Guide

Giochi e attività nel bosco in città

Bezdek Monika

Bezdek Petra

Bezdek Ursula

Descrizione: Questo libro raccoglie numerosi suggerimenti per organizzare divertenti attività di gruppo all’aperto con i bambini della scuola dell’infanzia. Si tratta di giochi, canzoni, filastrocche e indovinelli da utilizzare in diversi contesti: – in ambienti naturali (boschi, parchi, giardinetti); – in città (piazzali, parcheggi, per strada, sui mezzi pubblici). Si tratta di attività molto semplici da organizzare, per le quali non è necessario procurarsi materiali diversi da quelli che si possono trovare direttamente negli ambienti nei quali si svolgono i giochi. Un modo divertente per insegnare ai bambini a conoscere meglio l’ambiente che li circonda e a muoversi in autonomia sia in contesti urbani che in contesti naturali.

Categoria: Guide

Editore: Centro Studi Erickson

Collana: I materiali

Anno: 2013

ISBN: 9788859002642

Recensito da Valeria Martino

Le Vostre recensioni

Il manuale <Giochi e attività nel bosco e in città> fa parte della collana “iMateriali” delle edizioni Erickson ed è a cura di Monika, Petra e Ursula Bezdek, fondatrici dell’associazione “Programma genitori-figli” di Stockdorf, nei pressi di Monaco di Baviera, educatrici e animatrici, nonché autrici di numerose pubblicazioni riguardanti l’esperienza della natura e il cosiddetto “apprendimento globale”.

Il libro è suddiviso in due parti, <Giocare nel bosco> e <Giocare in città>, e presenta molte idee da attuare nell’ambiente naturale, nello specifico il bosco, e in quello urbano, ovvero la via, il quartiere e più in generale la città dove è situata la scuola.   Il tema del libro è il gioco, inteso come esperienza positiva, liberatoria quasi, attraverso cui adulti e bambini si mettono alla prova, testando forza e abilità, cercando soluzioni e imparando nuove cose.

Nella prima parte, dedicata al gioco all’aperto, le autrici propongono un’idea di “scuola sensoriale”: in questo modo, cioè, i bambini svolgono le attività in libertà ( la supervisione e la guida di un adulto sono ovviamente sottintesi ) e possono entrare in contatto con i cicli della natura e integrarsi in un sistema. Ogni unità in cui si suddivide il capitolo presenta idee di gioco a tema ( ad esempio, “Le stagioni nel bosco” oppure “Giocare con tutti i sensi” ), canzoni o filastrocche e le regole, da osservare scrupolosamente, pena la riuscita del gioco stesso.

Nella seconda parte il contesto di riferimento è quello urbano, ovvero la via, il quartiere e più in generale la città dove è situata la scuola. L’obiettivo è quello di accompagnare i bambini alla scoperta della città nella sua varietà e ricchezza storica, culturale e sociale, in modo che imparino ad apprezzarne e a valorizzarne sia i monumenti e gli edifici sia gli eventi previsti e gli eventuali punti di incontro. In questo modo la casa, il cortile, la scuola, il giardino, i parchi e le piazze della città saranno rielaborate “a misura di bambino” e il gioco consentirà loro di acquisire una progressiva autonomia nello spazio che li circonda e che gli appartiene.

GiochiGiocare e sperimentare è essenziale soprattutto per i bambini della scuola dell’infanzia e questo manuale ha il pregio di pianificare l’attività ludica con adeguatezza e non perdendo mai di vista l’attore principale, ossia il bambino. Le indicazioni di età riportate per ciascun gioco sono solo orientative…   e la voglia di sperimentare coinvolge anche l’adulto!

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Monika

Bezdek

Libri dallo stesso autore

Intervista a Bezdek Ursula

Petra

Bezdek

Libri dallo stesso autore

Intervista a Bezdek Ursula

Ursula

Bezdek

Libri dallo stesso autore

Intervista a Bezdek Ursula


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Una piccola città. L’esplosione di una bomba uccide un’innocente. Il magistrato che volevano assassinare ne esce incolume. La figlia, Eleonora, ne rimane segnata per sempre. Anni dopo, Eleonora osserva nel cielo la diagonale perfetta disegnata da tre pianeti: una coincidenza sorprendente, come quella che presto la costringerà a lasciare tutto per inseguire il suo passato. Un viaggio nei ricordi di una donna e nelle strade della provincia italiana.

Una diagonale perfetta

Di Martino Antonella

Venezia 1894. Un incontro fortuito. 36 anni lei, 31 lui. Duse e d’Annunzio attraverseranno insieme 10 burrascosi anni. Un breve tratto, ma per entrambi capitale: sia perché, col tempo, il Vate si sarebbe ravveduto, rimpiangendola; sia perché quella con d’Annunzio è la sola convivenza della Diva che, sul viale del tramonto, parrà prediligere la compagnia di giovani donne. Questo narra la vulgata confermata da oltre un secolo. Se corrispondono al vero passione, tradimenti e umiliazioni, sono da ribaltare i ruoli: fu lui la vittima e lei il carnefice. È quanto emerge dai numerosi documenti, sottoposti a nuovo esame con un’avvertenza: a varare la favola dei divi amanti fu Gabriele per suo tornaconto.

Più che l’amore

Andreoli Annamaria

Un'audace reinterpretazione della storia della creazione e del giardino dell'eden dal punto di vista degli angeli. Un gruppo di ribelli, tra insospettabili tradimenti ed enigmatici spiriti, decide di scoprire che cosa significhi libertà. Con un linguaggio dal sapore antico e ricco di riferimenti biblici e un'impaginazione in lettere capitali, Alessandro Cortese rivoluziona la lettura della Genesi, proiettando il lettore verso l'identificazione con Lucifero, custode della luce di eden. Un ribaltamento che seduce, invertendo l'eterna dialettica tra bene e male.

EDEN

Cortese Alessandro

Patrick, professore di storia dell’arte, decide di lasciare Roma, trasferirsi a Venezia e ripartire da zero. Suo unico rimpianto: non aver mai terminato il quadro che ritrae una misteriosa figura femminile. Durante il viaggio però Patrick sbatte la testa e quando arriva non ricorda altro che il suo nome. Ma in tasca trova un biglietto con l’indirizzo di una pensione dove ci sarà una nuova strana famiglia pronta ad accoglierlo. Finché un giorno incontra Raquel. E la riconosce: è lei la donna del quadro mai dipinto.

Il quadro mai dipinto

Bisotti Massimo

Text selection is disabled by content protection wordpress plugin