Fantascienza

GLI ULTIMI GIORNI DI KRYPTON

Anderson Kevin J.

Descrizione: Tutti sanno come Kal-El - Superman - venne mandato sulla Terra appena prima che il suo pianeta esplodesse. Ma cosa causò un disastro di quella portata? Ora, ne "Gli ultimi giorni di Krypton", Kevin J. Anderson presenta un ampio racconto del fasto e della grandezza di un mondo condannato ricco di impavidi eroi e crudeli traditori. Sullo sfondo spettacolare degli ultimi giorni felici di Krypton avviene il corteggiamento e il matrimonio dei genitori di Kal-El, il brillante scienziato Jor-El e sua moglie, una storica, Lara. Insieme combattono per convincere una società stagnante e incredula che il loro mondo sta per scomparire. Il fratello di Jor-El, Zor-El, capo della leggendaria città di Argo, si unisce alla lotta, non solo per salvare il pianeta, ma anche per combattere contro la minaccia dello spietato e astuto Generale Zod. Il diabolico Zod si avvale di un'opportunità d'oro per impossessarsi del potere quando l'androide Brainiac cattura la capitale Kandor. Nel momento stesso in cui l'influenza di Zod sulla popolazione si rafforza e il suo potere cresce, anche lui diventa cieco a tutti i segnali che indicano la morte di quella stessa civiltà che sta cercando di governare. Attraverso tutto questo, l'amore reciproco di Jor-El e Lara, la loro storia e il loro figlio permettono a Krypton di continuare a vivere anche se il pianeta si sta consumando intorno a loro. Per questo, nella fuga del loro bambino giace il più grande dono di Kripton e il più grande eroe della Terra.

Categoria: Fantascienza

Editore: Zero91

Collana:

Anno: 2010

ISBN: 9788895381152

Recensito da Sara Barbieri

Le Vostre recensioni

Il genere science fiction ha iniziato a raccogliere appassionati nel 1930 e due di questi fan erano Jerry Siegel e Joe Shuster, scrittore il primo, artista il secondo. La loro singolare passione ha prodotto un contributo decisivo […], Superman, lo strano visitatore proveniente da un altro pianeta arrivato sulla terra con poteri e capacità molto al di là di… Non c’è bisogno di continuare, conoscete già il seguito. Tutti conoscono il seguito. […] A Kevin è stato affidato un compito scoraggiante come tutte le gesta di Superman. Ha dovuto mettere assieme la storia di un pianeta che negli ultimi sessantotto anni ha avuto un numero infinito di vicende conflittuali create appositamente per esso.

La prefazione di Mary Wolfman (scrittrice e creatrice di Blade the Vampire Hunter) al romanzo Gli ultimi giorni di Krypton delinea perfettamente le difficoltà a cui l’autore Kevin J. Anderson è andato incontro: narrare l’antefatto di una storia universalmente conosciuta, le origini di un personaggio che ha prodotto innumerevoli opere (fumetti, serie televisive, film). Tutti, infatti, conoscono la storia di Kal-El (nome kryptoniano di Superman) e di come fu inviato sulla terra a bordo di una navicella spaziale poco prima che il suo pianeta esplodesse.

Anderson (noto scrittore di fantascienza, autore del prequel di Dune, di numerosi romanzi di Star Wars e della Saga dei sette soli) ci racconta quello che è successo prima: l’incontro tra Jor-El e Lara, genitori del supereroe, e il loro matrimonio; le preoccupazioni di Jor-El e del fratello Zor-El riguardo all’instabilità del nucleo di Krypton, con il rischio che esso esploda; il loro tentativo di cambiare una società ormai stagnante e contraria ad ogni evoluzione, incredula di fronte ai segni inequivocabili che il loro mondo stia per scomparire.

L’autore crea una storia epica che raggruppa tutti i racconti precedenti, trovando una propria individualità soprattutto nella descrizione di Zod, futuro nemico numero uno di Superman. La figura del villain è abilmente tratteggiata nella sua ansia di cambiamento e di potere:

Zod si rendeva conto che […] la vera natura della vita kryptoniana era crescere, aspirare a quanto di meglio; ma una società rigidamente pacifista aveva eliminato tutte le uscite di sicurezza per la crescita della mente e delle emozioni. Una civiltà non poteva sopravvivere in pace se la pace durava troppo a lungo. […] Zod capì chiaramente che bisognava agire in modo drastico… Ma non poteva permettere a nessuno di capire quanto fosse disposto ad andare lontano.”

Dotato di una prosa estremamente scorrevole, il romanzo di Anderson ha forse il difetto di dilungarsi troppo su dettagli tecnici (inerenti soprattutto alle invenzioni di Jor-El) poco coinvolgenti e di essere un po’ lento nella prima parte; ma, procedendo, la vicenda avvince il lettore, soprattutto nella descrizione della rivalità tra Zod e Jor-El e della storia d’amore tra quest’ultimo e Lara.

Insomma, un’opera senza dubbio appassionata e ispirata che, usando le parole della Wolfman, “ha qualcosa da dire a ogni fan di Superman, indipendentemente da quale periodo ami, con quale Krypton sia cresciuto o quale Superman abbia idolatrato.”

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

J.

Kevin

Anderson

Libri dallo stesso autore

Intervista a Anderson Kevin J.

Cinque domande a Zoizi

Il creatore di ‘Barbatoze’ parla dello stato attuale delle Graphic Novel in Egitto e i possibili sviluppi futuri

Alcune storie per bambini, tra cui ve ne sono anche di inedite, di Elsa Morante raccolte da Giuseppe Pontremoli e illustrate dalla stessa autrice.

Le bellissime avventure di Caterí dalla trecciolina e altre storie

Morante Elsa

Nella luce di un giugno radioso e sfacciato, Viola sente crescere il vuoto delle sue giornate. Ha quarantatré anni, e per metà della vita è stata moglie devota di un acclamato direttore d’orchestra e madre di una figlia avuta da giovanissima. Nient’altro, nessuna concessione a se stessa, nessun inciampo, nemmeno ora che, con la morte improvvisa del marito e una figlia ormai adulta, le sue giornate sono scandite dalla solitudine. Il pomeriggio del solstizio d’estate, durante un concerto in memoria del marito, Viola conosce un uomo e qualcosa accade dentro di lei: una breccia nel muro, un’infiltrazione d’acqua nelle crepe, un punto di sutura che si dissolve. Mentre nel chiostro assolato risuonano le note di Bach, un’impacciata Viola in abito da cocktail, il filo di perle al collo e i capelli raccolti, lascia il concerto e fugge in macchina con lui. La tentazione è quella di abbandonarsi, di lasciarsi portare dalla corrente, ma l’autocontrollo è la disciplina in cui Viola eccelle e quello che sta succedendo non è solo sconveniente: è assurdo. Eppure è tardi per tornare indietro, perché il viaggio è iniziato, e con quell’uomo lei sta andando esattamente dove desiderava da tempo: lontano. Lontano da tutto per avvicinarsi alla sua verità, semplice e scandalosa.

IL TEMPO TAGLIATO

Longo Silvia