Saggi

Giulio Cesare, il primo dei Cesari

Di Martino Antonella

Descrizione: Cesare è stato il primo della stirpe dei Cesari. Politico, letterato, condottiero, capo carismatico, dittatore. Geniale e determinato. Corruttore senza rimorsi. Grande oratore, amatore ancora più grande. Uomo d’azione e di pensiero, di crudeltà e di perdono. Un autentico conquistatore, ambizioso oltre ogni misura. Amato e temuto. Odiato. Non amava i limiti, di nessun genere. Ha voluto, fortissimamente, essere il Primo. Lo è diventato, grazie alla sua intelligenza, alla sua determinazione e, soprattutto, al suo coraggio. Al suo fascino, talvolta. Alla sua spregiudicatezza, non di rado. Senza dimenticare la Fortuna, dea che rispettava e onorava. I suoi assassini l’hanno reso immortale.

Categoria: Saggi

Editore: La Case

Collana:

Anno: 2014

ISBN:

Recensito da Elpis Bruno

Le Vostre recensioni

Giulio Cesare, il primo dei Cesari di Antonella Di Martino appartiene alla serie degli e-book dedicati ai “Signori della guerra”.
Dopo un personaggio ingombrante come Hitler, questa volta Antonella si (e ci) catapulta nell’antica Roma, per inseguire le imprese – politiche, militari, culturali e… amorose! – di un personaggio che dell’attivismo e dell’ambizione ha fatto il proprio credo, oltre che il proprio percorso vitale.
Noi proponiamo quest’opera in periodo natalizio, perché se in questi giorni dovessimo recarci al cinema, al cinepanettone decisamente preferiremmo il kolossal storico alla Ben Hur.

Per brevemente ripercorrere lo sforzo compiuto dall’autrice, che ha condensato in una settantina di pagine fonti storiche e ricerche sicuramente impegnative, mi avvalgo dell’incipit dell’opera (in corsivo, mentre le nostre considerazioni sono tra parentesi), che ci offre il ritratto plastico di un uomo versatile, tenace e instancabile. 

Cesare è stato il primo della stirpe dei Cesari. (capitolo I – La famiglia. Interessante ricercare anche nella dinastia la matrice di un temperamento più unico che raro).
Politico, letterato, condottiero, capo carismatico, dittatore. (A proposito del letterato, l’autrice ironizza: “Cesare… si salva a stento, tuffandosi da una nave. Riesce a portare con se, nuotando, i Commentarii de bello civili. Gli studenti dei secoli a venire gli saranno molto grati”).
Geniale e determinato (e lo si vede fin dal capitolo II, cioè da “I primi anni”).
Corruttore senza rimorsi (come dimostrano “Le prime campagne elettorali”).
Grande oratore, amatore ancora più grande (ben quattro volte sposo – “Quattro matrimoni e un funerale” è una battuta troppo riduttiva? – non pago delle esperienze coniugali, entra anche nell’egizio letto di Cleopatra e non disdegna neppure la “relazione alla greca”, per utilizzare un costrutto delle lingue morte a designare il rapporto che Cesare probabilmente ebbe con il re Nicomede IV, come Antonella spiega con grande tatto nel capitolo intitolato “Gossip in Bitinia”[1]).
Uomo d’azione e di pensiero, di crudeltà e di perdono.
Un autentico conquistatore, ambizioso oltre ogni misura. (Una vera macchina da guerra! In pochi anni conquista Spagna, Gallia e Britannia… lui che a trent’anni disse: “Alessandro alla mia età regnava già su molti popoli, e io invece non ho ancora combinato niente di buono. Non è terribile?”).
Amato e temuto. Odiato. (Per limitarci ai suoi nemici domestici: Cicerone, Catone l’Uticense, i pompeiani… ma la serie è ben più lunga…)
Non amava i limiti, di nessun genere.
Ha voluto, fortissimamente, essere il Primo. (Un altro suo aforisma: “Preferirei essere il primo qui che il secondo a Roma”).
Lo è diventato, grazie alla sua intelligenza, alla sua determinazione e, soprattutto, al suo coraggio. Al suo fascino, talvolta. Alla sua spregiudicatezza, non di rado.
Senza dimenticare la Fortuna, dea che rispettava e onorava.
I suoi assassini l’hanno reso immortale. (Alcuni capitoli sono intitolati alle frasi celebri: come “Alea iacta est” o “Veni, vidi, vici”. Naturalmente l’epilogo s’intitola “Tu quoque, Brute, fili mi?”).

Non vi è venuta voglia di rispolverare la storia dell’antica Roma designando Antonella Di Martino come Arianna nel labirinto degli intrighi politici e delle imprese belliche compiute dal “primo dei Cesari”? 

Bruno Elpis

[1] Al di là delle battute, riporto quanto mi ha precisato la stessa Antonella: “Sottovaluti la grandezza di Cesare come amatore. I quattro matrimoni e la relazione con il re sono niente per uno come lui, che oggi sarebbe definito “pansessuale”. Soprattutto in campo sessuale, Cesare non aveva limiti. “Il marito di tutte le mogli e la moglie di tutti i mariti (omnium mulierum virum et omnium virorum mulierem)” è la definizione che calza meglio. Per capirci meglio, si può dire che ha “amato” legioni di uomini e di donne…  Oltre ad avere un’attività sessuale “a tutto campo”, Cesare aveva anche la caratteristica di amare le sue mogli e le sue amanti, di affezionarsi davvero: a quei tempi era insolito, e nuovo. Considera che Catone, romano di antichi principi, aveva ceduto “in prestito” sua moglie a un suo amico, e poi se l’era ripresa, come se fosse un mobile o un animale domestico. Il  rapporto d’amore che Cesare ebbe con Cleopatra, così simile a lui (regina, colta, mezza divina), quasi sullo stesso piano), era straordinario per la sua simmetria. Cesare era considerato eccentrico anche per questo”.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Antonella

Martino

Di

Libri dallo stesso autore

Intervista a Di Martino Antonella

Viviamo il tempo dell'incertezza, dell'intolleranza, della paura, dell'ingiustizia. Tornare ai classici e riflettere sulla natura delle virtù cardinali - prudenza, temperanza, fortezza e giustizia - da sempre al centro della riflessione filosofica oltre che teologica, può orientare il nostro agire sia personale che collettivo. Da Aristotele a Machiavelli, da Locke a Hobbes, da Freud ad Arendt fino a Rawls scopriamo come la prudenza, la virtù deliberativa per eccellenza, sia l'unica capace di discernere il bene dal male e orientare le nostre decisioni; come la temperanza consenta agli uomini e alle donne di vivere in una società in cui nessuno impone la propria regola contro le altre; come il coraggio sia conoscenza dei propri limiti e condizione per vincere la paura; e infine come la giustizia faccia sì che i diritti non restino inchiodati entro i confini di comunità politiche chiuse.

Le virtù cardinali

Autori vari

"Allora, io ho avuto un grave incidente mi è bruciata la macchina io c'ero dentro. Mi dispiace molto per la mia macchina. Bruciata distrutta rottamata." - "Puoi abbassare il braccio, che non ci arrivo, infilarti l'ago? mi ha chiesto un'infermiera qua l'altro giorno.Non è colpa mia se sei bassa, le ho risposto. lo che di solito son sempre così gentile. lo qui bisogna mettere a posto le cose ho pensato. Ricominciamo a scrivere, intanto."

GRANDI USTIONATI

Nori Paolo

Moby Dick, pubblicato nel 1851, è considerato il capolavoro di Melville e uno dei più noti libri della letteratura americana e mondiale. Vi narra in prima persona la sua avventura Ismaele, che si imbarca come marinaio assieme a un ramponiere indiano sulla baleniera Pequod. Il capitano della nave, Achab, un personaggio cupo che incute rispetto e timore nei suoi uomini, ha perso una gamba per colpa della balena bianca Moby Dick e ora vuole vendicarsene, a qualunque costo. Inizia così una lunga caccia. La snervante attesa dell'incontro con il cetaceo che sfugge al capitano offrirà al narratore l'occasione di meditazioni scientifiche, religiose, filosofiche e artistiche, all'interno della struttura del romanzo d'avventura per mare. Intanto l'immenso oceano, con i suoi mostri e le sue profondità, si erge in tutta la propria potenza e imperscrutabilità dinanzi all'uomo, che gli può contrapporre solo una fragile esistenza, oscillante tra il bene e il male. Fino a che sopraggiunge la catastrofe finale, fatalmente presentita, quando Moby Dick distruggerà la baleniera e tutto l'equipaggio trascinando con sé Achab e il suo arpione. Solo Ismaele si salverà e potrà così raccontare la loro folle, ambiziosa quanto disperata, impresa.

Moby Dick

Melville Herman

La violenza psicologica umilia la vittima attraverso azioni di manipolazione mentale che le fanno perdere fiducia in se stessa. Un omicidio dell’anima e della mente che richiede una sensibilizzazione collettiva. Molte volte, infatti, il crimine non viene denunciato perché a macchiarsene sono le persone che più si amano e che si sentono, per tale ragione, autorizzate a continuare. Questa guida si rivolge sia a chi si ritrova in una situazione di violenza psicologica sia a coloro che vogliono approfondire e prendere coscienza del problema, nonché agli operatori giudiziari, psicologici e sociali: analizza i contesti in cui si sviluppa la manipolazione mentale; spiega in cosa consiste la manipolazione, da chi viene effettuata, e quali sono le caratteristiche di chi la subisce; aiuta a uscire dalla relazione perversa vittima-carnefice, per riprendere in mano la propria vita. Con uno stile chiaro e diretto, la guida affronta un argomento ancora sottovalutato in Italia, fornendo gli strumenti per combattere la violenza psicologica.

I serial Killer dell’anima

Mammoliti Cinzia