Narrativa

IL GIARDINO DI CEMENTO

Descrizione: «Non ho ucciso mio padre, ma certe volte mi sembra quasi di avergli dato una mano a morire». Chi racconta è Jack, un ragazzino sporco, foruncoloso, tenuto in disparte dalla famiglia; suo padre è un uomo fragile, irascibile e ossessivo, che un giorno decide di costruire un giardino roccioso: si mette al lavoro, ma muore di fronte all'indifferenza di Jack che non chiede aiuto. Julie, sorella maggiore, prime magliette scollate, primi amori tenuti segreti. Sue, due anni meno di Jack, sgraziata, sempre pronta a ritessere i difficili rapporti di famiglia. Tom, un bambinetto vivace, tutto preso dai suoi giochi e dai terrori scolastici. Infine la madre, slavata, sempre affaccendata in cucina oppure sprofondata nel letto di malata. Un balletto di «enfants terribles» che fanno pensare a Cocteau, a Vitrac, alla Compton Burnett, eppure sono anche banali; figli di una «cattività» familiare segnata da un esasperato sadismo.

Categoria: Narrativa

Editore: Einaudi

Collana: ET Scrittori

Anno: 2006

ISBN: 9788806135591

Trama

Le Vostre recensioni

 “Non ho ucciso mio padre, ma certe volte mi sembra di avergli dato una mano a morire”: si apre così, con uno degli incipit più crudi della letteratura contemporanea Il giardino di cemento, primo romanzo di Ian McEwan pubblicato nel 1978 e che ha poi ispirato l’omonimo film del 1993 diretto dal regista Andrew Birkin.

Attraverso la voce dell’adolescente Jack viene narrata la storia di quattro ragazzini, cresciuti in un ambiente familiare malsano, senza una vera guida e con valori morali instabili, che durante una torrida estate perdono sia il padre (colpito da infarto) che la madre (a causa di una non specificata malattia). Decidendo di non separarsi dalla madre, ne seppelliscono il cadavere in un baule pieno di cemento in cantina, continuando poi a condurre la loro esistenza indifferenti a qualunque cosa accada fuori dalle mura di casa.

La sepoltura della madre è il momento centrale del romanzo e, pur configurandosi come un progetto ripugnante, è mossa da intenzioni ortodosse, cioè la difesa della famiglia: nascondere la morte della madre è l’unico modo per restare uniti.

Involontariamente i fratelli cercano di riprodurre una sorta di famiglia in cui i due fratelli più grandi, Jack e Julie (il cui rapporto sfocia nell’incesto) diventano una sorta di genitori per Sue (che si chiude in se stessa e trova sfogo al suo dolore nella scrittura) e per il piccolo Tom (che cerca di attirare l’attenzione su di sé regredendo mentalmente sino allo stadio di lattante).

La casa in cui si svolge l’azione è un universo sospeso nel vuoto, un contesto sociale ingannevole; provvede a dare un senso di sicurezza a questi ragazzi allo sbando, ma col proseguire della vicenda si mostra sempre più angosciante, morbosa, tetra.

Le tematiche esplorate nel romanzo,l’abiezione, la morbosità, non sono esattamente una novità. Persino la stessa trama non è particolarmente originale, tanto che McEwan fu accusato di aver plagiato il romanzo Our Mother’s House di Julian Gloag del 1963 (da cui fu tratto il film diretto da Jack Clayton Tutte le sere alle nove, del 1967).

Ma a parte la similitudine dell’intreccio, la particolarità di questo romanzo è tutta nella scrittura. Lo stile raffinato, incisivo, sintetico, il linguaggio scarno, l’apparente mancanza di profondità e l’appiattimento dell’effetto drammatico.

A turbare la mente del lettore è soprattutto il narratore adolescente, che racconta la storia della morte e sepoltura della madre in modo freddo e distaccato.

Sono l’atmosfera morbosa nella quale si svolge la vicenda, l’ambiente malsano in cui si sviluppa il rapporto incestuoso tra i fratelli, il concentrato di atmosfere torbide narrato come se fosse la semplice normalità e la mancanza di precisi riferimenti morali a costituire il carattere più angosciante del racconto.

Il giardino di cemento è un romanzo privo di scopi morali, in cui non ci sono buoni né cattivi, ma solo degli innocenti che, privi di ogni guida e senza limiti o regole, intraprendono un percorso per definire la propria identità e che non commettono peccato né meritano condanne perché non sono in grado di distinguere il bene dal male.

“Fu il rumore di due o tre macchine che frenavano davanti a casa, le porte sbattute e i passi concitati di parecchia gente sul vialetto antistante a svegliare Tom. Da una fessura nelle tende entrava una luce azzurra roteante che disegnava ombre mulinanti sul muro. Tom si sedette e le fissò sbattendo gli occhi. Noi circondammo il lettino e Julie si chinò a baciarlo. – Ecco qua! – disse, – ci siamo fatti una bella dormita.”.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Tre donne regnano sovrane sul palazzo popolare di via Damasco, a Bologna. Sono soprannominate le sultane e hanno dai settant’anni in su. C’è Wilma, che nomina incessantemente il suo morto: è piccola e astuta, un’abile mercante che venderebbe l’acqua santa al diavolo. C’è Mafalda, la donna più tirchia sulla faccia della Terra. E infine Nunzia, bigotta fuori e golosa dentro, incapace di contenersi. Le loro imperfezioni sono state marchiate a fuoco da una vita poco gentile: Wilma non sa fare i conti col suo lutto e litiga in continuazione con la figlia Melania, una disgraziata adescata da una setta satanica che bussa alla porta solo quando necessita di un piatto caldo. Mafalda è costretta ad accudire il marito malato di Alzheimer. Nunzia, in delirio tra i suoi crocifissi, trova sempre il tempo per estorcere pettegolezzi e per concedersi i peccati che riesce ad arraffare. I loro desideri sono palliativi al grande sconforto dell’indifferenza che suscitano. Sono ignorate da un mondo a misura di giovinezza, un mondo incarnato dalla frastornante vicina del secondo piano, Carmela, cui Wilma prova a chiedere maggiore educazione e rispetto delle regole. Ma niente, quella continua a riderle in faccia. Le vecchie sono abituate a non ricevere considerazione, ragion per cui, quando improvvisamente l’esistenza le costringe a una svolta forzata, osano quello che non hanno mai osato fare e rompono tutti i tabù. Così, come tre parche potenti che inseguono disperate lo scoccare del loro tempo, nell’ombra filano i destini di chi ha tentato di metter loro i bastoni tra le ruote...

Le sultane

Oliva Marilù

C’è la misteriosa eredità di Tabitha Dyerson, la guaritrice – o maga – del paese, che sposò il Dr. Robert Morgan, un disertore della guerra civile. Gli infermi della città si radunavano attorno a Tabitha, i cui rimedi a base di erbe curavano molti più pazienti di quanto i metodi scientifici di suo marito avessero mai fatto. Si diceva che Tabitha avesse lasciato un ‘‘libro delle ombre’’, un libro da strega con le ricette di tutte le sue pozioni. Nonostante in molti lo avessero cercato, nessuno era mai riuscito a trovarlo... fino ad ora. Il lettore segue la vita di Truly, la figlia di Tabitha, i suoi tempi e le sue avventure. Le sottotrame abbondano, così come le risate, le lacrime, gli intrighi, le bugie e la magia.

LA RAGAZZA GIGANTE DELLA CONTEA DI ABERDEEN

Baker Tiffany

Ancora oggi successo a teatro, Chi ha paura di Virginia Woolf? fu così schoccante per l'America di allora che non Vinse mai il meritatissimo premio Pulitzer, che invece Albee ottenne per ben tre volte con A delicate balance nel '67, Seascape nel '75 e il bellissimo Three tall women, tre figure femminili e un figlio diseredato in quanto gay (l'opera più autobiografica). Molti altri premi hanno costellato la lunga carriera di Albee, onoreficenze che gli permisero di aprire una Fondazione a suo nome nel '94 per sostenere il "William Flanagan Creative Persons Center", una colonia di scrittori ed artisti di Montauk.

Chi ha paura di Virginia Woolf?

Albee Edward

Venezia 1894. Un incontro fortuito. 36 anni lei, 31 lui. Duse e d’Annunzio attraverseranno insieme 10 burrascosi anni. Un breve tratto, ma per entrambi capitale: sia perché, col tempo, il Vate si sarebbe ravveduto, rimpiangendola; sia perché quella con d’Annunzio è la sola convivenza della Diva che, sul viale del tramonto, parrà prediligere la compagnia di giovani donne. Questo narra la vulgata confermata da oltre un secolo. Se corrispondono al vero passione, tradimenti e umiliazioni, sono da ribaltare i ruoli: fu lui la vittima e lei il carnefice. È quanto emerge dai numerosi documenti, sottoposti a nuovo esame con un’avvertenza: a varare la favola dei divi amanti fu Gabriele per suo tornaconto.

Più che l’amore

Andreoli Annamaria