Saggi

Giulio Cesare, il primo dei Cesari

Di Martino Antonella

Descrizione: Cesare è stato il primo della stirpe dei Cesari. Politico, letterato, condottiero, capo carismatico, dittatore. Geniale e determinato. Corruttore senza rimorsi. Grande oratore, amatore ancora più grande. Uomo d’azione e di pensiero, di crudeltà e di perdono. Un autentico conquistatore, ambizioso oltre ogni misura. Amato e temuto. Odiato. Non amava i limiti, di nessun genere. Ha voluto, fortissimamente, essere il Primo. Lo è diventato, grazie alla sua intelligenza, alla sua determinazione e, soprattutto, al suo coraggio. Al suo fascino, talvolta. Alla sua spregiudicatezza, non di rado. Senza dimenticare la Fortuna, dea che rispettava e onorava. I suoi assassini l’hanno reso immortale.

Categoria: Saggi

Editore: La Case

Collana:

Anno: 2014

ISBN:

Recensito da Elpis Bruno

Le Vostre recensioni

Giulio Cesare, il primo dei Cesari di Antonella Di Martino appartiene alla serie degli e-book dedicati ai “Signori della guerra”.
Dopo un personaggio ingombrante come Hitler, questa volta Antonella si (e ci) catapulta nell’antica Roma, per inseguire le imprese – politiche, militari, culturali e… amorose! – di un personaggio che dell’attivismo e dell’ambizione ha fatto il proprio credo, oltre che il proprio percorso vitale.
Noi proponiamo quest’opera in periodo natalizio, perché se in questi giorni dovessimo recarci al cinema, al cinepanettone decisamente preferiremmo il kolossal storico alla Ben Hur.

Per brevemente ripercorrere lo sforzo compiuto dall’autrice, che ha condensato in una settantina di pagine fonti storiche e ricerche sicuramente impegnative, mi avvalgo dell’incipit dell’opera (in corsivo, mentre le nostre considerazioni sono tra parentesi), che ci offre il ritratto plastico di un uomo versatile, tenace e instancabile. 

Cesare è stato il primo della stirpe dei Cesari. (capitolo I – La famiglia. Interessante ricercare anche nella dinastia la matrice di un temperamento più unico che raro).
Politico, letterato, condottiero, capo carismatico, dittatore. (A proposito del letterato, l’autrice ironizza: “Cesare… si salva a stento, tuffandosi da una nave. Riesce a portare con se, nuotando, i Commentarii de bello civili. Gli studenti dei secoli a venire gli saranno molto grati”).
Geniale e determinato (e lo si vede fin dal capitolo II, cioè da “I primi anni”).
Corruttore senza rimorsi (come dimostrano “Le prime campagne elettorali”).
Grande oratore, amatore ancora più grande (ben quattro volte sposo – “Quattro matrimoni e un funerale” è una battuta troppo riduttiva? – non pago delle esperienze coniugali, entra anche nell’egizio letto di Cleopatra e non disdegna neppure la “relazione alla greca”, per utilizzare un costrutto delle lingue morte a designare il rapporto che Cesare probabilmente ebbe con il re Nicomede IV, come Antonella spiega con grande tatto nel capitolo intitolato “Gossip in Bitinia”[1]).
Uomo d’azione e di pensiero, di crudeltà e di perdono.
Un autentico conquistatore, ambizioso oltre ogni misura. (Una vera macchina da guerra! In pochi anni conquista Spagna, Gallia e Britannia… lui che a trent’anni disse: “Alessandro alla mia età regnava già su molti popoli, e io invece non ho ancora combinato niente di buono. Non è terribile?”).
Amato e temuto. Odiato. (Per limitarci ai suoi nemici domestici: Cicerone, Catone l’Uticense, i pompeiani… ma la serie è ben più lunga…)
Non amava i limiti, di nessun genere.
Ha voluto, fortissimamente, essere il Primo. (Un altro suo aforisma: “Preferirei essere il primo qui che il secondo a Roma”).
Lo è diventato, grazie alla sua intelligenza, alla sua determinazione e, soprattutto, al suo coraggio. Al suo fascino, talvolta. Alla sua spregiudicatezza, non di rado.
Senza dimenticare la Fortuna, dea che rispettava e onorava.
I suoi assassini l’hanno reso immortale. (Alcuni capitoli sono intitolati alle frasi celebri: come “Alea iacta est” o “Veni, vidi, vici”. Naturalmente l’epilogo s’intitola “Tu quoque, Brute, fili mi?”).

Non vi è venuta voglia di rispolverare la storia dell’antica Roma designando Antonella Di Martino come Arianna nel labirinto degli intrighi politici e delle imprese belliche compiute dal “primo dei Cesari”? 

Bruno Elpis

[1] Al di là delle battute, riporto quanto mi ha precisato la stessa Antonella: “Sottovaluti la grandezza di Cesare come amatore. I quattro matrimoni e la relazione con il re sono niente per uno come lui, che oggi sarebbe definito “pansessuale”. Soprattutto in campo sessuale, Cesare non aveva limiti. “Il marito di tutte le mogli e la moglie di tutti i mariti (omnium mulierum virum et omnium virorum mulierem)” è la definizione che calza meglio. Per capirci meglio, si può dire che ha “amato” legioni di uomini e di donne…  Oltre ad avere un’attività sessuale “a tutto campo”, Cesare aveva anche la caratteristica di amare le sue mogli e le sue amanti, di affezionarsi davvero: a quei tempi era insolito, e nuovo. Considera che Catone, romano di antichi principi, aveva ceduto “in prestito” sua moglie a un suo amico, e poi se l’era ripresa, come se fosse un mobile o un animale domestico. Il  rapporto d’amore che Cesare ebbe con Cleopatra, così simile a lui (regina, colta, mezza divina), quasi sullo stesso piano), era straordinario per la sua simmetria. Cesare era considerato eccentrico anche per questo”.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Antonella

Martino

Di

Libri dallo stesso autore

Intervista a Di Martino Antonella

Raphael - un giovane scrittore di successo, ora in crisi creativa, e ragazzo padre - da sei mesi ha una relazione con Anna. Anna è bella, dolce, intelligente, eppure nasconde qualcosa. Durante un weekend d'amore in Costa Azzurra, a sole tre settimane dal loro matrimonio, Raphael non riesce a trattenersi e, con insistenza, chiede ad Anna dettagli sul suo passato. Anna, esasperata, mostra a Raphael un'immagine dalla galleria fotografica del suo laptop, urlando: "Vedi questo? L'ho fatto io." Raphael inorridisce alla vista di quella immagine e fugge via. Un gesto di cui subito si pente. Ma al suo ritorno, Anna non è più lì. Raphael la cerca sul cellulare, che risulta spento. Torna a Parigi, dove spera di ritrovarla, ma Anna non è a Parigi. Raphael la ama, è pronto a perdonarle tutto. Ma deve ritrovarla. Chiede aiuto a un suo amico, ex poliziotto, Marc Caradec. Insieme perquisiscono la casa di Anna, ma il buio diventa ancora più profondo, e il mistero sempre più denso: nell'appartamento trovano 400.000 euro in contanti e due carte di identità false. Dunque Anna, forse, non è Anna; e le reticenze di Anna sulla propria vita non erano senza motivi; e quell'immagine, spaventosa, rimane, per Raphael, una delle poche tracce da seguire, per scoprire la verità sulla persona che ama.

La ragazza di Brooklyn

Musso Guillaume

Un'organizzazione nascente, spietata e sanguinaria, dalle periferie cerca la conquista del cielo. Tre giovani eroi maledetti, che hanno un sogno ingenuo e terribile. Un poliziotto molto deciso, un coro di malavitosi, giocatori d'azzardo, criminologi, giornalisti, giudici, cantanti, mafiosi, insieme a pezzi deviati del potere e terroristi neri. E il piú esclusivo bordello in città. Un romanzo epico di straordinaria potenza, il cuore occulto della Storia d'Italia messo a nudo.

ROMANZO CRIMINALE

De Cataldo Giancarlo

Milano, anno del Signore 1576. Sono giorni oscuri quelli che sommergono la capitale del Ducato. La peste bubbonica è al suo culmine, il Lazzaretto Maggiore rigurgita di ammalati, i monatti stentano a raccogliere i morti. L'aria è un miasma opaco per il fumo dei roghi accesi ovunque. In questo scenario spettrale il notaio criminale Niccolò Taverna viene convocato dal capitano di Giustizia per risolvere un difficile caso di omicidio. La vittima è Bernardino da Savona, commissario della Santa Inquisizione che aveva il compito di far valere le decisioni della Corona di Spagna sul suolo del Ducato di Milano. Bernardino aveva ricevuto l'incarico di occuparsi degli ordini ecclesiastici in odore di eresia, come quello misterioso degli Umiliati, messi al bando dall'arcivescovo Carlo Borromeo e desiderosi di vendetta. Contemporaneamente, Niccolò Taverna deve riuscire a individuare il responsabile del furto del Candelabro del Cellini trafugato dal Duomo di Milano. Ma ben presto si accorge che sta seguendo una pista sbagliata perché un altro oggetto, ben più prezioso, è stato sottratto... Nella Milano piagata dalla peste e su cui grava l'incubo della Santa Inquisizione, Taverna deve fare appello a tutte le sue sorprendenti capacità investigative per venire a capo di questi casi che rischiano di compromettere la sua carriera e la sua stessa incolumità, ma che conducono anche sul suo cammino la giovane e intrigante Isabella, nei cui occhi Niccolò ha l'impressione di annegare. Ventiquattro ore, non una di più: questo è il tempo incalzante nel quale si svolge l'indagine, e con essa l'intero romanzo. Un libro in cui l'esattezza della ricostruzione storica si unisce alla descrizione di tecniche investigative antiche incredibilmente simili a quelle sofisticate di oggi. Il notaio criminale Niccolò Taverna si prepara a sezionare con il bisturi della logica e l'intelligenza del cuore misteri oscuri e inquietanti, che allungano la loro ombra fino a noi...

IL SEGNO DELL’UNTORE

Forte Franco

Un misantropo appassionato di Stendhal, nascosto in un villaggio della Savoia, viene misteriosamente rapito e abbandonato in una foresta. Una bella signora bionda, esperta guidatrice, perde il controllo dell’auto e finisce fuori strada. Intanto in Bretagna un uomo che ogni giorno faceva la sua passeggiata in riva al mare incontra due sconosciuti che lo terrorizzano. Ma il lettore capisce presto che questo non è un classico romanzo poliziesco. Gli aggressori non sono né agenti segreti né trafficanti. Non aggrediscono dei duri ma delle persone miti. Ce l’hanno in particolare con un libraio ribelle, con una malinconica ereditiera e con la libreria che i due hanno creato senza mai pensare che potesse suscitare tanto odio. Chi, tra gli appassionati della letteratura, non ha mai sognato di aprire una libreria ideale dove si vendessero solo i libri più amati? Lanciandosi nell’avventura, Francesca e Ivan, i due librai, sapevano che non sarebbe stato facile. Come scegliere i libri? Come far quadrare i conti? Ma ciò che non avevano previsto era il successo. Un successo che però scatena una sorprendente sfilza di invidie e aggressioni.

LA LIBRERIA DEL BUON ROMANZO

Cossé Laurence