Romanzo storico

Gli occhi di Venezia

Barbero Alessandro

Descrizione: Venezia, fine del Cinquecento. In una città tentacolare e spietata l'amore e i buoni sentimenti di Michele e Bianca - un giovane muratore e la sua sposa piena di promesse - non bastano a farli vivere sereni. Per sfuggire a un'accusa ingiusta, Michele è costretto a lasciare Venezia e a imbarcarsi su una galera. Bandito dalla Serenissima, rematore su una nave che vaga per il Mediterraneo carica di zecchini e di spezie, con molti dell'equipaggio che addirittura ignorano la sua destinazione finale, senza nessuna speranza di ritornare a breve, Michele è destinato a vivere straordinarie avventure nei porti e gli angiporti del mare nostrum. E tuttavia prove ancora più dure e incontri non meno straordinari toccheranno a Bianca che rimane a Venezia, sola, giovane e bella... La terra e il mare, Oriente e Occidente, due vite e un unico grande amore, agli albori del mondo moderno: storico tra i più autorevoli, vincitore del Premio Strega, Barbero ha scritto un romanzo che si pone al livello dei migliori bestseller d'intrattenimento degli ultimi anni.

Categoria: Romanzo storico

Editore: Mondadori

Collana: Omnibus

Anno: 2011

ISBN: 9788804595434

Recensito da Diego Manzetti

Le Vostre recensioni

Pubblicato da Mondadori, “Gli occhi di Venezia” è un romanzo storico di Alessandro Barbero la cui storia d’avventura e d’amore si svolge nel tardo XVI secolo.

L’ambientazione del romanzo potrebbe sembrare abbastanza comune. Frequentemente, infatti, si leggono libri le cui vicende narrate hanno luogo nella Venezia rinascimentale. Una tale considerazione, però, sarebbe decisamente errata. Alessandro Barbero ha costruito un’avventura che trasporta il lettore in giro per il Mediterraneo orientale, in quelle che sul finire del XVI secolo erano terre di scontro tra la non più invincibile potenza marittima veneziana e l’incalzante presenza dei turchi.

Ma il malumore e la stanchezza per gli strapazzi del viaggio si dissolsero quando la comitiva giunse finalmente in vista di Costantinopoli. Tutti si accalcarono con esclamazioni di sorpresa a contemplare la sterminata città di casette di legno che si ammassavano attorno ai corpaccioni colossali e agli affilati minareti delle grandi moscheee, e l’acqua del Corno D’Oro che baluginava in lontananza“.

Michele lavora con il padre, un mastro muratore, come apprendista. Una serie di eventi imprevisti quanto improvvisi lo portano ad imbarcarsi su una galea veneziana in partenza per l’isola di Creta, senza che abbia il tempo di avvertire la giovane moglie Bianca, con la quale è sposato da soli pochi mesi. Le vite dei due, quindi, si separano, e da qui in poi l’autore inizia ad alternare la narrazione delle vicende riguardanti i due sposi, ciascuno costretto ad affrontare situazioni che mai avrebbe pensato di dover vivere.

Ottima la ricostruzione della vita dei galeotti. Schiavi, debitori insolventi o semplicemente persone che, come Michele, si sono trovate costrette, a causa degli eventi della vita, a imbarcarsi su una galea. Tutti condividono la stessa sorte e le stesse sventure.

L’autore riesce a rendere bene l’idea del cameratismo e della diffidenza che una vita di stenti ha portato ai massimi livelli.

Consigliato.

La galera ondeggiava dolcemente, e Michele faticava a tenersi in piedi. Lo colpì l’odore forte di vernice fresca, ma soprattutto l’enorme affollamento dello scafo, dove un numero sorprendente di galeotti e marinai si muovevano, intenti ciascuno al suo compito, in spazi così ristretti che pareva dovessero ad ogni momento sgomitare e pestarsi i piedi a vicenda“.

Alessandro Barbero è uno storico e scrittore italiano, vincitore nel 1996 del Premio Strega con il romanzo “Bella vita e guerre altrui di Mr. Pyle, gentiluomo”, edito da Mondadori.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Alessandro

Barbero

Libri dallo stesso autore

Intervista a Barbero Alessandro


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

I ritratti di Virginia Woolf – parte seconda

Come si fa a diventare buoni? E, soprattutto, che cosa significa essere buoni? Katie Carr non se l'è mai chiesto: una donna che ha scelto di diventare medico per aiutare gli altri e che ha cresciuto i figli ai valori morali più profondi non ha nemmeno bisogno di porsi la questione. Finché quella donna non tradisce il marito. E allora il marito, David, decide di dare una svolta alla sua vita. Abbandona le arguzie sarcastiche con le quali non risparmiava nessuno, nemmeno la moglie e i figli, e rinuncia a versare veleno su tutto e tutti nella rubrica che firmava regolarmente su un quotidiano locale; insomma, smette di essere «l'uomo più arrabbiato di Holloway» per diventare buono. Ma buono sul serio. Niente di più azzeccato, a questo punto, dell' entrata in scena di BuoneNuove. Con tanto di piercing alle sopracciglia, una storia di droga alle spalle e tecniche di guarigione dello spirito e del corpo capaci di sfidare tutta la scienza medica, BuoneNuove aiuta David a mettere a punto strategie di bontà e varare progetti piccoli e grandi per contribuire a risolvere il problema della sofferenza umana: lasagne prese dal congelatore di casa per sfamare i barboni del parco, giocattoli e computer sottratti ai figli per intrattenere i bambini meno fortunati, esortazioni agli abitanti della via perché ciascuna famiglia metta a disposizione una stanza per un senzatetto e infine un bel manuale di istruzioni su come redistribuire equamente le ricchezze mondiali. Com'è prevedibile, Katie perde ogni punto di riferimento: il marito è irriconoscibile, i due figli si schierano l'uno con la madre e l'altra col padre, e lei deve sopportare la convivenza coatta con BuoneNuove e un senzatetto che si fa chiamare Scimmia. E, catapultata in una realtà tutta nuova, è costretta a riflettere anche sulla crisi del suo matrimonio.

COME DIVENTARE BUONI

Hornby Nick

Case Rosse, minuscolo borgo nell'Appennino tosco-emiliano, ha un primato: è la sede del commissariato più piccolo d'Italia, diretto da Roberto Serra – che viene da Roma ed è considerato uno ed fòra – con l'aiuto dell'agente Manzini. Non succede mai nulla se non qualche rissa tra ubriachi il sabato sera. Ma la notte del Capodanno del 1995 una telefonata sveglia Manzini in piena notte. Ci sono tre cadaveri al Prà grand, uccisi senza pietà. I due poliziotti accorrono sul luogo del delitto e uno spettacolo raccapricciante si presenta ai loro occhi: un uomo, una donna e una bambina sono stati colpiti a morte da distanza ravvicinata con un fucile. È un'esecuzione, senza alcun dubbio. Ma non ci sono schizzi di sangue intorno alle vittime e la loro posizione non combacia con la traiettoria degli spari. A chi appartengono questi corpi straziati che chiedono giustizia? Chi ha violato la pace di quel piccolo paese perso tra le montagne, e per quale motivo? E perché così tanta violenza da sorprendere anche un uomo come Roberto Serra, abituato a omicidi ben più efferati? Per il commissario comincerà un'indagine che lo porterà a rivivere il passato del luogo in cui si è rifugiato, e ad affrontare i demoni che albergano nella sua anima e nel suo cuore. Un romanzo che affonda le radici nelle pagine più sanguinose della storia del Ventesimo secolo. Un nuovo autore italiano che lancia la sfida ai maestri del thriller internazionale.

VENTI CORPI NELLA NEVE

Pasini Giuliano

Tutto lo sforzo che facciamo per dare ordine alla vita è un logorio costante, disperato, che usura i nervi, li sfianca, ma è necessario alla nostra sopravvivenza. "Le età della vita" è proprio questo, è il tentativo di dare ordine al caos, di riordinare i ricordi, le sensazioni, di prendere per le briglie una vita che è sempre sul limite di deragliare. Ambientato negli anni Ottanta a Roma, i fondali della narrazione sono il mercato ittico di via Ostiense, l'università La Sapienza e la metropoli romana. È in queste praterie urbane che il protagonista diventa funambolo della propria vita, mentre gli spazi vuoti vengono controbilanciati da svariate pressioni: il lavoro, l'università, una storia d'amore e l'intenso rapporto con Carmine, figura ai margini della società.Questo scenario acquisisce ulteriore forza grazie al doppio registro linguistico (romanesco e italiano) che ha la capacità di catapultare il lettore all'interno di ogni immagine descritta, dentro ogni inquadratura che viene proposta, nel cuore della narrazione. L'immersione è totale.

Le età della vita

Mantioni Paolo