Narrativa

GLI IMPLACCABILI

Cimbrico Giorgio

Descrizione: Gli Implaccabili sono stati - e sono - così tanti che hanno costretto a un sequel. Dicono sia il sintomo di un successo iniziale e tutto sommato è stato proprio così. Forse non sarà l’unico perché il pianeta ovale è più grande di Giove, più misterioso di Marte, più ammantato di nebbie da squarciare di Mercurio, più fascinoso del Parnaso dipinto da Mantegna. E così, se il professor Umberto Eco si è lanciato nella classificazione delle terre e dei luoghi leggendari, è venuto naturale proseguire su questa strada di uomini e fatti che leggendari non sono, ma che il trascorrer del tempo sta mutando in ruvidi semidei, in momenti che val la pena tornare a accarezzare. La nostalgia non è tristezza, è solo l’amo per ripescare dentro di noi Nelson Mandela che diventa Springbok, Jean Prat che smonta gli All Blacks, Danie Craven che, come lo zio Sam, invita ad arruolarsi, i Natives che giocano una partita lunga un anno e mezzo. Tra gli attori di Implaccabili 2 ci sono anche loro e non solo loro.

Categoria: Narrativa

Editore: Absolutely Free

Collana:

Anno: 2011

ISBN: 9788868580131

Recensito da Walther Galvalisi

Le Vostre recensioni

Difficile recensire un libro che parla della passione che, ad oggi, ha divorato la metà esatta della mia vita.

Il rugby è “possessivo”, una volta che ti ha catturato è difficile che ti lasci andare. Come in tutti gli sport, le gioie delle vittorie (molte) sono bilanciate dalle sconfitte (moltissime) e dagli infortuni (innumerevoli), quello che fa la differenza è il senso di squadra, di gruppo, di attaccamento ai compagni (e perché no? Anche agli avversari) che il rugby infonde nei propri adepti.

“Gli implaccabili”, a modo suo, parla di rugbisti eccelsi (non come il sottoscritto!), alternando pure e semplici cronache sportive con resoconti tratti dalla vita di ognuno di essi.

Si parte da lontano, da quel 1823, anno in cui William Webb Ellis “con supremo disprezzo per le regole del football com’era giocato a quel tempo, per primo presa la palla tra le braccia e con essa corse, originando il gioco del Rugby” e, attraverso storie e aneddoti su alcuni dei personaggi che hanno reso questo sport così ricco di fascino, si trascorrono quasi due secoli.

La prima metà di “Gli implaccabili” è a tratti commovente. Più che di campi da gioco si parla dei campi di battaglia della Prima Guerra Mondiale a cui parteciparono moltissimi giocatori dell’epoca: arruolati e spediti al fronte. Ecco quindi Edgar Mobbs, campione inglese; Dave Gallaher, baffuto ex capitano degli All Blacks disperso nel tritacarne di Passchendaele; Cyril Lowe, fisico minuto ma grinta da vendere, asso del biplano e che tornerà dal fronte per ricominciare con il rugby internazionale nel 1919 e come addestratore della RAF nel secondo conflitto mondiale. Si susseguono cronache di vicende trionfali, tristi, eroiche, amare e così via.

Nella seconda metà del volume si comincia a parlare sempre più di rugby giocato, dell’atmosfera che circonda e avvolge i campi, gli stadi e gli spogliatoi.

Ecco quindi ricchi dettagli sul Galles degli anni settanta, più che una squadra un vero e proprio All-star team. La storia delle cattedrali della palla ovale: il Millenium a Cardiff, Croke Park a Dublino (noto soprattutto per il tragico Bloody Sunday) e Twickenham a Londra.

Si chiude con il difficile outing di Gareth Thomas, ex nazionale gallese, e con Sir. Jonny Wilkinson che nel 2003 ha regalato un mondiale all’Inghilterra e che, da allora, continua a lottare (vincendo) con una serie di infortuni da brivido. Tra gli aspetti da sottolineare c’è la scelta di dare spazio a tante storie meno note (ma ugualmente fascinose), rispetto alle più osannate cronache dei fortissimi neozelandesi e del Sudafrica di Mandela.

Ho apprezzato particolarmente i titoli dei capitoli: aforismi di velata (ma neanche troppo!) ironia.

Note dolenti? Poche per il sottoscritto.

La prima riguarda non la sostanza ma la forma del testo. Personalmente, infatti, non sono un cultore dello stile telegrafico: ne riconosco l’impatto vincente sul lettore ma non ne apprezzo l’effetto sulla scorrevolezza dei periodi!

La seconda annotazione non riguarda il volume in sé, bensì la non obiettività di chi recensisce (me-medesimo). Spiego meglio: essendo appassionato di rugby, mi sono facilmente lasciato trasportare dalla narrazione e dall’atmosfera. Sarei curioso a questo punto di passare la palla (quale migliore espressione, visto il contesto) a voi lettori, a digiuno di questo fantastico sport, e scoprire cosa ne pensate!

Chissà, magari un giorno ci ritroveremo su quei campi infangati, erbosi o secchissimi che frequento la domenica pomeriggio…

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Giorgio

Cimbrico

Libri dallo stesso autore

Intervista a Cimbrico Giorgio


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Avvolti in atmosfere sinistre e inquietanti, popolati da creature sospese tra la vita e la morte, assetate di sangue e portatrici di sciagure, questi 15 racconti di Joseph Sheridan Le Fanu hanno profondamente influenzato la narrativa fantastica e dell'orrore. La fantasia di Le Fanu risveglia invincibili paure ancestrali, creando un uniiverso oscuro e sconvolgente.

CARMILLA – di J. Sheridan Le Fanu

Le Fanu Joseph Sheridan

Roma, 11 luglio 1982. La sera della vittoria italiana al Mundial spagnolo Elisa Sordi, giovane impiegata di una società immobiliare del Vaticano scompare nel nulla. L'inchiesta viene affidata a Michele Balistreri, giovane commissario di Polizia dal passato oscuro. Arrogante e svogliato, Balistreri prende sottogamba il caso, e solo quando il corpo di Elisa viene ritrovato sul greto del Tevere si butta a capofitto nelle indagini. Qualcosa però va storto e il delitto rimarrà insoluto. Roma, 6 luglio 2006. Mentre gli azzurri battono la Francia ai Mondiali di Germania, Giovanna Sordi, madre di Elisa, si uccide gettandosi dal balcone. Il commissario Balistreri, ora a capo della Sezione Speciale Stranieri della Capitale, tiene a bada i propri demoni a forza di antidepressivi. Il suicidio dell'anziana donna alimenta i suoi rimorsi, spingendolo a riaprire l'inchiesta. Ma rendere finalmente giustizia a Elisa Sordi dopo ventiquattro anni avrà un prezzo ben più alto del previsto. Balistreri dovrà portare alla luce una verità infinitamente peggiore del cumulo di menzogne sotto cui è sepolta, e affrontare un male elusivo quanto tenace, che ha molteplici volti uno più spaventoso dell'altro.

TU SEI IL MALE

Costantini Roberto

Johnny, la Resistenza e le Langhe sono i tre protagonisti a pari titolo di questo romanzo, trovato tra le carte di Fenoglio dopo la morte. Cronaca della guerra partigiana, epopea antieroica in cui l'autore proietta la propria esperienza in una visione drammatica, Il partigiano Johnny rivela un significato umano che va ben aldilà di quello storico-politico. Dalla formazione delle prime bande fino all'estate del '44 e alla presa di Alba seguiamo l'odissea di Johnny e dei suoi compagni fra gli ozi forzati nei casali, le imboscate contro gli automezzi fascisti, le puntate per giustiziare una spia in pianura, le battaglie campali, i rapporti tra le varie formazioni ribelli. Con un saggio di Dante Isella.

Il partigiano Johnny

Fenoglio Beppe

Poker Faces

Luca Moricca