Narrativa

GLI INCENDIATI

Moresco Antonio

Descrizione: In un'estate torrida, un uomo nauseato dal mondo prende l'auto e parte, senza meta. Va a rintanarsi proprio dove l'umanità si raccoglie più fitta e rumorosa e avida di stordimenti: un grande albergo in una località balneare. Un falansterio pulsante di passioni estive, di bambini urlanti, di famiglie congestionate, affacciato su un mare oleoso che non dà refrigerio. Tutt'intorno, sulle colline aride di macchia e stoppie, bruciano i fuochi estivi. Su uno strapiombo di roccia, in fuga dall'incendio, il protagonista che ha rotto con il consesso dei propri simili, che si è ridotto a sbirciare da lontano le loro passioni incomprensibili, i loro trasporti effimeri, rientra prepotentemente nella vita. È successo che si è girato di scatto, sentendosi osservato. È successo che si è materializzata vicino a lui una donna bellissima. È successo che questa inaudita creatura gli ha rivolto, con accento straniero, una frase: «Vuoi bruciare con me?», e poi è scomparsa. Da quel momento, l'uomo ha di nuovo una ragione per vivere: ritrovare la donna misteriosa che gli sembra di vedere dappertutto e ogni volta gli sfugge. Comincia così un romanzo straordinario e imprevedibile, un'avventura amorosa estrema, che implica l'apparizione estatica e la dolorosa eclissi, che evoca fantasmi inattuali, condizioni date per estinte da secoli: è possibile che la donna dai denti d'oro sia, come lei stessa mormora, una schiava? E da chi può essere tenuta in soggezione una simile creatura? Un romanzo d'amore come è difficile leggerne. Erotico, mitologico, alchemico. Un'avventura che mescola misticismo ed eros, spy story e fantastico, combattimento, azione e passione, in un mondo dominato dalla schiavitù e dalla morte, fino a un finale spiazzante - un viaggio al termine della vita e oltre. Dopo il vasto affresco di Canti del caos, un romanzo breve, fulmineo e intenso, scritto di getto come una scintilla staccata da un incendio più grande, una fiammata narrativa nella quale anche il lettore diventa ansioso di bruciare.

Categoria: Narrativa

Editore: Mondadori

Collana: Scrittori Italiani e Stranieri

Anno: 2010

ISBN: 9788804601319

Trama

Le Vostre recensioni

 

Di Antonio Moresco avevo già letto “Lettere a nessuno” e quando ho cominciato, titubante, “Gli incendiati” ho a mano a mano provato un senso di sollievo.

Non saprei dire se questo romanzo mi è piaciuto perché ho finalmente visto il Moresco scrittore che sporgeva appena dall’altro “non-romanzo”, o se mi sia piaciuto in quanto bel romanzo.

La trama a grandi linee è abbastanza semplice, nel dettaglio è complicatissima, all’ultima pagina si risolve in un grande punto interrogativo.

Un uomo infelice, deluso dalla vita, deragliato, si “getta il mondo alle spalle” e dopo una notte insonne decide di partire per una qualche località di mare.

Durante la sua permanenza scoppia un incendio che invade tutta la costa e mentre cerca di mettersi in salvo sulle rocce riceve un’insolita proposta da una donna apparsa misteriosamente alle sue spalle: “Vuoi bruciare con me?”.

“Non vi è mai successo di incontrare una persona sconosciuta, in un momento della vita in cui non eravate presenti a voi stessi, e di provare per lei uno sconvolgente senso di vicinanza e fusione, come se per un istante si fosse aperta non si sa dove una fessura che vi ha mostrato una realtà del tutto diversa, che avevate sotto gli occhi ma che non riuscivate a vedere fino a un momento prima?”.

Comincia così una storia d’amore paradossale, folle e allucinata, itinerante, un misto tra un harmony e un poliziesco, ma anche avvincente e misteriosa. Tra le pagine del libro succede di tutto: inseguimenti, sparatorie, balli, discorsi sulla servitù, esplosioni, omicidi, fughe nel pieno della notte e poi, molte descrizioni spesso ripetitive, esplicite e dettagliate della passione fatale che unisce la coppia, del fuoco che li anima, e dopo le quali il lettore non può fare altro che deglutire.

Potrei dire banalmente che il fuoco, e tutti i campi semantici che può racchiudere (fuoco come esplosione, passione, incendio, arma da fuoco), divengono una costante del romanzo e assieme all’oro ricorrono continuamente. Il romanzo non è diviso in capitoli, così come il protagonista non ha un nome, così come, se volessimo fare rientrare il libro in un qualche genere ci troveremmo davanti alla sorpresa di non sapere quale.

Ho scritto qualche rigo più su che “Gli incendiati” si esaurisce in un punto interrogativo ma in realtà, o meglio, letteralmente, è l’autore a porre/porsi/porci, nelle ultime due pagine, una serie di domande (significative per la conclusione del romanzo e non solo).

Di Antonio Moresco si dice che “o piace o non piace”, io dico che non lo so e che per scoprirlo ho comprato un altro suo romanzo, il terzo. E aggiungerei che non è poco.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Antonio

Moresco

Libri dallo stesso autore

Intervista a Moresco Antonio


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

In un elastico spettacolare di azzardi e tradimenti, di inseguimenti e azione, di disperazione e visionarietà, questo "romanzo criminale" scandinavo viene consegnato al lettore come un pacco che non si può mandare indietro, e la storia (realmente accaduta) dei tre ragazzi "uniti contro il mondo", il loro legame unico segnato dalla violenza, la loro reazione a un destino sfortunato ci rivela una volta per tutte quanto sia sottile la linea di demarcazione tra condanna e assoluzione. Scritto da Anders Roslund (autore, assieme a Börge Hellström, di bestseller mondiali come Tre secondi) e da Stefan Thunberg, sceneggiatore all'esordio narrativo e fratello di Carl, Johan Alin e Lennart Sumonja, i veri autori delle rapine sulla cui storia è basato il romanzo, Made in Sweden è stato salutato come una miracolosa sintesi tra Stieg Larsson e Romanzo criminale. Il libro è in via di traduzione in tutti i paesi del mondo, i diritti cinematografici sono stati acquistati dalla DreamWorks e, appena uscito, ha raggiunto in Svezia il primo posto in classifica.

Made in Sweden

Roslunf Anders, Thunberg Stefan

l peccato (1914) di Giovanni Boine usa tutti gli ingredienti della letteratura d’appendice: lui, l’artista, e lei, la novizia che sta per prendere i voti, l’amore come conflitto e lo scenario della provincia ligure come spaesamento dell’anima. Pubblicato in tre puntate nel 1914 sulla rivista “La Riviera ligure”, il testo – grazie a una serie di studiate soluzioni narratologiche – anticipa Schnitzler, Svevo, Mann, Joyce. Si respira l’Europa, infatti, in queste pagine tormentate nella forma e nel contenuto, lo spavento della Guerra alle porte e il presagio della frattura inevitabile tra l’Uomo e le cose che i “tempi moderni” porteranno.

Il peccato

Boine Giovanni

In un mondo dominato dal Nuovo Ordine, il regime autoritario che ha abrogato le leggi democratiche e proibito qualsiasi forma di libertà, due ragazzi lottano per la propria sopravvivenza e per la salvezza dell'umanità intera... Hanno combattuto con coraggio, ma hanno fallito. E adesso Whit e Wisty Allgood sono costretti ad assistere impotenti all'esecuzione dei loro genitori. Ed è solo l'inizio. Nel giro di pochissimi giorni, le guardie nel Nuovo Ordine fanno irruzione nel quartier generale della Resistenza, portando via tutti coloro che avevano aiutato i fratelli Allgood. Potendo contare solo sulle proprie forze, Whit e Wisty decidono allora di tentare il tutto per tutto, sferrando un attacco direttamente contro l'Unico tra gli Unici. E ben presto si rendono conto con orrore che ogni incantesimo lanciato su di lui non ha nessun effetto, se non quello di renderlo ancora più forte...

Witch & Wizard – Il fuoco

Patterson James

Un segreto covato tutta la vita condiziona fortemente la donna che lo custodisce finché, d'improvviso, la liberazione, e di qui una vera e propria rinascita. Attraverso la narrazione si viene a contatto con un'eroina bella e innamorata e per questo debole e spaurita, ma che non esita ad agire contravvenendo agli ordini del marito e a sua insaputa, atteggiamento questo che già dice molto sulla tipologia femminile brontëana. All'ingenuità di Marian, la protagonista, si contrappone la falsità dell'astuta istitutrice Foxley, le cui trame malefiche sono infine smascherate da un arrabbiatissimo Douro, marito di Marian, non senza contribuire a creare un pathos sottile circa l'evolversi della vicenda. Ciò che caratterizza in maniera singolare questo racconto ancora acerbo della nostra autrice è quel senso di suspance tanto abilmente convogliato dalla pur semplice trama. Intrighi, bugie e duplicità brillantemente superati in nome dell'amore si fondono armoniosamente per far sbocciare quella tecnica narrativa che sarà il piccolo grande segreto racchiuso nella penna di Charlotte Brontë.

Il segreto

Brontë Charlotte