Fumetti

Gli altri

De Giovanni Maurizio

Di Virgilio Alessandro

Descrizione: Come raccontare Napoli attraverso le storie di altri. Di coloro cioè che, pur non essendoci più continuano a popolarla. E così le voci dei protagonisti, le anime, confondono la morte con la vita e si raccontano, nelle loro storie malinconiche e profondamente umane, accomunate dalla condanna della perdita dell’amore.

Categoria: Fumetti

Editore:

Collana:

Anno: 2013

ISBN: 9788897165620

Recensito da Donatella Perullo

Le Vostre recensioni

Un’interessante unione di menti e cuori ispirati ha portato alla luce Gli Altri, graphic novel di considerevole valore.  Le tre storie che danno vita all’albo hanno come fonte d’ispirazione i due temi più cari allo scrittore Maurizio de Giovanni, sulla cui trilogia teatrale Gli altri fantasmi si è basato Alessandro Di Virgilio per sceneggiare questo comics: La città di Napoli e l’amore.

È Napoli, infatti, il palcoscenico sul quale si muovono i tormentati personaggi di La canzone di Filomena, Storia di papo e Bimbomio e di La casa è il mio regno, i tre racconti che hanno come filo conduttore un sardonico e disincantato commentatore. Tre storie d’amore e morte. Amore che “basta poco affinché diventi ossessione e ancora meno perché passi il segno per trasformarsi in qualcosa di fetente, di malsano” e Morte che non sempre è una nemica, che può arrivare anche come una liberazione o trasformarsi in un’eterna galera.

La città, anello di congiunzione che diventa quasi protagonista, con i suoi chiaroscuri le sue tradizioni e le leggende. È così che de Giovanni ci fa riscoprire la sedia di Santa Maria della Francesca, scanno miracoloso sul quale ancora oggi si siedono le giovani per chiedere la grazia del concepimento. Ci conduce poi sotto lo storico Ponte della Sanità, simbolo di resistenza e liberazione e ci riporta alla memoria l’indimenticabile monologo dedicato al caffè dal grande Eduardo De Filippo nella commedia teatrale Questi Fantasmi.

Napoli in primo piano, dunque, e storie forti, cariche di sentimento, proprio come Maurizio de Giovanni ci ha abituati nei suoi romanzi. Così come nelle storie che raccontano del commissario Luigi Alfredo Ricciardi, infatti, anche ne Gli Altri è evidente il legame dell’amore con la morte, di cui è spesso causa. Così, come attraverso gli occhi del tormentato Ricciardi, anche in questo romanzo a fumetti ritroviamo un’osservazione nitida della vita dopo la morte, di quel mondo del quale non si potrà mai avere certezza, ma che tanto stimola il nostro immaginario.

Questa volta però i volti scavati dal dolore, i vicoli, le ombre possiamo anche vederli, e non solo con gli occhi della mente, grazie ai disegni energici, quasi aggressivi, del bravo Luca Ferrara. Tavole rigorosamente in bianco e nero che contribuiscono ad accrescere l’atmosfera e l’intensità di un soggetto e una sceneggiatura importanti.

Maurizio de Giovanni torna a collaborare con Alessandro Di Virgilio dopo tre anni. Nel 2010, infatti, Di Virgilio sceneggiò un fumetto tratto dal racconto Mammarella edito dalla Cagliostro E-Press.

Vediamo dunque chi sono i tre talenti che ci donano quest’opera:

Lo scrittore: Maurizio de Giovanni (leggi anche l’intervista in esclusiva per i-LIBRI) è nato a Napoli nel 1958 dive vive e lavora. Noto al grande pubblico come creatore di Luigi Alfredo Ricciardi, commissario di polizia della Napoli del 1931, comincia la sua carriera letteraria vincendo nel 2005 il concorso per racconti gialli Tiro Rapido indetto da Porche Italia. Debutta subito dopo con il primo romanzo “Le lacrime del pagliaccio“, edito nel 2006 da Graus Editore e poi dall’editrice Fandango con il titolo “Il senso del dolore – l’inverno del commissario Ricciardi“. E’ successo immediato e al primo seguono, per ora, altri cinque romanzi di successo internazionale con protagonista il ‘Commissario che vede i morti': “La condanna del sangue. La primavera del commissario Ricciardi“, Fandango Libri, 2008; “Il posto di ognuno. L’estate del commissario Ricciardi“, Fandango Libri, 2009; “Il giorno dei morti. L’autunno del commissario Ricciardi“, Fandango Libri, 2010; “Per mano mia. Il Natale del commissario Ricciardi“, Einaudi, 2011; “Vipera. Nessuna resurrezione per il commissario Ricciardi“, Einaudi, 2012. Maurizio de Giovanni è stato vincitore, nel 2012, del premio Scerbanenco con Il metodo del coccodrillo, primo thriller ambientato nella Napoli odierna e con protagonista l’ispettore Lojacono tanto diverso, ma non per questo meno interessante.

Lo sceneggiatore: Alessandro Di Virgilio, nato a Napoli nel 1962, vive e lavora in provincia di Rieti. Ha lavorato per Il Giornalino (Ed. S. Paolo), Boy Comics (Ed. Cioè), Splatter (Ed. Acne) e P.E.P. (Ed. Phoenix). Dopo una lunga lontananza dal mondo del comics, pubblica diversi titoli tra i quali La grande guerra, storia di nessuno (Beccogiallo), Sandokan la tigre della Malesia (Nicola Pesce Editore) e L’uomo che sfidava le stelle (Tunué). In questo periodo collabora con diverse editrici tra le quali la Tunué e Editoriale Aurea (Lanciostory e Scorpio).

Il fumettista: Luca Ferrara, nasce a Cava dei Tirreni nel 1982 e si diploma alla Scuola Del Fumetto di Milano nel 2007. Inizia subito a collaborare con diverse agenzie pubblicitarie e realizza un’illustrazione per il libro dedicato a H.P. Lovecraft Da Arkham Alle Stelle (Bottero Edizioni). Ha lavorato soprattutto per Round Robin, con titoli come Don Peppe Diana. Per amore del mio popolo (2009), Pippo Fava. Lo spirito di un giornale (2010 del quale è anche co-sceneggiatore), Antonio Caponnetto. Non è tutto finito. (2012).

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Maurizio

Giovanni

De

Libri dallo stesso autore

Intervista a Di Virgilio Alessandro

Alessandro

Virgilio

Di

Libri dallo stesso autore

Intervista a Di Virgilio Alessandro

Quando esci dagli schemi della mera e rassicurante esistenza e decidi di vivere, tutto può accadere. A Diego, quarantenne traumatizzato da un lutto familiare, con un lavoro anonimo e un talento unico per le balle, accade di imbarcarsi impulsivamente in un'impresa al di sopra delle sue capacità, l'apertura di un agriturismo; accade che decida di farlo in società con due individui visti solo una volta e che in comune con lui hanno esclusivamente la mediocrità; accade anche che a far evitare il fallimento immediato sia l'intervento di un comunista nostalgico e che la banale fuga in campagna si trasformi in un atto di resistenza quando nell'agriturismo si presenta un camorrista per chiedere il pizzo. Questo arrivo inaspettato genera una risposta imprevedibile, soprattutto da parte di quattro guerrieri da riunione di condominio, e una serie di eventi a catena. Diego e i suoi amici diventano involontari artefici di un bizzarro miracolo mentre l'agriturismo, con l'arrivo di tre immigrati ghanesi e di una giovane cuoca punk, si trasforma giorno dopo giorno in una sorta di avamposto multietnico, anarchico e partigiano.

GIULIA 1300 E ALTRI MIRACOLI

Bartolomei Fabio

Martino Rebowsky è uno dei dodici uomini più felici sulla faccia della terra. Ormai sempre più grasso, più misogino, più pigro, più strafatto, più allo sbando e più rock 'n' roll, passa le sue giornate a dormire e a guardare serie tv su Netflix, mentre di notte - come un moderno guru della Genova by night - va in giro a filosofeggiare per i locali del centro storico o a suonare la sua tromba nei peggiori club della città. Ma qualcosa sta per cambiare. Quando improvvisamente sparisce nel nulla Bianca, una delle spogliarelliste del Perciò, gli equilibri zen della sua vita sballano radicalmente. Rebowsky, assoldato da Lele "il fighetto", proprietario del night, dovrà cercare la ragazza scomparsa e farlo alla svelta; Lele non vuole sbirri tra i piedi, quindi, in cambio di una discreta somma di grano, dovrà trovare Bianca senza fare troppo chiasso in giro. Aiutato come sempre dalla sua amica Marilù - ricca e naïf - Martino, improvvisandosi maldestramente investigatore privato, si troverà improvvisamente catapultato in una surreale e bizzarra indagine, contornata da folli nottate, Porsche fiammanti, musicisti ossessivo compulsivi, hipster vegani, provocanti spogliarelliste, fotografi radical-chic, incensisti senza capo né coda, grassi finanzieri corrotti e artisti maledetti. Ma che fine ha fatto, davvero, Bianca? E di chi è quel cadavere trovato in mare, domenica 12 maggio?

Dodici lumache e una banana split

Monforte Matteo

Marta ha solo sedici anni, ma dietro i suoi begli occhi si nascondono le incisioni di segreti inconfessati, orribili ferite dall'odore nauseabondo. Gli uomini sono delle bestie, Marta è costretta a ripeterselo. L'ha imparato a sue spese, sulla sua pelle, e pagherà fino in fondo. Eppure, gli uomini sono l'unico approdo che resta, quando tutti i sogni si spengono nelle ristrettezze di una vita che offre solo la copia sbiadita di ciò che sembra luccicare nell'Occidente, così lontano eppure appena dietro l'angolo. Salvo avere la fortuna di scovarlo, l'uomo giusto. Un uomo da amare. Sempre che l'amore esista davvero. Chisinau, Moldavia... La gioventù finisce presto, da quelle parti. La spensieratezza non c'è. La vita è dura, violenta, i miti si schiantano nella realtà di tutti i giorni. Si vive border line, e si finisce sopraffatti, se si è donne, giovani, carine. Come Marta, violabile e violata, colpevole senza colpe, eroina al contrario di una storia senza speranza. E in cambio c'è solo vendetta, morte, e altra sopraffazione. Esiste una giustizia? Se esiste, è la giustizia più ingiusta che si possa meritare. La "Frivolezza" è quella dei sogni rincorsi. Ma la storia è densa, proprio come "il cristallo liquido" che nel titolo annulla e trasforma gli anni teneri di una gioventù bruciata dagli altri. Irina Turcanu scrive questa sua cronaca dell'infanzia con mano intenerita e partecipe, eppure senza fronzoli, senza mediare con l'asprezza delle tematiche scelte, con mano dura laddove la storia si fa dura. Il romanzo di una giovanissima scrittrice rumena, oggi italiana. Tenetelo di conto, ne sentirete ancora parlare.

LA FRIVOLEZZA DEL CRISTALLO LIQUIDO

Turcanu Irina

Il vestito del morto