Narrativa

GLI IMPLACCABILI

Cimbrico Giorgio

Descrizione: Gli Implaccabili sono stati - e sono - così tanti che hanno costretto a un sequel. Dicono sia il sintomo di un successo iniziale e tutto sommato è stato proprio così. Forse non sarà l’unico perché il pianeta ovale è più grande di Giove, più misterioso di Marte, più ammantato di nebbie da squarciare di Mercurio, più fascinoso del Parnaso dipinto da Mantegna. E così, se il professor Umberto Eco si è lanciato nella classificazione delle terre e dei luoghi leggendari, è venuto naturale proseguire su questa strada di uomini e fatti che leggendari non sono, ma che il trascorrer del tempo sta mutando in ruvidi semidei, in momenti che val la pena tornare a accarezzare. La nostalgia non è tristezza, è solo l’amo per ripescare dentro di noi Nelson Mandela che diventa Springbok, Jean Prat che smonta gli All Blacks, Danie Craven che, come lo zio Sam, invita ad arruolarsi, i Natives che giocano una partita lunga un anno e mezzo. Tra gli attori di Implaccabili 2 ci sono anche loro e non solo loro.

Categoria: Narrativa

Editore: Absolutely Free

Collana:

Anno: 2011

ISBN: 9788868580131

Recensito da Walther Galvalisi

Le Vostre recensioni

Difficile recensire un libro che parla della passione che, ad oggi, ha divorato la metà esatta della mia vita.

Il rugby è “possessivo”, una volta che ti ha catturato è difficile che ti lasci andare. Come in tutti gli sport, le gioie delle vittorie (molte) sono bilanciate dalle sconfitte (moltissime) e dagli infortuni (innumerevoli), quello che fa la differenza è il senso di squadra, di gruppo, di attaccamento ai compagni (e perché no? Anche agli avversari) che il rugby infonde nei propri adepti.

“Gli implaccabili”, a modo suo, parla di rugbisti eccelsi (non come il sottoscritto!), alternando pure e semplici cronache sportive con resoconti tratti dalla vita di ognuno di essi.

Si parte da lontano, da quel 1823, anno in cui William Webb Ellis “con supremo disprezzo per le regole del football com’era giocato a quel tempo, per primo presa la palla tra le braccia e con essa corse, originando il gioco del Rugby” e, attraverso storie e aneddoti su alcuni dei personaggi che hanno reso questo sport così ricco di fascino, si trascorrono quasi due secoli.

La prima metà di “Gli implaccabili” è a tratti commovente. Più che di campi da gioco si parla dei campi di battaglia della Prima Guerra Mondiale a cui parteciparono moltissimi giocatori dell’epoca: arruolati e spediti al fronte. Ecco quindi Edgar Mobbs, campione inglese; Dave Gallaher, baffuto ex capitano degli All Blacks disperso nel tritacarne di Passchendaele; Cyril Lowe, fisico minuto ma grinta da vendere, asso del biplano e che tornerà dal fronte per ricominciare con il rugby internazionale nel 1919 e come addestratore della RAF nel secondo conflitto mondiale. Si susseguono cronache di vicende trionfali, tristi, eroiche, amare e così via.

Nella seconda metà del volume si comincia a parlare sempre più di rugby giocato, dell’atmosfera che circonda e avvolge i campi, gli stadi e gli spogliatoi.

Ecco quindi ricchi dettagli sul Galles degli anni settanta, più che una squadra un vero e proprio All-star team. La storia delle cattedrali della palla ovale: il Millenium a Cardiff, Croke Park a Dublino (noto soprattutto per il tragico Bloody Sunday) e Twickenham a Londra.

Si chiude con il difficile outing di Gareth Thomas, ex nazionale gallese, e con Sir. Jonny Wilkinson che nel 2003 ha regalato un mondiale all’Inghilterra e che, da allora, continua a lottare (vincendo) con una serie di infortuni da brivido. Tra gli aspetti da sottolineare c’è la scelta di dare spazio a tante storie meno note (ma ugualmente fascinose), rispetto alle più osannate cronache dei fortissimi neozelandesi e del Sudafrica di Mandela.

Ho apprezzato particolarmente i titoli dei capitoli: aforismi di velata (ma neanche troppo!) ironia.

Note dolenti? Poche per il sottoscritto.

La prima riguarda non la sostanza ma la forma del testo. Personalmente, infatti, non sono un cultore dello stile telegrafico: ne riconosco l’impatto vincente sul lettore ma non ne apprezzo l’effetto sulla scorrevolezza dei periodi!

La seconda annotazione non riguarda il volume in sé, bensì la non obiettività di chi recensisce (me-medesimo). Spiego meglio: essendo appassionato di rugby, mi sono facilmente lasciato trasportare dalla narrazione e dall’atmosfera. Sarei curioso a questo punto di passare la palla (quale migliore espressione, visto il contesto) a voi lettori, a digiuno di questo fantastico sport, e scoprire cosa ne pensate!

Chissà, magari un giorno ci ritroveremo su quei campi infangati, erbosi o secchissimi che frequento la domenica pomeriggio…

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Giorgio

Cimbrico

Libri dallo stesso autore

Intervista a Cimbrico Giorgio


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Camillo è un cagnolino diverso da tutti gli altri. Anzi, a dire il vero non siamo nemmeno troppo sicuri che si tratti di un cane. Non abbiamo dubbi però sul fatto che sia un animaletto intraprendente e coraggioso. Spinto dal desiderio di ritrovare la sua famiglia di origine, parte alla volta del Polo Nord, accompagnato dai suoi fedeli amici Benjamin e Holly. Lungo la strada, i nostri tre piccoli eroi incontreranno bizzarri personaggi e affronteranno incredibili avventure, e Camillo finalmente imparerà il significato della parola famiglia.

LE AVVENTURE DI CAMILLO

Nava Francesca

È convinto di picchiare forte, ma viene steso in due secondi nel cortile della scuola; non va in moto; fa lo sbruffone ma con le ragazze è totalmente imbranato: ecco il sedicenne protagonista di questo libro. Periferia di Torino; mentre gli anni Ottanta volgono al termine, il nostro colleziona lividi esterni e soprattutto interni, eppure continua ostinato a lanciare il suo guanto di sfida alla vita. Del resto bisogna tener duro: non è facile vedersela con suo padre – “Il Capo” – un quasi alcolista che passa tutto il tempo stravaccato sull’amaca, ad affibbiare punizioni da telefilm americano. Ed è snervante vivere accanto alla “Foca Monaca”, la sorella triste e timorata di Dio. Quanto alla madre, è scappata col tizio della stazione di servizio, e ormai si può star certi che «starà passando il tempo a farsi fare il pieno dal benzinaio». Non piange mai, il protagonista di questa storia. Piuttosto stringe i pugni, sbuffa e s’affanna, ripetendo a se stesso di essere il più in gamba, anche se la vita gliele dà ogni giorno di santa ragione; anche se le prende perfino da Chiara, la ragazza di cui s’innamora: bella, sveglia, inaccessibile a sfigati come lui, eppure catturata suo malgrado da questo buffo adolescente scapigliato e spaccone, tenero e brancaleonesco, che s’insinua a forza nella sua vita scatenando irresistibili schermaglie. Il Muro di Berlino che crolla e un divertente gioco di riferimenti pop e telefilmici fanno da sfondo a questo romanzo, un Jack Frusciante da periferia che strappa il sorriso a ogni pagina, illuminato da una scrittura esilarante ma a tratti dolente, insieme cinica e romantica come il suo protagonista, che s’inserisce a buon titolo nella nobile tradizione dei perdenti di talento, come Il giovane Holden o i personaggi di John Fante.

MIA SORELLA E’ UNA FOCA MONACA

Frascella Christian

Un’auto lascia Roma di primo mattino. Durante tutto il viaggio, l’uomo al volante, un famoso regista, racconta la sua vita a chi gli siede accanto, il suo compagno, che ama di un amore sconfinato ormai da qualche anno. Sullo sfondo, il palazzo dove ogni cosa accade, crocevia di diverse solitudini, ma anche di incontri folgoranti e travolgenti passioni. E, soprattutto, Roma, come nessuno l’ha mai raccontata. Gli anni Ottanta e l’atmosfera di estrema libertà, la comunità gay e le lunghe estati nel segno della trasgressione, il flagello dell’Aids, la solidarietà che cementa grandi amicizie. Con uno stile irresistibile, lieve e toccante al tempo stesso, al suo secondo libro Ferzan Ozpetek, il regista che più di ogni altro sa parlare di sentimenti, ci guida in un viaggio avanti e indietro nel tempo, sospeso tra pianti e risate, fiction e realtà. Il suo è un mondo popolato da personaggi indimenticabili e bizzarri. Trans sul viale del tramonto, ballerini cleptomani, raffi nati intellettuali, inguaribili romantiche, madri degeneri e fi gli devoti. Le loro storie, esilaranti eppure commoventi, compongono “la Storia” di una vita che si annulla in un’altra, come estremo dono d’amore. Al centro, un sentimento assoluto, capace di resistere a qualsiasi prova della vita: l’Amore.

Sei la mia vita

Ozpetek Ferzan

Nora se ne è andata da quindici anni e Matteo, ogni giorno da allora, chiede a se stesso quale sia la strada da percorrere. Un viaggio intriso di amore e dolore, di ricordi che riaffiorano dal passato, di luoghi in cui la natura amplifica con la sua bellezza e la sua forza i pensieri e le domande del protagonista. Vivendo ormai da anni immerso nella natura che circonda la sua casa in mezzo ai boschi, Matteo si confronta con la propria coscienza sul filo dei ricordi di un passato che riaffiora e si alterna al presente delineando i protagonisti, passati e presenti, della sua vita. "Perché, quando succede qualcosa di irreparabile, non si fa che pensare a quello che si poteva evitare?" Cercando la risposta a infinite domande, Matteo racconta la sua storia forte e dolorosa, poetica e profonda: una storia d'amore così intensa da obbligare il lettore a confrontarsi con il racconto di una vita che, alla fine, non riguarderà più soltanto il protagonista ma tutti coloro che la leggeranno. "Per sempre" è la storia di un amore. Che permane e resiste e che è, soprattutto, un amore impossibile. Con una scrittura nitida ed evocativa, a 17 anni di distanza dalla pubblicazione di "Va' dove ti porta il cuore", Susanna Tamaro torna con uno straordinario romanzo sulla profondità dell'animo umano, sulla fatica di crescere, sul coraggio e sull'amore come fondamento di ogni rapporto.

Per sempre

Tamaro Susanna