Narrativa

GLI INGREDIENTI SEGRETI DELL’AMORE

Barreau Nicolas

Descrizione: Le coincidenze non esistono. Aurélie Bredin ne è sicura. Giovane e attraente chef, Aurélie gestisce da qualche anno il ristorante di famiglia, Le Temps des cerises. È in quel piccolo locale con le tovaglie a quadri bianchi e rossi in rue Princesse, a due passi da boulevard Saint-Germain, che il padre della ragazza ha conquistato il cuore della futura moglie grazie al suo famoso Menu d’amour. Ed è sempre lì, circondata dal profumo di cioccolato e cannella, che Aurélie è cresciuta e ha trovato conforto nei momenti difficili. Ora però, dopo una brutta scottatura d’amore, neanche il suo inguaribile ottimismo e l’accogliente tepore della cucina dell’infanzia riescono più a consolarla. Un pomeriggio, più triste che mai, Aurélie si rifugia in una libreria, dove si imbatte in un romanzo intitolato Il sorriso delle donne. Incuriosita, inizia a leggerlo e scopre un passaggio del libro in cui viene citato proprio il suo ristorante. Grata di quel regalo inatteso, decide di contattare l’autore per ringraziarlo. Ma l’impresa è tutt’altro che facile. Ogni tentativo di conoscere lo scrittore – un misterioso ed elusivo inglese – viene bloccato da André, l’editor della casa editrice francese che ha pubblicato il romanzo. Aurélie non si lascia scoraggiare e, quando finalmente riuscirà nel suo intento, l’incontro sarà molto diverso da ciò che si era aspettata. Più romantico, e nient’affatto casuale. Con mano fresca, leggera e piena di passione, Nicolas Barreau mescola amore, un pizzico di mistero, lo charme di Parigi e la sensualità della cucina per regalarci una storia tenera e gustosa, che nutre e scalda il cuore.

Categoria: Narrativa

Editore: Feltrinelli

Collana: I Narratori

Anno: 2011

ISBN: 9788807018589

Recensito da Marika Piscitelli

Le Vostre recensioni

Non per nulla Parigi è  chiamata la ville lumiére. Un nome perfetto, specialmente a dicembre. Dopo un novembre così grigio, con tutta quella pioggia e le mattine in cui si aveva l’impressione che non sarebbe mai diventato davvero giorno, a dicembre, come ogni anno, Parigi si era trasformata in uno scintillante mare di luci. Sembrava che una fata fosse passata in volo sulle strade e sulle case cospargendole di polvere di stelle, e la sera la città luccicava bianca e argentata come in una fiaba”.

Chi ama Parigi non può non leggere il romanzo di Barreau, che ne racchiude con dolcezza tutta la magia… Forse è anche per questo che “Gli ingredienti segreti dell’amore” è diventato un caso editoriale. La trama, infatti, è molto semplice: una storia romantica che si snoda in modo divertente tra equivoci e sotterfugi, lasciando volutamente intuire il lieto fine… Ma a volte è proprio di questo abbiamo bisogno, di vedere sogni che si realizzano, speranze che non deludono, la felicità che “arriva per strane vie traverse”.

Aurèlie non è una gran lettrice, però “Il sorriso delle donne” ha alleviato il suo dolore, donandole la forza di lasciarsi alle spalle la storia fallita con Claude, ed ora vuole a tutti i costi parlare con lo scrittore misterioso che vive in Inghilterra, in un cottage col suo yorkshire terrier, solo proprio come lei.

Non può essere una coincidenza che il libro sia ambientato a Parigi, che abbia come protagonista una giovane ragazza che le somiglia in tutto e per tutto, vestito verde compreso, e che descrive un piccolo ristorante chiamato Les Temps des cerises, con le tovaglie a quadri bianchi e rossi. Il suo ristorante!

L’unico modo per poter parlare con Robert Miller, sulla cui vita riesce a trovare ben poco navigando in internet, è contattare la casa editrice francese che ha pubblicato il romanzo, ma André, il giovane editor, sembra intenzionato a metterle i bastoni tra le ruote. Perché mai? Quale segreto sta cercando di proteggere?

In questo romanzo non ci sono cattivi, né disastri, tragedie e polemiche. Si tratta di un testo breve e rilassante, raccontato con tenerezza.

Una donna delusa prova a rifarsi una vita e, anziché costruirla su basi razionali e ragionamenti logici, prova a seguire l’istinto e percorrere la strada del cuore, anche a costo di sembrare ingenua, immatura. Con la storia di Aurèlie, Barreu ci invita a credere nel destino, a guardare al mondo con occhi sorridenti, ad inseguire i nostri sogni…

Quando si è infelici, o non si vede più nulla e il mondo sprofonda nella banalità perdendo ogni significato, oppure si vede con maggiore chiarezza e all’improvviso tutto acquista un significato. Perfino cose normalissime, come un semaforo che scatta dal rosso al verde, possono decidere se farti andare a destra o a sinistra”.

 

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Nicolas

Barreau

Libri dallo stesso autore

Intervista a Barreau Nicolas

I ritratti di Virginia Woolf – parte seconda

C'è un giorno, un giorno soltanto, in cui in condizioni particolari è possibile rivedere i propri cari defunti. Dicono che qualcuno è pure in grado di sentirli e parlar loro. Che sia possibile per Satsuki, che non riesce in alcun modo a scordare il ragazzo perduto, e Hiiragi, che per ricordare Yumiko ne indossa tutti i giorni la divisa alla marinara? La misteriosa Urara, che intuisce i numeri di telefono delle persone al primo sguardo, ne sembra convinta. Tratto da “Kitchen”, pubblicato da Feltrinelli. Numero di caratteri: 62223.

Moonlight Shadow

Yoshimoto Banana

Il professor David Lurie è allontanato dalla sua professione per aver sedotto una studentessa. Rifugiatosi in campagna dalla figlia, deve affrontare la violenza carnale che tre uomini esercitano sulla ragazza e il pericoloso prezzo che i bianchi devono pagare in cambio del diritto alla terra. Vincitore del Booker Prize 1999, Vergogna mette in scena la trasformazione del Sud Africa post-apartheid: un mondo ancora irrisolto e indeterminato come i personaggi di Coetzee, come il loro destino.

Vergogna

Coetzee John Maxwell

Giulia, diciotto anni, la passione per il canto a tenerla viva, ha una famiglia spezzata alle spalle e un fratello, Davide, come una piccola luce nelle ore di buio. Roman, diciotto anni anche lui, dopo l’infanzia trascorsa in una terra straniera vive un presente di clandestino, fatto di piccoli furti e giornate senz’amore. I loro mondi, opposti e lontani, finiscono per scontrarsi, poi incontrarsi, tra le corsie di un supermercato: in un pomeriggio cometanti altri sembra possibile dimenticare la solitudine grazie ad un amore pulito, capace di annullare pregiudizi e paure. Mentre, fuori, la tv continua a creare star, mostri, casi di cronaca, e nel bar sotto casa italiani e stranieri paiono decisi a non volersi capire. Matteo De Simone, giovane scrittore torinese, con “I denti guasti”, sua seconda prova, dimostra talento ed uso sapiente della lingua, abile nel raccontare il nostro presente, quello italiano impastato di mass media e scontri di civiltà, per narrarci un’atipica storia d’amore nata in fretta e troppo in fretta svanita nel nulla: sullo sfondo personaggi nudi, crudi, veri, emblemi di una società complicata e qualunquista tratteggiati con intelligenza e passione. “I denti guasti”, romanzo costruito su di affetti complicati e conflitti irrisolti, stupirà per lo sguardo luci do dell’autore, capace di raccontare le fragilità di Giulia e Roman, così come le nostre, senza banali e scontate divisioni tra bene e male.

DENTI GUASTI

De Matteo Simone