Fantascienza

GLI ULTIMI GIORNI DI KRYPTON

Anderson Kevin J.

Descrizione: Tutti sanno come Kal-El - Superman - venne mandato sulla Terra appena prima che il suo pianeta esplodesse. Ma cosa causò un disastro di quella portata? Ora, ne "Gli ultimi giorni di Krypton", Kevin J. Anderson presenta un ampio racconto del fasto e della grandezza di un mondo condannato ricco di impavidi eroi e crudeli traditori. Sullo sfondo spettacolare degli ultimi giorni felici di Krypton avviene il corteggiamento e il matrimonio dei genitori di Kal-El, il brillante scienziato Jor-El e sua moglie, una storica, Lara. Insieme combattono per convincere una società stagnante e incredula che il loro mondo sta per scomparire. Il fratello di Jor-El, Zor-El, capo della leggendaria città di Argo, si unisce alla lotta, non solo per salvare il pianeta, ma anche per combattere contro la minaccia dello spietato e astuto Generale Zod. Il diabolico Zod si avvale di un'opportunità d'oro per impossessarsi del potere quando l'androide Brainiac cattura la capitale Kandor. Nel momento stesso in cui l'influenza di Zod sulla popolazione si rafforza e il suo potere cresce, anche lui diventa cieco a tutti i segnali che indicano la morte di quella stessa civiltà che sta cercando di governare. Attraverso tutto questo, l'amore reciproco di Jor-El e Lara, la loro storia e il loro figlio permettono a Krypton di continuare a vivere anche se il pianeta si sta consumando intorno a loro. Per questo, nella fuga del loro bambino giace il più grande dono di Kripton e il più grande eroe della Terra.

Categoria: Fantascienza

Editore: Zero91

Collana:

Anno: 2010

ISBN: 9788895381152

Recensito da Sara Barbieri

Le Vostre recensioni

Il genere science fiction ha iniziato a raccogliere appassionati nel 1930 e due di questi fan erano Jerry Siegel e Joe Shuster, scrittore il primo, artista il secondo. La loro singolare passione ha prodotto un contributo decisivo […], Superman, lo strano visitatore proveniente da un altro pianeta arrivato sulla terra con poteri e capacità molto al di là di… Non c’è bisogno di continuare, conoscete già il seguito. Tutti conoscono il seguito. […] A Kevin è stato affidato un compito scoraggiante come tutte le gesta di Superman. Ha dovuto mettere assieme la storia di un pianeta che negli ultimi sessantotto anni ha avuto un numero infinito di vicende conflittuali create appositamente per esso.

La prefazione di Mary Wolfman (scrittrice e creatrice di Blade the Vampire Hunter) al romanzo Gli ultimi giorni di Krypton delinea perfettamente le difficoltà a cui l’autore Kevin J. Anderson è andato incontro: narrare l’antefatto di una storia universalmente conosciuta, le origini di un personaggio che ha prodotto innumerevoli opere (fumetti, serie televisive, film). Tutti, infatti, conoscono la storia di Kal-El (nome kryptoniano di Superman) e di come fu inviato sulla terra a bordo di una navicella spaziale poco prima che il suo pianeta esplodesse.

Anderson (noto scrittore di fantascienza, autore del prequel di Dune, di numerosi romanzi di Star Wars e della Saga dei sette soli) ci racconta quello che è successo prima: l’incontro tra Jor-El e Lara, genitori del supereroe, e il loro matrimonio; le preoccupazioni di Jor-El e del fratello Zor-El riguardo all’instabilità del nucleo di Krypton, con il rischio che esso esploda; il loro tentativo di cambiare una società ormai stagnante e contraria ad ogni evoluzione, incredula di fronte ai segni inequivocabili che il loro mondo stia per scomparire.

L’autore crea una storia epica che raggruppa tutti i racconti precedenti, trovando una propria individualità soprattutto nella descrizione di Zod, futuro nemico numero uno di Superman. La figura del villain è abilmente tratteggiata nella sua ansia di cambiamento e di potere:

Zod si rendeva conto che […] la vera natura della vita kryptoniana era crescere, aspirare a quanto di meglio; ma una società rigidamente pacifista aveva eliminato tutte le uscite di sicurezza per la crescita della mente e delle emozioni. Una civiltà non poteva sopravvivere in pace se la pace durava troppo a lungo. […] Zod capì chiaramente che bisognava agire in modo drastico… Ma non poteva permettere a nessuno di capire quanto fosse disposto ad andare lontano.”

Dotato di una prosa estremamente scorrevole, il romanzo di Anderson ha forse il difetto di dilungarsi troppo su dettagli tecnici (inerenti soprattutto alle invenzioni di Jor-El) poco coinvolgenti e di essere un po’ lento nella prima parte; ma, procedendo, la vicenda avvince il lettore, soprattutto nella descrizione della rivalità tra Zod e Jor-El e della storia d’amore tra quest’ultimo e Lara.

Insomma, un’opera senza dubbio appassionata e ispirata che, usando le parole della Wolfman, “ha qualcosa da dire a ogni fan di Superman, indipendentemente da quale periodo ami, con quale Krypton sia cresciuto o quale Superman abbia idolatrato.”

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

J.

Kevin

Anderson

Libri dallo stesso autore

Intervista a Anderson Kevin J.

Le ombre azzurre

Mucciolo Patrizia

Roma, via Puccini, 30 agosto 1970. L’avvocato Cesare Previti, all’epoca trentaseienne, arriva con la polizia sulla scena di un triplice omicidio. Tre corpi, tre vite: un viveur, una arrampicatrice sociale, un miliardario. Tre storie avvitate l’una all’altra, strette intorno a un unico asse patrimoniale. Il giovane e rampante legale romano capisce subito che a quel delitto è agganciata una delle più grandi collezioni di beni della storia d’Italia: l’eredità Casati Stampa. Luca Telese ha inseguito, con il fiuto e la tenacia del vero cronista d’inchiesta, le tracce del mega business (per Berlusconi e i suoi, naturalmente) che fu l’acquisto della villa nel 1974. Ne è uscito uno spaccato inquietante e decisamente esemplare della modalità di “condurre gli affari” da parte dell’avvocato di fiducia del Cavaliere, Previti, e del Cavaliere stesso. Sin da quei lontani anni Settanta che videro l’inizio delle loro fortune, delle loro ascese irresistibili e strettamente intrecciate.

La marchesa, la villa e il Cavaliere

Telese Luca

Wes cammina per le strade di una New York notturna. Sta tornando a casa e dovrebbe essere felice perché ha appena compiuto il grande passo che tutti i suoi coetanei sognano, il rito di iniziazione per eccellenza. Wes, 17 anni, ha fatto sesso per la prima volta. Eppure è triste, indicibilmente, profondamente triste. Perché è successo tutto nel momento sbagliato, con la ragazza sbagliata, per i motivi sbagliati. È tutto fuori dal rigido e assai articolato copione che in ogni istante della sua vita Wes struttura mentalmente. Un copione che ingloba in sé tutti gli aspetti della sua esistenza, dalla madre gravemente malata e costretta a letto al padre scrittore fallito, dalle pagine di "Guerra e pace" a quelle del "Maestro e Margherita", dall'amore idealizzato e impossibile per la bella Delia a quello più protettivo per la sorellina Nora. Un ritratto commovente. Un romanzo tenero e affettuoso. Grazie alle sempre avvincenti e intriganti elucubrazioni del giovane Wes, le pagine di questo romanzo ci restituiscono i sentimenti e le emozioni di un'età in cui ancor più della vita in sé è importante il modo in cui la percepiamo, ancor più di ciò che siamo è importante il modo in cui ci crediamo percepiti dagli altri, un'età in cui nella mente scorre un interminabile flusso di pensieri, considerazioni e sensazioni che può trasformare ogni banale momento quotidiano nella pagina di un infinito romanzo che ci vede come unici protagonisti.

TUTTO ACCADE OGGI

Browner Jesse

Un uomo e una donna si incontrano per caso mentre tornano al loro paese natale, che hanno abbandonato vent’anni prima scegliendo la via dell’esilio. Riusciranno a riannodare i fili di una strana storia d’amore, appena iniziata e subito inghiottita dalla storia? Il fatto è che dopo una così lunga assenza «i loro ricordi non si somigliano». La nostra memoria è flebile: viviamo sprofondati in un immenso oblio, e ci rifiutiamo di saperlo. Solo coloro che, come Ulisse, tornano dopo vent’anni a Itaca possono contemplare, attoniti e abbagliati, la dea dell’ignoranza.

L’ignoranza

Kundera Milan