Romanzo storico

Giulia, una donna fra due Papi

Lorusso Del Linz Silvia

Descrizione: Finalmente dietro la storia e la leggenda della Sponsa Christi, appare la donna: Giulia Farnese. Un ritratto inedito e profondo di una figura femminile al centro di intrighi e trame di potere, che non si è sottratta al proprio destino, ma l'ha voluto vivere da protagonista e non da vittima. Bella, elegante, raffinata, questo ritratto le restituisce quella intensa umanità, che nessuno degli uomini che la possedevano, per folle desiderio, diritto familiare e amore coniugale (il cardinale e poi papa Rodrigo Borgia, l'ambizioso fratello Alessandro, il marito per procura Orsini) le poteva togliere.

Categoria: Romanzo storico

Editore: Parallelo45

Collana:

Anno: 2013

ISBN: 9788898440016

Recensito da Francesca Barile

Le Vostre recensioni

Il Rinascimento è stato sicuramente un periodo felice per l’arte italiana, ma contemporaneamente è stato caratterizzato da una notevole instabilità politica e da quel lassismo morale che portò poi all’elezione al suolo pontificio di Rodrigo Borgia, cardinale spagnolo corrotto e capostipite di quella dinastia che tanta parte ebbe nella storia rinascimentale ma che, per il modo di vita immorale, suscitò la curiosità e l’interesse di tanti scrittori e romanzieri.

L’interesse per l’epoca rinascimentale nella categoria del romanzo storico culmina di sicuro con Maria Bellonci a cui l’autrice di “Giulia, una donna fra due papi” si ispira, ma il romanzo di Silvia Lorusso Del Linz, pur mantenendosi nei canoni del genere storico è in realtà la storia di una donna, Giulia Farnese, costretta da suo fratello Alessandro (destinato poi a essere eletto papa) a diventare appena quattordicenne l’amante ufficiale del cardinale poi pontefice Borgia, ma è anche la storia di tutte le donne di quell’epoca obbligate a vivere un destino che era già stato scritto da altri indipendentemente dal loro status sociale e dai loro natali.

La tecnica adottata dalla scrittrice è quella dell’analessi. Il romanzo si apre nel 1503, a fatti già avvenuti, immaginando che la protagonista stia narrando gli avvenimenti della sua vita a Lucrezia, figlia di Rodrigo Borgia in una epistola.

Si passa quindi con questo espediente alla narrazione degli eventi che coprono circa un decennio, da quando l’adolescente Giulia, nobile e bellissima, diventa la vittima dei giochi di potere di altri fino al suo dorato esilio nella residenza di Carbognano.

La scrittura della Lorusso Del Linz è vivace e ricca di particolari interessanti sulla vita dell’epoca. La scrittrice, forte della sua esperienza di autrice teatrale, imbastisce dei dialoghi che spiegano le varie dinamiche della vicenda e che contribuiscono a far vivere i personaggi davanti agli occhi del lettore. Le descrizioni, quasi delle indicazioni teatrali, contribuiscono a ricreare le scene della storia rendendola viva e autentica.

Romanzo storico, ritratto di una donna prigioniera di un ruolo destinatole dal suo casato e dall’ambizione altrui, affresco di vita rinascimentale, storia a tratti con i toni del giallo: il libro di Silvia Lorusso Del Linz racchiude più generi e per questo può appassionare svariate categorie di lettori, ma può anche essere utile per chi, per motivi di studio, si accosta al Rinascimento, un’epoca tanto nota quanto poco conosciuta.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Linz

Del

Lorusso

Libri dallo stesso autore

Intervista a Lorusso Del Linz Silvia

Allan Karlsson compie cento anni e per l'occasione la casa di riposo dove vive intende festeggiare l'evento: Allan, però, è di un'altra idea e decide di punto in bianco di scappare. Con le pantofole ai piedi scavalca la finestra e si dirige alla stazione degli autobus. Lì ruba la valigia a un giovane biondo dall'aria feroce, sale sul primo autobus che gli capita e inizia così, sbarcando in uno sperduto villaggio svedese sconosciuto, una serie esilarante di equivoci e di incontri, anzitutto con Julius Jonsson - un settantenne ladro e truffatore. I due dovranno sfuggire al biondo che li insegue, e finiranno col farlo fuori dandogli una botta in testa con un asse. Poi, aprendo la valigia rubata, scopriranno che è piena di 52 milioni di corone svedesi, e inizieranno quindi la loro fuga dalla polizia e da una gang criminale che vuole recuperare il denaro, in un viaggio rocambolesco tra Mercedes, camion e donne fatali. Finiranno nell'esotica Bali, dove Allan troverà l'amore: l'ottantenne Amanda.

Il centenario che saltò dalla finistra e scomparve

Jonasson Jonas

C.U.B.A.M.S.C. Con Una Bomba A Mano Sul Cuore – di Marco Cubeddu

A Rabat, sullo sfondo di splendidi paesaggi marocchini, Maria ha sei anni e subisce ripetuti abusi da parte del padre, un diplomatico italiano temporaneamente di stanza all'estero. Una mattina, la madre Zaira, tornando verso casa nella Ville Nouvelle dov'è la residenza, dietro un muro di gente e polizia scopre il corpo del marito a terra, caduto dalla finestra e morto presumibilmente suicida mentre era solo in casa con la bambina. Alcuni anni dopo, a Roma, Maria è un'adolescente chiusa, aggressiva e turbata, che risente delle violenze passate tanto da rifarsi sulla madre con fare dispotico. Al culmine di una serie di provocazioni nei confronti di Zaira, sta la scena di seduzione del suo nuovo compagno, scena che avviene volutamente sotto gli occhi della donna, legata indissolubilmente al proprio passato e ai fantasmi in comune con la figlia.

La figlia femmina

Giurickovic Dato Anna

«Tra i boschi e le pareti rocciose a strapiombo, giù nell'orrido che conduce al torrente, tra le pozze d'acqua smeraldo che profuma di ghiaccio, qualcosa si nasconde. Me lo dicono le tracce di sangue, me lo dice l'esperienza: è successo, ma potrebbe risuccedere. Questo è solo l'inizio. Qualcosa di sconvolgente è accaduto, tra queste montagne. Qualcosa che richiede tutta la mia abilità investigativa. Sono un commissario di polizia specializzato in profiling, e ogni giorno cammino sopra l'inferno. Non è la pistola, non è la divisa: è la mia mente la vera arma. Ma proprio lei mi sta tradendo. Non il corpo acciaccato dall'età che avanza, non il mio cuore tormentato. La mia lucidità è a rischio, e questo significa che lo è anche l'indagine. Mi chiamo Teresa Battaglia, ho un segreto che non oso confessare nemmeno a me stessa, e per la prima volta nella vita ho paura».66

Fiori sopra l’inferno

Tuti Ilaria