Narrativa

Gli inquilini

Malamud Bernard

Descrizione: «Gli inquilini», pubblicato originariamente nel 1971, è la storia di Henry Lesser, l'ultimo occupante di una palazzina di Brooklyn che deve essere abbattuta per far posto a un condominio di lusso. Nonostante i goffi tentativi di sfratto da parte del proprietario Levenspiel, Lesser non vuole abbandonare l'appartamento, perché lì ha iniziato a scrivere il suo romanzo ed è lì che intende terminarlo. Quando nella palazzina si trasferisce, per abitarci abusivamente, Willie Spearmint, anche lui scrittore, fra i due si instaura una rivalità che è al tempo stesso letteraria (Willie sembra decisamente più sicuro di sé rispetto alla propria scrittura) e razziale (Lesser è ebreo, Spearmint afroamericano) e che assume uno sfondo anche sessuale quando entra in scena Irene, la fidanzata, di Willie.

Categoria: Narrativa

Editore: Minimum Fax

Collana: Minimum classics

Anno: 2018

ISBN: 9788875219512

Recensito da Gabriele Lanzi

Le Vostre recensioni

Non risulta affatto semplice, e nemmeno  immediato, accostarsi alla scrittura di Bernard Malamud, americano di origine ebraica diverso però dallo stile di altri suoi connazionali come ad esempio Philip Roth. La scrittura di Malamud in questo romanzo – Gli inquilini – è infatti alquanto caotica, disordinata, visionaria. A tratti forse si trova qualcosa di Bukowski nel linguaggio triviale, nelle descrizioni degli emarginati.

Il cuore dell’opera sta tutto nell’incontro-scontro tra lo scrittore bianco, ebreo, Harry Lesser e lo scrittore di colore Willie Spearmint.

Il primo è l’ultimo abitante di un palazzo in stato di abbandono e prossimo alla demolizione, che non vuole però abbandonare fino alla conclusione del proprio libro, il secondo invece occupa abusivamente un altro appartamento, nell’attesa di trovare lo stile, la tecnica giusta, che gli permetta di affrontare degnamente quello che sta a sua volta scrivendo.

Gli inquilini non sono altro che due facce della stessa medaglia.

Da una parte Malamud intende evidenziare per entrambi le difficoltà che attraversa uno scrittore nella stesura di un’opera, dall’altra denuncia il tema politico dello scontro razziale, negli Stati Uniti all’inizio degli anni settanta, tra i bianchi (ebrei) che rappresentano la classe dominante e gli afroamericani perennemente sfruttati, emarginati. La scrittura diventa pertanto per Willie il mezzo attraverso il quale riscattare la propria condizione di dominato assurgendo a uno stato di rivolta, di protesta, che possa coinvolgere un intero popolo (“Giunge alla libertà attraverso la scoperta del potere della scrittura… attraverso la convinzione che scrivendo riuscirà ad aiutare la sua gente a superare il razzismo e la disuguaglianza”). Nelle parole che Malamud mette in bocca a Willie, che sostiene con fermezza come “la narrativa bianca non è come la narrativa nera… io scrivo nero perché sono nero”, appare chiaramente il valore simbolico della lotta, dell’odio verso i “bianchi”, canalizzato dal potere della scrittura. Quella scrittura che tuttavia, allo stesso tempo – oltre che dividere – unisce, in quanto solo gli scrittori sono accomunati da quei problemi cosi tipici della loro arte, compresa la necessità di consigliarsi vicendevolmente, scambiarsi pareri, impressioni reciproche, sebbene queste possano provocare malessere e sconforto alla controparte: lo sa bene Lesser che, dopo avere letto alcune pagine del libro del collega, si chiede: “Eppure, se non gli dico quello che penso veramente, come posso aiutarlo a migliorare il suo libro?”

L’opera assume quindi le sembianze di una partita a scacchi, giocata però sul terreno della letteratura, ove il lettore è invogliato ad arrivare al termine per sapere chi la spunterà. Anche in questo caso l’autore saprà stupirci con un finale che farà sicuramente riflettere.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Bernard

Malamud

Libri dallo stesso autore

Intervista a Malamud Bernard


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Questa è la storia di un individuo dal destino già scritto. Un ragazzino che ha avuto come scuola la strada. Come madre una zoccola. Come padre un bidello cornuto. Come miglior amico la coca. Come amante un trans. È così che si vive nella periferia nord di Napoli. La coca non è sballo a Scampia. È il mezzo attraverso il quale diventare ricchi. Acquisire denaro e potere. Questa è la storia di uno spacciatore improvvisato. Uno spacciatore per scelta - la scelta di non aver scelto - che, come Pablo Emilio Escobar Gaviria, si rivela bravissimo nel commercio della cocaina. Perché la droga è un business. Anzi, è il business del millennio. Si guadagna molto perché il rischio è alto. Molto alto. I creditori. Gli sbirri. La concorrenza. La galera. I debitori. Ma non finisce ammazzato come El Patron. Finisce a Milano, cambia lavoro, mette su famiglia e scrive un libro. Un manuale che parla di un'attività particolare, per di più illegale, analizzandola con un approccio manageriale. "Per farvi accumulare una vera fortuna senza farvi arrestare. Perché, come ogni altra impresa, anche vendere la droga è un'attività che deve essere pianificata con cura e attenzione. Quindi anche con un business-plan." Manuale del perfetto venditore di droga è un romanzo autobiografico con business plan. La prima parte è il diario degli anni raminghi dell 'autore, un Gomorra raccontato da protagonista, la seconda è un vero manuale di management, se non fosse per il tema potrebbe essere edito dalla Harvard University Press.

MANUALE DEL PERFETTO VENDITORE DI DROGA

Esposito Alessandro

Camilla è una giovane ragazza che vive in una piccola città di provincia dell'Italia centrale. Non la si può definire certo una bellezza. Anzi è solo un'altra ragazza invisibile. Dopo la maturità in un istituto tecnico in cui si è diplomata come segretaria d'azienda, non ha conservato le amicizie. Camilla ha un dono che ancora non conosce. Porta fortuna a chi le sta intorno e, involontariamente, realizza dei piccoli sogni. Per se stessa Camilla non desidera troppo. Sa che non avrà accanto un ragazzo bello come quelli della televisione o come Bruno, il figlio del padrone della fabbrica di infissi per cui lavora. Bruno è un ragazzo gentile, sembra avere la testa sulle spalle e, soprattutto, ha due occhi che quando Camilla li incrocia, deglutisce a fatica. Non è una sorpresa per la timida Camilla scoprire che il giovane è fidanzato, ovviamente con la più bella ragazza della provincia. Un giorno per lei arriva l'occasione di cambiare vita. Roma e un futuro diverso da immaginare. Nella grande città trova lavoro come impiegata alle poste e, anche lì, dispensa frammenti di fortuna a tutta la gente che comincia a conoscerla e a volerle bene. Camilla non legge tanti libri ma ogni mattina, prima di andare a lavoro, apre una pagina a caso di un fotoromanzo e ci punta sopra il dito. La frase pronunciata dall'attore o dall'attrice di turno, su cui cade il suo indice, le farà da guida per tutta la giornata. Una mattina l'interprete di Passione senza confini ha sentenziato che "l'amore arriva senza avvertire"...

Camilla portafortuna

Ceccarelli Stefano

La contraddizione tra realtà e apparenza, tra capitale e lavoro, tra valore d’uso e valore di scambio, tra proprietà privata e Stato capitalistico, tra monopolio e concorrenza, tra valore sociale del lavoro e sua rappresentazione monetaria... Sono diciassette le grandi contraddizioni che Harvey individua: stanno al cuore del capitalismo, alcune sono interdipendenti, tutte si intrecciano fra loro e, quando si acuiscono, producono instabilità e crisi; oggi ne mettono a rischio la tenuta. La spinta ad accumulare capitale al di là delle possibilità di investimento, l’imperativo di usare i metodi più economici di produzione che porta ad avere consumatori senza mezzi per il consumo, l’ossessione di sfruttare la natura fino al rischio dell’estinzione: sono antinomie di questo tipo che sottostanno alla persistenza della disoccupazione di massa, alle spirali discendenti dello sviluppo in Europa e Giappone, agli instabili salti in avanti di paesi come Cina e India. Non tutte le contraddizioni del capitale sono ingestibili, alcune possono condurre a quelle innovazioni che ridanno forza al capitalismo e lo fanno apparire saldo e duraturo. Tuttavia l’apparenza può ingannare: se è vero che molte delle contraddizioni del capitale possono venire gestite, altre potrebbero essere fatali per la nostra società. Per evitare un simile esito questo libro si propone tanto come un’efficace guida al mondo che ci circonda quanto come un manifesto per il cambiamento. Recuperando il concetto marxiano di alienazione, nella prospettiva di un nuovo umanesimo.

Diciassette contraddizioni e la fine del capitalismo

Harvey David

Monique ha sempre creduto nel suo matrimonio. Soprattutto, ha sempre creduto nel suo ruolo di moglie: muoversi sicura per casa, gestire la vita familiare, provvedere agli altri con la certezza di essere necessaria. Ma è bastata una frase di Maurice: "C'è una donna". E se Monique è tradita dal marito, la madre di Philippe lo è dal figlio, che al progressismo materno preferisce lo spirito pratico e conservatore della moglie. Murielle, invece, non ha né mariti né figli con cui scontrarsi: due matrimoni finiti male e il suicidio della figlia la condannano a una solitudine che la rende cruda e volgare, astiosa verso il mondo e verso un Dio che forse non c'è. Tre racconti, tre donne, tre crisi.

Una donna spezzata

De Beauvoir Simone