Guide

Giochi e attività nel bosco in città

Bezdek Monika

Bezdek Petra

Bezdek Ursula

Descrizione: Questo libro raccoglie numerosi suggerimenti per organizzare divertenti attività di gruppo all’aperto con i bambini della scuola dell’infanzia. Si tratta di giochi, canzoni, filastrocche e indovinelli da utilizzare in diversi contesti: – in ambienti naturali (boschi, parchi, giardinetti); – in città (piazzali, parcheggi, per strada, sui mezzi pubblici). Si tratta di attività molto semplici da organizzare, per le quali non è necessario procurarsi materiali diversi da quelli che si possono trovare direttamente negli ambienti nei quali si svolgono i giochi. Un modo divertente per insegnare ai bambini a conoscere meglio l’ambiente che li circonda e a muoversi in autonomia sia in contesti urbani che in contesti naturali.

Categoria: Guide

Editore: Centro Studi Erickson

Collana: I materiali

Anno: 2013

ISBN: 9788859002642

Recensito da Valeria Martino

Le Vostre recensioni

Il manuale <Giochi e attività nel bosco e in città> fa parte della collana “iMateriali” delle edizioni Erickson ed è a cura di Monika, Petra e Ursula Bezdek, fondatrici dell’associazione “Programma genitori-figli” di Stockdorf, nei pressi di Monaco di Baviera, educatrici e animatrici, nonché autrici di numerose pubblicazioni riguardanti l’esperienza della natura e il cosiddetto “apprendimento globale”.

Il libro è suddiviso in due parti, <Giocare nel bosco> e <Giocare in città>, e presenta molte idee da attuare nell’ambiente naturale, nello specifico il bosco, e in quello urbano, ovvero la via, il quartiere e più in generale la città dove è situata la scuola.   Il tema del libro è il gioco, inteso come esperienza positiva, liberatoria quasi, attraverso cui adulti e bambini si mettono alla prova, testando forza e abilità, cercando soluzioni e imparando nuove cose.

Nella prima parte, dedicata al gioco all’aperto, le autrici propongono un’idea di “scuola sensoriale”: in questo modo, cioè, i bambini svolgono le attività in libertà ( la supervisione e la guida di un adulto sono ovviamente sottintesi ) e possono entrare in contatto con i cicli della natura e integrarsi in un sistema. Ogni unità in cui si suddivide il capitolo presenta idee di gioco a tema ( ad esempio, “Le stagioni nel bosco” oppure “Giocare con tutti i sensi” ), canzoni o filastrocche e le regole, da osservare scrupolosamente, pena la riuscita del gioco stesso.

Nella seconda parte il contesto di riferimento è quello urbano, ovvero la via, il quartiere e più in generale la città dove è situata la scuola. L’obiettivo è quello di accompagnare i bambini alla scoperta della città nella sua varietà e ricchezza storica, culturale e sociale, in modo che imparino ad apprezzarne e a valorizzarne sia i monumenti e gli edifici sia gli eventi previsti e gli eventuali punti di incontro. In questo modo la casa, il cortile, la scuola, il giardino, i parchi e le piazze della città saranno rielaborate “a misura di bambino” e il gioco consentirà loro di acquisire una progressiva autonomia nello spazio che li circonda e che gli appartiene.

GiochiGiocare e sperimentare è essenziale soprattutto per i bambini della scuola dell’infanzia e questo manuale ha il pregio di pianificare l’attività ludica con adeguatezza e non perdendo mai di vista l’attore principale, ossia il bambino. Le indicazioni di età riportate per ciascun gioco sono solo orientative…   e la voglia di sperimentare coinvolge anche l’adulto!

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Monika

Bezdek

Libri dallo stesso autore

Intervista a Bezdek Ursula

Petra

Bezdek

Libri dallo stesso autore

Intervista a Bezdek Ursula

Ursula

Bezdek

Libri dallo stesso autore

Intervista a Bezdek Ursula

Napoli, marzo 1931, mentre un inverno particolarmente rigido tiene la città stretta in una morsa di gelo, un assassinio scuote l'opinione pubblica per la ferocia con cui il crimine è perpetrato e per la notorietà del morto. Il grande tenore Arnaldo Vezzi viene trovato cadavere nel suo camerino al Teatro San Carlo prima della rappresentazione de "I Pagliacci", la gola squarciata da un frammento acuminato dello specchio andato in pezzi. Artista di fama mondiale, amico del Duce, uomo egoista e meschino: a ricostruire la personalità della vittima e a risolvere il caso è chiamato il commissario Luigi Alfredo Ricciardi, in forza alla Squadra Mobile della Regia Questura di Napoli. Investigatore anomalo, mal sopportato dai superiori per la sua insofferenza agli ordini e temuto dai sottoposti per il suo carattere chiuso ed enigmatico, Ricciardi coltiva nel suo animo tormentato un segreto inconfessabile: fin da bambino "vede i morti" - ma solo chi muore di morte violenta - , coglie la loro immagine nell'ultimo momento di vita e ascolta le ultime parole, "il Fatto" come lo chiama lui, lo aiuta nelle indagini. Affiancato dal brigadiere Maione, il commissario interroga il personale del San Carlo, incontra l'affascinante Livia e ascolta le considerazioni di Don Pierino; comprende che molti avrebbero avuto un buon movente per uccidere Vezzi. Interprete del disagio della città, attento alle esigenze dei più deboli, Ricciardi risolve brillantemente il caso seguendo il suo senso di giustizia.

Il senso del dolore

De Giovanni Maurizio

Pier Paolo Pasolini, nato e formatosi nel cuore del Novecento, è stato provocatore e scrittore del conflitto, e quindi una figura drammatica…

«Io lotto contro tutti»

Locantore Maura

Ragusa, 1934. Il commissario Vincenzo Ibla, investigatore all’apparenza indolente ma acuto osservatore, viene spedito sotto il sole di luglio alle cave di Spaccaforno: tra le rocce è stato rinvenuto un cadavere...

L’uranio di Mussolini

Forte Franco, Vizzini Vincenzo

Tiziano ha 45 anni, è nato a Cortona e vive a Torino. Si considera un ex scrittore perché ha pubblicato un solo libro da giovane. Ha rinunciato quando ha conosciuto una certa editoria, quella fatta di scambi di favori e di squallidi prodotti commerciali. La stessa per cui oggi lavora. Da anni infatti è un ghostwriter, pagato per rielaborare manoscritti scadenti e farne libri di successo. Una notte d'estate, però, sul terrazzino del piccolo appartamento dove vive con la gatta, Tiziano decide di tornare a scrivere. "Vicolo del Precipizio" sarà il titolo del suo nuovo libro, una raccolta di fatti ambientati a Cortona, un viaggio nella memoria: racconti toscani, amori finiti male, preti donnaioli, episodi partigiani ma anche fatti che riguardano la sua famiglia. Mentre prende corpo questo "libro nel libro", l'intera narrazione si riempie di personaggi e vicende, di episodi ora drammatici e ora grotteschi; leggende legate a Cortona e storie contadine, anche boccaccesche, che vanno a intrecciarsi ai ricordi personali di Tiziano, per confluire nel suo presente.

Vicolo del precipizio

Bassini Remo