Saggi

Gettiamo il nostro corpo nella lotta

De Giusti Luciano, Felice Angela

Descrizione: L'impegno giornalistico di Pasolini ne contrassegna tutta la vita adulta: ha inizio negli anni della formazione universitaria e si prolunga fino alle soglie della morte con i celebri Scritti corsari...

Categoria: Saggi

Editore: Marsilio

Collana: Ricerche

Anno: 2020

ISBN: 9788829703906

Recensito da Redazione i-LIBRI

Le Vostre recensioni

Gettiamo il nostro corpo nella lotta

Pubblicato da Marsilio, è disponibile in libreria o attraverso Amazon il libro Gettiamo il nostro corpo nella lotta. Il giornalismo di Pier Paolo Pasolini, a cura di Luciano De Giusti e Angela Felice.

Un’attività cospicua e febbrile che qui viene qui per la prima volta sistematicamente analizzata, una ricognizione puntuale frutto del doppio convegno di studi che si tenne a Casarsa, organizzato dal Centro studi Pasolini, nel novembre 2017 e nell’aprile 2018, il nono di una serie che ha permesso di sviluppare, negli anni, di volta in volta, tematiche diverse intorno all’opera dello scrittore, poeta, regista, ma anche giornalista. Tante le voci di studiosi, scrittori e professionisti dell’informazione che riflettono sullo specifico apporto di Pasolini alla pratica giornalistica: Roberto Chiesi, Gianfranco Ellero, Massimo Raffaeli, Filippo La Porta, Antonio Padellaro, Benedetta Tobagi, Simona Zecchi e molti altri.

Il libro Gettiamo il nostro corpo nella lotta. Il giornalismo di Pier Paolo Pasolini (collana Pasolini. Ricerche, 283 pagine), a cura di Luciano De Giusti e Angela Felice è un volume atteso – che avrà la sua prima presentazione a Casarsa non appena sarà possibile organizzarla  nel quale viene indagato in tutte le sue fasi e le sue forme l’impegno giornalistico di Pasolini, che contrassegnò tutta la sua vita adulta: ebbe inizio negli anni della formazione universitaria e si prolungò fino alle soglie della morte con i celebri Scritti corsari.

Il volume è disponibile al Centro Studi Pasolini e in libreria, oltre ad essere in vendita su Amazon e su numerose librerie online.

Descrizione – L’impegno giornalistico di Pasolini ne contrassegna tutta la vita adulta: ha inizio negli anni della formazione universitaria e si prolunga fino alle soglie della morte con i celebri Scritti corsari. Tale cospicua e febbrile attività viene qui per la prima volta sistematicamente indagata in tutte le sue fasi e forme: una ricognizione che illumina l’evoluzione del suo sguardo sulla realtà, soprattutto italiana, in stretta correlazione con i cambiamenti del contesto storico, le mutazioni di quello antropologico, gli sviluppi del sistema culturale nel quale agiscono i media di cui il poeta si serve per svolgere il suo discorso e condurre una lotta che alla fine si fece arroventata controversia politica. Attraverso le voci di studiosi, scrittori e professionisti dell’informazione si riflette sullo specifico apporto di Pasolini alla pratica giornalistica sulla quale imprime, con la passione di sempre, il marchio inconfondibile della sua sensibilità. Scaturito da un doppio convegno di studi, il volume raccoglie interventi e relazioni di Stefano Casi, Gianfranco Ellero, Elvio Guagnini, Ricciarda Ricorda, Gian Carlo Ferretti, Anna Tonelli, Angela Felice, Raoul Kirchmayr, Filippo Milani, Valerio Valentini, Giampaolo Borghello, Giovanna Trento, Roberto Chiesi, Alberto M. Sobrero, Marco Dalla Gassa, Massimo Raffaeli, Filippo La Porta, Franco Arminio, Tommaso Di Francesco, Antonio Padellaro, Benedetta Tobagi, Silvia De Laude, Nicola Mirenzi, Simona Zecchi.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Luciano,

Giusti

De

Libri dallo stesso autore

Intervista a De Giusti Luciano, Felice Angela

Torino 1821. Nel clima turbolento del primo Ottocento, due fratelli di famiglia aristocratica, entrambi ufficiali dei carabinieri, compiono scelte radicalmente opposte: uno si schiera con i liberali, l'altro con i conservatori favorevoli alla restaurazione. Ventotto anni dopo i loro figli si incontreranno sul campo di battaglia di Novara, e in nome del sogno di unità nazionale ricomporranno una frattura che pareva insanabile.

Nell’ombra e nella luce

De Cataldo Giancarlo

Paura, solitudine, sopraffazione. Questo libro di Riccardo Iacona entra dritto in una dimensione che purtroppo vediamo in versione patinata solo nei salotti televisivi e dopo le tragedie, quando scatta il gioco macabro della caccia al colpevole in prima serata. Cosa c'è prima? Qual è il contesto? Lo si può scoprire solo andando nei luoghi, conoscendo le persone (parenti, amici, vicini), le regole imperscrutabili di quei paesi, o di quei quartieri, al Sud come al Nord, che vivono di vita propria, di leggi proprie e non scritte. Dove l'apparenza è tutto. Iacona propone un libro scritto in prima persona, un reportage narrativo drammatico e spiazzante. Un libro che per la prima volta entra in un mondo invisibile ma reale, e più vicino a noi di quanto pensiamo.

Se questi sono gli uomini

Iacona Riccardo

Alle origini del romanzo contemporaneo la vicenda interiore di un personaggio segnato dalla psicanalisi.

La coscienza di Zeno

Svevo Italo

"Solo in questo consiste per me la vita, nel fluttuare tra due poli, nell'oscillazione tra i due pilastri portanti del mondo. Vorrei con gioia far vedere sempre la beata varietà del mondo e anche sempre ricordare che al fondo di questa varietà vi è un'unità". Dopo il 1915 gli scritti di Hesse si richiamano spesso ad una delle concezioni più antiche dell'umanità, la filosofia cinese dello yin e yang, forze opposte da cui scaturisce la tensione necessaria alla vita, alla trasformazione. Una fiaba d'amore gaia e luminosa, attinta dalla saggezza del Siddharta, dove parola e disegno si fondono come uomo e donna, come sole e luna, a raccontare il paradiso del perenne rinnovamento.

Favola d’amore

Hesse Hermann