'avvocato Gina Aliprandi, non si sono dimenticati di lui e hanno pensato fosse arrivato il momento di rendere onore a un'esistenza trascorsa a cercare la verità a ogni costo. E Vasco è l'uomo giusto per raccontarla. Eppure il giallista deve faticare non poco per convincerlo. Bacci Pagano non ha nessuna intenzione di finire in un libro. Fino a quando il suo intuito infallibile non gli dice di fidarsi di quello scrittore che fa poche domande e con cui trova un'intesa inaspettata. I due scavano nel passato di Bacci Pagano, tra rimpianti, rimorsi e donne a cui ha spezzato il cuore. E piano piano arrivano a ricostruire quel fatidico giorno in cui qualcuno ha tentato di ucciderlo, per toglierlo di mezzo. Bacci Pagano deve sapere. E se non può indagare di persona, in Vasco ha trovato un valido alleato. Un alleato che a sue spese scopre che il male esiste davvero, che gli incubi peggiori a volte si avverano.

Un conto aperto con la morte (dialogando con l’autore)

Morchio Bruno

Alcune storie per bambini, tra cui ve ne sono anche di inedite, di Elsa Morante raccolte da Giuseppe Pontremoli e illustrate dalla stessa autrice.

Le bellissime avventure di Caterí dalla trecciolina e altre storie

Morante Elsa

“Voci di famiglia” è un titolo che allude alla storia narrata, dove parlano tre persone distintamente, quelle che in un'unica scena del romanzo formano una famiglia.Sofia si reca al cimitero a portare un fiore a sua madre, Ashley. Era una scrittrice, e prima di morire aveva chiesto che all'interno della cappella dove avrebbe dimorato la sua salma, ci fosse un ripiano dove collocare una copia di ogni suo libro. Chi avesse voluto prenderne uno da leggere, in cambio avrebbe dovuto lasciare un fiore. Sofia vede una rosa rossa. Vede che non c'è La musica del silenzio, l'unico che non ha letto. Torna a casa, prende il libro, si accomoda sul letto e inizia a leggere una storia che non conosceva. Nel libro che Sofia legge segue una pagina bianca; intuisce che la seconda parte non è stata scritta da sua madre. Quando Sofia torna al cimitero vede che il libro è stato riportato, ma ce n'è anche un altro mai visto prima. Si intitola “Il risveglio” ed è firmato solo con un nome: Luciano. Sofia si guarda intorno ma non vede nessuno. Torna a casa per leggerlo.Poi si reca al cimitero, e lo inserisce accanto ai libri scritti da sua madre. Sente un rumore alle sue spalle. Si volta, e lo vede.

Voci di famiglia

Giubilei Vincenza

Tra l'autunno del 567 e l'estate del 568 molti popoli premono alle porte dell'Italia, e tra questi ci sono i Longobardi, i guerrieri dalle lunghe barbe, che dalle pianure della Pannonia si muovono verso le fertili distese al di là delle Alpi. Un'imponente carovana composta da trecentomila uomini, donne, bambini e mandrie, guidata dal re Alboino, comincia così la sua Grande Marcia alla conquista di nuove terre. Intorno al leggendario Alboino si muovono i personaggi di una grandiosa epopea: la moglie e regina Rosmunda, il fratello di latte Elmichi, la figlia ribelle Alpsuinda, la spietata e bellissima sacerdotessa Rodelinda e gli Ari, sanguinaria setta di guerrieri votati al culto del dio Wotan. In Italia intanto l'avamposto di San Giorgio, ai piedi del passo del Predil, si organizza per resistere all'invasione. Il duca Agostino, Attolico, Isabella, la piccola Ignatia e Antinoro sono l'espressione di un popolo che non vuole arrendersi e che lotta fino alla fine per la propria libertà. Questo libro narra le gesta di due civiltà che si fronteggiano, i trionfi e le sconfitte, i tradimenti e le passioni, ma soprattutto la creazione di un nuovo regno e, forse, di una possibile rinascita.

568 D.C. i Longobardi. La grande marcia

Colloredo Sabina