Giallo - thriller - noir

Giallo di zucca

Converti Gaia

Descrizione: Se il giallo all’inglese l’avessero inventato i ferraresi, probabilmente assomiglierebbe a questo. Una vicenda ironica e delittuosa che intende sottolineare un fatto: in provincia non si crepa solo di noia. E poco importa se l’investigatore non porta il trench e se il suo braccio destro ha quattro zampe: a volte le cose serie richiedono improvvisazione e senso dell’umorismo. Sullo sfondo di una Ferrara in festa, un killer, sfigato ma con tanta buona volontà, appende per il collo un losco individuo, proprio lì, nella libreria del centro. Così, a suon di vittime, la vicenda ci condurrà a spasso per Ferrara, in compagnia di un fotografo della Scientifica costretto a riallacciare i contatti col parentado ferrarese: solo scoprendo l’autore di quell’omicidio, e di quelli che seguiranno, potrà salvare il buon nome dei suoi familiari, presunti colpevoli di una faida libresca. Tra gare di sbandieratori e aperitivi, dalla Ferrara da bere a quella dei sobborghi, dalla Caritas locale alla Sacca di Goro, l’ambientazione reale e i nomi – storpiati ma non troppo – di alcune location permetteranno al lettore di passeggiare, e investigare, assieme ai protagonisti. E poi gattare, poliziotti imbranati, un commissario privo di scrupoli e dalle pessime maniere, ragazze in abiti succinti e indizi che rimandano ai personaggi delle fiabe. Un giallo all’inglese in salsa ferrarese che vuole essere un omaggio a Ferrara e alla ferraresità dei suoi abitanti.

Categoria: Giallo - thriller - noir

Editore: Betelgeuse Editore

Collana:

Anno: 2013

ISBN: 9788863490299

Recensito da Donatella Perullo

Le Vostre recensioni

Luca fa il fotografo. Non ritrae modelle, non immortala paesaggi suggestivi né scene da matrimoni o comunioni. Luca è un poliziotto, lavora nella Scientifica, fotografa cadaveri ed è contento di farlo, anche se è restio ad ammetterlo. Vive con Poirot, un Pastore Belga molto comunicativo e furbo, che passa gran parte della sua giornata a guardare Animal Planet in televisione e impiega il tempo restante a tormentare il suo padrone.

La vita di Luca scorre tranquilla fin quando non riceve una telefonata dal cugino Pierfi, che lo invita a Ferrara per partecipare alla sua festa di laurea. Luca sa di non poter fare a meno di accettare il tedioso invito, ma una notizia letta su un quotidiano lo invoglia ad acconsentire.

A Ferrara, nella libreria concorrente di quella degli zii, è stato trovato il cadavere di un uomo impiccato. Il defunto è un professore di liceo e la notizia stuzzica l’istinto investigativo di Luca che decide all’istante di partire per Ferrara con il suo inseparabile Poirot.

Inizia così Giallo di Zucca, il divertente romanzo di Gaia Conventi. È un giallo sui generis, incentrato non solo sulla ricerca della risoluzione del mistero che aleggia intorno all’evento criminoso, ma anche sulle caratteristiche pittoresche di alcuni personaggi e sulle vicende ironiche, a volte al limite dell’umoristico, che derivano da gran parte delle loro azioni. Il rapporto fortemente comunicativo tra cane e padrone spicca e diverte. I due sono assortiti alla perfezione e danno vita a situazioni brillanti.

In primo piano nel romanzo è però anche Ferrara, con la sua storia, le sue strade, le sue piazze e le sue abitudini. La città spicca come una vera protagonista e si lascia accarezzare dalle descrizioni della Conventi prestandosi con piacevolezza come palcoscenico degli avvenimenti narrati.

Giallo di zucca è un romanzo scorrevole e ben strutturato. La penna di Gaia Conventi è precisa e sicura e la sua vena ironica, sagace e irrefrenabile.

Gaia Conventi è nata a Goro, ma è vissuta per molti anni a Ferrara. Nata nel 1974 inizia la sua carriera da scrittrice nel 2003. Nel 2005 esordisce con l’e-book “I deliziosi delitti di LittleTown”, reso poi cartaceo dall’editrice Edigiò. Dopo diverse ottimi piazzamenti in concorsi letterari, nel 2012 pubblica La morte in pentola edito da Forme Libere. Oggi con Giallo di zucca conferma il suo talento.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Da lassù abbraccia piazza Trento e Trieste – i-LIBRI

[…] Gaia Conventi, ferrarese doc e impareggiabile animatrice del blog Giramenti (https://gaialodovica.wordpress.com/), è l’autrice di “Giallo di zucca”. Mentre attendiamo il sequel di quest’opera, Vi segnaliamo il nostro commento all’opera prima:  http://www.i-libri.com/libri/giallo-zucca-gaia-conventi/ […]

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Gaia

Converti

Libri dallo stesso autore

Intervista a Converti Gaia


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Tommaso ha 26 anni e zero prospettive. È stato appena scaricato dalla ragazza, fa un lavoro che non gli piace e - di male in peggio - si è convinto che nella vita non potrà mai avere qualcosa di più. Per fortuna ci sono gli amici, Pietro e Leonardo, che vivono con lui. Un trio indivisibile. Così, quando Leo si innamora in un bar di una ragazza californiana di nome Kimberly e il mattino successivo si ritrova solo nel letto, i tre decidono di partire alla sua ricerca. Anche se la California ha quasi 36 milioni di abitanti, anche se i loro unici indizi sono una foto, un iPod rosa e la certezza che lavori come cheerleader per una grossa squadra del Golden State. L'amore, in fondo, è anche pazzia, no? Fingendosi giornalisti per accedere alle quinte di stadi e palazzetti, daranno il via a una spericolata "caccia alla donna" che toccherà San Diego, Los Angeles e Las Vegas, al ritmo delle canzoni punk rock preferite della ragazza. Un'avventura on the road fondata sullo sport a stelle e strisce, sull'amore e - soprattutto - sull'amicizia. Preso dalla disperazione Leonardo ha creato un sito per ritrovare Kimberly. Fate un salto su www.kimberlydovesei.com per ascoltare le canzoni punk rock dell'iPod rosa della ragazza californiana!

Ti sogno, California

Bertoldi Mattia

Il nostro tempo sembra aver dissolto ogni confine, compresi quelli stabiliti dai tabú. Non esiste piú un limite che non sia possibile valicare. La trasgressione è divenuta un obbligo che non implica alcun sentimento di violazione. La disinibizione diffusa ha preso il posto della reverenza passiva e sacrificale di fronte alle nostre vecchie credenze. Ma i tabú devono semplicemente essere smantellati dalla nuova ragione libertina che caratterizza il nostro tempo oppure conviene provare a ripensarli criticamente senza nutrire alcuna nostalgia per il passato? Ci sono parole chiave come preghiera, lavoro, desiderio, colpa, eutanasia, famiglia, che sono state in modi diversi associate ai tabú e che esigono oggi di essere riattraversate criticamente. Vi sono anche figure mitologiche, storiche o letterarie che sono divenute crocevia essenziali della nostra storia individuale e collettiva e che ci spingono a incontrare in modo nuovo lo spigolo duro del tabú: Ulisse, Antigone, Edipo, Medea, Amleto, Isacco, Don Giovanni, Caino. Dal riferimento a grandi autori dell'Occidente - da Platone a Hegel, da Dostoevskij a Sartre, da Freud a Lacan, da Marx a Calvino, da Molière a Beckett - cosí come nelle miserie della nostra vita quotidiana, Recalcati rintraccia la sparizione del tabú e l'apparizione delle sue nuove maschere.

I tabù del mondo

Recalcati Massimo

La vita di Violette è uguale a quella di tante bambine. Due fratelli, Jean e Augustin, una madre premurosa, un padre completamente assorbito dal lavoro. Un cane, Javert, conosciuto per caso e amato all’istante. E tante case: la prima a Roma, poi a Parigi, infine a Plouzané, in Bretagna, a pochi metri dal mare, il posto migliore per curare le ferite dei sogni non realizzati. Le giornate di Violette corrono leggere, come quelle di tanti bambini, tra passeggiate, chiacchiere, giochi e letture. Le notti sono diverse. Perché Violette non dorme, cammina al buio, i piedi scalzi, l’abito celeste. Riempie le ore contando i libri dei genitori, tremilaottocentosettantotto per l’esattezza, sistema tutti i ricordi nel ricordario, per non perderli più. E ogni giorno guarda il mondo e lo vede cambiare, le persone vanno a una velocità differente, crescono, invecchiano, spariscono. Invece lei rimane sempre la stessa, le stesse mani, lo stesso viso. Perché Violette è la bambina che non c’è. Non è mai nata, è il desiderio perfetto di tutti loro, mamma, papà, Jean e Augustin. Eppure vive, ride, corre, esiste, almeno fino a quando qualcuno continuerà a pensarla. Sulla linea sottile che divide la realtà dal sogno Violette ci racconta un mondo normale e fantastico con una leggerezza pensosa, raccogliendo gli attimi, le emozioni, e i gesti che nessuno riuscirebbe mai a pensare.

Voglio vivere una volta sola

Carofiglio Francesco

Tre personaggi in cerca d’amore. A modo loro, ognuno in fuga dal destino, che riuscirà comunque a scegliere per tutti, a discapito dei progetti e delle ambizioni personali. Un romanzo scritto a più voci, che racconta i tortuosi e imprevedibili percorsi che la vita a volte riserva. L’autore ci regala uno spaccato di vita italiana lungo vent’anni, nelle esistenze di Matteo, Lorenza e Ferdinando, una “Meglio gioventù” che tenta di sopravvivere nelle complesse evoluzioni dell’ esistenza.

Il destino trova sempre la sua strada

Florio Gianfabio