Giallo - thriller - noir

Giallo di zucca

Converti Gaia

Descrizione: Se il giallo all’inglese l’avessero inventato i ferraresi, probabilmente assomiglierebbe a questo. Una vicenda ironica e delittuosa che intende sottolineare un fatto: in provincia non si crepa solo di noia. E poco importa se l’investigatore non porta il trench e se il suo braccio destro ha quattro zampe: a volte le cose serie richiedono improvvisazione e senso dell’umorismo. Sullo sfondo di una Ferrara in festa, un killer, sfigato ma con tanta buona volontà, appende per il collo un losco individuo, proprio lì, nella libreria del centro. Così, a suon di vittime, la vicenda ci condurrà a spasso per Ferrara, in compagnia di un fotografo della Scientifica costretto a riallacciare i contatti col parentado ferrarese: solo scoprendo l’autore di quell’omicidio, e di quelli che seguiranno, potrà salvare il buon nome dei suoi familiari, presunti colpevoli di una faida libresca. Tra gare di sbandieratori e aperitivi, dalla Ferrara da bere a quella dei sobborghi, dalla Caritas locale alla Sacca di Goro, l’ambientazione reale e i nomi – storpiati ma non troppo – di alcune location permetteranno al lettore di passeggiare, e investigare, assieme ai protagonisti. E poi gattare, poliziotti imbranati, un commissario privo di scrupoli e dalle pessime maniere, ragazze in abiti succinti e indizi che rimandano ai personaggi delle fiabe. Un giallo all’inglese in salsa ferrarese che vuole essere un omaggio a Ferrara e alla ferraresità dei suoi abitanti.

Categoria: Giallo - thriller - noir

Editore: Betelgeuse Editore

Collana:

Anno: 2013

ISBN: 9788863490299

Recensito da Donatella Perullo

Le Vostre recensioni

Luca fa il fotografo. Non ritrae modelle, non immortala paesaggi suggestivi né scene da matrimoni o comunioni. Luca è un poliziotto, lavora nella Scientifica, fotografa cadaveri ed è contento di farlo, anche se è restio ad ammetterlo. Vive con Poirot, un Pastore Belga molto comunicativo e furbo, che passa gran parte della sua giornata a guardare Animal Planet in televisione e impiega il tempo restante a tormentare il suo padrone.

La vita di Luca scorre tranquilla fin quando non riceve una telefonata dal cugino Pierfi, che lo invita a Ferrara per partecipare alla sua festa di laurea. Luca sa di non poter fare a meno di accettare il tedioso invito, ma una notizia letta su un quotidiano lo invoglia ad acconsentire.

A Ferrara, nella libreria concorrente di quella degli zii, è stato trovato il cadavere di un uomo impiccato. Il defunto è un professore di liceo e la notizia stuzzica l’istinto investigativo di Luca che decide all’istante di partire per Ferrara con il suo inseparabile Poirot.

Inizia così Giallo di Zucca, il divertente romanzo di Gaia Conventi. È un giallo sui generis, incentrato non solo sulla ricerca della risoluzione del mistero che aleggia intorno all’evento criminoso, ma anche sulle caratteristiche pittoresche di alcuni personaggi e sulle vicende ironiche, a volte al limite dell’umoristico, che derivano da gran parte delle loro azioni. Il rapporto fortemente comunicativo tra cane e padrone spicca e diverte. I due sono assortiti alla perfezione e danno vita a situazioni brillanti.

In primo piano nel romanzo è però anche Ferrara, con la sua storia, le sue strade, le sue piazze e le sue abitudini. La città spicca come una vera protagonista e si lascia accarezzare dalle descrizioni della Conventi prestandosi con piacevolezza come palcoscenico degli avvenimenti narrati.

Giallo di zucca è un romanzo scorrevole e ben strutturato. La penna di Gaia Conventi è precisa e sicura e la sua vena ironica, sagace e irrefrenabile.

Gaia Conventi è nata a Goro, ma è vissuta per molti anni a Ferrara. Nata nel 1974 inizia la sua carriera da scrittrice nel 2003. Nel 2005 esordisce con l’e-book “I deliziosi delitti di LittleTown”, reso poi cartaceo dall’editrice Edigiò. Dopo diverse ottimi piazzamenti in concorsi letterari, nel 2012 pubblica La morte in pentola edito da Forme Libere. Oggi con Giallo di zucca conferma il suo talento.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Da lassù abbraccia piazza Trento e Trieste – i-LIBRI

[…] Gaia Conventi, ferrarese doc e impareggiabile animatrice del blog Giramenti (https://gaialodovica.wordpress.com/), è l’autrice di “Giallo di zucca”. Mentre attendiamo il sequel di quest’opera, Vi segnaliamo il nostro commento all’opera prima:  http://www.i-libri.com/libri/giallo-zucca-gaia-conventi/ […]

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Gaia

Converti

Libri dallo stesso autore

Intervista a Converti Gaia


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Doppio sogno

Schnitzler Arthur

Irene è una donna indipendente che ama il suo lavoro e che sogna un marito e una famiglia normali. La separazione da un uomo immaturo e indeciso rafforzano in lei il desiderio di una relazione stabile. Ma presto Irene si trova travolta dal dramma di Tommaso, il marito abbandonato dalla sorellastra di lei. Irene si allea con lui per combattere una battaglia contro il Tribunale dei minori e contro la malattia della figlia. Una battaglia perduta con la morte della piccola. Irene scopre di aver puntato ancora una volta su un amore sbagliato.

L’AMANTE È FINITA

Venturi Maria

Arturo Bandini, immigrato, attaccabrighe, ribelle, megalomane, sprezzante, sempre in lite con tutti, è in cerca della donna giusta. "La strada per Los Angeles" è il primo capolavoro di Fante. Arturo Bandini è alle prese per la prima volta con quelli che poi i lettori si abitueranno a riconoscere come i suoi eterni problemi: essere amato dalle donne e diventare un grande scrittore. Ma una cosa è la realtà, un'altra i sogni, e il romanzo, nonostante il tono spassoso, è anche un bruciante documento autobiografico, il resoconto di una difficilissima gavetta artistica e sentimentale. Poco piú che adolescente, è costretto, per sopravvivere, a lavori umilianti e faticosi, Arturo è armato solo della forza dei suoi desideri. Rifiutato dagli editori per i contenuti sessuali che, a metà degli anni Trenta, rendevano rischiosa la pubblicazione, il romanzo rimase sepolto in un cassetto fin dopo la morte di Fante, e venne pubblicato solo nel 1985. Oggi "La strada per Los Angeles" è considerato, dai lettori e dai critici, uno dei vertici dell'arte comica di John Fante, e un tassello indispensabile della saga di Bandini.

La strada per Los Angeles

Fante John

Le emozioni, in questo romanzo, ci sono tutte. Poi ci sono coraggio, dolore e piacere. La protagonista è l'ombra. L'ombra da cui ognuno di noi cerca di fuggire, ma che poi ci prende. Ma cosa fare quando la tua parte nascosta finisce dentro il corpo della persona che ami? Forse, non resta che mollare le cime dal pontile e salpare verso la follia. E qual è la follia? Quella di ritrovarsi all'Inferno senza aver peccato? Oppure affidarsi a un sistema non strutturato per la presa in cura, che si affida alla tecnica, che non approfondisce e non si pone troppe domande? In questo romanzo il tempo sembra scandire la vita, ma il tempo qui non c'è. La vita ha un sapore magico e nella vita c'è qualcosa di più forte di tutte le emozioni e di tutti i sistemi, un amore, qualcosa che va contro la morte. Qualcosa che non muore. Il volume è corredato da esclusivi contenuti extra, spunti e approfondimenti nella cultura contemporanea: film e serie TV, musica, arte, libri, fumetti e graphic novel.

Il Signore delle Mosche

Golding William