Romanzo storico

Giulia, una donna fra due Papi

Lorusso Del Linz Silvia

Descrizione: Finalmente dietro la storia e la leggenda della Sponsa Christi, appare la donna: Giulia Farnese. Un ritratto inedito e profondo di una figura femminile al centro di intrighi e trame di potere, che non si è sottratta al proprio destino, ma l'ha voluto vivere da protagonista e non da vittima. Bella, elegante, raffinata, questo ritratto le restituisce quella intensa umanità, che nessuno degli uomini che la possedevano, per folle desiderio, diritto familiare e amore coniugale (il cardinale e poi papa Rodrigo Borgia, l'ambizioso fratello Alessandro, il marito per procura Orsini) le poteva togliere.

Categoria: Romanzo storico

Editore: Parallelo45

Collana:

Anno: 2013

ISBN: 9788898440016

Recensito da Francesca Barile

Le Vostre recensioni

Il Rinascimento è stato sicuramente un periodo felice per l’arte italiana, ma contemporaneamente è stato caratterizzato da una notevole instabilità politica e da quel lassismo morale che portò poi all’elezione al suolo pontificio di Rodrigo Borgia, cardinale spagnolo corrotto e capostipite di quella dinastia che tanta parte ebbe nella storia rinascimentale ma che, per il modo di vita immorale, suscitò la curiosità e l’interesse di tanti scrittori e romanzieri.

L’interesse per l’epoca rinascimentale nella categoria del romanzo storico culmina di sicuro con Maria Bellonci a cui l’autrice di “Giulia, una donna fra due papi” si ispira, ma il romanzo di Silvia Lorusso Del Linz, pur mantenendosi nei canoni del genere storico è in realtà la storia di una donna, Giulia Farnese, costretta da suo fratello Alessandro (destinato poi a essere eletto papa) a diventare appena quattordicenne l’amante ufficiale del cardinale poi pontefice Borgia, ma è anche la storia di tutte le donne di quell’epoca obbligate a vivere un destino che era già stato scritto da altri indipendentemente dal loro status sociale e dai loro natali.

La tecnica adottata dalla scrittrice è quella dell’analessi. Il romanzo si apre nel 1503, a fatti già avvenuti, immaginando che la protagonista stia narrando gli avvenimenti della sua vita a Lucrezia, figlia di Rodrigo Borgia in una epistola.

Si passa quindi con questo espediente alla narrazione degli eventi che coprono circa un decennio, da quando l’adolescente Giulia, nobile e bellissima, diventa la vittima dei giochi di potere di altri fino al suo dorato esilio nella residenza di Carbognano.

La scrittura della Lorusso Del Linz è vivace e ricca di particolari interessanti sulla vita dell’epoca. La scrittrice, forte della sua esperienza di autrice teatrale, imbastisce dei dialoghi che spiegano le varie dinamiche della vicenda e che contribuiscono a far vivere i personaggi davanti agli occhi del lettore. Le descrizioni, quasi delle indicazioni teatrali, contribuiscono a ricreare le scene della storia rendendola viva e autentica.

Romanzo storico, ritratto di una donna prigioniera di un ruolo destinatole dal suo casato e dall’ambizione altrui, affresco di vita rinascimentale, storia a tratti con i toni del giallo: il libro di Silvia Lorusso Del Linz racchiude più generi e per questo può appassionare svariate categorie di lettori, ma può anche essere utile per chi, per motivi di studio, si accosta al Rinascimento, un’epoca tanto nota quanto poco conosciuta.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Linz

Del

Lorusso

Libri dallo stesso autore

Intervista a Lorusso Del Linz Silvia


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

L’estetica dell’oltre

Zanarella Michela

Settembre 2010. Tempo di vendemmia, ma a Bari fa ancora molto caldo e si continua ad andare al mare Lolita compie trentasette anni e finalmente scopre che il suo cuore è ancora capace di innamorarsi. A modo suo, si sa. Ma non è solo l'amore a far battere il cuore di Lolita: un bambino e il suo gattino sono scomparsi nel nulla e il dovere chiama. La bellissima madre del bambino. scura e carnosa come un chicco di uva nera, ha amici intimi molto particolari su cui indagare. Sullo sfondo della nuova inchiesta, una Bari sempre più bella e intrigante, qualcuno che gioca un brutto tiro a Lolita e una giostra di personaggi coloratissimi. Oltre alle immancabili. deliziose ricette della commissaria più scorretta – ma di gran cuore d’Italia.

UVA NOIR

Genisi Gabriella

La sera in cui a Liliana viene detto che non potrà più andare a scuola, lei non sa nemmeno di essere ebrea. In poco tempo i giochi, le corse coi cavalli e i regali di suo papà diventano un ricordo e Liliana si ritrova prima emarginata, poi senza una casa, infine in fuga e arrestata. A tredici anni viene deportata ad Auschwitz. Parte il 30 gennaio 1944 dal binario 21 della stazione Centrale di Milano e sarà l'unica bambina di quel treno a tornare indietro. Ogni sera nel campo cercava in cielo la sua stella. Poi ripeteva dentro di sé: finché io sarò viva, tu continuerai a brillare. Età di lettura: da 11 anni.

Fino a quando la mia stella brillerà

Segre Liliana

E quando le cose ti chiamano, ti chiamano. Quando sono lì, sono lì per noi. Non importa se ci sono state per un secondo o da sempre. Arigliana, "cinquanta case di pietra e duecento abitanti", è il paesino sulle montagne della Lucania dove Pietro e Nina trascorrono le vacanze con i nonni. Un torrente che non è più un torrente, un’antica torre normanna e un palazzo abbandonato sono i luoghi che accendono la fantasia dei bambini, mentre la vita di ogni giorno scorre apparentemente immutabile tra la piazza, la casa e la bottega dei nonni; intorno, una piccola comunità il cui destino è stato spezzato da zi’ Rocco, proprietario terriero senza scrupoli che ha condannato il paese alla povertà e all’arretratezza. Quell’estate, che per Pietro e Nina è fin dall’inizio diversa dalle altre – sono rimasti senza la mamma –, rischia di spaccare Arigliana, sconvolta dalla scoperta che dentro la torre normanna si nasconde una famiglia di stranieri. Chi sono? Cosa vogliono? Perché non se ne tornano da dove sono venuti? è l’irruzione dell’altro, che scoperchia i meccanismi del rifiuto. Dopo aver catalizzato la rabbia e la paura del paese, però, sono proprio i nuovi arrivati a innescare un cambiamento, che torna a far vibrare la speranza di un Sud in cui si mescolano sogni e tensioni. Un’estate memorabile, che per Pietro si trasforma in un rito di passaggio, doloroso eppure pieno di tenerezza e di allegria: è la sua stessa voce a raccontare come si superano la morte, il tradimento, l’ingiustizia e si diventa grandi conquistando il proprio fragile e ostinato splendore. Attraverso questa voce irriverente, scanzonata eppure saggia, Catozzella scrive un romanzo potente e felice, di ombre e di luce, tragico e divertente, semplice come le cose davvero profonde.

E tu splendi

Catozzella Giuseppe