Guide

Giochi e attività nel bosco in città

Bezdek Monika

Bezdek Petra

Bezdek Ursula

Descrizione: Questo libro raccoglie numerosi suggerimenti per organizzare divertenti attività di gruppo all’aperto con i bambini della scuola dell’infanzia. Si tratta di giochi, canzoni, filastrocche e indovinelli da utilizzare in diversi contesti: – in ambienti naturali (boschi, parchi, giardinetti); – in città (piazzali, parcheggi, per strada, sui mezzi pubblici). Si tratta di attività molto semplici da organizzare, per le quali non è necessario procurarsi materiali diversi da quelli che si possono trovare direttamente negli ambienti nei quali si svolgono i giochi. Un modo divertente per insegnare ai bambini a conoscere meglio l’ambiente che li circonda e a muoversi in autonomia sia in contesti urbani che in contesti naturali.

Categoria: Guide

Editore: Centro Studi Erickson

Collana: I materiali

Anno: 2013

ISBN: 9788859002642

Recensito da Valeria Martino

Le Vostre recensioni

Il manuale <Giochi e attività nel bosco e in città> fa parte della collana “iMateriali” delle edizioni Erickson ed è a cura di Monika, Petra e Ursula Bezdek, fondatrici dell’associazione “Programma genitori-figli” di Stockdorf, nei pressi di Monaco di Baviera, educatrici e animatrici, nonché autrici di numerose pubblicazioni riguardanti l’esperienza della natura e il cosiddetto “apprendimento globale”.

Il libro è suddiviso in due parti, <Giocare nel bosco> e <Giocare in città>, e presenta molte idee da attuare nell’ambiente naturale, nello specifico il bosco, e in quello urbano, ovvero la via, il quartiere e più in generale la città dove è situata la scuola.   Il tema del libro è il gioco, inteso come esperienza positiva, liberatoria quasi, attraverso cui adulti e bambini si mettono alla prova, testando forza e abilità, cercando soluzioni e imparando nuove cose.

Nella prima parte, dedicata al gioco all’aperto, le autrici propongono un’idea di “scuola sensoriale”: in questo modo, cioè, i bambini svolgono le attività in libertà ( la supervisione e la guida di un adulto sono ovviamente sottintesi ) e possono entrare in contatto con i cicli della natura e integrarsi in un sistema. Ogni unità in cui si suddivide il capitolo presenta idee di gioco a tema ( ad esempio, “Le stagioni nel bosco” oppure “Giocare con tutti i sensi” ), canzoni o filastrocche e le regole, da osservare scrupolosamente, pena la riuscita del gioco stesso.

Nella seconda parte il contesto di riferimento è quello urbano, ovvero la via, il quartiere e più in generale la città dove è situata la scuola. L’obiettivo è quello di accompagnare i bambini alla scoperta della città nella sua varietà e ricchezza storica, culturale e sociale, in modo che imparino ad apprezzarne e a valorizzarne sia i monumenti e gli edifici sia gli eventi previsti e gli eventuali punti di incontro. In questo modo la casa, il cortile, la scuola, il giardino, i parchi e le piazze della città saranno rielaborate “a misura di bambino” e il gioco consentirà loro di acquisire una progressiva autonomia nello spazio che li circonda e che gli appartiene.

GiochiGiocare e sperimentare è essenziale soprattutto per i bambini della scuola dell’infanzia e questo manuale ha il pregio di pianificare l’attività ludica con adeguatezza e non perdendo mai di vista l’attore principale, ossia il bambino. Le indicazioni di età riportate per ciascun gioco sono solo orientative…   e la voglia di sperimentare coinvolge anche l’adulto!

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Monika

Bezdek

Libri dallo stesso autore

Intervista a Bezdek Ursula

Petra

Bezdek

Libri dallo stesso autore

Intervista a Bezdek Ursula

Ursula

Bezdek

Libri dallo stesso autore

Intervista a Bezdek Ursula


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

In un mondo alternativo terribilmente bello e malinconico, Jack Kerouac si prepara a passare nove settimane nello spazio per conto della Coca-Cola Enterprise. Marilyn Monroe fa la commessa in una libreria. Il tirannico Arthur Miller si è comprato una casa sulla cascata... Dopo un'assenza di molti anni, torna il libro culto di Tommaso Pincio. Ambientato durante gli anni Cinquanta - reinventati in modo da diventare tra i più veri e struggenti mai raccontati – “Lo spazio sfinito” è popolato dai personaggi del nostro immaginario collettivo (oltre a Kerouac, Marilyn e Miller c'è il Dean Moriarty di “Sulla strada”, e il giovane Holden...), i quali però, attraverso le loro vicende di solitudine, desiderio, amicizie infrante, cuori spezzati e vite da riscattare, si rivelano maledettamente simili a noi. Quando il libro uscì la prima volta, alcuni critici gridarono al capolavoro e solo pochi fortunati lettori fecero in tempo ad amarlo: a causa di una complicata questione editoriale, il romanzo scomparve molto presto dalle librerie. Ora è ritornato, ed è pronto a occupare il posto che merita tra i classici contemporanei della nostra narrativa.

LO SPAZIO SFINITO

Pincio Tommaso

DUE NON E’ IL DOPPIO DI UNO – di Elettra Groppo

In un paese pressoché sconosciuto del Piemonte risiede una comunità che apparentemente si occupa del recupero di orfani e ragazzi difficili. Maila è una di loro, ha diciotto anni, si veste di nero, ordina scarpe e libri da Internet e fa esperimenti con erbe, fiori e piante. Non parla volentieri con gli alti, a differenza loro vive con conflitto la sua natura; spesso vorrebbe essere una ragazza normale, ma le è concesso tutto tranne questo. La quiete del paese è interrotta: due grossi lupi aggrediscono un uomo del posto. Da quel momento per Maila tutto cambierà: le apparirà uno strano segno sul petto, incontrerà un ragazzo dal nome misterioso e dovrà salvare la sua gente dall'attacco degli Artigli Rossi, un gruppo di licantropi assetati di odio e carne. Ed eccola Maila, in viaggio fino agli Alti Tatra, accompagnata da Othar, un valoroso guerriero. Riuscirà a portare la testa del capo dei nemici nel regno sotterraneo di Ayta, il luogo di confine fra la vita e la morte, in cui i lupi accompagnano le anime nell'aldilà? Una cornice fantasy per tanti temi di bruciante attualità come l'inquietudine degli adolescenti, la necessità dell'integrazione, le regole del “branco”, la diffidenza e il pregiudizio nutrite nei confronti di chi non ci somiglia. Camilla Morgan-Davis, giovane promessa del fan- tasy, parla il linguaggio della sua età. Con il suo ro- manzo generazionale, tocca le corde dell'anima dei suoi coetanei con una riflessione sul mondo di oggi che supera la letteratura di genere tracimando in una disanima sociale.

IL CANTO DELLA NOTTE

Morgan-Davis Camilla

Il libro affronta tutte le problematiche che hanno segnato l'esplosione della pandemia da covid 19, che ha colto di sorpresa il nostro sistema sanitario, riuscendo a conquistare un'attenzione mediatica senza precedenti. Testimonianze come quella del Prof. Luciano Gattinoni, di fama internazionale, e dell'infettivologo Fabrizio Ernesto Pregliasco, Direttore sanitario dell'Istituto Ortopedico Galeazzi di Milano, ci aiutano a comprendere la struttura e le caratteristiche di questo virus prima sconosciuto. Vengono quindi ascoltati i Cobas della Sanità della Lombardia, che ci hanno dettagliato le motivazioni del loro esposto presentato in procura, anche attraverso le parole di Vincenzo Barbarisi, autore dell'esposto. C'è quindi la testimonianza del dottor Gianluigi Spata, presidente dell'Ordine dei Medici di Como e della Federazione Regionale degli Ordini della Lombardia, che ha vissuto personalmente il dramma del contagio. Infine c'è la testimonianza del professor Paolo Antonio Ascierto, che ha ipotizzato e proposto per primo una terapia da covid 19 attraverso il tocilizumab. Emergono così spunti critici e assunti scientifici, in un libro che apre la vista su aspetti inediti di una pandemia che ha richiesto un cambiamento consapevole dei comportamenti di massa in ambito di igiene e prevenzione sanitaria.

Il virus delle verità

D’Errico Antonio G.