Fantascienza

GLI ULTIMI GIORNI DI KRYPTON

Anderson Kevin J.

Descrizione: Tutti sanno come Kal-El - Superman - venne mandato sulla Terra appena prima che il suo pianeta esplodesse. Ma cosa causò un disastro di quella portata? Ora, ne "Gli ultimi giorni di Krypton", Kevin J. Anderson presenta un ampio racconto del fasto e della grandezza di un mondo condannato ricco di impavidi eroi e crudeli traditori. Sullo sfondo spettacolare degli ultimi giorni felici di Krypton avviene il corteggiamento e il matrimonio dei genitori di Kal-El, il brillante scienziato Jor-El e sua moglie, una storica, Lara. Insieme combattono per convincere una società stagnante e incredula che il loro mondo sta per scomparire. Il fratello di Jor-El, Zor-El, capo della leggendaria città di Argo, si unisce alla lotta, non solo per salvare il pianeta, ma anche per combattere contro la minaccia dello spietato e astuto Generale Zod. Il diabolico Zod si avvale di un'opportunità d'oro per impossessarsi del potere quando l'androide Brainiac cattura la capitale Kandor. Nel momento stesso in cui l'influenza di Zod sulla popolazione si rafforza e il suo potere cresce, anche lui diventa cieco a tutti i segnali che indicano la morte di quella stessa civiltà che sta cercando di governare. Attraverso tutto questo, l'amore reciproco di Jor-El e Lara, la loro storia e il loro figlio permettono a Krypton di continuare a vivere anche se il pianeta si sta consumando intorno a loro. Per questo, nella fuga del loro bambino giace il più grande dono di Kripton e il più grande eroe della Terra.

Categoria: Fantascienza

Editore: Zero91

Collana:

Anno: 2010

ISBN: 9788895381152

Recensito da Sara Barbieri

Le Vostre recensioni

Il genere science fiction ha iniziato a raccogliere appassionati nel 1930 e due di questi fan erano Jerry Siegel e Joe Shuster, scrittore il primo, artista il secondo. La loro singolare passione ha prodotto un contributo decisivo […], Superman, lo strano visitatore proveniente da un altro pianeta arrivato sulla terra con poteri e capacità molto al di là di… Non c’è bisogno di continuare, conoscete già il seguito. Tutti conoscono il seguito. […] A Kevin è stato affidato un compito scoraggiante come tutte le gesta di Superman. Ha dovuto mettere assieme la storia di un pianeta che negli ultimi sessantotto anni ha avuto un numero infinito di vicende conflittuali create appositamente per esso.

La prefazione di Mary Wolfman (scrittrice e creatrice di Blade the Vampire Hunter) al romanzo Gli ultimi giorni di Krypton delinea perfettamente le difficoltà a cui l’autore Kevin J. Anderson è andato incontro: narrare l’antefatto di una storia universalmente conosciuta, le origini di un personaggio che ha prodotto innumerevoli opere (fumetti, serie televisive, film). Tutti, infatti, conoscono la storia di Kal-El (nome kryptoniano di Superman) e di come fu inviato sulla terra a bordo di una navicella spaziale poco prima che il suo pianeta esplodesse.

Anderson (noto scrittore di fantascienza, autore del prequel di Dune, di numerosi romanzi di Star Wars e della Saga dei sette soli) ci racconta quello che è successo prima: l’incontro tra Jor-El e Lara, genitori del supereroe, e il loro matrimonio; le preoccupazioni di Jor-El e del fratello Zor-El riguardo all’instabilità del nucleo di Krypton, con il rischio che esso esploda; il loro tentativo di cambiare una società ormai stagnante e contraria ad ogni evoluzione, incredula di fronte ai segni inequivocabili che il loro mondo stia per scomparire.

L’autore crea una storia epica che raggruppa tutti i racconti precedenti, trovando una propria individualità soprattutto nella descrizione di Zod, futuro nemico numero uno di Superman. La figura del villain è abilmente tratteggiata nella sua ansia di cambiamento e di potere:

Zod si rendeva conto che […] la vera natura della vita kryptoniana era crescere, aspirare a quanto di meglio; ma una società rigidamente pacifista aveva eliminato tutte le uscite di sicurezza per la crescita della mente e delle emozioni. Una civiltà non poteva sopravvivere in pace se la pace durava troppo a lungo. […] Zod capì chiaramente che bisognava agire in modo drastico… Ma non poteva permettere a nessuno di capire quanto fosse disposto ad andare lontano.”

Dotato di una prosa estremamente scorrevole, il romanzo di Anderson ha forse il difetto di dilungarsi troppo su dettagli tecnici (inerenti soprattutto alle invenzioni di Jor-El) poco coinvolgenti e di essere un po’ lento nella prima parte; ma, procedendo, la vicenda avvince il lettore, soprattutto nella descrizione della rivalità tra Zod e Jor-El e della storia d’amore tra quest’ultimo e Lara.

Insomma, un’opera senza dubbio appassionata e ispirata che, usando le parole della Wolfman, “ha qualcosa da dire a ogni fan di Superman, indipendentemente da quale periodo ami, con quale Krypton sia cresciuto o quale Superman abbia idolatrato.”

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

J.

Kevin

Anderson

Libri dallo stesso autore

Intervista a Anderson Kevin J.


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Il venir meno della promessa del lavoro per tutti (mito degli anni Cinquanta) e l'affermarsi di condizioni lavorative saltuarie pone il problema di come assicurare a tutti condizioni di vita dignitose. Il tema è quello del "reddito garantito" o "reddito di cittadinanza" o "basic incom", cioè di un reddito minimo assicurato dallo Stato in mancanza di attività lavorativa. La soluzione, molto discussa a livello teorico, è oggi adottata in tutti i paesi europei eccettuate l'Italia, la Grecia e l'Ungheria. In Italia c'è una sola sperimentazione, prevista da un decreto legislativo del 1998, ormai abbandonata nel tempo. Sui fondamenti etici e politici del reddito di cittadinanza, sulle realizzazioni in Europa e sulle possibilità in Italia, fa il punto il volume di Giuseppe Bronzini, magistrato, autore di numerose pubblicazioni in materia.

Il reddito di cittadinanza

Bronzini Giuseppe

Delfina è una ragazza in coma a seguito di un incidente, chiusa in quello stato che i medici definiscono minimal responsive. Attorno a lei i personaggi che fanno parte della sua esistenza: la madre, donna ingombrante e perfezionista; un padre lontano, mite e un po' egoista; un fidanzato inconsistente che nasconde una colpa terribile; la fisioterapista; le amiche. Una girandola di amici e parenti che si affolla sul guscio apparentemente vuoto della protagonista e, nel bene e nel male, porta avanti la sua vita. Eppure ognuno di loro è prima di tutto a se stesso che parla, mettendo a nudo le meschinerie e le paure che stanno a fondamento di ogni relazione, in una rappresentazione della normalità che sconfina pericolosamente con il suo opposto, quella sottile e banale follia del quotidiano in cui è immersa la nostra vita. Fuori Delfina, un succedersi di storie e di colpi di scena. Dentro, l'inquieto vaneggiare di Delfina in attesa del risveglio. Ma se fosse proprio lei a non voler aprire gli occhi?

NUDA VITA

Frascati Daniela

È notte e la nebbia è illuminata a tratti dai fari delle macchine che sfrecciano accanto a lei. Letty si asciuga l’ennesima lacrima e preme ancora più forte il piede sull’acceleratore. Deve correre il più lontano possibile, fuggire da tutti i suoi sbagli, è la cosa migliore per tutti. Perché la sua vita è stata difficile, ha inanellato una serie di errori uno dietro l’altro e adesso tutte le sue paure sono tornate a tormentarla, senza lasciarle una via di scampo. Intanto, ormai molte miglia lontano, i suoi due figli, Alex e la piccola Luna, stanno dormendo serenamente. Non sanno che la mamma li ha lasciati da soli nel loro letto, schiacciata dal terrore di non essere una buona madre. Convinta che senza di lei Alex e Luna saranno più felici. Quando Alex si sveglia e si accorge che Letty non c’è più, capisce che non deve farsi prendere dal panico. Deve occuparsi della sorellina e seguire le regole. Perché Alex ha quindici anni ed è solo un ragazzino, ma è dovuto crescere in fretta per aiutare sua madre Letty e i suoi occhi troppo spesso tristi. A volte guarda verso il cielo e sogna di volare via, in un posto dove l’azzurro del cielo li possa di nuovo colorare di felicità. La sua passione sono la matematica e lo studio delle rotte migratorie degli uccelli. Da loro ha imparato che non importa quanto voli lontano, c’è sempre un modo per tornare a casa. Alex sa che deve trovare il modo di far tornare anche la sua mamma. Solo lui può farlo, solo lui può curare le sue ali ferite e farle spiccare di nuovo il volo. Perché anche quando l’orientamento è perso, l’amore può farci ritrovare la rotta verso il nostro cuore. Questa è la storia di un amore immenso e imperfetto, come la vita. Questa è la storia della paura di una madre e del coraggio di un figlio. Questa è la storia di come anche un solo abbraccio può scacciare dal cuore la solitudine.

Le ali della vita

Diffenbaugh Vanessa

Crimini su donne e bambine originarie delle società patriarcali e tribali

Novelli Noemi