Fantasy

GLI INCUBI DI HAZEL

Deeny Leander

Descrizione: Hazel, un'allegra bambina di otto anni, è ospite della terribile zia Eugenia in compagnia del suo antipatico cuginetto Isambard. Basterebbe l'immagine del vecchio maniero dove vìvono i parenti dì Hazel per spaventare qualsiasi visitatore, eppure, dopo la prima inquietante giornata con zia Eugenia, la vita comincia a cambiare. Isambard, intatti, presenta a Hazel la sua collezione di cuccioli terrificanti: un cane con la testa di legno, un gruppo dì paperelle che fumano sigarette nello stagno, due maiali senza zampe... e questo è solo l'inizio! Una notte Hazel decide di esplorare il giardino e, nascosti tra i cespugli, scopre degli strani mostri: il pitonspino (un pitone con la testa di porcospino), il gorillopardo (un gorilla con il corpo da ghepardo) e la ranostrica (un'ostrica con le zampe da rana). Queste tre curiose creature non sono altro che gli incubi di zia Eugenia che, tutte le notti, disturbano i sogni dell'antipatica signora. Quando Hazel capisce che dietro i mostri c'è il suo caro cuginetto, intenzionato a far morire di paura la zia, si troverà a lottare contro Isambard e imparerà che, nelle favole come nella vita, persine le cose più brutte non sono mai così cattive come possono sembrare.

Categoria: Fantasy

Editore: Newton Compton

Collana: Nuova Narrativa Newton

Anno: 2008

ISBN: 9788854112087

Trama

Le Vostre recensioni

“Gli Incubi di Hazel” è il primo, e al momento unico, romanzo del giovane scrittore americano

Leander Deeny, di recente pubblicazione.
 
A causa della partenza dei suoi genitori, Hazel è costretta a stare per tre settimane in casa dell’odiata (e odiosa) zia Eugenia e del cugino Ismabard.
Dopo i primi giorni e, soprattutto, le prime notti passate in quella casa inospitale e spettrale, la
bambina, nel tentativo di scappare da quell’ambiente, dalla cattiveria della zia e dall’omertà del
cugino, s’imbatte in delle strane creature: Geoff, Francis e Noel, gli “incubi”, protagonisti delle
tormentate ed insonni notti della zia.
Nonostante la loro bizzarra apparenza, si mostrano amichevoli con Hazel, molto più di quanto non facciano i suoi parenti e così la bambina decide di approfittarne per vendicarsi dei torti subiti dalla donna che non fa altro che etichettarla come stupida e che, oltretutto, non ricorda mai il suo nome.
Dietro questi mostri si nascondono però un terribile segreto, una triste verità e una vendetta che
verranno fuori poco a poco e che saranno affrontati con grande coraggio e testardaggine dalla bambina che uscirà a testa alta dalla vicenda.
 
Il libro risulta una lettura davvero gradevole. Il lettore (non solo i più giovani) s’immerge completamente nella narrazione e fa scorrere velocemente occhi e pagine per scoprirne il finale. Le uniche pause concesse sono quelle utili a soffermarsi sui dettagli della storia osservata dal punto di vista del disegnatore britannico David Roberts , le cui illustrazioni corredano il romanzo.
 
Il titolo dell’opera in lingua originale è Hazel’s Phantasmagoria, il che non può non richiamare alla mente, anche se in maniera vaga, il ben più noto romanzo Alice’s Adventures in Wonderland. Di fatto, spulciando attentamente tra i particolari della storia dello scrittore americano si riscontrano delle curiose somiglianze e delle analogie, seppur lontane, con la storia dello scrittore vittoriano
Lewis Carroll.
Ad esempio: i personaggi scontrosi ed antipatici che Alice incontra in Wonderland, cioè nel sogno, sono quelli che Hazel affronta nella realtà nei panni della zia e del cugino; ci sono strani animali che parlano, fumano e spaventano in entrambi i mondi e vi è, inoltre, nel racconto del giovane scrittore americano, una partita a carte, un mazzo da poker esattamente come in quello di Carroll. La zia Eugenia è un po’ la Regina di Cuori, a cui tutti portano un rispetto che non nasce dalla stima ma dalla paura. Tuttavia, se in Wonderland questi personaggi sottomessi sono quegli assurdi animali, negli Incubi di Hazel coloro che sono oppressi e asserviti alla volontà della donna sono degli esseri umani, i suoi domestici, così tanto abituati ai suoi soprusi da esserne annichiliti; entrambe le storie hanno un lieto fine nella misura in cui le due bambine ritrovano i propri affetti. la cattiveria.
  
Se i personaggi di Carroll “soffrono” di follia, quelli di Deeny soffrono di cattiveria.
 
Una spiazzante rivisitazione in chiave moderna e dai toni decisamente gotici di una Alice non più triste e piagnucolona ma cocciuta, spavalda e tenera allo stesso tempo.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Leander

Deeny

Libri dallo stesso autore

Intervista a Deeny Leander


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Una vita come tante quella del protagonista di questo romanzo, dalla morte dei nonni amatissimi al difficile rapporto con i genitori, dalla scoperta dell'amore alla nascita del primo figlio, fino alla mestizia del divorzio. Eppure, seguendo le avventure di ordinaria quotidianità del protagonista senza nome, ci accorgiamo che questo è l'eroe moderno. L'uomo che si sveglia la mattina per andare a lavorare, che si innamora di una donna per il suo taglio di capelli, che sogna di scrivere un romanzo che non porterà mai a termine, che si interroga tutta la vita sulle dinamiche dell'amore. La sensazione che resta dopo aver letto questo romanzo è quella di aver attraversato un paesaggio fatato pieno di luci tenui e sfumature brillanti. È lo stile di Foenkinos, la capacità di rendere magico l'ordinario.

L’EROE QUOTIDIANO

Foenkinos David

Dopo una vacanza di qualche secolo Dio è tornato in ufficio, in Paradiso, e per prima cosa chiede al suo staff un brief sugli ultimi avvenimenti. I suoi gli fanno un quadro talmente catastrofico - preti che molestano i bambini, enormità di cibo sprecato e popolazioni che muoiono di fame... - che Dio si vede costretto a rimandare giù il figlio per dare una sistemata. JC (Jesus Christ) gli dice: "Sei sicuro sia una buona idea? Non ti ricordi cosa è successo l'altra volta?" Ma Dio è irremovibile. Così JC piomba a NY, dove vive con alcuni drop-out e ha modo di rendersi conto in prima persona dell'assurdità del mondo degli uomini. E cerca, come può, di dare una mano. Il ragazzo non sa fare niente, eccetto suonare la chitarra. E riesce a finire in un programma di talenti alla tv. Un gran bel modo per fare arrivare il suo messaggio a un sacco di gente. Ma, come già in passato, anche oggi chi sta dalla parte dei marginali non è propriamente ben visto dalle autorità.

A volte ritorno

Niven John

Forse non è cosí vero che l'istinto materno non sbaglia mai. A volte scegliamo di non dare peso a una piccola crepa, un'incrinatura impercettibile, che a poco a poco scalfisce, fino a squarciare. Cosí succede a Carlo, che all'improvviso si ritrova inerme «come chi è rimasto dalla parte sbagliata di un fiume dopo il crollo di un ponte». Perché Isabel, sua moglie, lotta contro i propri demoni nell'accanito inseguimento di una purezza assoluta. Che svuota, logora, annienta. Anche il loro bambino. Marco Franzoso ha scritto una storia attuale e sovversiva, che sfida molti luoghi comuni. Una storia dura raccontata in punta di penna, che non ti togli piú dalla testa. «Quando infine mi passarono il bambino, una fitta di felicità mi lacerò il petto. Respirai forte per non crollare. Lo tenni in braccio e pensai che ce l'avevamo fatta. Almeno fino a lí ce l'avevamo fatta».

IL BAMBINO INDACO

Franzoso Marco

Perché, poco prima delle Idi di marzo, il giorno fatidico in cui venne ucciso, Giulio Cesare rinunciò a essere accompagnato dalla scorta? E perché proprio Bruto e Decimo, gli uomini più vicini al dittatore, avrebbero dovuto desiderarne e organizzarne la fine? Perché, mentre si recava alla Curia, il dittatore di Roma ignorò tutti coloro che lo avvertivano che sarebbe stato vittima di un complotto? E infine perché, quando venne portato via dopo essere stato accoltellato a morte, un lembo della tonaca gli copriva il viso? Secondo Cicerone il dittatore avrebbe provato vergogna per le smorfie di dolore che gli contraevano il volto nel momento della morte, e si sarebbe coperto per nasconderle. Ma se la ragione fosse un'altra? Furono gli schiavi dello stesso Cesare a portare via il corpo del padrone, con il viso nascosto dalla toga. E solo dopo un certo tempo il medico Antistione dichiarò che Cesare era stato colpito da diciotto coltellate, di cui una mortale. Ai tanti enigmi che si affollano intorno alla più famosa congiura della storia, Franco Forte dà un'incredibile risposta nelle pagine di questo romanzo: e se Giulio Cesare non fosse affatto morto alle Idi di marzo? Forse la congiura non aveva la finalità di ucciderlo, ma di sottrarlo allo scomodo e gravoso incarico di padre-padrone di Roma. Offrendogli così la possibilità di tornare a dedicarsi a ciò che nella vita aveva sempre amato: essere alla testa di una legione, la Legio Caesaris, e combattere per la gloria personale e dell'Urbe. Con un ulteriore obiettivo, che solo una mente ambiziosa come quella di Cesare poteva escogitare: raggiungere i confini del mondo alla ricerca della dimora degli dèi, per strappare loro il segreto della vita eterna. Tra colpi di scena strabilianti e gustosissimi cammei di personaggi storici, Franco Forte ci regala la prima epica avventura di Cesare e della sua nuova legione.

Cesare l’immortale

Forte Franco