Fantasy

GLI INCUBI DI HAZEL

Deeny Leander

Descrizione: Hazel, un'allegra bambina di otto anni, è ospite della terribile zia Eugenia in compagnia del suo antipatico cuginetto Isambard. Basterebbe l'immagine del vecchio maniero dove vìvono i parenti dì Hazel per spaventare qualsiasi visitatore, eppure, dopo la prima inquietante giornata con zia Eugenia, la vita comincia a cambiare. Isambard, intatti, presenta a Hazel la sua collezione di cuccioli terrificanti: un cane con la testa di legno, un gruppo dì paperelle che fumano sigarette nello stagno, due maiali senza zampe... e questo è solo l'inizio! Una notte Hazel decide di esplorare il giardino e, nascosti tra i cespugli, scopre degli strani mostri: il pitonspino (un pitone con la testa di porcospino), il gorillopardo (un gorilla con il corpo da ghepardo) e la ranostrica (un'ostrica con le zampe da rana). Queste tre curiose creature non sono altro che gli incubi di zia Eugenia che, tutte le notti, disturbano i sogni dell'antipatica signora. Quando Hazel capisce che dietro i mostri c'è il suo caro cuginetto, intenzionato a far morire di paura la zia, si troverà a lottare contro Isambard e imparerà che, nelle favole come nella vita, persine le cose più brutte non sono mai così cattive come possono sembrare.

Categoria: Fantasy

Editore: Newton Compton

Collana: Nuova Narrativa Newton

Anno: 2008

ISBN: 9788854112087

Trama

Le Vostre recensioni

“Gli Incubi di Hazel” è il primo, e al momento unico, romanzo del giovane scrittore americano

Leander Deeny, di recente pubblicazione.
 
A causa della partenza dei suoi genitori, Hazel è costretta a stare per tre settimane in casa dell’odiata (e odiosa) zia Eugenia e del cugino Ismabard.
Dopo i primi giorni e, soprattutto, le prime notti passate in quella casa inospitale e spettrale, la
bambina, nel tentativo di scappare da quell’ambiente, dalla cattiveria della zia e dall’omertà del
cugino, s’imbatte in delle strane creature: Geoff, Francis e Noel, gli “incubi”, protagonisti delle
tormentate ed insonni notti della zia.
Nonostante la loro bizzarra apparenza, si mostrano amichevoli con Hazel, molto più di quanto non facciano i suoi parenti e così la bambina decide di approfittarne per vendicarsi dei torti subiti dalla donna che non fa altro che etichettarla come stupida e che, oltretutto, non ricorda mai il suo nome.
Dietro questi mostri si nascondono però un terribile segreto, una triste verità e una vendetta che
verranno fuori poco a poco e che saranno affrontati con grande coraggio e testardaggine dalla bambina che uscirà a testa alta dalla vicenda.
 
Il libro risulta una lettura davvero gradevole. Il lettore (non solo i più giovani) s’immerge completamente nella narrazione e fa scorrere velocemente occhi e pagine per scoprirne il finale. Le uniche pause concesse sono quelle utili a soffermarsi sui dettagli della storia osservata dal punto di vista del disegnatore britannico David Roberts , le cui illustrazioni corredano il romanzo.
 
Il titolo dell’opera in lingua originale è Hazel’s Phantasmagoria, il che non può non richiamare alla mente, anche se in maniera vaga, il ben più noto romanzo Alice’s Adventures in Wonderland. Di fatto, spulciando attentamente tra i particolari della storia dello scrittore americano si riscontrano delle curiose somiglianze e delle analogie, seppur lontane, con la storia dello scrittore vittoriano
Lewis Carroll.
Ad esempio: i personaggi scontrosi ed antipatici che Alice incontra in Wonderland, cioè nel sogno, sono quelli che Hazel affronta nella realtà nei panni della zia e del cugino; ci sono strani animali che parlano, fumano e spaventano in entrambi i mondi e vi è, inoltre, nel racconto del giovane scrittore americano, una partita a carte, un mazzo da poker esattamente come in quello di Carroll. La zia Eugenia è un po’ la Regina di Cuori, a cui tutti portano un rispetto che non nasce dalla stima ma dalla paura. Tuttavia, se in Wonderland questi personaggi sottomessi sono quegli assurdi animali, negli Incubi di Hazel coloro che sono oppressi e asserviti alla volontà della donna sono degli esseri umani, i suoi domestici, così tanto abituati ai suoi soprusi da esserne annichiliti; entrambe le storie hanno un lieto fine nella misura in cui le due bambine ritrovano i propri affetti. la cattiveria.
  
Se i personaggi di Carroll “soffrono” di follia, quelli di Deeny soffrono di cattiveria.
 
Una spiazzante rivisitazione in chiave moderna e dai toni decisamente gotici di una Alice non più triste e piagnucolona ma cocciuta, spavalda e tenera allo stesso tempo.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Leander

Deeny

Libri dallo stesso autore

Intervista a Deeny Leander


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Per la prima volta la storia degli anni di piombo narrata in prima persona dai veri protagonisti, i terroristi neri e rossi che hanno fatto la scelta della lotta armata. Dalla contestazione del '68 allo stragismo, dalla nascita delle BR al sequestro Moro, tutti gli episodi più tragici di un'epoca che ha straziato la coscienza del nostro paese. Un'inchiesta senza pari per complessità e proporzioni, condotta da uno dei grandi nomi del giornalismo televisivo italiano.

La notte della repubblica

Zavoli Sergio

MADRE E FIGLIO

Compton Burnett Ivy

Una volta Ella era una ragazza spensierata, aperta, sempre pronta a sorridere e a infrangere le regole per provare nuove emozioni. Lei e Micha erano grandi amici, e insieme formavano una splendida coppia. Ma una notte accadde qualcosa di terribile, che sconvolse le loro vite e distrusse irrimediabilmente la loro amicizia. Poi Ella andò al college, lasciandosi tutto alle spalle, chiudendosi in se stessa. Nascose il suo segreto al mondo e si trasformò in una ragazza ligia, riservata, senza sogni e senza desideri. Ora però sono iniziate le vacanze estive ed Ella sta per tornare a casa. Ma non immagina che Micha la sta aspettando. Micha sa tutto di lei, conosce i suoi più intimi segreti, ed è deciso a disseppellire i fantasmi del passato e a far sì che Ella ritorni la ragazza vivace e allegra che era un tempo, la ragazza che lui ama e amerà per sempre.

NON LASCIARMI ANDARE

Sorensen Jessica

Al tenue chiarore della luna, le paludi che circondano la cittadella medievale di Aigues-Mortes restituiscono alle autorità il cadavere di una donna: si tratta di Deanne Bréchet, una giornalista parigina. La polizia concentra subito i sospetti su Fabienne Lacati, una giovane ricercatrice della Sorbona che si trova nel sud della Francia per un convegno sulle crociate. Le due donne, infatti, si conoscevano bene e la sera dell'omicidio molti testimoni le hanno viste litigare furiosamente nella hall dell'albergo. Determinata a provare la propria innocenza, Fabienne scopre che, nelle settimane precedenti, la giornalista era andata spesso in quella enigmatica e affascinante città-fortezza per documentarsi sui Penitenti Grigi, un antico ordine caritatevole che esiste ancora oggi. Ma l'aspetto più inquietante della vicenda è che pure Fabienne è interessata a quella confraternita, e forse non è una coincidenza se, da mesi, le negano il permesso di visitare il luogo dove sono raccolti i registri della congregazione: la Cappella dei Penitenti Grigi. È possibile che Deanne avesse scoperto un segreto scottante, custodito proprio in quella chiesa inaccessibile? La drammatica conferma arriva quando, l'uno dopo l'altro, tutti coloro che Deanne aveva contattato muoiono in circostanze misteriose. Fabienne intuisce quindi di essere in pericolo e, con l'aiuto di Daniele Ferrara, un collega italiano, si convince che l'unico modo per salvarsi la vita è andare a caccia della verità...

La cappella dei penitenti grigi

Luini Lilli