Giallo - thriller - noir

Le geometrie dell’animo omicida

Bartolini Monica

Descrizione: Un turno di radiomobile come tanti si trasforma presto nell'inizio di un vero rompicapo. In Contrada Madonnuzza è stato trovato il corpo senza vita di una giovane donna, bendata, mani e piedi legati. Sul luogo del ritrovamento giungono il capitano Spada e il maresciallo Piscopo ma non solo. Per cercare l'assassino e il movente di questo omicidio, si aprono, infatti, tre piste divergenti, ciascuna battuta da personaggi interessanti che hanno tutti un buon motivo per consegnare alla giustizia il colpevole. La competenza e la professionalità degli uomini dell'arma, si incontrano e scontrano, così, con un reporter d'assalto alla ricerca del ghiotto scoop da mandare in Tv in una sensazionale prima serata, e con un'insolita appassionata di mappe astrali.

Categoria: Giallo - thriller - noir

Editore: Scrittura e Scritture

Collana:

Anno: 2013

ISBN: 9788889682593

Recensito da Donatella Perullo

Le Vostre recensioni

È estate, una mattinata afosa. I carabinieri Laganà e Giunti hanno appena iniziato il loro turno di pattuglia, quando la radio li allerta. Un cadavere è stato ritrovato all’interno di un’auto in contrada Madonnuzza,  alla periferia della città, in una piccola strada a picco sul mare. Il corpo è quello di una giovane donna, legata mani e piedi e con una benda sugli occhi.

L’indagine viene affidata al capitano Spada e al maresciallo Piscopo che iniziando ad indagare sulla vita della defunta e sulle persone che la circondavano.

Con grande sorpresa il maresciallo scoprirà che la vittima è Federica Ruggieri, la migliore amica di sua figlia Tina. L’amicizia di Tina con la vittima provocherà non pochi grattacapi al Maresciallo Piscopo. La ragazza infatti è una appassionata di astrologia e dopo un primo momento di choc, nonostante le opposizioni del padre, affronterà il lutto sfruttando la sua conoscenza della materia per collaborare alle indagini.

Inizia così Le geometrie dell’animo omicida, il poliziesco con una marcia in più. Monica Bartolini ci espone con la sua scrittura limpida, il racconto di un’indagine avvincente e al contempo quello di personaggi umani e realistici ai quali non si fatica ad affezionarsi. La maestria dell’autrice sta anche, infatti, nella capacità di dare vita a personalità così brillanti e credibili da divenire il punto di forza del romanzo. Lasciano il segno l’umano maresciallo, la sua caparbia figliola, il pragmatico capitano Spada, il ficcanaso giornalista Sansò e persino  i numerosi caratteri, per così dire, di secondo piano.

Le geometrie dell’animo omicida è anche, e soprattutto, il racconto ben costruito, del dipanarsi di un mistero del quale, per ovvi motivi, non posso approfondire altre argomentazioni senza rischiare di rivelare troppo. Certo è che se è vero che esistono libri che si leggono in fretta perché coinvolgenti e si lasciano con nostalgia, Le geometrie dell’animo omicida è uno di questi.

Monica Bartolini è una veterana della narrazione gialla. Ha pubblicato diversi racconti due dei quali per i Gialli Mondadori ed è stata vincitrice nel 2010 del premio Gran giallo Città di Cattolica. Nel 2008 pubblica il suo primo romanzo, Interno 8 con l’editrice Albatros- Il Filo. Nel 2011 Le geometrie dell’animo omicida, che per sua stessa ammissione è il lavoro che ama di più, è finalista del Premio tedeschi. Soprannominata Larossachescrivegialli, Monica Bartolini scrive recensioni per i siti Thriller Cafè e Wlibri e collabora con il progetto Piccoli Maestri, scuola di lettura per ragazzi, recandosi nelle scuole per leggere agli alunni i suoi libri gialli preferiti.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Monica

Bartolini

Libri dallo stesso autore

Intervista a Bartolini Monica


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

In un paesino sperduto nel cuore di una sperduta regione, c'è un museo davvero strano: ogni notte, in una stanza buia al piano terra, succede qualcosa di molto, molto inquietante... Che fine fanno tutti i visitatori? E perché, nonostante i rumori, il vecchio custode continua a dormire tranquillo al piano di sopra, svegliandosi solo per ingoiare i ragni che gli camminano sul braccio? E chi è Ernst Fröhlicher, l'enigmatico dottore appena arrivato in paese con il suo inseparabile Labrador nero? Tra presenze sinistre, triangoli d'amore, suicidi, cannibalismo, personaggi grotteschi e situazioni al limite dell'assurdo, mostri e mostriciattoli, Il bizzarro museo degli orrori è un libro macabro, fantasioso, avvincente, divertentissimo, e vi terrà col fiato sospeso (e il sorriso sulle labbra) dalla prima all'ultima pagina. Quando la fantasia di Tim Burton incontra la narrativa gotica di Edgar Allan Poe nasce Dan Rhodes!

IL BIZZARRO MUSEO DEGLI ORRORI

Rhodes Dan

"Io vi maledico" c'è scritto sulla lapide di marmo che un operaio dell'Ilva di Taranto ha voluto mettere per strada, sotto casa sua. "Io vi maledico", dice la figlia dell'imprenditore che si è ucciso strozzato dall'usura bancaria, la studentessa venuta dalla Puglia e mantenuta da genitori operai che trova chiuse le stanze dei baroni romani, il minatore del Sulcis che voleva fare politica per la sua gente ma non ha trovato posto, la sindaca della Locride minacciata di morte, che vede andare milioni di euro in fumo. Sale dalle manifestazioni di piazza, dall'indifferenza offesa degli italiani assenti, una rabbia che è insieme fragilità, impotenza. La rabbia giusta dei giovani indignati che contagia le città di tutto il mondo e quella cieca di chi lancia sassi.

Io vi maledico

De Gregorio Concita

Da bambina Lucy Nelson vede il padre alcolista finire in galera. Da quel giorno ha cercato di redimere qualunque uomo le capitasse intorno, per la rovina sua e dei suoi amanti. Quando Roy e Lucy iniziano a uscire insieme, lui lo fa perché sta cercando se stesso, lei perché non sopporta più una madre remissiva e un padre ubriacone. Si innamorano, o cosi credono. Quando Lucy cede alle estenuanti insistenze, alle canzoni romantiche e alle parole rassicuranti di Roy e "va fino in fondo", rimane incinta. Da quel momento in avanti, come in una tragedia greca in cui, qualunque cosa si faccia, non si può sfuggire al destino, tutto precipita. Lucy non vuole ripercorrere le orme della madre, non vuole diventare la moglie di un uomo egoista, debole e fallito, ma si convince di essere già quel tipo di donna, trascinando il matrimonio - e se stessa - alla rovina. Uscito subito prima del Lamento dì Portnoy, questo terzo romanzo di Philip Roth contiene già tutto il sarcasmo, l'ironia tagliente, l'inquietudine morale delle opere della maturità. Ma possiede una caratteristica che lo rende una stella preziosa: è l'unico romanzo del maestro di Newark ad avere per protagonista una donna. Con Lucy, Roth consegna alla storia della letteratura un personaggio agghiacciante e commovente, incarnazione di una donna che lotta per non sprofondare nella propria follia.

Quando lei era buona

Roth Philip

Chi è lui? Chi lo ha generato davvero? Suo padre Alois Hitler, funzionario di dogana austriaco, se lo chiederà sempre. E senza risposta, perché nemmeno sul letto di morte la madre gli svelerà il segreto della sua nascita di illegittimo. E lo stesso ci chiediamo noi di Adolf Hitler: chi è? Chi lo ha generato? Da dove viene il lupo Fenrir che, nelle mitologie nordiche, a un certo punto del Tempo spezzerà la catena per irrompere schiumando di rabbia e annunciare la fine del mondo? Questo noi ci domandiamo, consapevoli che, se si comincia a spiegare, a rispondere alla domanda "perché?", si finisce per correre il rischio di giustificare. E invece lo strenuo sforzo, letterario e civile, di Genna è quello di attenersi alla cruda durezza dei fatti, di raccontarci passo per passo la vita di un uomo che ha incarnato il Male dei nostri tempi, facendone un'epica non celebrativa ma distruttiva, un'epica che si corrode nel suo farsi.

HITLER

Genna Giuseppe