Narrativa

Gli inquilini

Malamud Bernard

Descrizione: «Gli inquilini», pubblicato originariamente nel 1971, è la storia di Henry Lesser, l'ultimo occupante di una palazzina di Brooklyn che deve essere abbattuta per far posto a un condominio di lusso. Nonostante i goffi tentativi di sfratto da parte del proprietario Levenspiel, Lesser non vuole abbandonare l'appartamento, perché lì ha iniziato a scrivere il suo romanzo ed è lì che intende terminarlo. Quando nella palazzina si trasferisce, per abitarci abusivamente, Willie Spearmint, anche lui scrittore, fra i due si instaura una rivalità che è al tempo stesso letteraria (Willie sembra decisamente più sicuro di sé rispetto alla propria scrittura) e razziale (Lesser è ebreo, Spearmint afroamericano) e che assume uno sfondo anche sessuale quando entra in scena Irene, la fidanzata, di Willie.

Categoria: Narrativa

Editore: Minimum Fax

Collana: Minimum classics

Anno: 2018

ISBN: 9788875219512

Recensito da Gabriele Lanzi

Le Vostre recensioni

Non risulta affatto semplice, e nemmeno  immediato, accostarsi alla scrittura di Bernard Malamud, americano di origine ebraica diverso però dallo stile di altri suoi connazionali come ad esempio Philip Roth. La scrittura di Malamud in questo romanzo – Gli inquilini – è infatti alquanto caotica, disordinata, visionaria. A tratti forse si trova qualcosa di Bukowski nel linguaggio triviale, nelle descrizioni degli emarginati.

Il cuore dell’opera sta tutto nell’incontro-scontro tra lo scrittore bianco, ebreo, Harry Lesser e lo scrittore di colore Willie Spearmint.

Il primo è l’ultimo abitante di un palazzo in stato di abbandono e prossimo alla demolizione, che non vuole però abbandonare fino alla conclusione del proprio libro, il secondo invece occupa abusivamente un altro appartamento, nell’attesa di trovare lo stile, la tecnica giusta, che gli permetta di affrontare degnamente quello che sta a sua volta scrivendo.

Gli inquilini non sono altro che due facce della stessa medaglia.

Da una parte Malamud intende evidenziare per entrambi le difficoltà che attraversa uno scrittore nella stesura di un’opera, dall’altra denuncia il tema politico dello scontro razziale, negli Stati Uniti all’inizio degli anni settanta, tra i bianchi (ebrei) che rappresentano la classe dominante e gli afroamericani perennemente sfruttati, emarginati. La scrittura diventa pertanto per Willie il mezzo attraverso il quale riscattare la propria condizione di dominato assurgendo a uno stato di rivolta, di protesta, che possa coinvolgere un intero popolo (“Giunge alla libertà attraverso la scoperta del potere della scrittura… attraverso la convinzione che scrivendo riuscirà ad aiutare la sua gente a superare il razzismo e la disuguaglianza”). Nelle parole che Malamud mette in bocca a Willie, che sostiene con fermezza come “la narrativa bianca non è come la narrativa nera… io scrivo nero perché sono nero”, appare chiaramente il valore simbolico della lotta, dell’odio verso i “bianchi”, canalizzato dal potere della scrittura. Quella scrittura che tuttavia, allo stesso tempo – oltre che dividere – unisce, in quanto solo gli scrittori sono accomunati da quei problemi cosi tipici della loro arte, compresa la necessità di consigliarsi vicendevolmente, scambiarsi pareri, impressioni reciproche, sebbene queste possano provocare malessere e sconforto alla controparte: lo sa bene Lesser che, dopo avere letto alcune pagine del libro del collega, si chiede: “Eppure, se non gli dico quello che penso veramente, come posso aiutarlo a migliorare il suo libro?”

L’opera assume quindi le sembianze di una partita a scacchi, giocata però sul terreno della letteratura, ove il lettore è invogliato ad arrivare al termine per sapere chi la spunterà. Anche in questo caso l’autore saprà stupirci con un finale che farà sicuramente riflettere.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Bernard

Malamud

Libri dallo stesso autore

Intervista a Malamud Bernard


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Glen Runciter comunica con la moglie defunta per avere i suoi consigli dall’aldilà. Joe Chip scompare dal mondo del 1992 e si ritrova nell’America degli anni Trenta, mentre riceve misteriosi e cupi messaggi. Una trappola mortale sembra aver annientato i migliori precognitivi del sistema solare. È in corso una lotta per scrutare il futuro nel corso di un’impossibile dissoluzione del presente; mondi e tempi diversi vivono e fluiscono contemporaneamente, la vita si scambia con la morte. In Ubik Philip Dick affronta con grande ispirazione alcuni dei suoi temi piú profondi: l’illusione che chiamiamo realtà, la mancanza di un tessuto connettivo e di un principio unificatore al di sotto dell’apparenza delle cose, il mistero di un Dio che tiene i dadi della vita e della morte. Scritto nel 1966 e pubblicato nel 1969, Ubik è una delle opere più sconcertanti e riuscite di Philip K. Dick. per il suo dirompente surrealismo, per l’ironia e la passione con cui analizza la società umana, Ubik è davvero un classico di quella letteratura che sempre si spinge a esplorare i paradossi dell’esistenza con le armi della visione e della fantasia, di uno sguardo anarchico, insaziabile e curioso."Io sono vivo, voi siete morti", scrisse Philip K. Dick in Ubik.

UBIK

Dick Philip K.

Due ragazze, Chieco e Naeko, si incontrano e scoprono di essere gemelle. Hanno però avuto dal destino storie diverse: la prima, abbandonata dai genitori poveri, viene allevata dalla famiglia di un originale e benestante mercante di kimono, mentre la sorella, morti presto la madre e il padre, deve guadagnarsi la vita lavorando nei boschi della montagna. Malgrado il profondo legame che le unisce, alla fine le due sorelle torneranno a percorrere strade diverse.

Koto

Kawabata Yasunari

Il sogno di una cosa

Pasolini Pier Paolo

Dizionario poetico-scientifico della foresta amazzonica. 100 esseri, 100 poesie di Marcia Theophilo. Con fotografie a colori e descrizione di ogni specie animale e vegetale.

Ogni parola un essere

Theophilo Marcia