Romanzo storico

Gli occhi di Venezia

Barbero Alessandro

Descrizione: Venezia, fine del Cinquecento. In una città tentacolare e spietata l'amore e i buoni sentimenti di Michele e Bianca - un giovane muratore e la sua sposa piena di promesse - non bastano a farli vivere sereni. Per sfuggire a un'accusa ingiusta, Michele è costretto a lasciare Venezia e a imbarcarsi su una galera. Bandito dalla Serenissima, rematore su una nave che vaga per il Mediterraneo carica di zecchini e di spezie, con molti dell'equipaggio che addirittura ignorano la sua destinazione finale, senza nessuna speranza di ritornare a breve, Michele è destinato a vivere straordinarie avventure nei porti e gli angiporti del mare nostrum. E tuttavia prove ancora più dure e incontri non meno straordinari toccheranno a Bianca che rimane a Venezia, sola, giovane e bella... La terra e il mare, Oriente e Occidente, due vite e un unico grande amore, agli albori del mondo moderno: storico tra i più autorevoli, vincitore del Premio Strega, Barbero ha scritto un romanzo che si pone al livello dei migliori bestseller d'intrattenimento degli ultimi anni.

Categoria: Romanzo storico

Editore: Mondadori

Collana: Omnibus

Anno: 2011

ISBN: 9788804595434

Recensito da Diego Manzetti

Le Vostre recensioni

Pubblicato da Mondadori, “Gli occhi di Venezia” è un romanzo storico di Alessandro Barbero la cui storia d’avventura e d’amore si svolge nel tardo XVI secolo.

L’ambientazione del romanzo potrebbe sembrare abbastanza comune. Frequentemente, infatti, si leggono libri le cui vicende narrate hanno luogo nella Venezia rinascimentale. Una tale considerazione, però, sarebbe decisamente errata. Alessandro Barbero ha costruito un’avventura che trasporta il lettore in giro per il Mediterraneo orientale, in quelle che sul finire del XVI secolo erano terre di scontro tra la non più invincibile potenza marittima veneziana e l’incalzante presenza dei turchi.

Ma il malumore e la stanchezza per gli strapazzi del viaggio si dissolsero quando la comitiva giunse finalmente in vista di Costantinopoli. Tutti si accalcarono con esclamazioni di sorpresa a contemplare la sterminata città di casette di legno che si ammassavano attorno ai corpaccioni colossali e agli affilati minareti delle grandi moscheee, e l’acqua del Corno D’Oro che baluginava in lontananza“.

Michele lavora con il padre, un mastro muratore, come apprendista. Una serie di eventi imprevisti quanto improvvisi lo portano ad imbarcarsi su una galea veneziana in partenza per l’isola di Creta, senza che abbia il tempo di avvertire la giovane moglie Bianca, con la quale è sposato da soli pochi mesi. Le vite dei due, quindi, si separano, e da qui in poi l’autore inizia ad alternare la narrazione delle vicende riguardanti i due sposi, ciascuno costretto ad affrontare situazioni che mai avrebbe pensato di dover vivere.

Ottima la ricostruzione della vita dei galeotti. Schiavi, debitori insolventi o semplicemente persone che, come Michele, si sono trovate costrette, a causa degli eventi della vita, a imbarcarsi su una galea. Tutti condividono la stessa sorte e le stesse sventure.

L’autore riesce a rendere bene l’idea del cameratismo e della diffidenza che una vita di stenti ha portato ai massimi livelli.

Consigliato.

La galera ondeggiava dolcemente, e Michele faticava a tenersi in piedi. Lo colpì l’odore forte di vernice fresca, ma soprattutto l’enorme affollamento dello scafo, dove un numero sorprendente di galeotti e marinai si muovevano, intenti ciascuno al suo compito, in spazi così ristretti che pareva dovessero ad ogni momento sgomitare e pestarsi i piedi a vicenda“.

Alessandro Barbero è uno storico e scrittore italiano, vincitore nel 1996 del Premio Strega con il romanzo “Bella vita e guerre altrui di Mr. Pyle, gentiluomo”, edito da Mondadori.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Alessandro

Barbero

Libri dallo stesso autore

Intervista a Barbero Alessandro


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Dopo "Vaticano Spa", "Sua santità", "Via crucis", tre inchieste che ci hanno introdotto nelle stanze e nei segreti più profondi del Vaticano, in questo nuovo libro Gianluigi Nuzzi ricompone, attraverso documenti inediti, carte riservate dell'archivio Ior e testimonianze sorprendenti, i tre fili rossi - quello del sangue, dei soldi e del sesso - che collegano e spiegano la fitta trama di scandali, dal pontificato di Paolo VI fino a oggi. Una ragnatela di storie dagli effetti devastanti, che hanno suscitato nel tempo interrogativi sempre rimasti senza risposta e che paralizzano ogni riforma di papa Francesco. L'autore ricostruisce molte verità che mancavano, a cominciare dal mistero della morte di papa Luciani...; la trattativa riservata tra Vaticano e procura di Roma per chiudere il caso Emanuela Orlandi; i conti di cardinali, attori, politici presso lo lor, tra operazioni milionarie, lingotti d'oro, fiumi di dollari e trame che portano al traffico internazionale di droga; l'evidenza di una lobby gay che condiziona pesantemente le scelte del Vaticano, tra violenze e pressioni perpetrate nei sacri palazzi e qui per la prima volta documentate. Ecco il "fuori scena" di un blocco di potere per certi aspetti criminale, ramificato, che continua ad agire impunito, più forte di qualsiasi papa (Ratzinger è stato costretto alle dimissioni aprendo però la strada a Bergoglio), sempre capace di rigenerarsi, che ostacola con la forza del ricatto e dei privilegi ogni tentativo di riforma.

Peccato originale

Nuzzi Gianluigi

Tornando a casa dopo la scuola, uno studente si ferma in una strana biblioteca. Certo, anche la sua richiesta è un po' strana. Chiede alla bibliotecaria qualche libro che possa soddisfare la sua ultima curiosità (è un bambino curioso, il nostro protagonista): la riscossione delle tasse nell'impero ottomano. La bibliotecaria lo manda alla stanza 107. Qui l'aspetta un altro bibliotecario, ancora più bizzarro della prima: "aveva la faccia coperta di piccole macchie nere, come tanti moscerini. Era calvo e portava occhiali dalle lenti spesse. La sua calvizie non era uniforme. Tutt'intorno al cranio gli restavano ciuffi di capelli bianchi ritorti, come in un bosco dopo un incendio". E davvero una ben strana biblioteca, questa! Il bibliotecario accompagna il bambino attraverso un labirinto di corridoi e stanze, finché non arrivano in una stanza dove riposa un piccolo uomo vestito con una pelle di pecora. E qui le cose si fanno brutte: il bibliotecario e l'uomo-pecora spingono il piccolo in una cella. Il bambino rischia di fare una fine terribile se non arrivasse in suo soccorso una ragazza sconosciuta...

La strana biblioteca

Haruki Murakami

C'è una piccola isola tra la Toscana e la Corsica, simile a una lancia di granito, che fora il Mediterraneo e punta minacciosa il cielo. Su quell'isola si sogna. Un uomo che ha perso l'amore e desidera solo lasciarsi morire. Un gruppo di persone che fanno della sopravvivenza il loro credo. Un clandestino cresciuto nelle fogne di Bucarest. Uno scienziato visionario e uno strano esperimento. Un delitto orribile, tra le rovine degli antichi Druidi. E la Fine del Mondo. Il libro di Morgan Perdinka, scritto nel 2003 - quattro anni prima del misterioso suicidio dell'autore -, pubblicato riscoperto e presentato dal maestro Danilo Arona.

MALAPUNTA

Perdinka Morgan

Protagonisti sono Mosè e suo fratello Enrico, lo scatenato Vanni (appassionato di pesca subacquea) e Pedro, immigrato dall'Argentina. Hanno trentanni, sono amici da sempre e hanno molta voglia di divertirsi. Hanno anche tutti i problemi che può avere oggi un giovane cresciuto in una delle tante periferie italiane: il lavoro, i soldi, i rapporti di coppia (Viviana ha appena lasciato Enrico...). Vite qualunque e però piene di avventure sgangherate e divertenti, finché Enrico, improvvisato infermiere e badante, non inizia a occuparsi di Adelaide, un'anziana che, dopo essere stata rinchiusa per trentanni in manicomio, può finalmente tornare a casa propria. Quando entra nell'appartamento di Adelaide, resta sbalordito: la donna ha inciso tutte le pareti con scritte quasi illeggibili, fitte fitte: è il racconto di una vita, forse la traccia di un tesoro.

Poco più di niente

Calamini Cosimo