Giallo - thriller - noir

Le geometrie dell’animo omicida

Bartolini Monica

Descrizione: Un turno di radiomobile come tanti si trasforma presto nell'inizio di un vero rompicapo. In Contrada Madonnuzza è stato trovato il corpo senza vita di una giovane donna, bendata, mani e piedi legati. Sul luogo del ritrovamento giungono il capitano Spada e il maresciallo Piscopo ma non solo. Per cercare l'assassino e il movente di questo omicidio, si aprono, infatti, tre piste divergenti, ciascuna battuta da personaggi interessanti che hanno tutti un buon motivo per consegnare alla giustizia il colpevole. La competenza e la professionalità degli uomini dell'arma, si incontrano e scontrano, così, con un reporter d'assalto alla ricerca del ghiotto scoop da mandare in Tv in una sensazionale prima serata, e con un'insolita appassionata di mappe astrali.

Categoria: Giallo - thriller - noir

Editore: Scrittura e Scritture

Collana:

Anno: 2013

ISBN: 9788889682593

Recensito da Donatella Perullo

Le Vostre recensioni

È estate, una mattinata afosa. I carabinieri Laganà e Giunti hanno appena iniziato il loro turno di pattuglia, quando la radio li allerta. Un cadavere è stato ritrovato all’interno di un’auto in contrada Madonnuzza,  alla periferia della città, in una piccola strada a picco sul mare. Il corpo è quello di una giovane donna, legata mani e piedi e con una benda sugli occhi.

L’indagine viene affidata al capitano Spada e al maresciallo Piscopo che iniziando ad indagare sulla vita della defunta e sulle persone che la circondavano.

Con grande sorpresa il maresciallo scoprirà che la vittima è Federica Ruggieri, la migliore amica di sua figlia Tina. L’amicizia di Tina con la vittima provocherà non pochi grattacapi al Maresciallo Piscopo. La ragazza infatti è una appassionata di astrologia e dopo un primo momento di choc, nonostante le opposizioni del padre, affronterà il lutto sfruttando la sua conoscenza della materia per collaborare alle indagini.

Inizia così Le geometrie dell’animo omicida, il poliziesco con una marcia in più. Monica Bartolini ci espone con la sua scrittura limpida, il racconto di un’indagine avvincente e al contempo quello di personaggi umani e realistici ai quali non si fatica ad affezionarsi. La maestria dell’autrice sta anche, infatti, nella capacità di dare vita a personalità così brillanti e credibili da divenire il punto di forza del romanzo. Lasciano il segno l’umano maresciallo, la sua caparbia figliola, il pragmatico capitano Spada, il ficcanaso giornalista Sansò e persino  i numerosi caratteri, per così dire, di secondo piano.

Le geometrie dell’animo omicida è anche, e soprattutto, il racconto ben costruito, del dipanarsi di un mistero del quale, per ovvi motivi, non posso approfondire altre argomentazioni senza rischiare di rivelare troppo. Certo è che se è vero che esistono libri che si leggono in fretta perché coinvolgenti e si lasciano con nostalgia, Le geometrie dell’animo omicida è uno di questi.

Monica Bartolini è una veterana della narrazione gialla. Ha pubblicato diversi racconti due dei quali per i Gialli Mondadori ed è stata vincitrice nel 2010 del premio Gran giallo Città di Cattolica. Nel 2008 pubblica il suo primo romanzo, Interno 8 con l’editrice Albatros- Il Filo. Nel 2011 Le geometrie dell’animo omicida, che per sua stessa ammissione è il lavoro che ama di più, è finalista del Premio tedeschi. Soprannominata Larossachescrivegialli, Monica Bartolini scrive recensioni per i siti Thriller Cafè e Wlibri e collabora con il progetto Piccoli Maestri, scuola di lettura per ragazzi, recandosi nelle scuole per leggere agli alunni i suoi libri gialli preferiti.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Monica

Bartolini

Libri dallo stesso autore

Intervista a Bartolini Monica


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Sin da ragazza Dalia ha lavorato come dattilografa, attraversando il ventesimo secolo sempre accompagnata dalla sua macchina da scrivere portatile, una Olivetti mp1 rossa. La macchina da scrivere ha percorso con Dalia gli anni dell’ascesa fascista, il secondo conflitto mondiale, il dopoguerra, il boom economico, sino a giungere agli anni Novanta, quando le macchine da scrivere stanno cadendo in disuso a causa dell’avvento dei personal computer, e l’ormai anziana dattilografa viene colpita da un ictus che, pur non rivelandosi letale, offusca parte della sua memoria. I ricordi di Dalia non si sono tuttavia dissolti, essi sopravvivono nella memoria tattile dei suoi polpastrelli, dai quali possono essere liberati soltanto grazie al contatto con i tasti della sua Olivetti rossa. Attraverso la macchina da scrivere, Dalia ripercorre la propria esistenza: gli amori, i lutti e i mille espedienti attuati per sopravvivere, procedendo sempre a testa alta con dignità e buonumore. Un unico ricordo, tuttavia, legato al suo grande amore, le sfugge, ma Dalia è decisa a ritrovarlo grazie agli indizi che qualcuno, o forse qualcosa, ha disseminato lungo il suo percorso.

La ragazza con la macchina da scrivere

Icardi Desy

Peter abbandona poco più che ragazzo il paese natale per scoprire il mondo; impara a osservare con distacco gli esseri umani e arriva ad auspicare il ritorno a un mondo primordiale, pre-urbano. Introduzione di Chiusano I. A.

PETER CAMENZIND

Hesse Hermann

Elliott è un uomo di successo; sessantenne è un chirurgo di fama, vive a San Francisco e la sua vita privata ruota tutta attorno all'adorata figlia Angie. Un'unica ombra in questo quadro perfetto: Ilena, il suo grande amore, lo ha lasciato solo trentanni addietro, morendo in un tragico incidente. Un dolore immenso che nemmeno il tempo ha saputo lenire. Per una strana combinazione di eventi, un giorno gli viene data l'occasione di tornare indietro negli anni Sessanta, quando era un giovane medico ambizioso e idealista e perdutamente innamorato. Immerso in quel magico momento di felicità, Elliott si confronta con il passato vivendo momenti di rimpianto e di passione. Purtroppo una scelta dolorosa lo attende: ora sa che con un semplice gesto potrebbe salvare Ilena e modificare il corso di quel destino crudele, ma compierlo significherebbe rinunciare all'amatissima figlia...

Chi ama torna sempre indietro

Musso Guillaume

«L'amore, mia cara, è un sentimento di lusso!»: questo cerca di spiegare una madre che ha molto vissuto (e che dalla vita ha imparato una grande lezione: «Dare pochissimo e pretendere ancora meno») alla figlia innamorata e infelice. Ma lei, Denise, non lo capisce: quando suo marito glielo ha presentato sulla spiaggia di Hendaye, Yves le è apparso come un giovanotto elegante, raffinato, di bell'aspetto; e poiché alloggiava nel suo stesso albergo, ha creduto che fosse ricco quanto l'uomo che ha sposato, e a cui la lega un affetto tiepido e un po' annoiato. Poi il marito è stato richiamato a Londra da affari urgenti, e quelle giornate di settembre «piene e dorate» sono state come un sogno: la scoperta della reciproca attrazione, le passeggiate, le notti d'amore. Il ritorno a Parigi ha significato anche un brusco ritorno alla realtà: no, Yves non è ricco, tornato dal fronte si è reso conto di aver perduto tutto, ed è stato costretto (lui, cresciuto in un mondo in cui «c'erano ancora persone che potevano permettersi di non fare niente») a trovare un impiego che lo avvilisce e lo mortifica. In questa cronaca di un amore sghembo, in cui si fronteggiano due inconsapevoli egoismi, la giovanissima Irène Némirovsky sfodera già il suo sguardo acuminato e una perfetta padronanza della tecnica narrativa.

Il malinteso

Némirovsky Irène