Romanzo storico

Giulia, una donna fra due Papi

Lorusso Del Linz Silvia

Descrizione: Finalmente dietro la storia e la leggenda della Sponsa Christi, appare la donna: Giulia Farnese. Un ritratto inedito e profondo di una figura femminile al centro di intrighi e trame di potere, che non si è sottratta al proprio destino, ma l'ha voluto vivere da protagonista e non da vittima. Bella, elegante, raffinata, questo ritratto le restituisce quella intensa umanità, che nessuno degli uomini che la possedevano, per folle desiderio, diritto familiare e amore coniugale (il cardinale e poi papa Rodrigo Borgia, l'ambizioso fratello Alessandro, il marito per procura Orsini) le poteva togliere.

Categoria: Romanzo storico

Editore: Parallelo45

Collana:

Anno: 2013

ISBN: 9788898440016

Recensito da Francesca Barile

Le Vostre recensioni

Il Rinascimento è stato sicuramente un periodo felice per l’arte italiana, ma contemporaneamente è stato caratterizzato da una notevole instabilità politica e da quel lassismo morale che portò poi all’elezione al suolo pontificio di Rodrigo Borgia, cardinale spagnolo corrotto e capostipite di quella dinastia che tanta parte ebbe nella storia rinascimentale ma che, per il modo di vita immorale, suscitò la curiosità e l’interesse di tanti scrittori e romanzieri.

L’interesse per l’epoca rinascimentale nella categoria del romanzo storico culmina di sicuro con Maria Bellonci a cui l’autrice di “Giulia, una donna fra due papi” si ispira, ma il romanzo di Silvia Lorusso Del Linz, pur mantenendosi nei canoni del genere storico è in realtà la storia di una donna, Giulia Farnese, costretta da suo fratello Alessandro (destinato poi a essere eletto papa) a diventare appena quattordicenne l’amante ufficiale del cardinale poi pontefice Borgia, ma è anche la storia di tutte le donne di quell’epoca obbligate a vivere un destino che era già stato scritto da altri indipendentemente dal loro status sociale e dai loro natali.

La tecnica adottata dalla scrittrice è quella dell’analessi. Il romanzo si apre nel 1503, a fatti già avvenuti, immaginando che la protagonista stia narrando gli avvenimenti della sua vita a Lucrezia, figlia di Rodrigo Borgia in una epistola.

Si passa quindi con questo espediente alla narrazione degli eventi che coprono circa un decennio, da quando l’adolescente Giulia, nobile e bellissima, diventa la vittima dei giochi di potere di altri fino al suo dorato esilio nella residenza di Carbognano.

La scrittura della Lorusso Del Linz è vivace e ricca di particolari interessanti sulla vita dell’epoca. La scrittrice, forte della sua esperienza di autrice teatrale, imbastisce dei dialoghi che spiegano le varie dinamiche della vicenda e che contribuiscono a far vivere i personaggi davanti agli occhi del lettore. Le descrizioni, quasi delle indicazioni teatrali, contribuiscono a ricreare le scene della storia rendendola viva e autentica.

Romanzo storico, ritratto di una donna prigioniera di un ruolo destinatole dal suo casato e dall’ambizione altrui, affresco di vita rinascimentale, storia a tratti con i toni del giallo: il libro di Silvia Lorusso Del Linz racchiude più generi e per questo può appassionare svariate categorie di lettori, ma può anche essere utile per chi, per motivi di studio, si accosta al Rinascimento, un’epoca tanto nota quanto poco conosciuta.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Linz

Del

Lorusso

Libri dallo stesso autore

Intervista a Lorusso Del Linz Silvia

Chi ha letto "La donna di Gilles" sa che non c'è un'altra scrittrice capace come Madeleine Bourdouxhe di raccontare gli sbigottimenti e le lusinghe dell'amore: senza sbavature né svenevolezze, ma con un'intensità e un'evidenza che hanno qualcosa di lancinante. In questo secondo romanzo della Bourdouxhe (che Jonathan Coe ha definito «una delle più belle scoperte letterarie degli ultimi anni») non siamo più nella grigia e fuligginosa periferia di Liegi, bensì nella "douceur de vivre" della Parigi della fine degli anni Trenta; e se Elisa, la struggente protagonista della Donna di Gilles, viveva nell'attesa, nel dono di sé, nella devozione assoluta per un marito di cui tutto sapeva accogliere e perdonare, Marie (che pure ama profondamente il suo, di marito) scopre la violenza della passione quando, su una spiaggia della Costa Azzurra, incrocia lo sguardo di un ragazzo di vent'anni dalle spalle sottili, i fianchi stretti e le lunghe gambe abbronzate. Un pomeriggio si incontrano, come per caso, su un sentiero che costeggia il mare e, su un pezzetto di carta che lei non getterà, lui scrive un numero di telefono. Che Marie chiamerà, tornata a Parigi, dalla cabina telefonica di un caffè. In una breve Nota all'edizione Gallimard della Donna di Gilles, Madeleine Bourdouxhe aveva scritto: «L'annientamento nell'amore: un po' la storia di tutte le donne», ma qui la prospettiva è cambiata, e il suo sguardo segue con vibrante complicità il percorso di una donna che affronta, con un'audacia che quasi la stupisce, «l'intransigenza del desiderio»...

Marie aspetta Marie

Bourdouxhe Madeleine

Il viaggio non è solamente un'occasione di conoscenza del mondo. Viaggiare ci allena a considerare la vita quella continua novità che è, non dimenticando il passato ma guardando al futuro. L'Etiopia è entrata nella mia vita all'improvviso, sulle ali dell'entusiasmo dell'amica Lorella che me l'ha fatta scoprire. Quando l'avventura è iniziata non immaginavo quanti doni mi avrebbe lasciato. D'altra parte, viaggiare ci insegna che al nostro arrivo non siamo mai gli stessi di quando siamo partiti.

Per valli e altopiani

Romano Spadoni

Quando fa il suo ingresso nell’aula di tribunale in cui verrà giudicata per l’omicidio del suo giovanissimo amante, Gladys Eysenach viene accolta dai mormorii di un pubblico sovreccitato, impaziente di conoscere ogni più sordido dettaglio di quello che promette di essere l’affaire più succulento di quanti il bel mondo parigino abbia visto da anni. Nel suo pallore, Gladys evoca davvero l’ombra di Jezabel, quell’ombra che nell’Athalie di Racine compare in sogno alla figlia, che così la descrive: «Non ne aveva, il dolore, smorzato la fierezza; / aveva anzi, ancora, quella finta bellezza / mantenuta con cure, con espedienti labili, / per riparar degli anni le sfide irreparabili». Sì, è ancora molto, molto bella, Gladys Eysenach: il tempo sembra averla «sfiorata come a malincuore, con mano cauta e gentile», quasi si fosse limitato ad accarezzarla teneramente, e le donne presenti nell’aula si sussurrano con invidia i nomi dei suoi innumerevoli amanti. Ma pochi giorni dopo, allorché vengono pronunciate le arringhe, tutta la sua bellezza pare averla abbandonata, e Gladys è ormai soltanto una donna vecchia e sfinita, che a mani giunte supplica i giudici di infliggerle la pena che merita. La condanna sarà lieve, invece, solo cinque anni: il movente passionale ha fatto sì che le venissero concesse le attenuanti previste dalla legge. Ma qual è la verità – quella verità che Gladys Eysenach ha cercato ad ogni costo di occultare? Qual è il vero movente dell’omicidio da lei commesso? Capace come pochi altri scrittori di scavare nel cuore femminile con implacabile, chirurgica precisione, Irène Némirovsky ci svela a poco a poco il segreto di questa donna che ha desiderato più di ogni altra cosa di sconfiggere il tempo, di rimanere immutabilmente bella, di essere amata per sempre – e che per questo è arrivata a uccidere.

Jezabel

Némirovsky Irene

Gialla, veloce, imprendibile: un’Audi rubata semina il panico nelle strade del Nord Est. L’ispettore Stucky e la sua squadra le danno la caccia, ma il bolide sfreccia nella notte, sguscia tra le dita. Tra un inseguimento e l’altro Stucky frequenta (per ragioni di servizio!) bordelli cinesi e aiuta un’amica poliziotta in un’indagine spinosa: un collega ha ucciso la moglie e si è suicidato. Dietro questo gesto disperato, l’ombra di un uomo misterioso: colto, elegante, cinese. Ha un attico con vista su Porto Marghera, e conquista il Nord Est, pezzetto dopo pezzetto, come un giocatore di go. Quando siamo diventati così facili prede? si chiede Stucky. E si addentra pericolosamente nella rete. Sul filo della cronaca recente, l’avventura più ‘gialla’ con l’ispettore Stucky. Con contorno di vicine di casa belle e smaliziate, giovani colleghi di variegata simpatia, poliziotte notevoli in molti sensi, cani perfettamente all’altezza, uno zio persiano in crisi, alle prese con un innamoramento tardivo. Mentre il crimine finisce per porre le domande giuste, la vita si svela nelle chiacchiere notturne su un pavimento di legno, con l’odore di un alcolico pregiato che dura a lungo nelle narici. Un romanzo pieno di azione, di atmosfera, di spunti stimolanti sulla fragile realtà che ci circonda. Una lettura di piacere e di sostanza, tutta da gustare.

Pericolo giallo

Ervas Fulvio