Classici

Gli indifferenti

Moravia Alberto

Descrizione: L'ambiente è quello della buona borghesia romana sul finire degli anni Venti. La relazione tra Leo e Mariagrazia è ormai stanca; i due giovani figli di lei, Michele e Carla, assistono con disagio alle manifestazioni di questa crisi. Leo diventa l'amante di Carla e Michele sente confusamente, ma senza vera indignazione, di dover intervenire. Cerca di provocare Leo, compie anche un goffo tentativo di ucciderlo, ma poi si rassegna, cede a Lisa (una ex amante di Leo), invaghitasi di lui. Anche Mariagrazia si rassegna all'inevitabile e Carla sposerà Leo.

Categoria: Classici

Editore: Bompiani

Collana:

Anno: 2012

ISBN: 9788845272196

Recensito da Fabrizio Comneno

Le Vostre recensioni

Gli indifferenti costituisce il primo romanzo di un ancora poco più che ventenne Alberto Moravia, che lo pubblicò a proprie spese, nel 1929, presso la casa editrice Alpes.

L’opera si inserisce precocemente all’interno di quella corrente neorealista che troverà poi il suo massimo splendore negli anni successivi al secondo conflitto mondiale, grazie ad esponenti come Calvino, Pavese e Vittorini. Moravia non fu però il solo a dare un primo significativo contributo a tale movimento: accanto a lui si possono fare i nomi di Corrado Alvaro, che pubblicò Gente in Aspromonte solo un anno dopo l’uscita de Gli Indifferenti; Fontamara di Ignazio Silone vide invece la luce nel 1933; ed infine Tre Operai di Carlo Bernari fu invece pubblicato a Milano nel 1934. Opere, queste, accomunate da un profondo senso di aderenza alla realtà delle cose strettamente connesso alla voglia di dialogare con un pubblico sempre più vasto di lettori.

Il romanzo di Moravia è caratterizzato da un celebre incipit in medias res, che catapulta immediatamente il lettore all’interno del salotto della famiglia Ardengo, famiglia della borghesia romana, ormai in declino, composta dalla vedova Mariagrazia e dai suoi due figli, Carla e Michele. Accanto ad essi ruotano altri due personaggi: Leo Merumeci e Lisa. Il primo, uomo abbiente e dai dubbi costumi morali, è l’amante di Mariagrazia e successivamente anche della figlia Carla; la seconda, invece, è una giovane donna invaghita di Michele.

Il romanzo non può dunque definirsi corale, vista la scarsità dei personaggi che lo popolano, e non può nemmeno essere inserito all’interno del genere d’azione, dal momento che i dialoghi sono i veri protagonisti. Si potrebbe dunque forse parlare per Gli Indifferenti di «romanzo di costume», anche se la portata innovativa di tale opera è tale da renderla davvero unica e poco ascrivibile a un genere prestabilito. La stessa etichetta di «romanzo» è a dir poco limitante, a fronte di un’opera che potrebbe benissimo essere rappresentata all’interno di un teatro.

La scarsità d’azione fa dunque da contraltare alla grande attenzione che Moravia mostra nell’approfondimento psicologico dei suoi personaggi; la vita borghese nella sua routine, nei suoi giochi di finzione e nella sua apparente moralità viene smascherata e mostrata in tutta la sua cruda realtà.
Ciò che permette al lettore di approdare alla verità delle cose è proprio il sapiente rapporto che Moravia riesce a stabilire tra la vita verbale e quella riflessiva dei propri personaggi. Essi spesso dicono ciò che non pensano, fanno ciò che non vogliono e ma alla fine non possono che adeguarsi passivamente ad una vita che non vorrebbero vivere.
In particolare, vi sono personaggi, come Mariagrazia e come Leo, che hanno pienamente compreso i falsi meccanismi su cui si reggono le loro vite ma che, ciononostante, continuano ad aderirvi in pieno: “Come si fa?” disse la madre; “non si può mica dir sempre la verità in faccia alla gente…le convenzioni sociali obbligano spesso a fare tutto l’opposto di quel che si vorrebbe… se no chi sa dove si andrebbe a finire…”. Altri invece, come Carla e Michele, instaurano una lotta serrata contro il dramma da essi stesso recitato, uscendone però entrambi sconfitti e finendo per aderire essi stessi a quella trama di finzioni da cui invece vorrebbero uscire.
“… Dritta dietro la poltrona della madre, la fanciulla ricevette quell’occhiata inespressiva e pesante come un urto che fece crollare in pezzi il suo stupore di vetro; allora, per la prima volta, si accorse quanto vecchia, abituale e angosciosa fosse la scena che aveva davanti agli occhi: la madre e l’amante seduti in atteggiamento di conversazione l’uno in faccia all’altra; quell’ombra, quella lampada, quelle facce immobili e stupide, e lei stessa affabilmente appoggiata al dorso della poltrona per ascoltare e per parlare. “La vita non cambia”, pensò, “non vuol cambiare”. Avrebbe voluto gridare; abbassò le due mani e se le torse, là, contro il ventre, così forte che i polsi le si indolenzirono”.
E ancora:
“… Michele non si muoveva, non gli era mai accaduto di vedere la ridicolaggine confondersi a tal punto con la sincerità, la falsità con la verità; un imbarazzo odioso lo possedeva”.

L’impossibilità di essere veri e la necessità di dover recitare ciascuno la propria parte in un mondo di finzioni e di ipocrisie trova il suo culmine al termine del romanzo stesso dove, a chiudere la scena, non sono nemmeno i personaggi, ma le maschere da questi indossati.
Il finale aperto, inoltre, senza una piena risoluzione dell’intreccio, costituisce un ulteriore spunto di riflessione per il lettore, non più accompagnato dal narratore verso una piena comprensione del reale ma lasciato in balìa dei fatti, libero di trarne le proprie conclusioni.

Discesero la scala, l’uno accanto all’altra, il Pierrot bianco e la spagnuola nera; sul pianerottolo la madre fermò la figlia:
“Ricordati” le mormorò in un orecchio “di essere…come dire?…gentile con Pippo…Ci ho ripensato…forse ti ama…è un buon partito”.
“Non aver paura” rispose Carla seriamente.
Discesero la seconda rampa. Ora la madre sorrideva soddisfatta: pensava che anche l’amante sarebbe venuto al ballo, e pregustava una piacevole serata.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Alberto

Moravia

Libri dallo stesso autore

Intervista a Moravia Alberto


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

È una sera di ottobre del 1942. La locanda di Proskurov è gremita di militari in trasferta. Il pastore venuto ad assistere un condannato a morte deve dividere la stanza con un capitano in partenza per il fronte di Stalingrado. È la guerra, la guerra di Hitler. La notte è nera e tempestosa, la follia nazista e la morte ammorbano l'aria, eppure in quella stanza trionfa la vita. La bella Melanie sale le scale di nascosto e viene ad abbracciare per l'ultima volta il suo capitano. In tre dividono pane e miele, un sorso di caffè vero. Poi, mentre gli amanti si appartano in un angolo, il pastore si immerge nella storia dell'uomo che verrà fucilato per diserzione: negli atti del processo trova la strada per giungere al suo cuore. E in carcere, più tardi, pastore e condannato si dicono addio come fratelli. All'alba il plotone d'esecuzione si metterà in marcia, l'aereo del capitano decollerà per Stalingrado. Ma in quella notte inquieta sguardi, abbracci, voci e parole uniscono per sempre, e rendono giustizia assoluta.

NOTTE INQUIETA

Goes Albrecht

Case Rosse, minuscolo borgo nell'Appennino tosco-emiliano, ha un primato: è la sede del commissariato più piccolo d'Italia, diretto da Roberto Serra – che viene da Roma ed è considerato uno ed fòra – con l'aiuto dell'agente Manzini. Non succede mai nulla se non qualche rissa tra ubriachi il sabato sera. Ma la notte del Capodanno del 1995 una telefonata sveglia Manzini in piena notte. Ci sono tre cadaveri al Prà grand, uccisi senza pietà. I due poliziotti accorrono sul luogo del delitto e uno spettacolo raccapricciante si presenta ai loro occhi: un uomo, una donna e una bambina sono stati colpiti a morte da distanza ravvicinata con un fucile. È un'esecuzione, senza alcun dubbio. Ma non ci sono schizzi di sangue intorno alle vittime e la loro posizione non combacia con la traiettoria degli spari. A chi appartengono questi corpi straziati che chiedono giustizia? Chi ha violato la pace di quel piccolo paese perso tra le montagne, e per quale motivo? E perché così tanta violenza da sorprendere anche un uomo come Roberto Serra, abituato a omicidi ben più efferati? Per il commissario comincerà un'indagine che lo porterà a rivivere il passato del luogo in cui si è rifugiato, e ad affrontare i demoni che albergano nella sua anima e nel suo cuore. Un romanzo che affonda le radici nelle pagine più sanguinose della storia del Ventesimo secolo. Un nuovo autore italiano che lancia la sfida ai maestri del thriller internazionale.

VENTI CORPI NELLA NEVE

Pasini Giuliano

Il vecchio della montagna

Deledda Grazia

"Mi chiamo D'Arco e sono uno sbirro morto." Comincia così questo romanzo, metafisico e d'azione. Il protagonista è un uomo pieno di dolore, delicatezza e furore, chiamato a compiere una missione impossibile. La città dei vivi e quella dei morti sono vicine, comunicanti, e si assomigliano molto. La polizia dei vivi e la polizia dei morti sono in contatto e collaborano, quando devono risolvere i casi più difficili. Dispongono di cellulari tarati per la comunicazione tra vivi e morti, e di e-mail criptate. Ma c'è un'altra cosa, che però nessuno sa dire: quale dei due mondi venga prima. Ora D'Arco deve tornare nel mondo dei vivi, nel quale fu ucciso, per fermare un massacro di vittime innocenti. Ma, se la morte venisse davvero prima della vita e il male prima del bene, come si potrà invertire la spirale? D'Arco ci proverà perché è uno che non si arrende, perché ha una formidabile guida e un alleato: un bambino dal cranio rasato, gli occhi spalancati e i denti serrati, una creatura senza più voce e con il collo percorso da una cicatrice prodotta da una collana di filo spinato, ma con la volontà attraversata dalla stessa indomabile sete di giustizia. Una coppia di eroi fragili e indistruttibili, individui solitari e disillusi ma disposti a mettere in gioco tutto per difendere chi sia stato umiliato e offeso: un uomo che si è gettato alle spalle le speranze e un bambino muto ma capace di guardare.

L’addio

Moresco Antonio