Narrativa

GLI IMPLACCABILI

Cimbrico Giorgio

Descrizione: Gli Implaccabili sono stati - e sono - così tanti che hanno costretto a un sequel. Dicono sia il sintomo di un successo iniziale e tutto sommato è stato proprio così. Forse non sarà l’unico perché il pianeta ovale è più grande di Giove, più misterioso di Marte, più ammantato di nebbie da squarciare di Mercurio, più fascinoso del Parnaso dipinto da Mantegna. E così, se il professor Umberto Eco si è lanciato nella classificazione delle terre e dei luoghi leggendari, è venuto naturale proseguire su questa strada di uomini e fatti che leggendari non sono, ma che il trascorrer del tempo sta mutando in ruvidi semidei, in momenti che val la pena tornare a accarezzare. La nostalgia non è tristezza, è solo l’amo per ripescare dentro di noi Nelson Mandela che diventa Springbok, Jean Prat che smonta gli All Blacks, Danie Craven che, come lo zio Sam, invita ad arruolarsi, i Natives che giocano una partita lunga un anno e mezzo. Tra gli attori di Implaccabili 2 ci sono anche loro e non solo loro.

Categoria: Narrativa

Editore: Absolutely Free

Collana:

Anno: 2011

ISBN: 9788868580131

Recensito da Walther Galvalisi

Le Vostre recensioni

Difficile recensire un libro che parla della passione che, ad oggi, ha divorato la metà esatta della mia vita.

Il rugby è “possessivo”, una volta che ti ha catturato è difficile che ti lasci andare. Come in tutti gli sport, le gioie delle vittorie (molte) sono bilanciate dalle sconfitte (moltissime) e dagli infortuni (innumerevoli), quello che fa la differenza è il senso di squadra, di gruppo, di attaccamento ai compagni (e perché no? Anche agli avversari) che il rugby infonde nei propri adepti.

“Gli implaccabili”, a modo suo, parla di rugbisti eccelsi (non come il sottoscritto!), alternando pure e semplici cronache sportive con resoconti tratti dalla vita di ognuno di essi.

Si parte da lontano, da quel 1823, anno in cui William Webb Ellis “con supremo disprezzo per le regole del football com’era giocato a quel tempo, per primo presa la palla tra le braccia e con essa corse, originando il gioco del Rugby” e, attraverso storie e aneddoti su alcuni dei personaggi che hanno reso questo sport così ricco di fascino, si trascorrono quasi due secoli.

La prima metà di “Gli implaccabili” è a tratti commovente. Più che di campi da gioco si parla dei campi di battaglia della Prima Guerra Mondiale a cui parteciparono moltissimi giocatori dell’epoca: arruolati e spediti al fronte. Ecco quindi Edgar Mobbs, campione inglese; Dave Gallaher, baffuto ex capitano degli All Blacks disperso nel tritacarne di Passchendaele; Cyril Lowe, fisico minuto ma grinta da vendere, asso del biplano e che tornerà dal fronte per ricominciare con il rugby internazionale nel 1919 e come addestratore della RAF nel secondo conflitto mondiale. Si susseguono cronache di vicende trionfali, tristi, eroiche, amare e così via.

Nella seconda metà del volume si comincia a parlare sempre più di rugby giocato, dell’atmosfera che circonda e avvolge i campi, gli stadi e gli spogliatoi.

Ecco quindi ricchi dettagli sul Galles degli anni settanta, più che una squadra un vero e proprio All-star team. La storia delle cattedrali della palla ovale: il Millenium a Cardiff, Croke Park a Dublino (noto soprattutto per il tragico Bloody Sunday) e Twickenham a Londra.

Si chiude con il difficile outing di Gareth Thomas, ex nazionale gallese, e con Sir. Jonny Wilkinson che nel 2003 ha regalato un mondiale all’Inghilterra e che, da allora, continua a lottare (vincendo) con una serie di infortuni da brivido. Tra gli aspetti da sottolineare c’è la scelta di dare spazio a tante storie meno note (ma ugualmente fascinose), rispetto alle più osannate cronache dei fortissimi neozelandesi e del Sudafrica di Mandela.

Ho apprezzato particolarmente i titoli dei capitoli: aforismi di velata (ma neanche troppo!) ironia.

Note dolenti? Poche per il sottoscritto.

La prima riguarda non la sostanza ma la forma del testo. Personalmente, infatti, non sono un cultore dello stile telegrafico: ne riconosco l’impatto vincente sul lettore ma non ne apprezzo l’effetto sulla scorrevolezza dei periodi!

La seconda annotazione non riguarda il volume in sé, bensì la non obiettività di chi recensisce (me-medesimo). Spiego meglio: essendo appassionato di rugby, mi sono facilmente lasciato trasportare dalla narrazione e dall’atmosfera. Sarei curioso a questo punto di passare la palla (quale migliore espressione, visto il contesto) a voi lettori, a digiuno di questo fantastico sport, e scoprire cosa ne pensate!

Chissà, magari un giorno ci ritroveremo su quei campi infangati, erbosi o secchissimi che frequento la domenica pomeriggio…

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Giorgio

Cimbrico

Libri dallo stesso autore

Intervista a Cimbrico Giorgio


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Giovanni ha diciotto anni, trascorsi quasi tutti a Verona, dove è nato. Una vita tranquilla, qualche amico e, ogni giorno, i lunghi allenamenti in piscina per prepararsi alle gare. Anche a casa regna la quiete: Giovanni vive solo con suo padre, notaio, in quel genere di grande appartamento abitato da due uomini che ogni donna può immaginarsi. Selvaggia ha diciotto anni, molte amiche e diversi spasimanti, vive sul mare e assapora l'estate appena iniziata quando sua madre le sconvolge la vita: si trasferiranno per ragioni di lavoro. Selvaggia cambierà scuola, dovrà ricominciare tutto da capo e lo dovrà fare a Verona, la città dove è nata e da cui proprio la mamma, tanti anni prima, l'aveva portata via, separandola dal padre e dal fratello gemello. Quando Selvaggia varca per la prima volta la soglia della nuova casa, Giovanni è rintanato in camera sua. Gli basta la voce di lei per capire che nulla sarà più come prima. Giovanni scopre quella voce come un regalo, ma al tempo stesso la riconosce, è un suono che vive da sempre dentro di lui: Selvaggia, la sorella perduta, è tornata nella sua vita, per sempre. Lei a Verona non conosce nessuno: solo Johnny - come lo ha subito ribattezzato - può farle da guida e tenerle compagnia nei tre lunghi mesi che devono trascorrere prima della ripresa scolastica. Selvaggia è bellissima, piena di fascino ma anche capricciosa fino allo sfinimento, croce e delizia per il fratello ritrovato. Presto tra i due si sprigiona un'elettricità, un magnetismo, un'affinità che ha un solo nome, per loro impronunciabile: desiderio. Questo romanzo è la cronaca dell'amore tra due ragazzi che si affacciano alla vita, un amore meraviglioso e impossibile nel modo più crudele, perché non è la diversità a separare i due innamorati - non sono una sirenetta e un principe, un vampiro e una fanciulla - ma, proprio nella terra dei Montecchi e dei Capuleti, è la vicinanza assoluta a condannarli. Densissimo di echi letterari eppure diretto come il diario di un teenager, Le affinità alchemiche ha il candore e l'intensità per rinnovare nel nostro cuore un'emozione senza tempo, per ammaliarci ancora una volta con il miracolo e la tragedia della seduzione. Selvaggia e Johnny: ricordatevi questi nomi, la loro fiamma brucia alta nel cielo

LE AFFINITA’ ALCHEMICHE

Coltorti Gaia

Può l’insegnante riappropriarsi del suo ruolo e nello stesso tempo parlare un linguaggio più vicino a quello degli studenti? E’ possibile sfruttare tutte le informazioni che sono già accessibili agli studenti tramite i diversi canali dell’era della comunicazione? E’ possibile tornare ad essere quelle figure di riferimento e orientamento fondamentali nella società civile in modo da essere la guida capace di insegnare ad apprendere da soli? E’ possibile fare in modo che i ragazzi si sentano più responsabili del loro apprendimento? Il flipped learning, l’approccio proposto in questo volume, consiste nell’invertire il luogo dove si segue la lezione (a casa propria anziché a scuola) con quello in cui si studia e si fanno i compiti (a scuola anziché a casa). In queste pagine gli autori presentano questa modalità didattica, dando ampio spazio al racconto di esperienze e buone prassi realizzate a livello nazionale e internazionale.

La classe capovolta

Maglioni Maurizio Biscaro Fabio

Il giovane Pietro Brusio, studente di legge e scrittore in erba nella scenografica Catania di metà Ottocento, rimane affascinato dall'elegante contessa di Prato Narcisa Valdesi, trovandosene perdutamente innamorato e sull'orlo della disperazione per l'irraggiungibilità di tal donna che «vivea pei piaceri, della quale il lusso era il bisogno come l'aria è il bisogno dell'uomo». Superando con il suo genio artistico le convenzioni sociali si introduce a pieno titolo in quel mondo aristocratico fin allora a lui precluso e riesce a vincere il cuore della donna, fino ad un epilogo inaspettato e tragico.

Una peccatrice

Verga Giovanni

Siamo di passaggio, poesia Sioux