Fumetti

Gli altri

De Giovanni Maurizio

Di Virgilio Alessandro

Descrizione: Come raccontare Napoli attraverso le storie di altri. Di coloro cioè che, pur non essendoci più continuano a popolarla. E così le voci dei protagonisti, le anime, confondono la morte con la vita e si raccontano, nelle loro storie malinconiche e profondamente umane, accomunate dalla condanna della perdita dell’amore.

Categoria: Fumetti

Editore:

Collana:

Anno: 2013

ISBN: 9788897165620

Recensito da Donatella Perullo

Le Vostre recensioni

Un’interessante unione di menti e cuori ispirati ha portato alla luce Gli Altri, graphic novel di considerevole valore.  Le tre storie che danno vita all’albo hanno come fonte d’ispirazione i due temi più cari allo scrittore Maurizio de Giovanni, sulla cui trilogia teatrale Gli altri fantasmi si è basato Alessandro Di Virgilio per sceneggiare questo comics: La città di Napoli e l’amore.

È Napoli, infatti, il palcoscenico sul quale si muovono i tormentati personaggi di La canzone di Filomena, Storia di papo e Bimbomio e di La casa è il mio regno, i tre racconti che hanno come filo conduttore un sardonico e disincantato commentatore. Tre storie d’amore e morte. Amore che “basta poco affinché diventi ossessione e ancora meno perché passi il segno per trasformarsi in qualcosa di fetente, di malsano” e Morte che non sempre è una nemica, che può arrivare anche come una liberazione o trasformarsi in un’eterna galera.

La città, anello di congiunzione che diventa quasi protagonista, con i suoi chiaroscuri le sue tradizioni e le leggende. È così che de Giovanni ci fa riscoprire la sedia di Santa Maria della Francesca, scanno miracoloso sul quale ancora oggi si siedono le giovani per chiedere la grazia del concepimento. Ci conduce poi sotto lo storico Ponte della Sanità, simbolo di resistenza e liberazione e ci riporta alla memoria l’indimenticabile monologo dedicato al caffè dal grande Eduardo De Filippo nella commedia teatrale Questi Fantasmi.

Napoli in primo piano, dunque, e storie forti, cariche di sentimento, proprio come Maurizio de Giovanni ci ha abituati nei suoi romanzi. Così come nelle storie che raccontano del commissario Luigi Alfredo Ricciardi, infatti, anche ne Gli Altri è evidente il legame dell’amore con la morte, di cui è spesso causa. Così, come attraverso gli occhi del tormentato Ricciardi, anche in questo romanzo a fumetti ritroviamo un’osservazione nitida della vita dopo la morte, di quel mondo del quale non si potrà mai avere certezza, ma che tanto stimola il nostro immaginario.

Questa volta però i volti scavati dal dolore, i vicoli, le ombre possiamo anche vederli, e non solo con gli occhi della mente, grazie ai disegni energici, quasi aggressivi, del bravo Luca Ferrara. Tavole rigorosamente in bianco e nero che contribuiscono ad accrescere l’atmosfera e l’intensità di un soggetto e una sceneggiatura importanti.

Maurizio de Giovanni torna a collaborare con Alessandro Di Virgilio dopo tre anni. Nel 2010, infatti, Di Virgilio sceneggiò un fumetto tratto dal racconto Mammarella edito dalla Cagliostro E-Press.

Vediamo dunque chi sono i tre talenti che ci donano quest’opera:

Lo scrittore: Maurizio de Giovanni (leggi anche l’intervista in esclusiva per i-LIBRI) è nato a Napoli nel 1958 dive vive e lavora. Noto al grande pubblico come creatore di Luigi Alfredo Ricciardi, commissario di polizia della Napoli del 1931, comincia la sua carriera letteraria vincendo nel 2005 il concorso per racconti gialli Tiro Rapido indetto da Porche Italia. Debutta subito dopo con il primo romanzo “Le lacrime del pagliaccio“, edito nel 2006 da Graus Editore e poi dall’editrice Fandango con il titolo “Il senso del dolore – l’inverno del commissario Ricciardi“. E’ successo immediato e al primo seguono, per ora, altri cinque romanzi di successo internazionale con protagonista il ‘Commissario che vede i morti': “La condanna del sangue. La primavera del commissario Ricciardi“, Fandango Libri, 2008; “Il posto di ognuno. L’estate del commissario Ricciardi“, Fandango Libri, 2009; “Il giorno dei morti. L’autunno del commissario Ricciardi“, Fandango Libri, 2010; “Per mano mia. Il Natale del commissario Ricciardi“, Einaudi, 2011; “Vipera. Nessuna resurrezione per il commissario Ricciardi“, Einaudi, 2012. Maurizio de Giovanni è stato vincitore, nel 2012, del premio Scerbanenco con Il metodo del coccodrillo, primo thriller ambientato nella Napoli odierna e con protagonista l’ispettore Lojacono tanto diverso, ma non per questo meno interessante.

Lo sceneggiatore: Alessandro Di Virgilio, nato a Napoli nel 1962, vive e lavora in provincia di Rieti. Ha lavorato per Il Giornalino (Ed. S. Paolo), Boy Comics (Ed. Cioè), Splatter (Ed. Acne) e P.E.P. (Ed. Phoenix). Dopo una lunga lontananza dal mondo del comics, pubblica diversi titoli tra i quali La grande guerra, storia di nessuno (Beccogiallo), Sandokan la tigre della Malesia (Nicola Pesce Editore) e L’uomo che sfidava le stelle (Tunué). In questo periodo collabora con diverse editrici tra le quali la Tunué e Editoriale Aurea (Lanciostory e Scorpio).

Il fumettista: Luca Ferrara, nasce a Cava dei Tirreni nel 1982 e si diploma alla Scuola Del Fumetto di Milano nel 2007. Inizia subito a collaborare con diverse agenzie pubblicitarie e realizza un’illustrazione per il libro dedicato a H.P. Lovecraft Da Arkham Alle Stelle (Bottero Edizioni). Ha lavorato soprattutto per Round Robin, con titoli come Don Peppe Diana. Per amore del mio popolo (2009), Pippo Fava. Lo spirito di un giornale (2010 del quale è anche co-sceneggiatore), Antonio Caponnetto. Non è tutto finito. (2012).

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Maurizio

Giovanni

De

Libri dallo stesso autore

Intervista a Di Virgilio Alessandro

Alessandro

Virgilio

Di

Libri dallo stesso autore

Intervista a Di Virgilio Alessandro


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Gerusalemme, 7 aprile dell’anno 30: Gesù viene crocifisso sul Golgota e deposto in una tomba poco distante. Secondo le testimonianze riportate nei Vangeli, il corpo resta nel sepolcro per circa quaranta ore, dalla sera di venerdì fino all’alba di domenica 9 aprile. Quella mattina, alcune donne che avevano assistito alla crocifissione si recano sul posto per rendergli omaggio, ma con loro grande stupore trovano una tomba vuota. Cos’è accaduto durante questo lasso di tempo? Tante sono le ipotesi, alcune delle quali si fondano sull’idea che il cadavere di Gesù sia stato trafugato. Eppure un’altra teoria, meno nota, vuole far luce su quanto sarebbe accaduto dentro il sepolcro. I Vangeli tacciono completamente su questo punto. Ma oggi, sulla base di alcune prove archeologiche e nuovi risultati scientifici, è possibile indagare più a fondo su tale mistero. Subito dopo la morte, Gesù inizia un viaggio in un altro mondo, in un’altra dimensione. Un viaggio che nasconde ancora un grande segreto da svelare…

IL LIBRO SEGRETO DI GESU’

Venturini Simone

All'era dei pirati della finanza e dell'industria, degli imperi economici costruiti sui campi di battaglia è succeduto lo scenario desolante degli anni Trenta: la borsa in caduta libera, la crisi, la disoccupazione, e "tutti quegli scandali ignobili, quei processi, quei tracolli privi di grandezza"... Come molti della sua generazione, Christophe Bohun non ha né ambizioni, né speranze, né desideri, né nostalgie. È un modesto impiegato nell'azienda che suo padre, il Bohun dell'acciaio, il Bohun del petrolio, è stato costretto, dopo un clamoroso fallimento, ad abbandonare nelle mani del socio. Si lascia svogliatamente amare da una moglie di irritante perfezione e da una cugina da sempre innamorata di lui. "È la pedina" annota la Némirovsky sulla minuta del romanzo "che viene manovrata sulla scacchiera, che per due o tremila franchi al mese sacrifica il suo tempo, la sua salute, la sua anima, la sua vita". Alla morte del padre, però, Christophe trova in un cassetto, bene in evidenza, una busta sigillata: dentro, un elenco di parlamentari, giornalisti, banchieri a cui, nel tentativo di evitare il crac, il vecchio Bohun aveva elargito somme ingenti affinché spingessero il governo ad accelerare i preparativi bellici. Riuscirà questo bruciante retaggio, questa potenziale arma di ricatto, e di riscatto, a scuotere Christophe dal suo "cupo torpore"? Difficile trovare un romanzo così puntualmente applicabile a temi e fatti di ottant'anni dopo.

Una pedina sulla scacchiera

Némirovsky Irène

Da nove anni, Jeanie vive in una prigione di silenzio. Da quando, una fredda sera di autunno, suo marito George è rientrato a casa e ha iniziato a comportarsi come se lei non esistesse. Ancora oggi, lui non la guarda, non le parla, dorme in un'altra stanza. Per Jeanie, gli unici momenti di gioia sono i giovedì al parco insieme con la nipotina. Ed è proprio in una di quelle occasioni che lei conosce Ray, anche lui lì col nipote. Ray è galante, spiritoso, gentile. Per la prima volta dopo tanto tempo, Jeanie si sente di nuovo apprezzata e, settimana dopo settimana, sente nascere dentro di sé una passione che credeva non avrebbe mai più provato. Eppure la felicità ha un prezzo. Ben presto, infatti, Jeanie si rende conto che, per vivere in pieno un nuovo amore, deve recidere ciò che la lega al passato, mettendo così a rischio tutto ciò che ha costruito nel corso di una vita. Come l'affetto dei figli, che non capiscono cosa stia succedendo alla madre, o la stima degli amici, che le suggeriscono di non dare peso a un sentimento effimero. Ma, soprattutto, Jeanie deve ricominciare a comunicare col marito, e l'unico modo per farlo è scoprire cosa sia successo quella notte di nove anni prima...

I nostri giovedì al parco

Boyd Hilary

"Cuore pensante" è il romanzo di una formazione spirituale di una bambina diversa dalle altre, che portava i pantaloni, che soffriva e amava la solitudine, che non seduceva i ragazzi scimmiottando modelli da rotocalco, che faceva molte domande, che coglieva il sacro nel dettaglio quotidiano, che sapeva sorprendersi della natura, delle sue leggi e delle sue meraviglie. Susanna Tamaro offre ai suoi lettori un personalissimo diario spirituale, un libro confessione che si legge come un romanzo e che mette a nudo, come mai aveva fatto sinora, la sua spiritualità concretissima, che non sacrifica la realtà al mistero ma coglie il mistero nella realtà.

Un cuore pensante

Tamaro Susanna